Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Spartizione di potere.
Condividi                       

di Augusto Minzolini

A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini.

In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi italiani, il nostro governo, unico in Europa, ha assunto una posizione pilatesca tra un dittatore come Maduro e il candidato degli Stati Uniti per riportare la democrazia, Guaidó, in ossequio a quella parodia della poetica guevarista che ha il suo campione in Di Battista. In altre ancora, il pomo della discordia è quello di sempre, quello che ha movimentato settant'anni di governi repubblicani che, a quanto pare, non erano per nulla diversi dal governo del «cambiamento»: se Bettino Craxi e Ciriaco De Mita litigarono per Beppe Grillo in tv (al profeta 5stelle fischieranno le orecchie), oggi Di Maio dà i calci negli stinchi a Salvini perché non vuole Maria Giovanna Maglie su Raiuno.

I corsi e ricorsi di Giambattista Vico in sedicesimo. Andrebbe scomodato anche Tomasi di Lampedusa per la celebre frase del Gattopardo («tutto cambi perché nulla cambi») per affrontare il tema della giustizia: ieri il Suslov del movimento, Marco Travaglio, ha dedicato un numero monografico del Fatto alla battaglia per portare sul banco degli imputati il vicepremier leghista per il sequestro degli immigrati sulla Diciotti. Inutile aggiungere che nel gergo «giustizialista» processare equivale a mandare in galera.

Allora, dando voce a tutte queste contraddizioni, all'immagine che tanto piace al leader leghista dell'Italia del «sì» contrapposta a quella del «no», se la «politica» dovesse rispondere alla legge di gravità, questo governo dovrebbe essere già caduto. Da un pezzo. Di più, se la «politica» avesse ancora un senso, se alle parole seguissero i fatti, se i «princìpi» a cui si ispirano i partiti di governo fossero veri, se le idee come pure i programmi non fossero trattati alla stregua di merci di scambio, se tutto non fosse ridotto a una commedia, ebbene, Salvini e Di Maio, si sarebbero già detti addio. Magari non si sarebbero mai sposati. La verità, invece, è che questo governo sta mettendo in dubbio non la speranza, ma la parvenza, che in politica ci siano «regole», non parlo di «ideali», ma almeno un minimo, dico un minimo, di coerenza tra teoria e prassi.

Appunto, il governo del «cambiamento» sta cambiando «la politica», o meglio la sta sputtanando. Dopo di esso le facoltà di scienze politiche potranno anche essere abolite, perché Salvini & Di Maio, stanno dimostrando che si può fare tutto e il suo contrario. Non esiste né il centro, né la destra, né la sinistra. Magari non esiste neppure il Bene e il Male. Esistono le élite in un Paese senza élite, oppure «quelli di prima», che hanno un unico ruolo: quello di addossarsi non solo gli errori di ieri, ma anche quelli di oggi. Loro, invece, duellano quotidianamente, vestendo a giorni alterni, i panni del «re nero» o del «re bianco», in una partita a scacchi infinita, senza vincitori, che ha un unico obiettivo sicuramente non nuovo ma vecchio come il cucco: la gestione del potere. Si tratti della Consob, della Rai, della Cassa depositi e prestiti, quello è l'unico collante, la ragion d'essere di un governo senz'anima.

Con tutti i loro limiti, i governi di centrodestra avevano un loro modo di pensare e quelli di centrosinistra un comune sentire, a cominciare dalla politica estera. Quello gialloverde, invece, ha un unico obiettivo: spartire, dividere, lottizzare. Anche il «contratto» di governo, lo vedi nelle liti quotidiane, non contiene il progetto, il sogno, di un Paese diverso, ma la somma di due idee diverse di Paese, di cui una guarda al Nord e un'altra al Sud, con il risultato che l'Italia è ferma. Intanto, per mantenere il consenso, si spendono denari per accontentare gli elettorati di riferimento, non c'è una politica economica che guardi allo stato del Paese, alla congiuntura presente o futura: ogni provvedimento, nel bene e nel male, ha innanzitutto un riferimento elettorale, si chiami reddito di cittadinanza o «quota 100» per le pensioni.

Ora non è che questo «pragmatismo», questo cinismo «estremo», non costino. Tutt'altro. Un'alleanza tra diversi fondata sul potere, è più esosa di una coalizione tra simili, che hanno un'idea comune di Paese: nella prima ogni contraente guarda al tornaconto, si tratti di consenso o di altro; nella seconda gli alleati scommettono insieme sul futuro. Basta guardare alla storia, dal dopoguerra a oggi. Si potrebbe azzardare un'«equazione»: più i governi rispondevano a formule politiche basate sul potere più c'è stato un innalzamento del debito pubblico.

Questo è accaduto quando si tentava di tenere in piedi coalizioni logore, che per restare unite e mantenere il consenso dovevano fare politiche clientelari: si trattasse di alleanze centriste, di centrosinistra o di unità nazionale. La differenza di quegli esempi, con il governo del «cambiamento» è che quest'ultimo è partito subito con queste logiche. Logiche che in congiunture favorevoli fanno solo male al Paese, ma che in una fase di recessione diventano letali.
3 Febbraio 2019



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
L'era dell'incompetenza

24 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Più si accendono allarmi sulla tenuta dell'economia più questo governo spinge l'acceleratore sui temi che sono all'origine dell'allarme stesso. Ieri i Cinque Stelle hanno presentato in pompa magna il reddito di cittadinanza spacciandolo per un provvedimento a sostegno del lavoro quando invece è un sostegno, se non un incentivo, alla disoccupazione e al lavoro, sì ma a quello in nero. ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Risu Niru
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra