Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni
Condividi                       

di Francesca Angeli

L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo.

Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia.

In un settore già duramente provato le cifre della Confederazione di Mestre definiscono meglio la dimensione del fenomeno. Soltanto nell'ultimo anno hanno chiuso 16.300 attività, pari all'1,2 per cento. Ma se si guarda all'ultimo decennio la contrazione appare drammatica: meno 165.500 attività ovvero l'11,3 per cento del totale. Purtroppo dal 2009 al 2018 non si è più riusciti ad invertire la tendenza ed ogni anno è stato marcato dal segno meno. Ma quante sono rimaste in attività? Alla fine dello scorso, anno le imprese artigiane che risultavano operative nella Penisola era pari a 1 milione e 300mila unità. Di queste, il 37,7 lavora nell'edilizia, il 33,2 nei servizi, il 22,9 opera nel settore produttivo e il 6,2 nei trasporti.

Il coordinatore dell'Ufficio studi Cgia, Paolo Zabeo, evidenzia la gravità della situazione e sottolinea anche l'aspetto sociale della perdita della «bottega» che non è soltanto un luogo di lavoro ma anche un punto di aggregazione, una scuola di formazione, uno spazio dei ricordi e tradizioni. Ma perché le imprese chiudono? «La caduta dei consumi delle famiglie e la loro lenta ripresa, l'aumento della pressione fiscale e l'esplosione del costo degli affitti hanno spinto fuori mercato molte attività spiega con amarezza Zabeo - Senza contare l'avvento delle nuove tecnologie». E non c'è soltanto l'aspetto economico. «Quando chiude definitivamente la saracinesca una bottega artigiana, si perdono conoscenze e cultura del lavoro difficilmente recuperabili e la qualità della vita di quel quartiere peggiora notevolmente - osserva Zabeo - C'è meno sicurezza, più degrado e il rischio di un concreto impoverimento del tessuto sociale». Ad essere più colpito è il sud.

In questi dieci anni in Sardegna le imprese sono diminuite del 18 per cento, meno 7.664. In Abruzzo la contrazione è stata del 17,2, meno 6.220. E poi ancora l'Umbria, 15,3 per cento, pari a 3.733 attività; la Basilicata con il 15,1, 1.808; la Sicilia, sempre con il 15,1 per cento di perdite pari a meno 12.747 attività. Nell'ultimo anno il record negativo spetta alla Basilicata con una diminuzione dell'1,9. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare il settore artigiano più colpito dalla crisi non è il manifatturiero ma l'autotrasporto che sempre nello stesso periodo considerato dalla Cgia ha perso 22.847 imprese, meno 22,2.

Al secondo posto le attività manifatturiere con una riduzione pari a 58.027 unità, meno 16,3. Il settore dell'edilizia registra un crollo: meno 94.330 unità, pari al 16,2. Dati positivi invece per le imprese di pulizia, giardinaggio e servizi alle imprese, più 43,2; attività cinematografiche e produzione software 24,6; magazzinaggio e corrieri 12,3. Tra le aziende del settore produttivo arrancano in particolare quelle che producono macchinari, meno 36,1; computer ed elettronica meno 33,8; produttori di mezzi di trasporto, meno 31,8. Per il Cgia, Renato Mason «le profonde trasformazioni in atto stanno cancellando molti mestieri».

E in un momento cosi difficile le chiusure domenicali obbligatorie potrebbero essere il colpo finale. Al momento l'accordo che hanno trovato M5s e Lega è quello di indicare la strada alle regioni che dovranno decidere poi come muoversi. La maggioranza ha fissato un tetto massimo: le saracinesche dovranno essere alzate non più di 26 domeniche all'anno e di 4 giorni festivi. Ma l'ipotesi è quella di una deroga per le città metropolitane (al momento nel testo vengono salvaguardatì solo i centri storici). Si tratta di 14 città (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia) alle quali potrebbe essere concesso di aumentare il numero delle aperture domenicali.
3 Febbraio 2019



Povertà, Istat: In Italia 5 milioni di individui

18 Giugno 2019- Sono più di 1,8 milioni le famiglie italiane in condizioni di povertà assoluta, un’incidenza pari al 7%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale). Lo dicono i dati pubblicati dall’Istat che spiegano come, pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, la crescita del numero di nuclei familiari in stato di povertà assoluta si sia arrestata rispetto all’anno prima. ...continua
Pd, Zingaretti: “Ricostruire fiducia tra noi. Renziani: La segreteria non è all’altezza

18 Giugno 2019- Tenere tutti insieme e andare oltre le polemiche. In stretta osservanza con quella “vocazione ecumenica” che è stata la sua cifra politica e la rotta seguita nella gestione della Regione Lazio. Dopo giorni di dibattito per le scelta fatte nella costruzione della nuova segreteria e il caso Csm-Lotti, Nicola Zingaretti ha lanciato il suo appello ...continua
PG della Cassazione chiede la sospensione da funzioni e stipendio per Palamara

18 Giugno 2019- Finora al Csm erano state inviate le trascrizioni operate col trojan installato sul cellulare di Palamara fino al 16 maggio. Sono quelle che documentano l’incontro tra l’8 e il 9 maggio per discutere le manovre da seguire per nominare il nuovo procuratore di Roma tra il pm, i deputati del Pd Luca Lottie Cosimo Ferri (il primo imputato dalla procura di Roma, ...continua
Michel Platini arrestato in Francia per corruzione

18 Giugno 2019- “L’ex presidente della Uefa Michel Platini arrestato e ora in stato di fermo a Parigi“: la notizia è stata pubblicata dal sito francese Mediapart e fa ripiombare il mondo del calcio nello spettro dei brogli e delle combine internazionali. Questa volta non si tratta di match truccati: la vicenda è ben più rilevante e ritorna a toccare una vicenda mai del tutto chiarita, ovvero ...continua
Natalia Aspesi: Gli italiani adorano i propri carnefici"

16 Giugno 2019- Due anni fa, ci aveva detto: “Se vincono i 5 stelle, mi sparo”. Per fortuna, non è stata di parola: “Sono una vecchia strega casalinga. Ho scelto la sopravvivenza, fantasticando ogni genere di crudeltà contro Salvini e Di Maio”. Per mesi, abbiamo molestato Natalia Aspesi – la più grande campionessa vivente del giornalismo italiano – per chiederle come è riuscita a superare, ...continua
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.

16 Giugno 2019- "Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa". Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito ...continua
Gad Lerner dice che la sinistra ha dimenticato gli operai. La verità è che li ha traditi

16 Giugno 2019- In un suo articolo sul rotocalco turbomondialista "La Repubblica", Gad Lerner ragiona sul perché la sinistra ha perduto i suoi consensi presso i lavoratori. L'articolo è interessante e si intitola "La sinistra che ha dimenticato gli operai e quei milioni di voti persi". Mi permetto di precisare: la sinistra non ha "dimenticato gli operai", li ha ...continua
Rivolta nel carcere di Poggioreale

16 Giugno 2019- Altissima tensione nel carcere Poggioreale di Napoli, per una violenta rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300 detenuti). Una situazione incandescente, con una Sezione detentiva distrutta dai rivoltosi. ''Situazione è molto grave'', denuncia Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. ...continua
Zingaretti tiene fuori i renziani dalla nuova segreteria del PD

16 Giugno 2019- Ancora più duro il commento del deputato Luciano Nobili: “Si parla di nuovo Pd, Zingaretti ci spieghi come funziona: vedo tanta nostalgia del passato, uno sguardo indietro, alle ‘gioiose macchine da guerra, al ‘torniamo al bipolarismo’ …non vedo novità, solo un vecchio, insopportabile giustizialismo” dice il presidente dell’Associazione Sempre Avanti, ad Assisi alla ...continua
Luca Poniz, eletto il nuovo presidente dell'ANM

16 Giugno 2019- È Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Pm a Milano, già vicepresidente Anm ed esponente di Area, la corrente di sinistra delle toghe, Poniz succede a Pasquale Grasso, che oggi ha lasciato in polemica l’incarico. L’Anm doveva subito voltare pagina e non si è atteso come previsto il 6 luglio per il rinnovo dei vertici. Giuliano Caputo di Unicost è ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra