Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Affaritaliani
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.
Condividi                       

"Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa".

Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito in Puglia, vicepresidente del gruppo al Senato, membro della Commissione Affari Costituzionali e presidente del Collegio di Garanzia a Palazzo Madama. "Spero che Berlusconi si renda conto che è necessario uno choc elettrico al partito ripristinando il criterio del merito, del consenso, dell'esperienza e del radicamento sul territorio. Un rinnovamento che però non sia solo anagrafico perché i fatti e la storia insegnano che i giovani molte volte hanno i vizi dei vecchi e nessuno dei loro pregi. Serve un rinnovamento nella scelta della classe dirigente".

Se non ci fosse questo rinnovamento, lei seguirebbe Giovanni Toti nel suo progetto di una nuova formazione politica? "Sì, è molto probabile che lo seguirei", risponde Vitali. "E questo mi dispiacerebbe moltissimo perché sono da 25 anni al fianco di Berlusconi con cui ho un rapporto amicale molto forte, mi ha onorato della sua amicizia e mi ha dato opportunità importanti che ho sempre cercato di ripagare facendo la mia parte".

Il senatore di Forza Italia rivela: "Mercoledì scorso ho ribadito al presidente Berlusconi che io sono nel partito perché a decidere è lui, ma se decidono altri che non stimo e che non reputo all'altezza delle missioni affidate è chiaro che mi sento libero di fare altre scelte. Però sempre nel solco del Centrodestra e del moderatismo, la mia è una scelta di campo ben chiara: mai con il M5S e mai con il Pd.

L'interlocuzione oggi è con la Lega che rappresenta il 34%. Auspico - spiega Vitali - che Berlusconi, come ha sempre dimostrato, possa dare quello slancio che porti alla rivitalizzazione di Forza Italia. Alla fine non chiediamo nulla di anormale, ma solo una corsa leale tra tutti i colonnelli (o sedicenti) e che chi si candida alla guida del partito lo faccia con un confronto leale in una consultazione popolare. In modo tale che abbia quella legittimazione popolare che consegni anche la responsabilità di assumere decisioni, prendendo atto delle sconfitte e celebrando le vittorie. D'altronde Berlusconi ha introdotto in politica il criterio dell'impresa e chi non vince fa un passo di lato. Chi commette errori prende atto che non può continuare a decidere".

Si riferisce ad Antonio Tajani? "Esatto, non ha fatto un grande figura alle elezioni europee, nonostante abbia ottenuto la non candidatura al Centro da parte di Berlusconi. Ci eravano dati come dead-line il 10%, non abbiamo fatto nemmeno il 9. E nel Centro Italia ci siamo fermati al 6%, addirittura superati da Fratelli d'Italia. Non possiamo dire che non sia successo niente, la politica insegna che quando non si raggiungono gli obiettivi si fa un passo di lato".

Vitali, che è un avvocato, parla anche di quanto sta accadendo al Csm: "Purtroppo emerge quello che tutti sapevano e che si sussurava, si discuteva ma non c'era mai la prova provata. La parte del Csm composta da magistrati che nella loro attività istituzionale perseguitano i politici per i reati di traffico di influenze o di voto di scambio alla fine fanno anche di peggio. E' una brutta pagina per la Magistratura e la cosa che mi disturba maggiormente è che in questa indagine sono stati utilizzati i trojan, grazie alla riforma del ministro Bonafede.

Si tratta di un sistema di captazione riservato prima soltanto a criminali mafiosi e a terroristi e che ora viene utilizzato per qualunque reato. Bene che sia emerso il marciume, ma in uno Stato democratico e di diritto un sistema così altamente pervasivo non dovrebbe essere usato in questo modo. Se poi ci mettiamo anche l'agente sotto copertura si capisce che il nostro Paese da culla del diritto sta diventando la bara del diritto", conclude Vitali.
16 Giugno 2019



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Costruzioni Lego
Cucina
Pipi chini 'i risu e prosciuttu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra