Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Gli industriali vedono la recessione
Condividi                       

di Giancarlo Mazzucca

Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C.

Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono dimostrati molto orgogliosi per la tregua raggiunta con l'Europa che ha evitato all'Italia una procedura d'infrazione. A questo punto, a sentire i massimi esponenti del governo, la strada nel 2019 per il nostro Paese sarà tutta in discesa o quasi soprattutto sul fronte economico, a cominciare dai bilanci delle famiglie che ci guadagneranno. Poi vai a vedere meglio e, almeno per quanto riguarda la classe media, trovi tagli ma sulle entrate e non sulle tasse che pagheremo.

Qualcuno dirà: ecco le solite Cassandre. Ma adesso scopri che si stanno lamentando anche molti altri. E' il caso del presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, che pure aveva avuto ampie assicurazioni da Di Maio e Salvini dopo l'assise degli imprenditori a Genova. Ho sentito ieri, al telefono, il numero uno di viale dell'Astronomia e il quadro che emerge dal colloquio conferma decisamente le mie impressioni: il futuro è, piuttosto, a tinte nere perché la manovra, che ci è stata venduta come espansiva, potrebbe invece avere effetti-boomerang: con il rallentamento dell'economia globale, ci troviamo di fronte solo a palliativi e la recessione potrebbe, così, aggredire in tempi brevi.

Secondo Boccia è evidente che le clausole di salvaguardia previste per il 2020 rendono ancora più probabili i rischi di una decrescita che dobbiamo evitare. Insomma, non c'è tempo da perdere e la ricetta degli imprenditori è la solita: bisogna porsi obiettivi-Paese ben chiari, a cominciare dall'emergenza-lavoro. Tanti i provvedimenti necessari per ridare slancio al made in Italy e la strada che Confindustria torna oggi a chiedere è opposta a quella indicata dai grillini: riaprire subito i cantieri facendo anche un'analisi seria dell'impatto positivo che si registrerà sull'occupazione in modo da compensare altri contraccolpi della manovra. Insomma, finite le feste, passato lo santo.

Approfittando anche del clima natalizio, il governo sembrava, infatti, al latte e miele. E, in questi giorni, certi «opinion maker» hanno anche fatto passare il premier Conte come una specie d'eroe perché, grazie alle sue abili doti di fine tessitore, siamo riusciti a recuperare il filo del discorso interrotto con l'Europa. Peccato solo che questi soloni erano gli stessi che, fino a poche settimane fa, continuavano a dirci che bisognava invece sbattere la porta a Bruxelles. Così va il mondo.
6 Gennaio 2019



L'Emilia Romagna resta rossa, il centrodestra vola in Calabria

27 Gennaio 2020- di Andrea Indini L'Emilia Romagna resta rossa, mentre il centrodestra strappa alla sinistra la Calabria. Al termine di una campagna elettorale durissima e senza esclusione di colpi, che dal piano regionale ha sempre sconfinato su quello nazionale, il governatore uscente Stefano Bonaccini inacassa il 51,39% delle preferenze e vince sulla leghista Lucia Borgonzoni ...continua
Giustizia, le toghe contro Bonafede: "No a sanzioni e tempi strozzati"

26 Gennaio 2020- Un "rischio per la tutela dei diritti dei cittadini". Cosi' l'Anm bolla la proposta del Guardasigilli Alfonso Bonafede di programmare i tempi - 4 o 5 anni al massimo - dei processi penali, con l'ipotesi di sanzioni disciplinari per le toghe in caso di 'sforamenti'. I magistrati definiscono "irricevibile" e "brutale" questa previsione - contenuta nella bozza di ...continua
Governo: il futuro si deciderà dopo l'Emilia. Tutti i possibili scenar

26 Gennaio 2020- di Gianni Pardo C’è una discussione che imperversa da mesi: ammesso che in Emilia-Romagna il voto consegni la regione alla Lega, decretando la fine dell’egemonia comunista e post-comunista, durata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ciò comporterà la caduta del governo? Le risposte a questa domanda sono varie. Chi è un parlamentare (e non parliamo di chi ...continua
Successore Di Maio: nomi in lizza e alternative politiche. Il piano

26 Gennaio 2020- di Giuseppe Spadaro Terremoto in casa Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio a pochi giorni dalle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna (qui un nostro speciale su elezioni-economia) lascia la guida politica del Movimento 5 Stelle. L’indiscrezione che pure circolava da alcune settimane ha trovato nelle ultime ore una rapida ed in parte inattesa conferma. Le ...continua
Coldiretti: anche con agrumi e kiwi si combatte l’influenza

26 Gennaio 2020- Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza arrivano i rimedi contadini per combattere a tavola il virus ormai vicino al picco stagionale. L’iniziativa è della Coldiretti con il primo “Vitamina Day” organizzato nel week end delle arance della salute promosso da Airc nei mercati di Campagna Amica di tutta Italia, a partire da quello di Roma del Circo Massimo e ...continua
Emilia Romagna, la mossa sfacciata di Conte terrorizzato dalle elezioni

26 Gennaio 2020- di Franco Bechis Nell'ultima notte prima del silenzio elettorale per il voto nelle regionali dell'Emilia Romagna e della Calabria il presidente del Consiglio Giuseppe Conte- disdetti tutti gli impegni esteri- ha chiamato a raccolta i suoi ministri per l'atto forse più indecente che si ricordi nella pure non adamantina storia dei governi della prima e della ...continua
Zingaretti sotto assedio vuol cambiare nome al Pd prima di essere cacciato

26 Gennaio 2020- di Pasquale Napolitano Un anno fa, all'indomani della vittoria alle primarie, Nicola Zingaretti si presentò nella veste di segretario del Pd con una promessa: «Sbaracchiamo dal Nazareno». Domani mattina, in caso di risultato negativo per il centrosinistra nella doppia sfida in Emilia Romagna e Calabria, il presidente della Regione Lazio rischia di essere il ...continua
Cgia, gli autonomi pagano più tasse di dipendenti e pensionati

26 Gennaio 2020- Le partite Iva pagano più Irpef dei dipendenti e dei pensionati. A dichiararlo, in una nota, è l'ufficio studi della Cgia di Mestre che, analizzando i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2018 ha rilevato che, in media, l'Irpef versata dagli autonomi è di oltre 5mila euro contro i 4mila dei lavoratori dipendenti e i 3mila dei pensionati. Si tratta, ...continua
Mandiamoli a casa nel nome di Tortora

26 Gennaio 2020- di Alessandro Sallusti «Gli innocenti non finiscono mai in carcere» ha sostenuto con spocchia grillina il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per difendere la sua indifendibile abolizione della prescrizione, detta anche la riforma del «fine processi mai». In quelle sei parole di Bonafede è riassunto il problema che abbiamo, cioè quello di essere governati da una classe dirigente ...continua
Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Bresaola con caprino
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra