Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Forza Italia implode, Toti lascia: “Ognuno per conto suo, buona fortuna”.
Condividi                       

L’estremo tentativo di Silvio Berlusconi di rilanciare Forza Italia, proponendo anche la creazione dell’Altra Italia, una federazione di centro alternativa alla sinistra e che vorrebbe creare una nuova unione all’interno del centrodestra, ha portato alla rottura con i big del partito. Giovanni Toti ha annunciato, dopo l’ultimatum di mercoledì, che la sua avventura tra i forzisti è finita: “Mi pare che ci siano le condizioni per cui ognuno vada per conto suo, è Forza Italia che esce da se stessa. Buona fortuna a tutti“.

L’altra coordinatrice voluta dal fondatore, Mara Carfagna, è contrariata per il cambio delle regole al tavolo di oggi (giovedì): “Apprendo dalla stampa di un superamento delle decisioni assunte dal Presidente Berlusconi il 19 giugno innanzi ai gruppi parlamentari di Forza Italia e dell’insediamento di un coordinamento di presidenza – ha detto la vicepresidente della Camera – Coordinamento del quale nessuno mi ha chiesto di far parte e di cui non intendo far parte. È una scelta in direzione esattamente contraria alle intenzioni che mi ha manifestato Berlusconi. Credo che questo sia il modo migliore per uccidere Forza Italia e io non farò parte del comitato di liquidazione”.

Il comitato di cui parla Carfagna è quello annunciato dallo stesso Berlusconi in una nota circolata intorno alle 16 con la quale presentava il nuovo coordinamento nazionale formato da cinque membri. Giovanni Toti era già stato escluso: “Il presidente Silvio Berlusconi, preso atto che il Tavolo delle regole per il nuovo Statuto di Forza Italia ha terminato i suoi lavori e alla luce del suo esito, ha deciso la nomina di un Coordinamento di presidenza – si legge nel documento – A superamento degli incarichi conferiti in data 19 giugno, il Coordinamento sarà costituito dalla senatrice Annamaria Bernini, dalla vicepresidente della Camera dei deputati onorevole Mara Carfagna, dagli onorevoli Mariastella Gelmini, Sestino Giacomoni e dal vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani“.

Apriti cielo. Carfagna, che con l’imminente addio di Toti pregustava il ruolo di coordinatore unico del partito, si è ritirata. Il governatore ligure, come aveva già deciso, ha invece salutato i colleghi e abbandonato la formazione: “Non si ha intenzione di cambiare alcunché – ha detto il presidente della Regione Liguria – Questa avventura iniziata il 19 giugno finisce qui. La tragedia sta diventando farsa“.

Sulla stessa linea di Carfagna anche il senatore Paolo Romani, fedelissimo di Berlusconi: “L’esito della nuova rivoluzione avviata dal Presidente Berlusconi il 19 giugno, dando l’incarico a due coordinatori, Mara Carfagna e Giovanni Toti, di riscrivere le regole interne per rilanciare Forza Italia, sembra quanto mai poco chiaro – ha detto a margine della riunione – Il tavolo delle regole che doveva condividere le proposte dei coordinatori sembra aver prodotto la soppressione dei coordinatori stessi e soprattutto del percorso di rinnovamento e di ristrutturazione.

Al loro posto un Coordinamento di Presidenza che nasce già monco e dalle competenze quanto meno confuse e che, privo di ogni forza innovativa, sembra avere l’unico scopo di organizzare una consultazione tutta interna dove gli unici ruoli contendibili sono puramente organizzativi. Spicca inoltre l’assenza di organismi di elaborazione e confronto sulla linea politica a dimostrazione del fatto che sembra ci si sia dimenticati completamente di quale sia il ruolo fondamentale di un partito politico: la discussione e la rappresentanza delle istanze, delle sensibilità e delle idee. Forza Italia oggi sembra non aver solo abbandonato un percorso nece

ssario quanto entusiasmante di rinnovamento, ma aver abdicato al ruolo primario di movimento politico“.

Già in mattinata, Toti aveva liquidato la proposta lanciata mercoledì da Berlusconi di creare l’Altra Italia: “Questa non è casa mia – aveva detto – Non è il posto dove ritengo si possa cercare di ricostruire un centrodestra moderato nei toni e nei contenuti, attento al mondo produttivo che oggi ha poca attenzione da questo governo, alfiere di quelle grandi opere che restano uno dei principali problemi del Paese“. Poi la stoccata: “Una proposta di futuro non può partire dal passato. Dobbiamo abbracciare il futuro con coraggio, ripartendo dalla democrazia e dal confronto”.

“Noi non siamo equidistanti dal Pd, noi siamo gli avversari del Pd, convintamente avversari. Noi siamo il centrodestra, alleati della Lega e di FdI, e con quei partiti vogliamo tornare al governo di questo Paese e quando ci torneremo dovremo tornarci con facce nuove, idee, energie nuove, una struttura nuova, aperta e democratica – aveva aggiunto – Purtroppo non mi sembra che andiamo in questa direzione, anzi andiamo in direzione contraria. Il tempo è scaduto”.
1 Agosto 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra