Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni
Condividi                       

di Francesca Angeli

L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo.

Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia.

In un settore già duramente provato le cifre della Confederazione di Mestre definiscono meglio la dimensione del fenomeno. Soltanto nell'ultimo anno hanno chiuso 16.300 attività, pari all'1,2 per cento. Ma se si guarda all'ultimo decennio la contrazione appare drammatica: meno 165.500 attività ovvero l'11,3 per cento del totale. Purtroppo dal 2009 al 2018 non si è più riusciti ad invertire la tendenza ed ogni anno è stato marcato dal segno meno. Ma quante sono rimaste in attività? Alla fine dello scorso, anno le imprese artigiane che risultavano operative nella Penisola era pari a 1 milione e 300mila unità. Di queste, il 37,7 lavora nell'edilizia, il 33,2 nei servizi, il 22,9 opera nel settore produttivo e il 6,2 nei trasporti.

Il coordinatore dell'Ufficio studi Cgia, Paolo Zabeo, evidenzia la gravità della situazione e sottolinea anche l'aspetto sociale della perdita della «bottega» che non è soltanto un luogo di lavoro ma anche un punto di aggregazione, una scuola di formazione, uno spazio dei ricordi e tradizioni. Ma perché le imprese chiudono? «La caduta dei consumi delle famiglie e la loro lenta ripresa, l'aumento della pressione fiscale e l'esplosione del costo degli affitti hanno spinto fuori mercato molte attività spiega con amarezza Zabeo - Senza contare l'avvento delle nuove tecnologie». E non c'è soltanto l'aspetto economico. «Quando chiude definitivamente la saracinesca una bottega artigiana, si perdono conoscenze e cultura del lavoro difficilmente recuperabili e la qualità della vita di quel quartiere peggiora notevolmente - osserva Zabeo - C'è meno sicurezza, più degrado e il rischio di un concreto impoverimento del tessuto sociale». Ad essere più colpito è il sud.

In questi dieci anni in Sardegna le imprese sono diminuite del 18 per cento, meno 7.664. In Abruzzo la contrazione è stata del 17,2, meno 6.220. E poi ancora l'Umbria, 15,3 per cento, pari a 3.733 attività; la Basilicata con il 15,1, 1.808; la Sicilia, sempre con il 15,1 per cento di perdite pari a meno 12.747 attività. Nell'ultimo anno il record negativo spetta alla Basilicata con una diminuzione dell'1,9. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare il settore artigiano più colpito dalla crisi non è il manifatturiero ma l'autotrasporto che sempre nello stesso periodo considerato dalla Cgia ha perso 22.847 imprese, meno 22,2.

Al secondo posto le attività manifatturiere con una riduzione pari a 58.027 unità, meno 16,3. Il settore dell'edilizia registra un crollo: meno 94.330 unità, pari al 16,2. Dati positivi invece per le imprese di pulizia, giardinaggio e servizi alle imprese, più 43,2; attività cinematografiche e produzione software 24,6; magazzinaggio e corrieri 12,3. Tra le aziende del settore produttivo arrancano in particolare quelle che producono macchinari, meno 36,1; computer ed elettronica meno 33,8; produttori di mezzi di trasporto, meno 31,8. Per il Cgia, Renato Mason «le profonde trasformazioni in atto stanno cancellando molti mestieri».

E in un momento cosi difficile le chiusure domenicali obbligatorie potrebbero essere il colpo finale. Al momento l'accordo che hanno trovato M5s e Lega è quello di indicare la strada alle regioni che dovranno decidere poi come muoversi. La maggioranza ha fissato un tetto massimo: le saracinesche dovranno essere alzate non più di 26 domeniche all'anno e di 4 giorni festivi. Ma l'ipotesi è quella di una deroga per le città metropolitane (al momento nel testo vengono salvaguardatì solo i centri storici). Si tratta di 14 città (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia) alle quali potrebbe essere concesso di aumentare il numero delle aperture domenicali.
3 Febbraio 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Agnello cacio e uova
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra