Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Huffington post
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"
Condividi                       

Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo”.

A bordo dell’imbarcazione è stato appena notifica dalla Guardia di Finanza il divieto di ingresso, transito e sosta nelle acque territoriali italiane, già firmato ieri dai ministri Salvini, Toninelli e Trenta. Lo stesso firmato anche la nave Alex dell’Ong italiana Mediterranea.

Tutto ha inizio nel cuore della notte tra giovedì e venerdì. Sono passate da poco le due di notte quando Salvini prende il cellulare in mano, chiama e sveglia i ministri dei Trasporti e della Difesa: “Firmiamo subito il divieto di ingresso nelle nostre acque per la Mediterranea”. Ecco fatto. Ci risiamo. Dopo l’odissea della Sea Watch, ci sono altre due imbarcazioni delle Ong cariche di migranti salvati al largo della Libia in mezzo al mare senza un porto dove andare. La prima è il veliero “Alex” di Mediterranea Saving humans con 54 persone a bordo, l’altra è la nave “Alan Kurdi” della Sea-eye con 65 migranti.

Il caso Sea Eye rischia di riproporre l’impasse della Sea Watch, con la Germania disponibile a fare la sua parte nel ricollocare i migranti, purché prima la nave raggiunga un porto sicuro. Cosa che l’Italia non intende concedere e il ministro Salvini scrive al suo omologo tedesco intimandogli di occuparsene loro, piuttosto alla Ong tedesca il titolare del Viminale offre un porto in Libia, rifiutato perché non considerato sicuro.

La vicenda Mediterranea, invece, venerdì trova una soluzione che in breve tempo si rivela fallimentare. Si tratta di uno “scambio” tra Italia e Malta: i 54 migranti salvati dal veliero sarebbero dovuti andare a Malta attraverso una nave militare italiana e da Malta invece l’Italia avrebbe prelevato 55 migranti presenti sull’isola. Il tutto però vincolato a un aspetto fondamentale: il ministro dell’Interno pretende che l’imbarcazione attracchi a Malta e che qui venga processato l’equipaggio. Condizione che la Ong Mediterranea non può accettare: “Impossibile affrontare 15 ore di navigazione”. Salvini si infuria: “Una provocazione assurda, una scorciatoia per dribblare le norme di un altro Paese membro dell’Unione europea”. Le intense negoziazioni finiscono così con un nulla di fatto nonostante giovedì sera ci fossero stati contatti al alti livelli tra Italia e Malta.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, mentre si trova a Villa Madama con il presidente Putin, riceve infatti la telefonata del premier maltese Joseph Muscat che gli comunica la volontà di accogliere i 54 naufraghi soccorsi dalla nave Alex. La telefonata, che avrebbe dovuto portare a una soluzione immediata, in realtà diventa l’inizio di uno stallo che dà l’idea della bolla mediatica che il titolare del Viminale sta costruendo attorno alle politiche sull’immigrazione prevedendo, con ogni probabilità, anche il rifiuto della nave Alex di entrare in porto a Malta con il rischio di essere sequestrata. Ed è così che il vicepremier leghista ha la possibilità di alzare il livello dello scontro con le Ong.

Quindi, riavvolgendo il nastro, per tutto il giorno la Mediterranea resta vicina alle acque italiane e batte bandiera italiana, ma Salvini, come si è detto, ne impedisce l’ingresso nonostante le garanzie maltesi. Di conseguenza l’imbarcazione dovrebbe arrivare necessariamente fino a Malta con i migranti a bordo. “Impossibile”, comunicano dalla Mediterranea: “A causa delle condizioni psicofisiche delle persone a bordo e delle caratteristiche della nave, non siamo in grado di affrontare la traversata verso Malta. Ma siamo disponibili a trasferire i naufraghi su motovedette maltesi o della Guardia Costiera italiana”. Tuttavia per ore all’orizzonte non si vede nessuno. Nel frattempo il sole batte a picco sulla nave Alex, a bordo ci sono bambini e anche una donna incinta al settimo mese. L’equipaggio stende in alto teloni termici per dare un po’ di refrigerio alle persone, ma la situazione per oltre sessanta persone su una barca di neanche venti metri diventa insostenibile.

Passa il tempo e finalmente viene autorizzata l’evacuazione di 13 migranti definiti “vulnerabili” perché in condizioni di difficoltà o minori. In breve tempo vengono trasportati a Lampedusa. Ne restano a bordo 41. Ed ecco una nuova comunicazione dell’equipaggio della nave: “Sono passate tre ore da quando il ministero della Difesa ha annunciato di aver messo a disposizione navi” della Marina Militare “per evacuazione, trasferimento e sbarco a Malta delle 41 persone salvate. Niente pare muoversi. Chi sta intralciando l’operazione?”.

I contatti tra Conte, Salvini e Trenta sono costanti ma il ministro dell’Interno vuole la rassicurazione che, una volta trasferiti i migranti sulle motovedette in direzione Malta, la Mediterranea “accetti di dirigersi verso La Valletta per sottoporsi alle normali e doverose verifiche di legge”. Solo in questo modo l’accordo tra Italia e Malta sarà davvero chiuso. Chiuso con lo scambio di migranti. Ma ancora i migranti sono in mezzo al mare.

Così come lo sono quelli della nave Alan Kurdi della Sea Eye, battente bandiera tedesca. Anche per lei arriva il divieto di entrare in acque italiane. E Salvini invia una lettera indirizzata al ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in cui dice che è “necessario e urgente che la Germania intervenga nei confronti della nave e del suo comandante. Competenza e responsabilità sono esclusivamente sue”.

Una reazione alle parole della portavoce Martina Fiez: “Salvare vite in mare è un compito europeo”, è l’incipit delle comunicazioni del governo tedesco, “e precisiamo ancora una volta che il nostro obiettivo è trovare una soluzione veloce: si tratta di trovare un porto sicuro e di chiarire la questione della redistribuzione” in ambito europeo.

La risposta di Salvini non lascia spazio alla mediazione: “L’Italia non intende più essere l’unico hotspot dell’Europa. Il quadro normativo vigente prevede una chiara responsabilità dello Stato di bandiera anche con riferimento alla rapida individuazione di un approdo per la nave. Qualsiasi eventuale deterioramento della situazione a bordo non potrà non ricadere nell’esclusiva responsabilità dello stato di bandiera e del comandante”. La nave per adesso resta in mezzo al mare con i 65 migranti a bordo.
6 Luglio 2019



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
Expo, sindaco di Milano Sala condannato a 6 mesi di reclusione

5 Luglio 2019- Beppe Sala è stato condannato a sei mesi di reclusione, convertiti in pena pecunaria di 45mila euro, per l’assegnazione del maxi-appalto per la Piastra dei servizi dell’Esposizione universale del 2015. Il sindaco di Milano, nonché ex commissario e amministratore delegato di Expo, era imputato per falso materiale e ideologico per la retrodatazione di due verbali con cui, nel ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra