Google
Sul Web Su dicearco.it
Gianni Micali
Gianni Micali è nato a Parma il 19/06/1956 ma vive a Messina dal 1970.
Al momento è dipendente pubblico









Contatti:
L'artista non ha fornito alcun tipo di contatto.

Chistu è u mei paisiMessina
Quantu ni patisti, pestilenzi, catastrofi, bummi e all’ultimu da siri avisti ha supputtare lu fangu di li cuntrade, eppure si ancora cà.

Comu du vecchiareddu ca facci signata du tempo, sittatu nta nà cantunera ca cicara in manu e mentre spetta u primu suli di primavera,  murmuriannu sutta vuce dici “chi su sti modernità non sucutare u ventu goditi la vita mumentu pi mumentu prima che finisca il tuo tempo”.

Chistu è u me paisi, puru u silenzio si fa sentere, che paci!

A matina mi ruspigghiu cu lu cantu dell’aceddi, l’aria fa ciauru di zagara e gelsomino che lu spirito fa ricriare.

A ascutu il vociare delli cummari, i picciriddi fannu trafucu pi giucare, a vecchiaredda imbivira li rusari, vidu turiddu chi taglia la ligna per il prossimo Natale, Carmelo ca cofana in mano che và a travagghiare, Nicola chi potta li pecuri a pascolare.

Sentu u prufumu du manciare che ti ricorda che l’ura chi ta ritirare e così aspetti la sira per ricominciare

Messina

Pe tia Messina, città nobile e sputtunata, fighia di lu mare scunsulata per i to fighi ingrati e maldicenti, che Tu criscisti con amuri e riverenzi.
Cianci Messina, anima persa, che dallu petto toi fighiasti serpi.
Cianci Messina, ta  lu scuru della notte triste e desolata, pe li sacrifici che facisti, Tu che per nui patisti fame e pestilenzi fino ad oggi a tia non tinni veni nenti.
Risorgi Messina, chiama li genti da li cuntradi, nesci la spada e cumincia ha cimiddiari contru lu mali indegno che ti mangiò lu core senza ritegno.
Pe tia dedico stu canto di dolore, picchi la storia Tua non sa scurdare.  

Amore

Signuri, come mi sentu sulu stasira, con la malinconia nel cuore, cammino per la strada buia e fridda della notte, solo la luna mi fa compagnia e incafuddato intra u me cappotto, penso all’amuri.
Io, non sacciu u significatu di sta parola, tutti ne parrano, ognuno dice la soi.
Io che dico? Forse è un battito di ciglia, è passione che ti scorre nelle vene che in un momento ti  fa passare tutte le pene.
Amuri, come focu dell’anima che non ti fa pigghiare sonnu la notte, tormento dolce e soave che ti fa scurdare u tempo di campare.
Amuri, pazzia dell’anima, capace di spostare mare e munti senza pensare.
Non sacciu cosa voli dire amuri.
Penso a me nonno, chiamato “Canta la Notte”, che per campare cantava l’amuri per le “belle” dei cumpari.
Sento intronare intra i me ricchi la vuci di me Zia che dicia che l’amuri e brodo i ciceri.
Mentre mi fazzu sti discursi, mi trovu ta na vota i facci a porta di casa mia, e sento d’intra di mia, la voce di me Patri che dicia “Giovanni non t’inncaricare, l’amuri è sulu nu momento, non ci stare più a pensare. 

Amica Mia

Stu scrittu lo dedico a tia Amica mia, beddicchia e sbarazzina, si come l’ariddu che balla alla luce du primu suli.
Quando ti vidu pe li scali mi sentu ricreare, i tuoi occhi culumbrini,  il tuo sorriso caldo e gioioso alla vita mi fanno rinfrancare.
A to presensa mi dugna a forza i continuare pa me strada, china di tormenti e falsità, pe mia Tu sei nutrimento per la mia Anima.
Amica mia, pe tia prego ogni mattina  lu Signuri che ti dia amuri e valentizia per non farti mai canciare.

Nostalgia

Come mi sentu stanco stamatina, sta caminata mi fici veneri l’affanno, l’anni passano, oramai la me vita sta finennu e cu l’ansia nel petto l’Angelo della Morte aspetto.
Meno male, non cia facìa chiu, ora minzavano supra sta panchina.
Mentre mi stinnicchio, chiudo gli occhi per un momento e vado arredi nel tempo, quando ero picciriddu chi causi cutti.
Rivido li genti che mi vuliuno bene, me Nonna che i facci u fuculari mi cantava  li stornellate d’amuri per farmi addurmentari.
Vidu Donna Nedda che sona lu tamburo a Carnevale, donna dautri tempi.
Vidu Don Pippo u gelataro, quanto graniti mi fici manciare.
Vidu  Zu Peppe u lattaro, che ogni matina munci le pecuri per le strade.
Vidu Donna Maria che con le cummari facia i pituni per Natale, poi Don Cicciu can ciuria “Iaddu Pavato”, picchi nta la piazza banniava li biglietti pe amazzare lu iaddu u iorno  dell’Assunta.
Sti ricordi, li porto intra di mia e nuddu li pò rubbare.
Che dire,  du ciauro di gardenia e gelsomini, che cummigghiava l’aria di cuntradi.
Quanto mi manca u profumo nte li strade di pasta e faciola e piscistocco a ghiotta, mumento chiddu che tutte i famigghi erano sittati in grazia di Dio.
Sento a vuci di me Matri chi mi chiama “Giovanni arricoghiti  a pasta è nto piatto”.
Tempi antichi  diciti vui, io dicu bei tempi.
Senza denari, ma tanta ricchezza di fratellanza fra di nui, ognuno campava pe l’autru.
Ora chi ni resta, nenti, ni manciamo uno cu l’autro, troppi soddi ci sunno che ti fannu scurdare a voglia di campare.
Signuri, nà grazia ti cecco, prima di lassare sta terra pe sempre, vurria sentire ancora nà vota li vuci  u ciauro da me vita passata.
Fammi cuntento, non ti ciccai mai nenti, fammi sta valentizza e te né sarò per sempre grato.