Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Giustizia, Salvini: “Non siamo al governo per fare le cose a metà”.
Condividi                       

Dopo il tormentato cdm fiume sulla riforma della giustizia conclusosi dopo mezzanotte, le tensioni nel governo non sembrano attenuarsi. Dal Carroccio si continua a criticare la bozza presentata dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede: “La Lega non vota una non riforma, vuota e inutile”, dicono, con Matteo Salvini che da Milano Marittima rincara la dose: “Non siamo al governo per fare le cose a metà”. La controparte pentastellata, invece, accusa i partner di governo di essere il vero partito del ‘no’. E qualcuno, come lo stesso Bonafede o il senatore Gianluigi Paragone, insinua che dietro all’ostruzionismo dei leghisti si nasconda la volontà non tanto di ostacolare la riforma del processo penale, bensì bloccare quella della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio 2020.

Le due riforme, infatti, sono strettamente legate: la Lega si era opposta, a settembre 2018, alla prescrizione bloccata dopo il primo grado di giudizio, ma nel braccio di ferro ingaggiato con il Movimento 5 Stelle aveva ceduto dando il proprio assenso, legando però l’entrata in vigore all’approvazione della riforma penale. Bloccando quest’ultima, quindi, naufragherebbe anche l’altra. “Quando arrivano ‘no’ a prescindere e si pescano argomenti qua e là che nulla hanno a che fare con la riduzione dei tempi dei processi, mi viene il dubbio che l’obiettivo sia far saltare la riforma della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio – ha dichiarato durante una diretta Facebook il ministro Bonafede – Mi auguro che non sia questo perché è inaccettabile fare giochini sulla carne viva dei diritti delle persone. Ho scritto la Spazzacorrotti, non permetterò a nessuno di fare giochini per far saltare la legge sulla prescrizione”.

Gli fa eco anche Paragone, che poco dopo, sempre su Facebook, propone la stessa interpretazione: “Fa sorridere che proprio chi ama descrivere il Movimento 5 Stelle come il movimento dei ‘no’, opponga poi un ‘no’ grande come una casa a un provvedimento così importante come la riforma della giustizia. Soprattutto una riforma che i cittadini e le imprese attendono da anni, perché riduce i tempi del processo e restituisce certezze a chi si rivolge ai giudici per ottenere giustizia. Se qualcuno pensa di bloccare tutto in maniera pretestuosa, magari pensando che così può saltare la legge sulla prescrizione, si sbaglia. Il Movimento 5 Stelle è aperto alle proposte serie, ma non è disponibile a compromessi al ribasso“.

Qualunque sia il fine ultimo, la Lega ha comunque ribadito di essere “al lavoro per una reale riduzione dei tempi della giustizia, per un manager nei tribunali affinché diventino realmente efficienti, perché ci sia certezza della pena: colpevoli in galera e innocenti liberi. Sanzioni certe per magistrati che sbagliano o allungano i tempi, no a sconti di pena per i criminali e un impegno per la separazione delle carriere e anche del Csm per garantire giustizia efficiente, equa e imparziale.

I cittadini non possono essere ostaggi di processi infiniti”. E anche per questo Salvini, durante una conferenza stampa dal Papeete Beach di Milano Marittima, lascia poco spazio alla possibilità di un via libera senza cambiamenti sostanziali del testo in materia di riforma del processo penale: “O una riforma della giustizia è importante, vera, pesante, significativa, che dimezza davvero i tempi del processo penale, o non siamo al mondo e al governo per fare le cose a metà“.

Su Facebook il Guardasigilli aveva già voluto fare chiarezza su ciò che è avvenuto nella notte di mercoledì: “Al di là delle ricostruzioni su cosa è successo, la verità la dico io che c’ero. Ieri il Consiglio dei ministri aveva ad oggetto la riforma della giustizia, divisa in tre parti: la riduzione del processo civile, la riduzione del processo penale e quella sul Consiglio superiore della magistratura.

La buona notizia è che il Cdm ha deciso di approvare la parte sulla riforma del processo civile e sul Csm”. Bonafede che ieri aveva incassato con fairplay l’attacco di Matteo Salvini che aveva definito la riforma “acqua” ricorda che “la separazione delle carriere dei magistrati e la riforma delle intercettazioni sono i due punti forti della politica sulla giustizia di Silvio Berlusconi. Non stanno governando con Silvio Berlusconi. Se lo mettessero in testa”.

Bonafede però sembra non voler chiudere con l’alleato di governo: “Io sono disponibilissimo ad esaminare altre proposte che possono migliorare la riforma, ma ieri in cdm non sono arrivate e lì si vede se si vuole far saltare la riforma solo per farla saltare. La separazione delle carriere e le intercettazioni non hanno nulla a che fare con la riduzione dei tempi del processo. Quella sulla separazione delle carriere – sottolinea Bonafede – è una riforma costituzionale, a parte che noi non siamo d’accordo, ma è chiaro che ha altri tempi. Poi la Lega chiede di raddoppiare il Csm: mi sembra una proposta folle che non ha nulla a che fare con la riduzione dei tempi dei processi“.
1 Agosto 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Bagna Cauda
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra