Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
La nuova Europa dei “falliti”
Condividi                       

di Lorenzo Vita

La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già di suo il declino di un’istituzione che sembra aver completamente perso la percezione di quanto stia cambiando il Vecchio Continente.

I quattro nomi proposti dal Consiglio europeo e dai leader dell’Unione non fanno altro che confermare questa lenta agonia a cui è costretta a vivere l’Europa. Il futuro presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è considerata da tutti il ministro peggiore (o almeno il più debole) del governo di Angela Merkel. Vero che è la sua “delfina”, ma questo di per sé non è detto sia un motivo di vanto. Partire con l’idea che una presidente di Commissione sia la fedelissima della leader di uno dei Paesi membri, di fatto rappresenta la condanna a essere una guida debole e assolutamente non super partes. Se a questo si aggiunge che nel periodo della sua guida della Difesa tedesca, le forze armate di Berlino hanno raggiunto uno dei livelli più bassi della storia recente della Germania, è del tutto evidente che quello che si prospetta per Bruxelles non è certamente un periodo in cui dormire sonni tranquilli. Altro che un leader forte per il dopo-Juncker: la guida dell’Europa è data in mano a una donna che ha dimostrato di avere il profilo giusto, ma una serie di scheletri nell’armadio che rappresentano un handicap di non poco conto.

Altro nome, altro problema: Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. Il primo ministro belga uscente, che erediterà il posto del polacco Donald Tusk, non si può certo dire un leader carismatico o forte. Anzi, quello che appare chiaro è che Michel lascia un Paese allo sbando considerato da tutti il ventre molle dell’Unione europea. Dilaniato dai venti separatisti, da esecutivi sempre più deboli e con un problema legato alla sicurezza interna che è esplodo con gli attentati che hanno colpito ripetutamente il territorio belga, a partire dalla capitale Bruxelles, il Belgio ad oggi è il Paese che esprime il presidente del Consiglio europeo, uno degli organi fondamentali di questa Unione, che riunisce tutti i capi di Stato e di governo dell’Ue. Insomma, il premier di un Paese in evidente crisi di identità e prossimo al collasso interno rappresenterà l’Ue di fronte al mondo e cercherà di definire le politiche di Bruxelles. Una condizione che, se non fosse drammatica per noi cittadini europei, sarebbe a dir poco comica.

Niente di meglio per quanto riguarda l’Alto rappresentante per gli Affari esteri e la sicurezza: Josep Borrell. Profilo istituzionale di un certo peso, sicuramente maggiore rispetto a quello proposto dall’Italia con Federica Mogherini, Borrell è un altro esempio di questa Unione europea governata dai “fallimenti”. Il ministro degli Esteri spagnolo proviene innanzitutto da un partito che non è vincitore (il Partito socialista europeo), ma soprattutto deriva da un governo, quello di Pedro Sanchez, che tutt’ora rischia di non avere la maggioranza in parlamento. Tanto è vero che il primo ministro spagnolo, considerato l’astro nascente della sinistra europea con il suo Psoe, sta prendendo tempo per cercare di arrivare all’investitura del 23 luglio con una maggioranza utile quantomeno a ottenere il passaggio del primo step parlamentare. Se a questa condizione si aggiunge lo stallo totale della Spagna di questi ultimi anni, con elezioni a valanga, maggioranze inesistenti e la Catalogna che preme per la secessione, di fatto il ruolo di rappresentante della politica estera Ue sarà un uomo molto indebolito.

Poi la nota italiana: David Sassoli alla guida del Parlamento europeo. La scelta di Sassoli dovrebbe far tirare un sospiro di sollievo all’Italia, che esce da questo valzer di nomine senza più la presidenza della Banca centrale europea e senza più l’Alto rappresentante e con la consolazione di aver mantenuto la presidenza dell’Eurocamera dopo la fine del mandato di Antonio Tajani. Ma anche in questo caso, la presidenza del Parlamento europeo paga un handicap di partenza molto importante. Sassoli non è un rappresentante del governo italiano, non rappresenta un partito di maggioranza e soprattutto è fuori da quelle logiche che stanno cambiando l’Europa. Il Pd ha cantato vittoria, così come il Partito socialista europeo, ma stiamo parlando di un rappresentante di due partiti usciti sconfitti dalle elezioni europee, sia a livello nazionale che europeo. Eppure sarà proprio un esponente di un partito sconfitto a guidare Strasburgo.

E infine, Christine Lagarde, la nuova guida della Banca centrale europea. Il direttore operativo del Fondo monetario internazionale è uno dei personaggi considerati in maniera più negativa dai partiti che si ribellano allo status quo in Europa e nel mondo. La stessa Lagarde fece addirittura un pubblico mea culpa per come si comportò l’Fmi ai tempi della crisi greca. Ma non va dimenticato anche il suo essere francese, donna legata al presidente Nicolas Sarkozy che nei suoi mandati ha devastato la Libia, coperto di scandali l’Eliseo e a cui Lagarde scriveva in una lettera: “Usami per il tempo che ti serve e serve alla tua azione e al tuo casting”, per poi continuare, “se mi usi, ho bisogno di te come guida e come sostegno: senza guida, rischio di essere inefficace, senza sostegno rischio di essere poco credibile”. Se questa è la nuova Europa…
6 Luglio 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra