Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump
Condividi                       

L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa Ue: e sarà quella composta da Francia e Germania.

Come scritto su questa testata, i punti contenuti nelle 16 pagine dell’accordo sono molti e di profili estremamente diversi. Ci sono questioni economiche, politiche e infrastrutturali. Ma è quella militare e internazionale a destare particolare interesse, soprattutto in chiave globale. Soprattutto perché i due Paesi si trovano ora a dover gestire le tensioni sempre più crescenti con gli Stati Uniti e l’assoluto distacco con cui l’amministrazione di Donald Trump guarda all’Europa. Ed è proprio da queste tensioni che occorre ripartire per comprendere il motivo della preoccupazione americana all’accordo di Aquisgrana.
L’alleanza militare

Tra i diversi punti dell’accordo c’è la nascita di una stretta cooperazione in ambito strategico che è di fatto un’alleanza militare che se non sostituisce l’idea di Difesa comune europea, di fatto cambia radicalmente il quadro dei rapporti di forza. Saranno prima Francia e Germania, e poi tutto il resto degli Stati, a costituire una collaborazione militare che riguarda sia il “contributo” alla nascita di un esercito europei, sia alla nascita di una “cultura militare e di una industria comune degli armamenti“.

Parole decisamente importanti, che, unite alla decisione di “avvicinare” le rispettive politiche strategiche e di sostegno reciproco “in caso di un attacco militare”, forniscono un quadro molto più ampio della sinergia fra i due Stati. Idea che fra l’altro ricalca anche l’articolo 5 della Nato, e che proprio per questo viene vista con sospetto dall’Alleanza atlantica. A questo proposito, è stato anche rafforzato il ruolo del Consiglio di Difesa e di Sicurezza franco-tedesco, che “si riunirà regolarmente al massimo livello”.

Questo spostamento dell’asse fra Germania e Francia in sede militare, soprattutto per quanto riguarda l’industria degli armamenti, preoccupa inevitabilmente la Difesa degli Stati Uniti. Ed è lo stesso motivo per cui il Pentagono si sta opponendo, in maniera molto netta, all’idea di un’industria europea degli armamenti come regolato dalla Pesco. Il mercato europeo della Difesa interessa particolarmente agli Stati Uniti sia perché evita che l’Europa si renda autonoma dall’industria bellica americana in termini economici, sia perché in termini strategici significa avere una mano all’interno del sistema militare dei partner del Vecchio Continente.

E non a caso anche la Nato si è preoccupata di questa cooperazione prima in sede europea poi in sede franco-tedesca. C’è un profilo strategico che da Washington e Bruxelles guardano con estrema preoccupazione. Anche perché la Francia è una potenza nucleare con un arsenale indipendente.

Ma l’accordo di Aquisgrana segna anche una svolta dal punto di vista della politica internazionale e delle Nazioni Unite. Francia e Germania infatti si impegnano a are un impulso sempre più forte alle rispettive diplomazie per far sì che Berlino abbia un seggio permanente al Consiglio di Sicurezza.

La questione non è naturalmente di secondaria importanza. Da tempo la Germania punta alla possibilità di avere un seggio al Consiglio di Sicurezza, dal momento che si sente fondamentalmente una potenza economica e commerciale ma politicamente fin troppo poco influente. In questi ultimi tempi, la Merkel ha avuto modo di partecipare a numerosi accordi internazionali ed è sempre più chiaro che la Germania rappresenti la potenza europea insieme alla Francia. Ma il riconoscimento formale in sede Onu cambia sensibilmente l’approccio.

In caso di passaggio a membro permanente, la Germania sarebbe ufficialmente fra le grandi potenze del mondo insieme a Regno Uniti, Russia, Stati Uniti, Cina e Francia. E gli equilibri mondiali ne uscirebbero modificati. Soprattutto perché la Germania, che ha un rapporti privilegiato con la Francia e che è un partner economico fondamentale con la Russia, risulterebbe un elemento molto scomodo per la politica americana al Palazzo di Vetro.

Trump, che non ha mai fatto mistero di ritenere le Nazioni Unite un potere superfluo, sa che su questo punto non si può transigere. Ed è per questo che da parte della Washington, l’accoglienza è stata fredda. Una Germania legata alla Russia, alla Francia e con l’idea di costruire un esercito europeo, rischia di essere un motivo di preoccupazione per la strategia americana in Europa.
27 Gennaio 2019



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
L'era dell'incompetenza

24 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Più si accendono allarmi sulla tenuta dell'economia più questo governo spinge l'acceleratore sui temi che sono all'origine dell'allarme stesso. Ieri i Cinque Stelle hanno presentato in pompa magna il reddito di cittadinanza spacciandolo per un provvedimento a sostegno del lavoro quando invece è un sostegno, se non un incentivo, alla disoccupazione e al lavoro, sì ma a quello in nero. ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Agnello cacio e uova
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra