Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Il Sud fugge verso Nord.
Condividi                       

di Antonello Caporale

In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare per un po’ e riassaporare il cibo dell’infanzia, salutare le proprie pietre. Una parentesi, in una vita che si svolge altrove. Il Sud ogni anno perde gli abitanti di una città grande quanto Foggia, ogni anno si allontana dal Nord, ogni anno si fa più vecchia e fragile. Il Sud Italia oggi è l’area più grande e più sottosviluppata dell’Unione europea.

Tra due mesi, quando il Parlamento suggellerà l’autonomia allargata richiesta da tre regioni (Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna) il raffronto sarà ancora più duro perché le risorse non saranno divise soltanto in ragione degli abitanti e dei relativi bisogni (quanti malati, in quale territorio; quanti studenti e quante scuole) ma anche, come chiede il governatore leghista del Veneto Luca Zaia, in proporzione al gettito fiscale.

Se la ricchezza pro capite diviene un parametro per dividere le risorse nazionali e si aggiunge a quello rimitivo degli abitanti, il Mezzogiorno perderà due volte. Meno abitanti=meno risorse, quindi meno ospedali e meno scuole, meno insegnanti, meno inservienti. A questa sottrazione si aggiungerà la nuova: più poveri e dunque ancora più poveri. Si ridurrà ancora la qualità delle prestazioni, si agevolerà il turismo sanitario e scolastico che già ora è un costo insopportabile.

Ogni anno farsi curare al Nord costa al Sud un miliardo e duecento milioni di euro. Direte: colpa del Nord se al Sud gli ospedali sono più inefficienti? La porzione di verità che contiene questa domanda non esaurisce la questione. È del tutto vero che il Mezzogiorno sia stato malamente amministrato e che quindi fa i conti anche con la propria inefficienza. Sconta la propria responsabilità e i risultati si vedono.

Ma questa osservazione non risolve il problema: gli ospedali del Nord sono pieni di bravi medici meridionali che avrebbero scelto di sicuro di rimanere nella loro terra se avessero trovato disponibilità. Ma al Sud gli ospedali chiudono. Così come le scuole, come la pubblica amministrazione la cui pianta organica è ormai ferma a 20 anni fa. Da allora solo pensionamenti, null’altro. Il reddito di cittadinanza, questo sussidio straordinario, è una forma di assistenza decisiva per le fasce ancora più povere, ancora più escluse. Ma, appunto, resterà assistenza se i percettori dell’assegno non potranno essere chiamati a un lavoro. Dove si trova il lavoro? Chi lo offre il lavoro?

Un territorio muore se non viene curato. E il Sud è senza cure da oltre un ventennio. Nessun programma di infrastrutture, nessuna opera industriale, niente iniziative. Il depauperamento anche civile conduce alla transumanza. E l’autostrada del Sole diviene la triste via dell’esilio.
6 Gennaio 2019



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Pipi chini 'i risu e prosciuttu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra