Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela
Condividi                       

La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista.

Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam.

Resta che certe inclinazioni autoritarie, proprie di altri leader del mondo, sono guardate con ben altra indulgenza.

Si veda l’Arabia Saudita o il Ruanda, rette da leader graditi all’Impero d’Occidente, nonché primo esportatore di petrolio al mondo e Paese che commercia le immani ricchezze predate alla Repubblica democratica del Congo.

C’è una scena del film Vice, sul potentissimo Dick Chaney, nel quale i capi delle maggiori compagnie petrolifere Usa si presentano al nuovo potente subito dopo la vittoria, squadernandogli davanti una mappa dell’Iraq sulla quale sono contrassegnati i giacimenti petroliferi del Paese. Il resto è storia nota.

Non è difficile immaginare una scena analoga all’indomani dell’elezione di Trump, che subito dopo la vittoria ha intensificato le pressioni sul governo chavista (già martellato sotto l’amministrazione Obama). D’altronde il primo Segretario di Stato, Rex Tillerson, era Ceo della Exxon…

Da decenni gli Stati Uniti cercano di riprendere il pieno controllo del petrolio venezuelano. È giunto il momento di chiudere la partita, facendo leva sul malcontento diffuso e sui passi falsi del caudillo.

In gioco in questo momento non è solo il destino del Venezuela, ma del mondo. Gli Usa hanno visto erodere il loro ruolo globale dal nuovo interventismo russo e dallo sviluppo economico cinese.

Impossessarsi dei più ricchi giacimenti petroliferi del mondo, quelli di Caracas, per Washington è diventato decisivo.

Gli Usa diventerebbero d’incanto il primo produttore di oro nero. In tal modo Washington reputa di riuscire a fiaccare la Russia, la cui economia si basa sul commercio di tale risorsa energetica.

Non solo, grazie alla nuova leva petrolifera, Washington ritiene di riuscire a rendere insostenibili le pressioni che già oggi esercita sull’Europa perché receda il cordone ombelicale energetico che la lega a Mosca.

In tal modo, i Paesi europei che oggi sognano la fine della tutela atlantica saranno relegati nuovamente al ruolo ancillare a Washington.

Il rilancio dell’Impero d’Occidente avrebbe ovviamente anche ripercussioni nel confronto a distanza con Pechino, dato che il petrolio venezuelano consegnerà nuovi vantaggi a Washington.

Non solo, gli Usa, nonostante il ripiego momentaneo proprio dell’America First, saranno portati a tentare di ripristinare la perduta influenza su aree sfuggite al loro controllo e allargarla altrove.

Nuova assertività alla quale i suoi antagonisti saranno portati a opporsi con una rigidità maggiore.

Infatti, da quando Cina e Russia hanno rilanciato il loro ruolo, il confronto con gli Stati Uniti si è assestato, al di là dei picchi, su un basso profilo.

In fondo, finora è stato in gioco solo il riconoscimento da parte degli Usa del loro status di grandi potenze e dell’assetto multipolare conseguente.

La primazia energetica Usa darebbe nuovo alimento all’ipotesi unipolare, con conseguente pretesa della totale revoca delle richieste sino-russe e conseguente accettazione irrevocabile dell’ordine mondiale americano.

Nuova pretesa che sposterebbe il confronto sul piano esistenziale. Che non comporta cedimenti. Con rischi accresciuti per la conflittualità globale.

Come per l’Iraq e la Libia, non si tratta di sostenere Maduro, come non necessitava essere fan del crudele Saddam o del Colonnello per guardare con certo sospetto certe nefaste pretese di certi ambiti americani.

Pretese sulle quali esprime dubbi anche il senatore democratico Bernie Sanders, ricordando l’avventurismo Usa in Sud America e le dittature di un passato che è utile non dimenticare.

Si spera in qualche ricomposizione intra-venezuelana, ma oggi appare impossibile.
27 Gennaio 2019



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
L'era dell'incompetenza

24 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Più si accendono allarmi sulla tenuta dell'economia più questo governo spinge l'acceleratore sui temi che sono all'origine dell'allarme stesso. Ieri i Cinque Stelle hanno presentato in pompa magna il reddito di cittadinanza spacciandolo per un provvedimento a sostegno del lavoro quando invece è un sostegno, se non un incentivo, alla disoccupazione e al lavoro, sì ma a quello in nero. ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Ghiotta 'i pisci spata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra