Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il Tempo
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni
Condividi                       

di Franco Bechis

Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della seconda Repubblica. A poche ore dal voto la maggioranza rosso gialla in piena notte ha voluto distribuire per decreto legge 3 miliardi di euro del cuneo fiscale, anche se materialmente nessuno potrà ricevere nulla prima del mese di luglio, come era già stabilito dalla legge di bilancio 2020.

Naturalmente un decreto legge in una notte di gennaio con l’urgenza di dare una mancia da luglio in poi è già scandaloso in sé, perché la distanza stessa di quei tempi dice che di urgenza non ce ne era proprio alcuna, se non quella di cercare alla disperata di recuperare qualche manciata di voti grattando la pancia a emiliani e romagnoli ritenuti evidentemente pesci che abboccherebbero a qualsiasi amo loro gettato.

La riduzione del cuneo fiscale era ampiamente annunciata, perché è la sola cosa non negativa inserita nella legge di bilancio dal governo rossogiallo, e richiedeva di essere dettagliata per dare modo di applicarla alle buste paga degli italiani con un pizzico di anticipo. Si pensava a un provvedimento di legge dopo Pasqua, se proprio ci fosse stata la frenesia di adottarlo, magari anche alla vigilia di quella festività, nel mese di marzo., Ma non c’era alcuna necessità di approvarlo a gennaio, tanto meno nell’ultima notte disponibile prima delle elezioni regionali.

Nessuno aveva mai osato tanta spregiudicatezza in campagna elettorale, e il caso più simile a questo fu criticatissimo sicuramente dal partito di maggioranza oggi al governo: il M5s. Il precedente fu infatti quello di Matteo Renzi con i suoi 80 euro distribuiti a 10 milioni di italiani proprio alla vigilia delle elezioni, che in quel caso erano europee. Ma non accadde la notte prima della chiusura della campagna elettorale: quel decreto fu portato in consiglio dei ministri e lì approvato il 21 aprile del 2014 quando mancava più di un mese al voto europeo. Non era l’ultima notte possibile prima del voto.

La scelta fatta da Conte e dai suoi ministri ricorda invece più da vicino le campagne elettorali di ’O Comandante, e cioè Achille Lauro, che a Napoli donava agli elettori un paio di scarpe. Prima del voto distribuiva però solo la sinistra. Se eletto arrivava loro quella destra. È più o meno quel che è accaduto a palazzo Chigi nella notte fra giovedì e venerdì alla vigilia del silenzio elettorale. Con un po’ di stile se proprio tutti avessero avuto la fregola di approvare il decreto sul cuneo fiscale, si sarebbe potuto portare in consiglio dei ministri la prossima settimana, fosse anche per recuperare un po’ di popolarità che le urne malauguratamente avessero segnalato smarrita.

Ma come diceva Totò, signori si nasce e modestamente a palazzo Chigi e dintorni nessuno nacque così. Infatti non è bastato il cuneo alla nostra allegra compagnia di governo. Perché il consiglio dei ministri al termine ha approvato anche stanziamenti urgenti per questioni di protezione civile. Il primo di 25,4 milioni di euro. Toh, che caso: «per la realizzazione degli interventi nei territori della Regione Emilia Romagna». Urgentissimi - questo non si può discutere - perché riguardavano gli «eccezionali eventi metereologici che si sono verificati nel mese di maggio 2019», quasi un anno fa. Il secondo stanziamento è stato di proporzioni assai più ridotte: 3 milioni di euro. Vuoi la coincidenza? «Per la realizzazione di interventi nei territori delle province di Bologna, Modena e di Reggio Emilia». Anche qui ovviamente per sanare i danni di eventi atmosferici avversi. Soldi urgentissimi perché gli eventi erano quelli del 22 giugno 2019.

Un consiglio dei ministri così indecente proprio non si ricorda nella storia repubblicana. Ma fa ben capire il terrore che regna a palazzo Chigi e nelle fila della maggioranza di governo per l'esito del voto di domenica. Ma non erano solo banali regionali in Emilia Romagna e Calabria che mai e poi mai avrebbero sfiorato l’esecutivo? Ho l’impressione di no.
26 Gennaio 2020



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Trippa alla fiorentina
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra