Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela
Condividi                       

La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista.

Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam.

Resta che certe inclinazioni autoritarie, proprie di altri leader del mondo, sono guardate con ben altra indulgenza.

Si veda l’Arabia Saudita o il Ruanda, rette da leader graditi all’Impero d’Occidente, nonché primo esportatore di petrolio al mondo e Paese che commercia le immani ricchezze predate alla Repubblica democratica del Congo.

C’è una scena del film Vice, sul potentissimo Dick Chaney, nel quale i capi delle maggiori compagnie petrolifere Usa si presentano al nuovo potente subito dopo la vittoria, squadernandogli davanti una mappa dell’Iraq sulla quale sono contrassegnati i giacimenti petroliferi del Paese. Il resto è storia nota.

Non è difficile immaginare una scena analoga all’indomani dell’elezione di Trump, che subito dopo la vittoria ha intensificato le pressioni sul governo chavista (già martellato sotto l’amministrazione Obama). D’altronde il primo Segretario di Stato, Rex Tillerson, era Ceo della Exxon…

Da decenni gli Stati Uniti cercano di riprendere il pieno controllo del petrolio venezuelano. È giunto il momento di chiudere la partita, facendo leva sul malcontento diffuso e sui passi falsi del caudillo.

In gioco in questo momento non è solo il destino del Venezuela, ma del mondo. Gli Usa hanno visto erodere il loro ruolo globale dal nuovo interventismo russo e dallo sviluppo economico cinese.

Impossessarsi dei più ricchi giacimenti petroliferi del mondo, quelli di Caracas, per Washington è diventato decisivo.

Gli Usa diventerebbero d’incanto il primo produttore di oro nero. In tal modo Washington reputa di riuscire a fiaccare la Russia, la cui economia si basa sul commercio di tale risorsa energetica.

Non solo, grazie alla nuova leva petrolifera, Washington ritiene di riuscire a rendere insostenibili le pressioni che già oggi esercita sull’Europa perché receda il cordone ombelicale energetico che la lega a Mosca.

In tal modo, i Paesi europei che oggi sognano la fine della tutela atlantica saranno relegati nuovamente al ruolo ancillare a Washington.

Il rilancio dell’Impero d’Occidente avrebbe ovviamente anche ripercussioni nel confronto a distanza con Pechino, dato che il petrolio venezuelano consegnerà nuovi vantaggi a Washington.

Non solo, gli Usa, nonostante il ripiego momentaneo proprio dell’America First, saranno portati a tentare di ripristinare la perduta influenza su aree sfuggite al loro controllo e allargarla altrove.

Nuova assertività alla quale i suoi antagonisti saranno portati a opporsi con una rigidità maggiore.

Infatti, da quando Cina e Russia hanno rilanciato il loro ruolo, il confronto con gli Stati Uniti si è assestato, al di là dei picchi, su un basso profilo.

In fondo, finora è stato in gioco solo il riconoscimento da parte degli Usa del loro status di grandi potenze e dell’assetto multipolare conseguente.

La primazia energetica Usa darebbe nuovo alimento all’ipotesi unipolare, con conseguente pretesa della totale revoca delle richieste sino-russe e conseguente accettazione irrevocabile dell’ordine mondiale americano.

Nuova pretesa che sposterebbe il confronto sul piano esistenziale. Che non comporta cedimenti. Con rischi accresciuti per la conflittualità globale.

Come per l’Iraq e la Libia, non si tratta di sostenere Maduro, come non necessitava essere fan del crudele Saddam o del Colonnello per guardare con certo sospetto certe nefaste pretese di certi ambiti americani.

Pretese sulle quali esprime dubbi anche il senatore democratico Bernie Sanders, ricordando l’avventurismo Usa in Sud America e le dittature di un passato che è utile non dimenticare.

Si spera in qualche ricomposizione intra-venezuelana, ma oggi appare impossibile.
27 Gennaio 2019



Povertà, Istat: In Italia 5 milioni di individui

18 Giugno 2019- Sono più di 1,8 milioni le famiglie italiane in condizioni di povertà assoluta, un’incidenza pari al 7%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale). Lo dicono i dati pubblicati dall’Istat che spiegano come, pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, la crescita del numero di nuclei familiari in stato di povertà assoluta si sia arrestata rispetto all’anno prima. ...continua
Pd, Zingaretti: “Ricostruire fiducia tra noi. Renziani: La segreteria non è all’altezza

18 Giugno 2019- Tenere tutti insieme e andare oltre le polemiche. In stretta osservanza con quella “vocazione ecumenica” che è stata la sua cifra politica e la rotta seguita nella gestione della Regione Lazio. Dopo giorni di dibattito per le scelta fatte nella costruzione della nuova segreteria e il caso Csm-Lotti, Nicola Zingaretti ha lanciato il suo appello ...continua
PG della Cassazione chiede la sospensione da funzioni e stipendio per Palamara

18 Giugno 2019- Finora al Csm erano state inviate le trascrizioni operate col trojan installato sul cellulare di Palamara fino al 16 maggio. Sono quelle che documentano l’incontro tra l’8 e il 9 maggio per discutere le manovre da seguire per nominare il nuovo procuratore di Roma tra il pm, i deputati del Pd Luca Lottie Cosimo Ferri (il primo imputato dalla procura di Roma, ...continua
Michel Platini arrestato in Francia per corruzione

18 Giugno 2019- “L’ex presidente della Uefa Michel Platini arrestato e ora in stato di fermo a Parigi“: la notizia è stata pubblicata dal sito francese Mediapart e fa ripiombare il mondo del calcio nello spettro dei brogli e delle combine internazionali. Questa volta non si tratta di match truccati: la vicenda è ben più rilevante e ritorna a toccare una vicenda mai del tutto chiarita, ovvero ...continua
Natalia Aspesi: Gli italiani adorano i propri carnefici"

16 Giugno 2019- Due anni fa, ci aveva detto: “Se vincono i 5 stelle, mi sparo”. Per fortuna, non è stata di parola: “Sono una vecchia strega casalinga. Ho scelto la sopravvivenza, fantasticando ogni genere di crudeltà contro Salvini e Di Maio”. Per mesi, abbiamo molestato Natalia Aspesi – la più grande campionessa vivente del giornalismo italiano – per chiederle come è riuscita a superare, ...continua
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.

16 Giugno 2019- "Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa". Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito ...continua
Gad Lerner dice che la sinistra ha dimenticato gli operai. La verità è che li ha traditi

16 Giugno 2019- In un suo articolo sul rotocalco turbomondialista "La Repubblica", Gad Lerner ragiona sul perché la sinistra ha perduto i suoi consensi presso i lavoratori. L'articolo è interessante e si intitola "La sinistra che ha dimenticato gli operai e quei milioni di voti persi". Mi permetto di precisare: la sinistra non ha "dimenticato gli operai", li ha ...continua
Rivolta nel carcere di Poggioreale

16 Giugno 2019- Altissima tensione nel carcere Poggioreale di Napoli, per una violenta rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300 detenuti). Una situazione incandescente, con una Sezione detentiva distrutta dai rivoltosi. ''Situazione è molto grave'', denuncia Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. ...continua
Zingaretti tiene fuori i renziani dalla nuova segreteria del PD

16 Giugno 2019- Ancora più duro il commento del deputato Luciano Nobili: “Si parla di nuovo Pd, Zingaretti ci spieghi come funziona: vedo tanta nostalgia del passato, uno sguardo indietro, alle ‘gioiose macchine da guerra, al ‘torniamo al bipolarismo’ …non vedo novità, solo un vecchio, insopportabile giustizialismo” dice il presidente dell’Associazione Sempre Avanti, ad Assisi alla ...continua
Luca Poniz, eletto il nuovo presidente dell'ANM

16 Giugno 2019- È Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Pm a Milano, già vicepresidente Anm ed esponente di Area, la corrente di sinistra delle toghe, Poniz succede a Pasquale Grasso, che oggi ha lasciato in polemica l’incarico. L’Anm doveva subito voltare pagina e non si è atteso come previsto il 6 luglio per il rinnovo dei vertici. Giuliano Caputo di Unicost è ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra