Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Spartizione di potere.
Condividi                       

di Augusto Minzolini

A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini.

In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi italiani, il nostro governo, unico in Europa, ha assunto una posizione pilatesca tra un dittatore come Maduro e il candidato degli Stati Uniti per riportare la democrazia, Guaidó, in ossequio a quella parodia della poetica guevarista che ha il suo campione in Di Battista. In altre ancora, il pomo della discordia è quello di sempre, quello che ha movimentato settant'anni di governi repubblicani che, a quanto pare, non erano per nulla diversi dal governo del «cambiamento»: se Bettino Craxi e Ciriaco De Mita litigarono per Beppe Grillo in tv (al profeta 5stelle fischieranno le orecchie), oggi Di Maio dà i calci negli stinchi a Salvini perché non vuole Maria Giovanna Maglie su Raiuno.

I corsi e ricorsi di Giambattista Vico in sedicesimo. Andrebbe scomodato anche Tomasi di Lampedusa per la celebre frase del Gattopardo («tutto cambi perché nulla cambi») per affrontare il tema della giustizia: ieri il Suslov del movimento, Marco Travaglio, ha dedicato un numero monografico del Fatto alla battaglia per portare sul banco degli imputati il vicepremier leghista per il sequestro degli immigrati sulla Diciotti. Inutile aggiungere che nel gergo «giustizialista» processare equivale a mandare in galera.

Allora, dando voce a tutte queste contraddizioni, all'immagine che tanto piace al leader leghista dell'Italia del «sì» contrapposta a quella del «no», se la «politica» dovesse rispondere alla legge di gravità, questo governo dovrebbe essere già caduto. Da un pezzo. Di più, se la «politica» avesse ancora un senso, se alle parole seguissero i fatti, se i «princìpi» a cui si ispirano i partiti di governo fossero veri, se le idee come pure i programmi non fossero trattati alla stregua di merci di scambio, se tutto non fosse ridotto a una commedia, ebbene, Salvini e Di Maio, si sarebbero già detti addio. Magari non si sarebbero mai sposati. La verità, invece, è che questo governo sta mettendo in dubbio non la speranza, ma la parvenza, che in politica ci siano «regole», non parlo di «ideali», ma almeno un minimo, dico un minimo, di coerenza tra teoria e prassi.

Appunto, il governo del «cambiamento» sta cambiando «la politica», o meglio la sta sputtanando. Dopo di esso le facoltà di scienze politiche potranno anche essere abolite, perché Salvini & Di Maio, stanno dimostrando che si può fare tutto e il suo contrario. Non esiste né il centro, né la destra, né la sinistra. Magari non esiste neppure il Bene e il Male. Esistono le élite in un Paese senza élite, oppure «quelli di prima», che hanno un unico ruolo: quello di addossarsi non solo gli errori di ieri, ma anche quelli di oggi. Loro, invece, duellano quotidianamente, vestendo a giorni alterni, i panni del «re nero» o del «re bianco», in una partita a scacchi infinita, senza vincitori, che ha un unico obiettivo sicuramente non nuovo ma vecchio come il cucco: la gestione del potere. Si tratti della Consob, della Rai, della Cassa depositi e prestiti, quello è l'unico collante, la ragion d'essere di un governo senz'anima.

Con tutti i loro limiti, i governi di centrodestra avevano un loro modo di pensare e quelli di centrosinistra un comune sentire, a cominciare dalla politica estera. Quello gialloverde, invece, ha un unico obiettivo: spartire, dividere, lottizzare. Anche il «contratto» di governo, lo vedi nelle liti quotidiane, non contiene il progetto, il sogno, di un Paese diverso, ma la somma di due idee diverse di Paese, di cui una guarda al Nord e un'altra al Sud, con il risultato che l'Italia è ferma. Intanto, per mantenere il consenso, si spendono denari per accontentare gli elettorati di riferimento, non c'è una politica economica che guardi allo stato del Paese, alla congiuntura presente o futura: ogni provvedimento, nel bene e nel male, ha innanzitutto un riferimento elettorale, si chiami reddito di cittadinanza o «quota 100» per le pensioni.

Ora non è che questo «pragmatismo», questo cinismo «estremo», non costino. Tutt'altro. Un'alleanza tra diversi fondata sul potere, è più esosa di una coalizione tra simili, che hanno un'idea comune di Paese: nella prima ogni contraente guarda al tornaconto, si tratti di consenso o di altro; nella seconda gli alleati scommettono insieme sul futuro. Basta guardare alla storia, dal dopoguerra a oggi. Si potrebbe azzardare un'«equazione»: più i governi rispondevano a formule politiche basate sul potere più c'è stato un innalzamento del debito pubblico.

Questo è accaduto quando si tentava di tenere in piedi coalizioni logore, che per restare unite e mantenere il consenso dovevano fare politiche clientelari: si trattasse di alleanze centriste, di centrosinistra o di unità nazionale. La differenza di quegli esempi, con il governo del «cambiamento» è che quest'ultimo è partito subito con queste logiche. Logiche che in congiunture favorevoli fanno solo male al Paese, ma che in una fase di recessione diventano letali.
3 Febbraio 2019



Povertà, Istat: In Italia 5 milioni di individui

18 Giugno 2019- Sono più di 1,8 milioni le famiglie italiane in condizioni di povertà assoluta, un’incidenza pari al 7%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale). Lo dicono i dati pubblicati dall’Istat che spiegano come, pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, la crescita del numero di nuclei familiari in stato di povertà assoluta si sia arrestata rispetto all’anno prima. ...continua
Pd, Zingaretti: “Ricostruire fiducia tra noi. Renziani: La segreteria non è all’altezza

18 Giugno 2019- Tenere tutti insieme e andare oltre le polemiche. In stretta osservanza con quella “vocazione ecumenica” che è stata la sua cifra politica e la rotta seguita nella gestione della Regione Lazio. Dopo giorni di dibattito per le scelta fatte nella costruzione della nuova segreteria e il caso Csm-Lotti, Nicola Zingaretti ha lanciato il suo appello ...continua
PG della Cassazione chiede la sospensione da funzioni e stipendio per Palamara

18 Giugno 2019- Finora al Csm erano state inviate le trascrizioni operate col trojan installato sul cellulare di Palamara fino al 16 maggio. Sono quelle che documentano l’incontro tra l’8 e il 9 maggio per discutere le manovre da seguire per nominare il nuovo procuratore di Roma tra il pm, i deputati del Pd Luca Lottie Cosimo Ferri (il primo imputato dalla procura di Roma, ...continua
Michel Platini arrestato in Francia per corruzione

18 Giugno 2019- “L’ex presidente della Uefa Michel Platini arrestato e ora in stato di fermo a Parigi“: la notizia è stata pubblicata dal sito francese Mediapart e fa ripiombare il mondo del calcio nello spettro dei brogli e delle combine internazionali. Questa volta non si tratta di match truccati: la vicenda è ben più rilevante e ritorna a toccare una vicenda mai del tutto chiarita, ovvero ...continua
Natalia Aspesi: Gli italiani adorano i propri carnefici"

16 Giugno 2019- Due anni fa, ci aveva detto: “Se vincono i 5 stelle, mi sparo”. Per fortuna, non è stata di parola: “Sono una vecchia strega casalinga. Ho scelto la sopravvivenza, fantasticando ogni genere di crudeltà contro Salvini e Di Maio”. Per mesi, abbiamo molestato Natalia Aspesi – la più grande campionessa vivente del giornalismo italiano – per chiederle come è riuscita a superare, ...continua
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.

16 Giugno 2019- "Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa". Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito ...continua
Gad Lerner dice che la sinistra ha dimenticato gli operai. La verità è che li ha traditi

16 Giugno 2019- In un suo articolo sul rotocalco turbomondialista "La Repubblica", Gad Lerner ragiona sul perché la sinistra ha perduto i suoi consensi presso i lavoratori. L'articolo è interessante e si intitola "La sinistra che ha dimenticato gli operai e quei milioni di voti persi". Mi permetto di precisare: la sinistra non ha "dimenticato gli operai", li ha ...continua
Rivolta nel carcere di Poggioreale

16 Giugno 2019- Altissima tensione nel carcere Poggioreale di Napoli, per una violenta rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300 detenuti). Una situazione incandescente, con una Sezione detentiva distrutta dai rivoltosi. ''Situazione è molto grave'', denuncia Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. ...continua
Zingaretti tiene fuori i renziani dalla nuova segreteria del PD

16 Giugno 2019- Ancora più duro il commento del deputato Luciano Nobili: “Si parla di nuovo Pd, Zingaretti ci spieghi come funziona: vedo tanta nostalgia del passato, uno sguardo indietro, alle ‘gioiose macchine da guerra, al ‘torniamo al bipolarismo’ …non vedo novità, solo un vecchio, insopportabile giustizialismo” dice il presidente dell’Associazione Sempre Avanti, ad Assisi alla ...continua
Luca Poniz, eletto il nuovo presidente dell'ANM

16 Giugno 2019- È Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Pm a Milano, già vicepresidente Anm ed esponente di Area, la corrente di sinistra delle toghe, Poniz succede a Pasquale Grasso, che oggi ha lasciato in polemica l’incarico. L’Anm doveva subito voltare pagina e non si è atteso come previsto il 6 luglio per il rinnovo dei vertici. Giuliano Caputo di Unicost è ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Risu Niru
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra