Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Gli industriali vedono la recessione
Condividi                       

di Giancarlo Mazzucca

Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C.

Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono dimostrati molto orgogliosi per la tregua raggiunta con l'Europa che ha evitato all'Italia una procedura d'infrazione. A questo punto, a sentire i massimi esponenti del governo, la strada nel 2019 per il nostro Paese sarà tutta in discesa o quasi soprattutto sul fronte economico, a cominciare dai bilanci delle famiglie che ci guadagneranno. Poi vai a vedere meglio e, almeno per quanto riguarda la classe media, trovi tagli ma sulle entrate e non sulle tasse che pagheremo.

Qualcuno dirà: ecco le solite Cassandre. Ma adesso scopri che si stanno lamentando anche molti altri. E' il caso del presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, che pure aveva avuto ampie assicurazioni da Di Maio e Salvini dopo l'assise degli imprenditori a Genova. Ho sentito ieri, al telefono, il numero uno di viale dell'Astronomia e il quadro che emerge dal colloquio conferma decisamente le mie impressioni: il futuro è, piuttosto, a tinte nere perché la manovra, che ci è stata venduta come espansiva, potrebbe invece avere effetti-boomerang: con il rallentamento dell'economia globale, ci troviamo di fronte solo a palliativi e la recessione potrebbe, così, aggredire in tempi brevi.

Secondo Boccia è evidente che le clausole di salvaguardia previste per il 2020 rendono ancora più probabili i rischi di una decrescita che dobbiamo evitare. Insomma, non c'è tempo da perdere e la ricetta degli imprenditori è la solita: bisogna porsi obiettivi-Paese ben chiari, a cominciare dall'emergenza-lavoro. Tanti i provvedimenti necessari per ridare slancio al made in Italy e la strada che Confindustria torna oggi a chiedere è opposta a quella indicata dai grillini: riaprire subito i cantieri facendo anche un'analisi seria dell'impatto positivo che si registrerà sull'occupazione in modo da compensare altri contraccolpi della manovra. Insomma, finite le feste, passato lo santo.

Approfittando anche del clima natalizio, il governo sembrava, infatti, al latte e miele. E, in questi giorni, certi «opinion maker» hanno anche fatto passare il premier Conte come una specie d'eroe perché, grazie alle sue abili doti di fine tessitore, siamo riusciti a recuperare il filo del discorso interrotto con l'Europa. Peccato solo che questi soloni erano gli stessi che, fino a poche settimane fa, continuavano a dirci che bisognava invece sbattere la porta a Bruxelles. Così va il mondo.
6 Gennaio 2019



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Tortellini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra