Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Affaritaliani
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.
Condividi                       

"Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa".

Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito in Puglia, vicepresidente del gruppo al Senato, membro della Commissione Affari Costituzionali e presidente del Collegio di Garanzia a Palazzo Madama. "Spero che Berlusconi si renda conto che è necessario uno choc elettrico al partito ripristinando il criterio del merito, del consenso, dell'esperienza e del radicamento sul territorio. Un rinnovamento che però non sia solo anagrafico perché i fatti e la storia insegnano che i giovani molte volte hanno i vizi dei vecchi e nessuno dei loro pregi. Serve un rinnovamento nella scelta della classe dirigente".

Se non ci fosse questo rinnovamento, lei seguirebbe Giovanni Toti nel suo progetto di una nuova formazione politica? "Sì, è molto probabile che lo seguirei", risponde Vitali. "E questo mi dispiacerebbe moltissimo perché sono da 25 anni al fianco di Berlusconi con cui ho un rapporto amicale molto forte, mi ha onorato della sua amicizia e mi ha dato opportunità importanti che ho sempre cercato di ripagare facendo la mia parte".

Il senatore di Forza Italia rivela: "Mercoledì scorso ho ribadito al presidente Berlusconi che io sono nel partito perché a decidere è lui, ma se decidono altri che non stimo e che non reputo all'altezza delle missioni affidate è chiaro che mi sento libero di fare altre scelte. Però sempre nel solco del Centrodestra e del moderatismo, la mia è una scelta di campo ben chiara: mai con il M5S e mai con il Pd.

L'interlocuzione oggi è con la Lega che rappresenta il 34%. Auspico - spiega Vitali - che Berlusconi, come ha sempre dimostrato, possa dare quello slancio che porti alla rivitalizzazione di Forza Italia. Alla fine non chiediamo nulla di anormale, ma solo una corsa leale tra tutti i colonnelli (o sedicenti) e che chi si candida alla guida del partito lo faccia con un confronto leale in una consultazione popolare. In modo tale che abbia quella legittimazione popolare che consegni anche la responsabilità di assumere decisioni, prendendo atto delle sconfitte e celebrando le vittorie. D'altronde Berlusconi ha introdotto in politica il criterio dell'impresa e chi non vince fa un passo di lato. Chi commette errori prende atto che non può continuare a decidere".

Si riferisce ad Antonio Tajani? "Esatto, non ha fatto un grande figura alle elezioni europee, nonostante abbia ottenuto la non candidatura al Centro da parte di Berlusconi. Ci eravano dati come dead-line il 10%, non abbiamo fatto nemmeno il 9. E nel Centro Italia ci siamo fermati al 6%, addirittura superati da Fratelli d'Italia. Non possiamo dire che non sia successo niente, la politica insegna che quando non si raggiungono gli obiettivi si fa un passo di lato".

Vitali, che è un avvocato, parla anche di quanto sta accadendo al Csm: "Purtroppo emerge quello che tutti sapevano e che si sussurava, si discuteva ma non c'era mai la prova provata. La parte del Csm composta da magistrati che nella loro attività istituzionale perseguitano i politici per i reati di traffico di influenze o di voto di scambio alla fine fanno anche di peggio. E' una brutta pagina per la Magistratura e la cosa che mi disturba maggiormente è che in questa indagine sono stati utilizzati i trojan, grazie alla riforma del ministro Bonafede.

Si tratta di un sistema di captazione riservato prima soltanto a criminali mafiosi e a terroristi e che ora viene utilizzato per qualunque reato. Bene che sia emerso il marciume, ma in uno Stato democratico e di diritto un sistema così altamente pervasivo non dovrebbe essere usato in questo modo. Se poi ci mettiamo anche l'agente sotto copertura si capisce che il nostro Paese da culla del diritto sta diventando la bara del diritto", conclude Vitali.
16 Giugno 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Costruzioni Lego
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra