Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?
Condividi                       

di Marina Boscaino

Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si replica, si perpetua, concorso dopo concorso. Naturalmente senza che nessuno paghi per gli errori che vengono reiterati per incuria, approssimazione, dilettantismo.
Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto. Cgil: “Per la scuola è un disastro”

E’ normale che un concorso pubblico per il reclutamento di (sic!) dirigenti scolastici transiti necessariamente e puntualmente per le aule dei tribunali? Esattamente come accade per molti altri concorsi pubblici, talvolta con risvolti clamorosi, come nel recente caso dell’Università di Catania? Dopo il liturgico pronunciamento della magistratura su elementi di incoerenza rispetto alle condizioni di legittimità del concorso medesimo, però, sono intervenute le altrettanto rituali rivendicazione di un’emergenza pressante (nel caso specifico, la necessità di nominare i dirigenti per il prossimo anno scolastico), puntuali levate di scudi in certi ambiti sindacali (che poco hanno fatto per scoraggiare, condizioni concorsuali a dir poco ambigue) e inerzia elefantiaca di un’amministrazione incapace; con la certezza che, al prossimo concorso, ci si ritroverà esattamente nelle medesime condizioni, senza che nessuno faccia nulla per prevenirle. Sarebbe senza dubbio un problema che l’intera tornata concorsuale venisse annullata; ma perché arrivare a tanto, senza prevedere in tempo utile possibili problemi?

Nel 2011 l’iter del concorso fu puntellato da cambiamenti di rotta, colpi di scena clamorosi, rilevazione di errori fuori tempo massimo (una settimana prima della prova preselettiva vennero espunti quasi 1000 quesiti sugli oltre 5000 su cui il Miur aveva fatto esercitare i candidati, perché errati; ovviamente nessuno ha pagato per un così macroscopico errore), interrogazioni parlamentari.

Il percorso del candidato – ammesso o no alle prove – deve comunque prevedere l’inevitabile ricorso alla magistratura – con l’alea, l’esborso e la precarietà che tutto ciò comporta – dal momento che l’incertezza del diritto la fa da padrona. Se viene ammesso o no, non è detto che il suo non si trasformi in un calvario burocratico, tra avvocati, ricorsi, attese, convocazioni imprevedibili extrema ratio (si noti, nel link precedente, che la convocazione per la prova scritta è stata, nella attuale tornata concorsuale, pubblicata addirittura il giorno prima la prova medesima, il 12 dicembre per il 13). Insomma, una gimkana snervante.

Quando il segretario nazionale della Uil scuola, Pino Turi, dichiara: “Il punto è che i concorsi mostrano tutto il loro limite. Abbiamo delegato il reclutamento alla magistratura. Non è più possibile. Vanno trovati procedure e strumenti di selezione nuovi”, commette un grave errore. Perché butta via il bambino e l’acqua sporca, aprendo inopportunamente ad una deriva che potrebbe essere molto pericolosa. Quella del superamento di garanzie collettive, di uguaglianza prevista dalle nostre norme, ma non praticata da chi quelle norme deve applicare.

E’ davvero così difficile per l’amministrazione italiana organizzare un concorso che non degeneri nelle pastoie dell’illegittimità, dell’arbitrio, della discrezionalità, quando non del malaffare? E’ una pretesa eccessiva chiedere un trattamento che garantisca commissioni, criteri, modalità validi per tutti, che costruiscano condizioni di legittimità incontrovertibili; che determinino evidenze inconfutabili?

Il mutamento antropologico del personale della scuola, derivato dallo smontaggio progressivo della scuola della Costituzione, della scuola pubblica come istituzione dello Stato che garantisca, attraverso la conoscenza emancipante, condizioni uguali per tutte/i, ha visto anche nella trasformazione da preside – con il dlgsl 165/01, grazie all’autonomia scolastica – a dirigente un passaggio determinante nello snaturamento del senso culturale e politico che la scuola ha avuto nel nostro Paese. L’inserimento della scuola in una logica aziendalista ha contribuito a porre i vari istituti in un regime di concorrenza, docenti e studenti in competizione, a sostituire la certezza sterile del test alla complessità del pensiero critico analitico.

Il reclutamento dei dirigenti scolastici, peraltro, non è elemento neutro rispetto a questo cambiamento: nella gerarchizzazione della scuola (costruita pazientemente dalle “riforme” che si sono susseguite dopo l’autonomia), il dirigente risponde direttamente all’indirizzo che il ministro e l’ufficio scolastico regionale (organi politici) impongono. I dirigenti scolastici hanno assunto molto spesso il ruolo di facilitatori del cambio di rotta dalla scuola della Costituzione alla scuola azienda: non è un caso che le regioni Veneto e Lombardia che pretendono l’autonomia differenziata sull’istruzione rivendichino l’assunzione in proprio dei dirigenti scolastici.

Da tempo il concorso ha cessato di chiedere ai candidati di essere “donne e uomini di scuola”; si orienta la loro formazione alla perizia manageriale: dalle batterie di test delle prove preselettive ai quesiti di scritti e orali. Le prove stesse selezionano ed addestrano dirigenti la cui caratteristica deve essere l’omologazione al Pensiero Unico. Ma questo è un altro, complesso, discorso. Che nulla toglie alla gravità dell’imbarazzante situazione in cui “vincitori e vinti” possono star certi di ritrovarsi alla fine di ogni tornata concorsuale.
5 Luglio 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Agnello cacio e uova
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra