Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Luca Poniz, eletto il nuovo presidente dell'ANM
Condividi                       

È Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Pm a Milano, già vicepresidente Anm ed esponente di Area, la corrente di sinistra delle toghe, Poniz succede a Pasquale Grasso, che oggi ha lasciato in polemica l’incarico.

L’Anm doveva subito voltare pagina e non si è atteso come previsto il 6 luglio per il rinnovo dei vertici. Giuliano Caputo di Unicost è confermato segretario, entra in giunta Autonomia e indipendenza, con Cesare Bonamartini come vicesegretario, mentre Alessandra Salvadori (Unicost) sarà vicepresidente.

Fuori quindi Magistratura Indipendente che esprimeva il presidente e che è la corrente di tre dei consiglieri del Csm (Criscuoli, Lepre e Cartoni) finiti carte dell’inchiesta di Perugia sulle nomine dei capi delle procure.

Le conseguenze dell’inchiesta di Perugia, con un velocissimo effetto domino, ha portato a sospensioni e dimissioni dei consiglieri del Csm intercettati mentre discutevano delle nomine dei capi delle procure alla presenza attiva dell’ex sottosegretario Luca Lotti, imputato a Roma. E ha causato anche una vera e propria guerra tra le correnti delle toghe e il terremoto che ha di fatto squassato l’Anm.

Il nuovo presidente Poniz: “Gigantesca questione morale”
“Sono molto onorato. È un grande onore ma anche un grande onere. Sono qui per rappresentare tutti. Bisogna andare fino in fondo alla riflessione politica che ci veda onesti e coraggiosi nel riconoscere che alcune cose non sono andate bene. Serve una grande responsabilità politica – ha detto Poniz – C’è una gigantesca questione morale all’interno della magistratura. Il fango non interessa tutti noi, io mi sento estraneo come molti di noi, ma c’è stata una degenerazione delle correnti in carrierismo. Il magistrato deve tornare a fare il suo mestiere. Un pensiero di gratitudine ai colleghi di Perugia e a quelli di Roma, a tutti i magistrati che ogni giorno fanno il loro lavoro. È un mestiere di servizio, non di potere. I magistrati sono gli unici a non avere datori di lavoro e non avere padroni. Spero possa continuare ad essere così”.

Poniz tiene a sottolineare che la sua elezioni “non è un regolamento di conti. L’Anm è la casa di tutti i magistrati. Oggi avverto la necessità di una vera apertura”.

Eletto perché rappresentante di Area, la corrente più critica? “Non è questo il significato della mia elezione. Non ho nessuna intenzione di entrare nei meccanismi correntizi di questa vicenda. Le responsabilità saranno accertate. Io non sono stato eletto per questo. I colleghi si sono visti travolti da un’ondata immeritata. Dobbiamo innanzitutto recuperare la fiducia dei colleghi e quella dei cittadini. La nostra preoccupazione è che i cittadini continuino a credere nella magistratura, che non è quella finita sui giornali”. Per il nuovo numero uno del sindacato delle toghe bisogna “porre fine alle porte girevoli tra politica e magistratura, ponendo limiti ai passaggi tra i due ruoli”.

L’ex presidente: “Nuova giunta con manuale Cencelli”
Grasso, arrivato al comitato direttivo centrale per rivendicare la sua posizione “sempre corretta e coerente” e chiedere “chiarezza”, questa mattina è stato costretto a dimettersi perché da parte dei gruppi è mancato il sostegno alla sua proposta di proseguire alla guida del sindacato delle toghe, nonostante la sua presa di distanza da Magistratura indipendente, corrente che aveva abbandonato all’indomani della richiesta ai togati autosospesi del Csm di non lasciare, mentre l’Anm ne aveva sollecitato con forza le dimissioni.

“Il mio richiamo al cambio di passo è stato assolutamente
inascoltato e come temevo purtroppo” non si “coglierà l’occasione per un cambiamento perché il dire di allontanarsi dalle correnti come gruppi di potere e solo centri di elaborazione culturale è un qualcosa che viene declamato ma assolutamente non praticato in questi attimi” in cui “con una sorta di manuale Cencelli si stanno decidendo, immagino, i nomi e le appartenenze dei singoli che parteciperanno alla nuova giunta” aveva detto a SkyTg24 Grasso poco prima delle nomine.

La bilancia delle presenze: esce Mi, entra Aei
Dopo un lungo dibattito i gruppi hanno discusso per arrivare a una soluzione per il rinnovo della giunta e dei vertici. E tra i nomi più accreditati per la presidenza e per la segreteria c’erano appunto quelli di Caputo e Poniz. L’uscita di Magistratura indipendente dalla giunta era scontata o quasi come la presenza di Area e Unicost.

Restava il nodo della presenza di Autonomia e Indipendenza, che dalla giunta unitaria si era sfilata dopo il primo anno in cui era stato presidente Piercamillo Davigo. Ma oggi invece AeI ha ottenuto il vicesegretariato.

Michele Consiglio, coordinatore di AeI, intervenuto nel dibattito aveva parlato di “mercimonio di uomini e incarichi che da anni ci ammorba e che ha visto in AeI l’unico querelante, e che ora ha mostrato il suo lato grottesco”. E a Unicost, che nella riunione tenuta ieri li aveva invitati a non attribuirsi primati etici, si era rivolto dicendo: “Siete come omicidi che si indignano perché vedono qualcuno passare col rosso. Non ce la sentiamo di prendere da voi lezioni di moralità”. Di “notte della magistratura” aveva parlato Poniz, prima dell’elezione, che ha invitato ad andare oltre le rivendicazioni di corrente”. Per Marcello Basilico, sempre di Area, “il tema è il recupero della credibilità dei magistrati per ridare dignità all’Anm”. AeI, ha osservato, ”sbaglia obiettivo: lungi da me difendere le correnti ma sul banco degli imputati ci sono i comitati d’affari nati dalla degenerazione di alcuni gruppi”. Caputo aveva definito il momento “drammatico. Quello che abbiamo letto nello stillicidio delle intercettazioni è aberrante. Non bisogna guardare al passato, sono schemi che non funzionano”.
16 Giugno 2019



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Spaghetti chi cozzi chini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra