Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?
Condividi                       

di Marina Boscaino

Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si replica, si perpetua, concorso dopo concorso. Naturalmente senza che nessuno paghi per gli errori che vengono reiterati per incuria, approssimazione, dilettantismo.
Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto. Cgil: “Per la scuola è un disastro”

E’ normale che un concorso pubblico per il reclutamento di (sic!) dirigenti scolastici transiti necessariamente e puntualmente per le aule dei tribunali? Esattamente come accade per molti altri concorsi pubblici, talvolta con risvolti clamorosi, come nel recente caso dell’Università di Catania? Dopo il liturgico pronunciamento della magistratura su elementi di incoerenza rispetto alle condizioni di legittimità del concorso medesimo, però, sono intervenute le altrettanto rituali rivendicazione di un’emergenza pressante (nel caso specifico, la necessità di nominare i dirigenti per il prossimo anno scolastico), puntuali levate di scudi in certi ambiti sindacali (che poco hanno fatto per scoraggiare, condizioni concorsuali a dir poco ambigue) e inerzia elefantiaca di un’amministrazione incapace; con la certezza che, al prossimo concorso, ci si ritroverà esattamente nelle medesime condizioni, senza che nessuno faccia nulla per prevenirle. Sarebbe senza dubbio un problema che l’intera tornata concorsuale venisse annullata; ma perché arrivare a tanto, senza prevedere in tempo utile possibili problemi?

Nel 2011 l’iter del concorso fu puntellato da cambiamenti di rotta, colpi di scena clamorosi, rilevazione di errori fuori tempo massimo (una settimana prima della prova preselettiva vennero espunti quasi 1000 quesiti sugli oltre 5000 su cui il Miur aveva fatto esercitare i candidati, perché errati; ovviamente nessuno ha pagato per un così macroscopico errore), interrogazioni parlamentari.

Il percorso del candidato – ammesso o no alle prove – deve comunque prevedere l’inevitabile ricorso alla magistratura – con l’alea, l’esborso e la precarietà che tutto ciò comporta – dal momento che l’incertezza del diritto la fa da padrona. Se viene ammesso o no, non è detto che il suo non si trasformi in un calvario burocratico, tra avvocati, ricorsi, attese, convocazioni imprevedibili extrema ratio (si noti, nel link precedente, che la convocazione per la prova scritta è stata, nella attuale tornata concorsuale, pubblicata addirittura il giorno prima la prova medesima, il 12 dicembre per il 13). Insomma, una gimkana snervante.

Quando il segretario nazionale della Uil scuola, Pino Turi, dichiara: “Il punto è che i concorsi mostrano tutto il loro limite. Abbiamo delegato il reclutamento alla magistratura. Non è più possibile. Vanno trovati procedure e strumenti di selezione nuovi”, commette un grave errore. Perché butta via il bambino e l’acqua sporca, aprendo inopportunamente ad una deriva che potrebbe essere molto pericolosa. Quella del superamento di garanzie collettive, di uguaglianza prevista dalle nostre norme, ma non praticata da chi quelle norme deve applicare.

E’ davvero così difficile per l’amministrazione italiana organizzare un concorso che non degeneri nelle pastoie dell’illegittimità, dell’arbitrio, della discrezionalità, quando non del malaffare? E’ una pretesa eccessiva chiedere un trattamento che garantisca commissioni, criteri, modalità validi per tutti, che costruiscano condizioni di legittimità incontrovertibili; che determinino evidenze inconfutabili?

Il mutamento antropologico del personale della scuola, derivato dallo smontaggio progressivo della scuola della Costituzione, della scuola pubblica come istituzione dello Stato che garantisca, attraverso la conoscenza emancipante, condizioni uguali per tutte/i, ha visto anche nella trasformazione da preside – con il dlgsl 165/01, grazie all’autonomia scolastica – a dirigente un passaggio determinante nello snaturamento del senso culturale e politico che la scuola ha avuto nel nostro Paese. L’inserimento della scuola in una logica aziendalista ha contribuito a porre i vari istituti in un regime di concorrenza, docenti e studenti in competizione, a sostituire la certezza sterile del test alla complessità del pensiero critico analitico.

Il reclutamento dei dirigenti scolastici, peraltro, non è elemento neutro rispetto a questo cambiamento: nella gerarchizzazione della scuola (costruita pazientemente dalle “riforme” che si sono susseguite dopo l’autonomia), il dirigente risponde direttamente all’indirizzo che il ministro e l’ufficio scolastico regionale (organi politici) impongono. I dirigenti scolastici hanno assunto molto spesso il ruolo di facilitatori del cambio di rotta dalla scuola della Costituzione alla scuola azienda: non è un caso che le regioni Veneto e Lombardia che pretendono l’autonomia differenziata sull’istruzione rivendichino l’assunzione in proprio dei dirigenti scolastici.

Da tempo il concorso ha cessato di chiedere ai candidati di essere “donne e uomini di scuola”; si orienta la loro formazione alla perizia manageriale: dalle batterie di test delle prove preselettive ai quesiti di scritti e orali. Le prove stesse selezionano ed addestrano dirigenti la cui caratteristica deve essere l’omologazione al Pensiero Unico. Ma questo è un altro, complesso, discorso. Che nulla toglie alla gravità dell’imbarazzante situazione in cui “vincitori e vinti” possono star certi di ritrovarsi alla fine di ogni tornata concorsuale.
5 Luglio 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Bracioli di custardeddi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra