Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.
Condividi                       

di Mario Furlan

Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora più perniciosa. Che è sempre esistita. Ma che oggi, nell’era di Internet e dei social, dove l’apparire è così importante, è più diffusa che mai. E che colpisce non una persona su quattro, bensì tre su quattro. E’ l’egocentrismo. Il pensare che il mondo giri intorno a noi. E che, per il semplice fatto che esistiamo, tutto ci sia dovuto.

“Sei sempre il migliore!”; “Qualunque cosa tu faccia, va bene”; “Nessuno è bravo come te”; sono frasi che a volte i genitori dicono ai figli per incoraggiarli. Ma possono anche causare gravi danni. Perché il piccolo si convince di essere er mejo. Il numero uno. La persona più importante del pianeta. Di avere superpoteri. Di essere un supereroe. E di essere infallibile. Di essere come il Marchese del Grillo, il personaggio interpretato da Alberto Sordi nell’omonimo film, noto per la sua storica frase: Io sono io, voi non siete un cazzo.

Un tipico esempio di persona gravemente malata di egocentrismo acuto è Donald Trump. Non sto affatto parlando della sua politica, bada bene; ma del suo carattere. E del suo comportamento. E’ palese che Trump sia affetto da narcisismo acuto: come definire altrimenti uno che afferma di meritare dieci un tutto ciò che fa, e che rifiuta pervicacemente di ammettere i suoi umani e inevitabili errori? Hai mai sentito Trump dire, una sola volta, Ho sbagliato? No! Evidentemente si ritiene infallibile. E questo è un grave sbaglio.
Trump è in ottima compagnia. Sono moltissimi i potenti che si ritengono semidei: sfido, con tutti pronti a baciare loro la pantofola, a blandirli e a osannarli in cambio di qualche favore!
Suo padre, il facoltoso investitore immobiliare Fred Trump, gli ripeteva da bambino “Tu sei il migliore! Nessuno è alla tua altezza! Nella vita potrai fare tutto quello che vuoi!” Incoraggiamenti apparentemente positivi, che però hanno reso ipertrofico l’ego di Donald.

E ben prima che entrasse in politica. Come si ricava, ad esempio, dai suoi libri. Oltre al famoso “The art of the deal”, ha scritto un’altra decina di libri (in realtà li ha fatti scrivere da ghostwriter). Non a caso uno dei suoi best-seller è Think big and kick ass: pensa in grande e prendi gli altri a calci in culo. Perché l’importante è raggiungere i tuoi grandi obiettivi. Se per conseguirli serve tirare calci e pugni, e lasciare sul terreno morti e feriti, chi se ne frega?

Mi capita di parlare con genitori che giustificano i loro figli per i loro insuccessi scolastici e se la prendono con l’insegnante; o che danno la colpa all’arbitro se il pargolo perde la partita di tennis. Ecco, mi viene da pensare: questo padre, questa madre, volenti o nolenti, stanno tirando su un piccolo Trump. Stanno insegnando al loro bambino che non è mai colpa loro, e sempre colpa degli altri. Di questo passo, tra qualche anno ci troveremo davanti un giovane presuntuoso, arrogante, con deliri di onnipotenza. Potrà fare carriera, certo. Potrà avere successo, sicuramente. Ma resterà un eterno adolescente, un immaturo a vita. Perché la persona matura è quella che non se la prende con gli altri. Ma ha il coraggio di fare autocritica.

Quando vedo chi parcheggia l’auto nel posto riservato ai disabili; o chi non si alza sull’autobus per lasciar sedere un anziano; o chi getta un fazzoletto a terra, aspettando che siano altri a tirarlo su, mi viene da pensare che siano persone affette dal male del secolo. Persone per le quali gli altri, con i loro bisogni, sono del tutto invisibili.

Come guarire dall’egocentrismo, ammesso che ci sia la voglia di guarire?
Ecco due semplici consigli:
1) Tieni i piedi per terra.
Non esaltarti. Ma rimani umile. Oggi sei in cima al monte? Domani potresti ritrovarti in fondo alla valle. Dalle stelle alle stalle: non è difficile, la ruota gira. E cerca di vedere tutto in prospettiva: anche se oggi sei un divo nella tua azienda, o nella tua città, probabilmente non sei nessuno a distanza di pochi chilometri. E sicuramente non sarai più nessuno pochi anni dopo la tua morte.
Non è il caso di Trump, stai pensando. Lui è l’uomo più potente del mondo, e verrà ricordato nei secoli a venire. Certo. Ma almeno Donald, con tutta la sua prosopopea, ha qualche buon motivo per tirarsela. Molti altri, invece, si danno tante arie per nulla;

2) Mettiti nei panni degli altri.
Lo so, è difficile. Ma è utile, per vedere il mondo da un’altra prospettiva. Se ce la fai, ampli la tua visuale. Apri la mente. Allarghi la tua zona di confort. E diventi un essere umano più consapevole. Quindi migliore.
5 Agosto 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra