Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Forza Italia implode, Toti lascia: “Ognuno per conto suo, buona fortuna”.
Condividi                       

L’estremo tentativo di Silvio Berlusconi di rilanciare Forza Italia, proponendo anche la creazione dell’Altra Italia, una federazione di centro alternativa alla sinistra e che vorrebbe creare una nuova unione all’interno del centrodestra, ha portato alla rottura con i big del partito. Giovanni Toti ha annunciato, dopo l’ultimatum di mercoledì, che la sua avventura tra i forzisti è finita: “Mi pare che ci siano le condizioni per cui ognuno vada per conto suo, è Forza Italia che esce da se stessa. Buona fortuna a tutti“.

L’altra coordinatrice voluta dal fondatore, Mara Carfagna, è contrariata per il cambio delle regole al tavolo di oggi (giovedì): “Apprendo dalla stampa di un superamento delle decisioni assunte dal Presidente Berlusconi il 19 giugno innanzi ai gruppi parlamentari di Forza Italia e dell’insediamento di un coordinamento di presidenza – ha detto la vicepresidente della Camera – Coordinamento del quale nessuno mi ha chiesto di far parte e di cui non intendo far parte. È una scelta in direzione esattamente contraria alle intenzioni che mi ha manifestato Berlusconi. Credo che questo sia il modo migliore per uccidere Forza Italia e io non farò parte del comitato di liquidazione”.

Il comitato di cui parla Carfagna è quello annunciato dallo stesso Berlusconi in una nota circolata intorno alle 16 con la quale presentava il nuovo coordinamento nazionale formato da cinque membri. Giovanni Toti era già stato escluso: “Il presidente Silvio Berlusconi, preso atto che il Tavolo delle regole per il nuovo Statuto di Forza Italia ha terminato i suoi lavori e alla luce del suo esito, ha deciso la nomina di un Coordinamento di presidenza – si legge nel documento – A superamento degli incarichi conferiti in data 19 giugno, il Coordinamento sarà costituito dalla senatrice Annamaria Bernini, dalla vicepresidente della Camera dei deputati onorevole Mara Carfagna, dagli onorevoli Mariastella Gelmini, Sestino Giacomoni e dal vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani“.

Apriti cielo. Carfagna, che con l’imminente addio di Toti pregustava il ruolo di coordinatore unico del partito, si è ritirata. Il governatore ligure, come aveva già deciso, ha invece salutato i colleghi e abbandonato la formazione: “Non si ha intenzione di cambiare alcunché – ha detto il presidente della Regione Liguria – Questa avventura iniziata il 19 giugno finisce qui. La tragedia sta diventando farsa“.

Sulla stessa linea di Carfagna anche il senatore Paolo Romani, fedelissimo di Berlusconi: “L’esito della nuova rivoluzione avviata dal Presidente Berlusconi il 19 giugno, dando l’incarico a due coordinatori, Mara Carfagna e Giovanni Toti, di riscrivere le regole interne per rilanciare Forza Italia, sembra quanto mai poco chiaro – ha detto a margine della riunione – Il tavolo delle regole che doveva condividere le proposte dei coordinatori sembra aver prodotto la soppressione dei coordinatori stessi e soprattutto del percorso di rinnovamento e di ristrutturazione.

Al loro posto un Coordinamento di Presidenza che nasce già monco e dalle competenze quanto meno confuse e che, privo di ogni forza innovativa, sembra avere l’unico scopo di organizzare una consultazione tutta interna dove gli unici ruoli contendibili sono puramente organizzativi. Spicca inoltre l’assenza di organismi di elaborazione e confronto sulla linea politica a dimostrazione del fatto che sembra ci si sia dimenticati completamente di quale sia il ruolo fondamentale di un partito politico: la discussione e la rappresentanza delle istanze, delle sensibilità e delle idee. Forza Italia oggi sembra non aver solo abbandonato un percorso nece

ssario quanto entusiasmante di rinnovamento, ma aver abdicato al ruolo primario di movimento politico“.

Già in mattinata, Toti aveva liquidato la proposta lanciata mercoledì da Berlusconi di creare l’Altra Italia: “Questa non è casa mia – aveva detto – Non è il posto dove ritengo si possa cercare di ricostruire un centrodestra moderato nei toni e nei contenuti, attento al mondo produttivo che oggi ha poca attenzione da questo governo, alfiere di quelle grandi opere che restano uno dei principali problemi del Paese“. Poi la stoccata: “Una proposta di futuro non può partire dal passato. Dobbiamo abbracciare il futuro con coraggio, ripartendo dalla democrazia e dal confronto”.

“Noi non siamo equidistanti dal Pd, noi siamo gli avversari del Pd, convintamente avversari. Noi siamo il centrodestra, alleati della Lega e di FdI, e con quei partiti vogliamo tornare al governo di questo Paese e quando ci torneremo dovremo tornarci con facce nuove, idee, energie nuove, una struttura nuova, aperta e democratica – aveva aggiunto – Purtroppo non mi sembra che andiamo in questa direzione, anzi andiamo in direzione contraria. Il tempo è scaduto”.
1 Agosto 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Risottu chi mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra