Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Zingaretti tiene fuori i renziani dalla nuova segreteria del PD
Condividi                       

Ancora più duro il commento del deputato Luciano Nobili: “Si parla di nuovo Pd, Zingaretti ci spieghi come funziona: vedo tanta nostalgia del passato, uno sguardo indietro, alle ‘gioiose macchine da guerra, al ‘torniamo al bipolarismo’ …non vedo novità, solo un vecchio, insopportabile giustizialismo” dice il presidente dell’Associazione Sempre Avanti, ad Assisi alla convention dell’area renziana di Roberto Giachetti ed Anna Ascani.

Solidarietà a Lotti, “oggetto di vergognose parole e comportamenti da compagni di partito – ha proseguito Nobili – L’unica cosa nuova nel Pd è una minoranza che non fa il fuoco amico su chi ha vinto il congresso, diversamente dal passato – ha detto Nobili, con Giachetti e la vicepresidente Pd Anna Ascani accanto a lui -. Ma la nostra lealtà ha un limite che si chiama pazienza. Alcuni esponenti della maggioranza Pd dicevano in campagna elettorale ‘dovremmo fare un accordo con M5S’, mentre noi ci siamo concentrati sulla campagna. L’unico allargamento di ‘Piazza Grande’ e “campo largo’ sono stati D’Alema e Bersani. D’ora in poi saremo leali ma intransigenti”.

Anche Ernesto Magorno, senatore, elogia il gesto del compagno di partito: “Più volte ho sottolineato l’onestà e la trasparenza di Luca Lotti. Oggi, alla luce della scelta non dovuta di autosospendersi dal Pd, non posso non rimarcare la generosità di Luca Lotti che mostra, alla prova dei fatti, di essere un gigante nei confronti di tanti altri”. Di generosità parla anche Simona Malpezzi, vicepresidente del gruppo dem a Palazzo Madama: “La decisione di Luca Lotti è generosa e non dovuta. Siamo arrivati al paradosso di una campagna denigratoria che non è neanche supportata da una indagine e da reati contestati.

Risulta particolarmente assurdo descrivere un deputato dell’opposizione, quale è Luca Lotti, come il burattinaio di nomine che peraltro spettano al solo Csm. Chi ha speculato su questa vicenda, anche dentro il Pd, sappia che difenderemo in tutti i modi, ed in tutte le sedi, la sua natura profondamente garantista. Fiera di essere a fianco di Luca anche ora. A testa alta, sempre. Noi andiamo avanti”. Stesso tono di Antonello Giacomelli, deputato del Pd ed esponente di Base riformista: “La scelta generosa e leale di Luca Lotti lascia amarezza in molti di noi ma ha la non diffusa caratteristica di mettere l’interesse della sua comunità politica prima di ogni valutazione personale. Questa scelta apre anche la strada ad una necessaria, esaustiva riflessione sul rapporto tra politica e magistratura che evidentemente non può essere ridotto alle questioni di cui leggiamo in questi giorni”.

Anche ieri per Lotti erano scesi in campo tanti dem come Salvatore Margiotta: “È davvero una brutta giornata, nel Pd ha vinto la linea dettata dal festival dell’ipocrisia. La decisione di Luca Lotti sottolinea ancora una volta la sua trasparenza, e la sua voglia di lottare contro il fango di un’inchiesta giornalistica dai contorni ancora poco chiari.

Io ricordo solo che il Pd o è garantista o rischia di non avere più ragione di essere”. “L’autonoma decisione di Luca Lotti di autosospendersi dal Pd è un gesto di grande generosità da parte di una persona che ha a cuore la propria comunità politica” scriveva su Facebook il senatore Pd Eugenio Comincini. “Questa scelta sofferta- sottolinea- però mette in luce due ordini di problemi, che non potranno non essere dibattuti nelle competenti sedi del Partito: partendo dal presupposto che l’interessato non è oggetto di alcuna indagine e che la Giustizia non gli ha contestato alcun fatto, che valore ha una comunità politica che da più parti ti “spara” addosso? Il Pd è ancora un partito garantista? Questa vicenda genererà strascichi pesanti. Saranno strascichi politici, non certo giudiziari. Vedrete”.

Anche il presidente dei senatori, Andrea Marcucci, commentava duramente: “Il Pd deve chiarirsi su un principio fondativo, il garantismo non può essere usato a fasi alterne, o a seconda delle aree politiche. Luca Lotti va ringraziato per una decisione di trasparenza che non era affatto dovuta. Sono convinto che tra qualche tempo saranno in molti, anche tra i dirigenti del Pd, che dovranno scusarsi con lui per le parole usate in queste ore. Luca Lotti va ringraziato per una decisione di trasparenza che non era affatto dovuta. Sono convinto che tra qualche tempo saranno in molti, anche tra i dirigenti del Pd, che dovranno scusarsi con lui per le parole usate in queste ore”.

“La scelta compiuta da Luca Lotti dimostra la sua sensibilità e la sua volontà di mettere al primo posto il bene del Partito democratico. È una scelta difficile, che molti di noi accolgono con dispiacere, ma che non può che essere guardata con rispetto e apprezzamento. Ma sicuramente una decisione che è il segno della sua qualità politica e umana. E che tuttavia non lo ripagherà della sofferenza subita in questi giorni” scriveva in una nota Lorenzo Guerini.

Per Lotti poi la solidarietà di Raffaella Paita: “A quelli che in questi giorni lo hanno attaccato senza ricercare la verità, anche dentro il Pd, voglio dire che la caccia alle streghe è una vergogna politica e umana. E che il Pd non deve essere un luogo in cui si consumano rivalse. A quanti oggi gridano allo scandalo per intercettazioni non pubblicabili vorrei porre un quesito: cosa verrebbe fuori dalle vite di chi oggi da lezione se fossero intercettate con un trojan? Caro Luca faremo ancora tante battaglie – a testa alta – insieme”. Per Lotti si sono poi spesi Alessia Rotta, Caterina Biti, Debora Serracchiani, Graziano Delrio, Stefano Ceccanti, Enrico Borghi, Valeria Valente, Valeria Sudano, Francesco Verducci.
16 Giugno 2019



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra