Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni
Condividi                       

Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura.

Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a mollare i "barbari" leghisti e ad andare avanti sondando maggioranze e alleanze alternative a quelle portate avanti fin qui insieme al Carroccio. E lo sta attuando Roberto Fico che non ha alcuna intenzione di affrettare i tempi della sfiducia a Giuseppe Conte e favorire così la corsa del leader leghista alle urne.
Le trame dei grillini

Per Salvini l'importante è che il Paese vada a votare al più presto. "Poi - ha detto ai microfoni del Tg 3 - se le gestisce qualcun altro sono anche più contento... così ho più tempo". Sul proprio calendario ha segnato il 13 ottobre. Ma deve fare i conti con un parlamento zeppo di politici che non vogliono affatto perdere lo scranno. I primi sono i grillini. In queste ore Luigi Di Maio ha sondato le disponibilità a sostenere un governo "traghettatore" che abbia tra gli obiettivi cardine il taglio dei parlamentari. "Che sia la Lega, il Pd, Forza Italia o chiunque altro ad appoggiarla non ci importa - ha scritto oggi su Facebook - ci importa che si faccia. E che si faccia prima delle dichiarazioni di Conte alle Camere". Ovviamente l'appello è inditrizzato al Partito democratico che ha i numeri per il ribaltone.

Nei corridoi del potere già se ne parla. "Anticipare il ddl Fraccaro - riferiscono all'agenzia LaPresse fonti vicine a Di Maio - non escluderebbe le dimissioni di Giuseppe Conte che potrebbe anche salire al Quirinale e dimettersi, senza essere sfiduciato, dando al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la possibilità di contare sul nuovo asse M5S e Pd per un eventuale governo traghettatore o di 'garanzia elettorale' fino al prossimo anno". In cambio del taglio dei parlamentari, secondo un retroscena di Repubblica, i grillini sarebbero disposti a dare ai dem la riforma della legge elettorale in chiave proporzionale. Insomma, l'idea è di formare una maggioranza dal "percorso costituzionale" che non dispiaccia al capo dello Stato.
I movimenti nel Pd

Fantascienza? Difficile a dirsi. In chiaro dal Pd fioccano solo rifiuti. "Non esistono le condizioni politiche - ha sentenziato Nicola Zingaretti - per un altro governo, almeno con il Pd". Ma, con buona pace del segretario del Pd, i renziani si starebbero già muovendo nonostante Matteo Renzi abbia invitato a non prendere seriamente certi rumor di Palazzo. In giro dicono anche che l'obiettivo potrebbe essere quello di mettere in piedi un governo di scopo che sventi l'aumento dell'Iva e traghetti il Paese alle urne nel 2020.

In realtà, secondo i ben informati, questa "manovra" aiuterebbe l'ex premier a prendere tempo e a preparare il nuovo partito e la scissione annunciata già da mesi. E non importa che Paola De Micheli abbia ricordato loro il documento approvato nell'ultima direzione che esclude in modo perentorio qualsiasi collaborazione con i penstastellati. Qualcuno è, infatti, già uscito allo scoperto e non è detto che già nelle prossime ore non ci sia qualcun altro a farsi avanti.
Il partito del non voto

Nonostante il timore di un "inciucio" tra Movimento 5 Stelle e Partito democratico, Salvini continua a tirare dritto per la sua strada. Vorrebbe votare la sfiducia a Conte già prima di Ferragosto. Anche qui, però, i suoi piani si infrangono contro il muro dei Cinque Stelle. Su Facebook il presidente della Camera Roberto Fico gli ha ricordato che sono i presidenti di Camera e Senato a convocare le Camere ("Nessun altro"), che "la programmazione dei lavori dell'aula si stabilisce all'interno di una riunione chiamata conferenza dei capigruppo e in nessun altro luogo" e che "il presidente della Repubblica è il solo che può sciogliere le Camere e convocare le elezioni anticipate, nessun altro".

Tutti, poi, guardano a Conte che continua a starsene in disparte. Un gioco che, a detta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, prelude a "una rottura traumatica". "Una separazione consensuale era la cosa più ragionevole - ha spiegato al Tg2 - ma Conte non si vuole dimettere e preferisce andare a una conta in Aula...". Già in quell'occasione si capirà chi vuole andare a elezioni e chi, invece, cerca un nuovo accordo. E il partito del non voto, quando Mattarella farà le consultazioni, potrebbe essere più nutrito di quanto non si osi pensare oggi.
11 Agosto 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Crostata 'i fraguli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra