Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump
Condividi                       

L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa Ue: e sarà quella composta da Francia e Germania.

Come scritto su questa testata, i punti contenuti nelle 16 pagine dell’accordo sono molti e di profili estremamente diversi. Ci sono questioni economiche, politiche e infrastrutturali. Ma è quella militare e internazionale a destare particolare interesse, soprattutto in chiave globale. Soprattutto perché i due Paesi si trovano ora a dover gestire le tensioni sempre più crescenti con gli Stati Uniti e l’assoluto distacco con cui l’amministrazione di Donald Trump guarda all’Europa. Ed è proprio da queste tensioni che occorre ripartire per comprendere il motivo della preoccupazione americana all’accordo di Aquisgrana.
L’alleanza militare

Tra i diversi punti dell’accordo c’è la nascita di una stretta cooperazione in ambito strategico che è di fatto un’alleanza militare che se non sostituisce l’idea di Difesa comune europea, di fatto cambia radicalmente il quadro dei rapporti di forza. Saranno prima Francia e Germania, e poi tutto il resto degli Stati, a costituire una collaborazione militare che riguarda sia il “contributo” alla nascita di un esercito europei, sia alla nascita di una “cultura militare e di una industria comune degli armamenti“.

Parole decisamente importanti, che, unite alla decisione di “avvicinare” le rispettive politiche strategiche e di sostegno reciproco “in caso di un attacco militare”, forniscono un quadro molto più ampio della sinergia fra i due Stati. Idea che fra l’altro ricalca anche l’articolo 5 della Nato, e che proprio per questo viene vista con sospetto dall’Alleanza atlantica. A questo proposito, è stato anche rafforzato il ruolo del Consiglio di Difesa e di Sicurezza franco-tedesco, che “si riunirà regolarmente al massimo livello”.

Questo spostamento dell’asse fra Germania e Francia in sede militare, soprattutto per quanto riguarda l’industria degli armamenti, preoccupa inevitabilmente la Difesa degli Stati Uniti. Ed è lo stesso motivo per cui il Pentagono si sta opponendo, in maniera molto netta, all’idea di un’industria europea degli armamenti come regolato dalla Pesco. Il mercato europeo della Difesa interessa particolarmente agli Stati Uniti sia perché evita che l’Europa si renda autonoma dall’industria bellica americana in termini economici, sia perché in termini strategici significa avere una mano all’interno del sistema militare dei partner del Vecchio Continente.

E non a caso anche la Nato si è preoccupata di questa cooperazione prima in sede europea poi in sede franco-tedesca. C’è un profilo strategico che da Washington e Bruxelles guardano con estrema preoccupazione. Anche perché la Francia è una potenza nucleare con un arsenale indipendente.

Ma l’accordo di Aquisgrana segna anche una svolta dal punto di vista della politica internazionale e delle Nazioni Unite. Francia e Germania infatti si impegnano a are un impulso sempre più forte alle rispettive diplomazie per far sì che Berlino abbia un seggio permanente al Consiglio di Sicurezza.

La questione non è naturalmente di secondaria importanza. Da tempo la Germania punta alla possibilità di avere un seggio al Consiglio di Sicurezza, dal momento che si sente fondamentalmente una potenza economica e commerciale ma politicamente fin troppo poco influente. In questi ultimi tempi, la Merkel ha avuto modo di partecipare a numerosi accordi internazionali ed è sempre più chiaro che la Germania rappresenti la potenza europea insieme alla Francia. Ma il riconoscimento formale in sede Onu cambia sensibilmente l’approccio.

In caso di passaggio a membro permanente, la Germania sarebbe ufficialmente fra le grandi potenze del mondo insieme a Regno Uniti, Russia, Stati Uniti, Cina e Francia. E gli equilibri mondiali ne uscirebbero modificati. Soprattutto perché la Germania, che ha un rapporti privilegiato con la Francia e che è un partner economico fondamentale con la Russia, risulterebbe un elemento molto scomodo per la politica americana al Palazzo di Vetro.

Trump, che non ha mai fatto mistero di ritenere le Nazioni Unite un potere superfluo, sa che su questo punto non si può transigere. Ed è per questo che da parte della Washington, l’accoglienza è stata fredda. Una Germania legata alla Russia, alla Francia e con l’idea di costruire un esercito europeo, rischia di essere un motivo di preoccupazione per la strategia americana in Europa.
27 Gennaio 2019



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra