Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Giustizia, Salvini: “Non siamo al governo per fare le cose a metà”.
Condividi                       

Dopo il tormentato cdm fiume sulla riforma della giustizia conclusosi dopo mezzanotte, le tensioni nel governo non sembrano attenuarsi. Dal Carroccio si continua a criticare la bozza presentata dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede: “La Lega non vota una non riforma, vuota e inutile”, dicono, con Matteo Salvini che da Milano Marittima rincara la dose: “Non siamo al governo per fare le cose a metà”. La controparte pentastellata, invece, accusa i partner di governo di essere il vero partito del ‘no’. E qualcuno, come lo stesso Bonafede o il senatore Gianluigi Paragone, insinua che dietro all’ostruzionismo dei leghisti si nasconda la volontà non tanto di ostacolare la riforma del processo penale, bensì bloccare quella della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio 2020.

Le due riforme, infatti, sono strettamente legate: la Lega si era opposta, a settembre 2018, alla prescrizione bloccata dopo il primo grado di giudizio, ma nel braccio di ferro ingaggiato con il Movimento 5 Stelle aveva ceduto dando il proprio assenso, legando però l’entrata in vigore all’approvazione della riforma penale. Bloccando quest’ultima, quindi, naufragherebbe anche l’altra. “Quando arrivano ‘no’ a prescindere e si pescano argomenti qua e là che nulla hanno a che fare con la riduzione dei tempi dei processi, mi viene il dubbio che l’obiettivo sia far saltare la riforma della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio – ha dichiarato durante una diretta Facebook il ministro Bonafede – Mi auguro che non sia questo perché è inaccettabile fare giochini sulla carne viva dei diritti delle persone. Ho scritto la Spazzacorrotti, non permetterò a nessuno di fare giochini per far saltare la legge sulla prescrizione”.

Gli fa eco anche Paragone, che poco dopo, sempre su Facebook, propone la stessa interpretazione: “Fa sorridere che proprio chi ama descrivere il Movimento 5 Stelle come il movimento dei ‘no’, opponga poi un ‘no’ grande come una casa a un provvedimento così importante come la riforma della giustizia. Soprattutto una riforma che i cittadini e le imprese attendono da anni, perché riduce i tempi del processo e restituisce certezze a chi si rivolge ai giudici per ottenere giustizia. Se qualcuno pensa di bloccare tutto in maniera pretestuosa, magari pensando che così può saltare la legge sulla prescrizione, si sbaglia. Il Movimento 5 Stelle è aperto alle proposte serie, ma non è disponibile a compromessi al ribasso“.

Qualunque sia il fine ultimo, la Lega ha comunque ribadito di essere “al lavoro per una reale riduzione dei tempi della giustizia, per un manager nei tribunali affinché diventino realmente efficienti, perché ci sia certezza della pena: colpevoli in galera e innocenti liberi. Sanzioni certe per magistrati che sbagliano o allungano i tempi, no a sconti di pena per i criminali e un impegno per la separazione delle carriere e anche del Csm per garantire giustizia efficiente, equa e imparziale.

I cittadini non possono essere ostaggi di processi infiniti”. E anche per questo Salvini, durante una conferenza stampa dal Papeete Beach di Milano Marittima, lascia poco spazio alla possibilità di un via libera senza cambiamenti sostanziali del testo in materia di riforma del processo penale: “O una riforma della giustizia è importante, vera, pesante, significativa, che dimezza davvero i tempi del processo penale, o non siamo al mondo e al governo per fare le cose a metà“.

Su Facebook il Guardasigilli aveva già voluto fare chiarezza su ciò che è avvenuto nella notte di mercoledì: “Al di là delle ricostruzioni su cosa è successo, la verità la dico io che c’ero. Ieri il Consiglio dei ministri aveva ad oggetto la riforma della giustizia, divisa in tre parti: la riduzione del processo civile, la riduzione del processo penale e quella sul Consiglio superiore della magistratura.

La buona notizia è che il Cdm ha deciso di approvare la parte sulla riforma del processo civile e sul Csm”. Bonafede che ieri aveva incassato con fairplay l’attacco di Matteo Salvini che aveva definito la riforma “acqua” ricorda che “la separazione delle carriere dei magistrati e la riforma delle intercettazioni sono i due punti forti della politica sulla giustizia di Silvio Berlusconi. Non stanno governando con Silvio Berlusconi. Se lo mettessero in testa”.

Bonafede però sembra non voler chiudere con l’alleato di governo: “Io sono disponibilissimo ad esaminare altre proposte che possono migliorare la riforma, ma ieri in cdm non sono arrivate e lì si vede se si vuole far saltare la riforma solo per farla saltare. La separazione delle carriere e le intercettazioni non hanno nulla a che fare con la riduzione dei tempi del processo. Quella sulla separazione delle carriere – sottolinea Bonafede – è una riforma costituzionale, a parte che noi non siamo d’accordo, ma è chiaro che ha altri tempi. Poi la Lega chiede di raddoppiare il Csm: mi sembra una proposta folle che non ha nulla a che fare con la riduzione dei tempi dei processi“.
1 Agosto 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Trippa e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra