Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"
Condividi                       

di Carmelo Caruso

Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua».

Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per materia («grano duro»). Francesco ha 32 anni ed è un «panettiere di ritorno». Da ragazzo ha lasciato la Sicilia, studiato economia e turismo. Si è laureato. Viaggiato. «Poi mi sono trasferito in Svizzera. Dalla Svizzera in Emilia Romagna. A Rimini». Da quattro anni ha deciso di tornare in paese, «perché si sa come va. Ti prende la voglia di lasciare tutto e venirti a riprendere questo sole».

Ma forse ha perso uno stipendio.
«Uno stipendio ottimo. A Rimini percepivo 2 mila euro al mese. Lavoravo nel settore alberghiero. Chi sceglie di fare l'artigiano ha sempre una ragione familiare. Una storia dietro».

E lei la ha dal 1956. La panetteria si chiama La bottega del pane. Rizzo e sforna alla vecchia maniera.

«È un panificio da tre generazioni. Mio nonno, poi mia madre, mio padre e adesso io. Ho sentito l'odore del pane caldo sin da ragazzo. È per loro che ho scelto di tornare a occuparmi del forno ma mai avrei creduto che fosse cosi difficile. Potrei rischiare di essere io quello che lo chiude».

Quanti ne ha visti sparire?
«A Castelvetrano siamo circa 29 mila abitanti e solo nell'ultimo anno ne ho visti chiudere 10. In silenzio. Moltiplichi per il resto d'Italia».

Non fate rumore e non indossate gilet.
«È forse per questa ragione che per il governo non esistiamo. La mattina mi capita ormai di vedere le saracinesche abbassate dei colleghi ed è allora che capisco. Oggi ha gettato la spugna un altro. Ho un'attività piccolissima. Panifico 200 kg di pane al giorno. Più piccolo sei e più pericoloso è sopravvivere».

Numero di dipendenti?
«Quattro e tutti regolari. Ci tengo a dirlo. La sofferenza si deve anche questo. Alla precisa scelta di rimanere nella legalità».

Ha mai fatto i conti?
«Nel nostro settore la tassazione arriva ormai al 60 per cento. Per tenere in regola un dipendente occorrono quasi 5 mila euro al mese. Non voglio ripetere che al Sud fare impresa è già un'impresa, ma voglio solo dire che oltre alle tasse dobbiamo fare i conti con la concorrenza sleale, con la mancata vigilanza dello Stato. Non mi sembra che nessun governo e neppure questo del cambiamento abbia mai cambiato in questo senso».

Quante ore lavora?
«Dalle 12 alle 18 ore. Mi sveglio ancora di notte e come vede sto rispondendo anche adesso al telefono. È sera».

In Italia si ragiona di Alta velocità e immigrati ma si lasciano lentissimamente scomparire i vecchi mestieri.

«Si parla di immigrazione, di Tav e ora al Sud si aspetta il reddito di cittadinanza. Anche qui è atteso e può immaginare come la penso».

Non ti piace?
«Sento operai che parlano come economisti. Sta passando l'idea che sarà come mettersi in vacanza. Si fa fatica ormai a trovare ragazzi che abbiano voglia di imparare un lavoro. Io non li trovo più. Me lo lasci dire. Non è così che un'economia cresce».
3 Febbraio 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Penne aromatiche allo spada
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra