Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Migranti, Libia ed Europa: la guerra infinita tra Macron e l'Italia
Condividi                       

Lo scontro fra il governo italiano e la Francia di Emmanuel Macron si fa sempre più acceso. Le parole di Luigi Di Maio, che ha accusato la Francia di essere una "colonizzatrice" che "impoverisce l'Africa" hanno scatenato una delle più aspre dispute diplomatiche fra Parigi e Roma.

E il governo francese ha convocato l'ambasciatrice italiana al ministero degli Esteri per avere chiarimenti sulle opinioni espresse dal vice premier pentastellato.

Ma quello dell'ambasciatrice Teresa Castaldo, un gesto particolarmente importante da parte del Quay d'Orsay, è solo l'ultimo episodio di una lunga serie che ha coinvolto Italia e Francia da quando la maggioranza del Parlamento è composta da Lega e Movimento 5 Stelle. Era il 30 marzo 2018 quando fra Parigi e Roma c'è stato il primo scontro: un gruppo di agenti delle dogane francesi irrompono nella stazione di Bardonecchia, in pieno territorio italiano, per prendere un immigrato fermato sul treno Parigi-Milano e sottoporlo al test delle urine. L'Italia protesta: ma la Francia afferma che è tutto frutto di un accordo del 1990. Nel frattempo, la procura di Torino apre un'inchiesta.

Il 12 giugno un nuovo scontro. Il governo giallo-verde ormai è insediato e scoppia il caso Aquarius. La nave della Ong, con più di 600 migranti a bordo, rimane bloccata per giorni nel Mediterraneo. L'Italia, con il ministro Matteo Salvini sugli scudi, alza il muro: i migranti non sbarcheranno nei porti del Belpaese. Il presidente francese, Emmanuel Macron, attacca il governo parlando "cinismo e irresponsabilità" dell'Italia. Il portavoce del partito del presidente En Marche!, Gabriel Attal, passa alle offese, definendo "vomitevole" la decisione dell'esecutivo italiano di chiudere i porti. Il vice premier Luigi Di Maio invita allora la parte francese ad aprirei suoi porti. Salvini ricorda a Macron di accogliere i 9mila migranti, come aveva promesso.

Passa l'estate e il 13 ottobre c'è un nuovo episodio al confine fra Italia e Francia. Questa volta, fra Cesana e Claviere, la gendarmeria francese scarica da un furgone un gruppo di immigrati. Parigi si trincera dietro un "errore" ma accusa il governo italiano di voler strumentalizzare a fini politici quanto accaduto. Salvini, appena saputo dell'accaduto, rifiuta le scuse dei francesi ricordando che non è la prima volta che sconfinano in territorio italiano. E che quindi non si può più parlare di semplice "errore". Poi, una settimana dopo, Salvini pubblica su Facebook con un nuovo sconfinamento. In questo caso, alcuni agenti francesi lasciano dei migranti a Claviere. Questa volta, il governo francese parla di una prassi fra i due Paesi parlando di respingimenti.

Nel frattempo, fra Italia e Francia scoppiano altre polemiche. Sul fronte libico, Parigi e Roma sono divise da profonde divergenze. L'Italia punta tutto sulla conferenza di Palermo. Ma la transizione guidata da Roma non piace ai francesi. Dall'Eliseo arriva l'ordine di sabotare i piani italiani in Libia. Ma l'operato di Giuseppe Conte e della diplomazia italiana riesce a colpire i piani francesi e strappa la Conferenza di Palermo.

Arriva dicembre. E arrivano i gilet gialli. Luigi Di Maio attacca Macron sulle misure pensate da Parigi. Misure che arrivano quando Roma viene bocciata dalla Commissione europea sulla manovra: "Secondo i nostri calcoli non si sposano con il deficit/Pil annunciato entro fine anno. La Francia dovrà per forza aumentare il deficit e si aprirà anche un caso Francia, se le regole valgono per tutti. Ma noi non lo speriamo". E poco dopo ritorna: "Non è sicuramente in linea con quello che l'Europa ci ha detto fino ad ora. L'Europa guarda ai diversi Paesi in maniera diversa".

L'8 gennaio un nuovo scontro, sempre sui gilet gialli. Ed è sempre il ministro pentastellato a scrivere un post sul blog del Movimento 5 Stelle, offrendo ai gilet gialli il suo aiuto e di "non mollare". Dalla Francia montano le proteste. Il ministro francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, scrive su Twitter che "la Francia si guarda bene dal dare lezioni all'Italia. Salvini e Di Maio imparino a fare pulizia in casa loro". Parole dure che si aggiungono alle accuse nei confronti degli Stati esteri di supportare i movimenti di protesta interni.
22 Gennaio 2019



Povertà, Istat: In Italia 5 milioni di individui

18 Giugno 2019- Sono più di 1,8 milioni le famiglie italiane in condizioni di povertà assoluta, un’incidenza pari al 7%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale). Lo dicono i dati pubblicati dall’Istat che spiegano come, pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, la crescita del numero di nuclei familiari in stato di povertà assoluta si sia arrestata rispetto all’anno prima. ...continua
Pd, Zingaretti: “Ricostruire fiducia tra noi. Renziani: La segreteria non è all’altezza

18 Giugno 2019- Tenere tutti insieme e andare oltre le polemiche. In stretta osservanza con quella “vocazione ecumenica” che è stata la sua cifra politica e la rotta seguita nella gestione della Regione Lazio. Dopo giorni di dibattito per le scelta fatte nella costruzione della nuova segreteria e il caso Csm-Lotti, Nicola Zingaretti ha lanciato il suo appello ...continua
PG della Cassazione chiede la sospensione da funzioni e stipendio per Palamara

18 Giugno 2019- Finora al Csm erano state inviate le trascrizioni operate col trojan installato sul cellulare di Palamara fino al 16 maggio. Sono quelle che documentano l’incontro tra l’8 e il 9 maggio per discutere le manovre da seguire per nominare il nuovo procuratore di Roma tra il pm, i deputati del Pd Luca Lottie Cosimo Ferri (il primo imputato dalla procura di Roma, ...continua
Michel Platini arrestato in Francia per corruzione

18 Giugno 2019- “L’ex presidente della Uefa Michel Platini arrestato e ora in stato di fermo a Parigi“: la notizia è stata pubblicata dal sito francese Mediapart e fa ripiombare il mondo del calcio nello spettro dei brogli e delle combine internazionali. Questa volta non si tratta di match truccati: la vicenda è ben più rilevante e ritorna a toccare una vicenda mai del tutto chiarita, ovvero ...continua
Natalia Aspesi: Gli italiani adorano i propri carnefici"

16 Giugno 2019- Due anni fa, ci aveva detto: “Se vincono i 5 stelle, mi sparo”. Per fortuna, non è stata di parola: “Sono una vecchia strega casalinga. Ho scelto la sopravvivenza, fantasticando ogni genere di crudeltà contro Salvini e Di Maio”. Per mesi, abbiamo molestato Natalia Aspesi – la più grande campionessa vivente del giornalismo italiano – per chiederle come è riuscita a superare, ...continua
Forza Italianel caos. Vitali: "Pronto a seguire Toti.

16 Giugno 2019- "Trovo interessante quello che dice Giovanni Toti, uno dei pochi che afferma pubblicamente ciò che pensa. Ho sostenuto gli stessi concetti nella riunione del gruppo al Senato e in due colloqui privati con Berlusconi. L'analisi che fa Toti è corretta e la sua diagnosi è precisa". Lo afferma ad Affaritaliani.it il senatore di Forza Italia Luigi Vitali, ex coordinatore del partito ...continua
Gad Lerner dice che la sinistra ha dimenticato gli operai. La verità è che li ha traditi

16 Giugno 2019- In un suo articolo sul rotocalco turbomondialista "La Repubblica", Gad Lerner ragiona sul perché la sinistra ha perduto i suoi consensi presso i lavoratori. L'articolo è interessante e si intitola "La sinistra che ha dimenticato gli operai e quei milioni di voti persi". Mi permetto di precisare: la sinistra non ha "dimenticato gli operai", li ha ...continua
Rivolta nel carcere di Poggioreale

16 Giugno 2019- Altissima tensione nel carcere Poggioreale di Napoli, per una violenta rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300 detenuti). Una situazione incandescente, con una Sezione detentiva distrutta dai rivoltosi. ''Situazione è molto grave'', denuncia Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. ...continua
Zingaretti tiene fuori i renziani dalla nuova segreteria del PD

16 Giugno 2019- Ancora più duro il commento del deputato Luciano Nobili: “Si parla di nuovo Pd, Zingaretti ci spieghi come funziona: vedo tanta nostalgia del passato, uno sguardo indietro, alle ‘gioiose macchine da guerra, al ‘torniamo al bipolarismo’ …non vedo novità, solo un vecchio, insopportabile giustizialismo” dice il presidente dell’Associazione Sempre Avanti, ad Assisi alla ...continua
Luca Poniz, eletto il nuovo presidente dell'ANM

16 Giugno 2019- È Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Pm a Milano, già vicepresidente Anm ed esponente di Area, la corrente di sinistra delle toghe, Poniz succede a Pasquale Grasso, che oggi ha lasciato in polemica l’incarico. L’Anm doveva subito voltare pagina e non si è atteso come previsto il 6 luglio per il rinnovo dei vertici. Giuliano Caputo di Unicost è ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Spaghetti chi cozzi chini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra