Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso
Condividi                       

di Antonio Signorini

Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati.

Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere.

Gli artigiani italiani pagano anni di politiche ostili alle imprese e il boom di chiusure stimato dalla Cgia di Mestre è solo l'ultimo capitolo di una storia antica. Nella ultima manovra ci sono segnali di attenzione, in particolare la cedolare secca e la «flat tax». Ma il conto pagato dalle piccole e medie imprese italiane resta salatissimo.

Gli artigiani chiudono innanzitutto per la difficoltà nell'ottenere credito dalle banche. Dal 2010 al 2017 le somme che gli istituti di credito hanno messo a disposizione degli artigiani sono calate del 35%, passando da 57 miliardi a 37 miliardi. Per le micro imprese fino a 10 dipendenti il credito è un tabù, ha recentemente denunciato Confartigianato. Per ottenere credito conta la dimensione.

Svantaggio competitivo che si replica sul costo dell'energia. Colpa della tassazione sull'elettricità per usi industriali che pesa sulle bollette per il 40,7%. La logica un po' perversa è che meno un'azienda consuma, più paga. Le imprese piccole consumano poco più del 34 per cento dell'energia, ma pagano il 46,3% degli oneri generali di sistema. Le grandi imprese consumano il 19,2% dell'energia ma pagano soltanto il 9,3% degli oneri.

Il rapporto con la pubblica amministrazione non è buono e il nuovo codice degli appalti varato nel 2016 ha peggiorato la situazione. Secondo Confartigianato sta frenando l'avvio di nuovi cantieri, provoca il sovraffollamento delle gare e di fatto impedisce la partecipazione alle piccole imprese. La paralisi degli appalti pubblici non fa bene agli artigiani.

I tempi di pagamento della Pa restano altissimi. In compenso lo Stato è un esattore velocissimo. Come se non bastasse lo Stato sottrae liquidità anche con lo split payment, che obbliga la pubblica amministrazione a trattenere e versare direttamente all'erario l'Iva sulle fatture emesse dai propri fornitori. Il conto è salato per le imprese: più di 10 miliardi di euro sottratti ai bilanci aziendali.

Il numero di adempimenti fiscali è cresciuto. La Cgia di Mestre ne ha contati quasi 100. Soprattutto per le realtà produttive di piccola dimensione che intrattengono scambi commerciali con l'estero. Quelle, insomma, che andrebbero incoraggiate. Nel 2019 il numero di adempimenti fiscali crescerà.

Le leggi sul lavoro pesano meno, ma il decreto dignità ha reso più difficile il ricorso ai contratti a termine. Preziosi per le piccole imprese. Poi gli immobili. La patrimoniale del governo Monti ha colpito duramente anche gli artigiani. Il governo in carica ha alleggerito il conto con la cedolare secca per negozi e capannoni, ma tra il 2011 e il 2016 le imposte sugli immobili degli artigiani sono cresciute del 119,2%. Difficile non chiudere in un ambiente così ostile.
3 Febbraio 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Spaghetti cacio e pepe
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra