Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L'Italia va sempre più a fondo
Condividi                       

di Antonino Signorini

C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi.

La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è emersa da due fonti diverse.

Prima l'Istat con la nota mensile sullo stato dell'economia. Quindi non cifre, ma una sintesi basata sulle statistiche ufficiali e su altri segnali che arrivano all'Istituto. «L'economia italiana appare caratterizzata dal proseguimento della fase di debolezza dei ritmi produttivi, associata però a miglioramenti sul mercato del lavoro e del potere d'acquisto delle famiglie». Fiducia a pezzi. A giugno l'indice «è tornato a diminuire dopo l'interruzione del mese precedente. Il peggioramento ha interessato tutte le componenti con il clima economico e quello futuro che hanno registrato le flessioni più marcate. Anche le aspettative sulla disoccupazione sono peggiorate». Male le imprese, in flessione l'indice sulla fiducia del manifatturiera, ma anche del commercio.

Di tono opposto la comunicazione ufficiale del ministero dell'Economia sul fisco. Nel periodo gennaio-maggio 2019, le entrate tributarie erariali ammontano a 165,031 miliardi di euro, segnando un incremento di 2,089 miliardi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+1,3%).

Non è (come a volte capita) il segno di una ritrovata vitalità dell'economia. Merito delle imposte indirette. Quindi principalmente l'Iva. Nei primi cinque mesi dell'anno il gettito dell'imposta che il prossimo anno rischia di aumentare, è cresciuto del 4% (+1,916 miliardi di euro). Boom delle entrate derivanti dai canoni e abbonamenti radio e tv pari a 179 milioni di euro (+101,7%), recuperando cosi la perdita di gettito del mese di aprile.

Ma la spiegazione è nelle nuove modalità di prelievo, nel caso del canone, della fatturazione elettronica nel caso dell'Iva.

Funziona il gioco. Nei primi cinque mesi dell'anno, le entrate del settore ammontano a 6.544 milioni di euro (+6,3%). Non un buon segno, forse nemmeno per le entrate fiscali, visto che nel settore sta montando la protesta.

L'amministratore delegato di Lottomatica, Fabio Cairoli, ieri ha attaccato il decreto dignità che ha vietato la pubblicità e aumentato l'imposizione fiscale sul settore. Risultato: «Il rischio di non permettere all'offerta legale di distinguersi in modo netto da quella illegale, oggi diffusa soprattutto sulla rete». Chiaro il messaggio: gli italiani rischiano di finire in pasto al gioco illegale, favorito dal proibizionismo.

L'aumento delle entrate fiscali conferma il trend che ha evitato al governo la procedura di infrazione per debito eccessivo. I numeri difesi dal ministro dell'Economia, Giovanni Tria, si basano soprattutto su un gettito delle entrate fiscali maggiore del previsto.

Ma il capitolo Italia non è per niente chiuso. Giovedì la Commissione europea ha avvertito l'Italia che i conti del 2019 e soprattutto quelli del 2020 sono sotto osservazione. L'Italia deve ancora superare l'esame delle agenzie di rating.

Un clima poco favorevole, come ha confermato ieri il Monetary Policy Report della Fed. «I rischi per la stabilità finanziaria provenienti dall'estero sono moderati ma diversi rischi di breve termine potrebbero generare ricadute significative per gli Usa», ha scritto il rapporto della Federal Reserve. Per quanto riguarda l'Europa «i due principali rischi sono rappresentati da un no deal sulla Brexit che resta un risultato possibile alla fine dell'anno e la situazione dei conti pubblici italiani».

I mercati in realtà non stanno registrando grandi tensioni. Ieri lo spread tra Btp e Bund è tornato a crescere chiudendo la giornata a 211 punti con il rendimento del decennale italiano all'1,74%.

Un livello ancora basso perché i mercati sono convinti che nel confronto tra Italia e Commissione europea abbia vinto Bruxelles. Ci sono le premesse perché vinca anche nel 2020. Ma prima il governo dovrà trovare «29 miliardi» per aggiustare i conti del prossimo anno, ha sottolineato Renato Brunetta di Forza Italia. Una cura che non farà bene all'economia e alla fiducia delle famiglie e delle imprese italiane.
6 Luglio 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra