Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa
Condividi                       

di Andrea Strozzi

Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i più piccoli, è molto educativa: si tratta di giochi non più competitivi, in cui l’obiettivo è cioè primeggiare sugli avversari, sconfiggendoli o raggiungendo prima di essi il traguardo, ma cooperativi, in cui è prevista la coalizione di tutti i partecipanti per superare insieme una sfida comune (evitare una minaccia, debellare una malattia, annientare un unico avversario).

C’è però, da sempre, un gioco che mette d’accordo tutti. Grandi e piccini. Popoli scandinavi e mediterranei. Dai Pirenei agli Urali. In base alla notifica internazionale dei giochi da tavolo, ecco le specifiche. Età: 0-99 anni. Durata: la vita intera. Numero di giocatori: uno-7 miliardi. Questo gioco ha origini occidentali e, sebbene venga assiduamente praticato da quasi tre secoli, le sue regole sono state codificate solo nel 1955 dal consulente economico dell’Amministrazione Truman, Victor Lebow, che le espose con la massima chiarezza sul Journal of Retail: “La nostra economia incredibilmente produttiva ci richiede di elevare il consumismo a nostro stile di vita, di trasformare l’acquisto e l’uso di merci in rituali, di far sì che la nostra realizzazione personale e spirituale venga ricercata nel consumismo. Abbiamo bisogno che sempre più beni vengano consumati, distrutti e rimpiazzati a un ritmo sempre maggiore. Abbiamo bisogno di gente che mangi, beva, vesta e viva in un consumismo sempre più complicato e di conseguenza sempre più costoso”.

Il gioco è stupendo e rientra a pieno titolo nella categoria “gestione risorse”, al pari di bestseller internazionali come Monopoli, i Coloni di Catan e, online, Age of Empires. Come funziona? Si comincia fin dal nascita, quando ogni giocatore, non essendo ancora in grado di gettare i dadi, viene pilotato da altri giocatori (tipicamente genitori e nonni, ma anche amici e parenti). E si finisce con il decesso fisico del giocatore, altra circostanza in cui, a occuparsi dell’aumento del punteggio, non è il giocatore stesso, ma figli e nipoti. L’obiettivo del gioco, che a onor del vero nelle istruzioni di Lebow non viene espressamente citato, è quello – per tutta la durata della partita – di imprigionarsi. Non si va cioè in prigione solo pescando una carta Imprevisti o Probabilità, ma è l’intero palinsesto a prevedere una carcerazione ininterrotta, con livelli di segregazione crescente.

L’obiettivo dichiarato, invece, è quello di aumentare il punteggio complessivo, che viene misurato sul segnapunti dal Pil. Il vero colpo di genio del suo inventore è appunto che più si è imprigionati nel gioco e più il punteggio complessivo cresce. Così, se per caso durante la partita perdi il lavoro, succede che ti senti spacciato e privo di vie d’uscita. Di conseguenza, prima t’incazzi col tabellone, poi organizzi una protesta di piazza, fai qualche picchetto sotto al ministero del Lavoro e rivendichi il tuo diritto-dovere di produrre, guadagnare e consumare come tutti gli altri. Perché, ed è questo il suo fascino, il gioco non prevede alternative al gioco stesso.

Ma gli esempi non finiscono qui: se durante la partita un altro giocatore acquista una casa più grande, un’auto più potente, vestiti più costosi o fa le vacanze in luoghi più esotici, il meccanismo prevede che tu non possa essere da meno, quindi scattano sofisticatissime dinamiche, indicate nelle note a margine alla voce “omologazione”, che prevedono il tuo sbattimento per ridurre la caselline di distanza dall’avversario, guadagnando più soldi. Soldi che – attenzione! – non sono pezzi di carta finti come quelli del Monopoli, ma sono pezzi di carta veri. Capita poi che vi siano giocatori che, per svogliatezza, negligenza o semplicemente perché i loro segnalini sono posizionati su zone del planisfero più svantaggiate, partecipino al gioco con minore accanimento, finendo per perdere punti e posizioni in classifica: il regolamento ha pensato anche a loro, prevedendone una progressiva eliminazione dalla partita per mano di giocatori più bravi.

Ma l’aspetto più affascinante del gioco è emerso negli ultimi anni. Fasce sempre più estese di giocatori, distribuite equamente in tutto il planisfero, stanno provando a insinuare il dubbio che la partita possa essere giocata anche senza rispettare pienamente il regolamento di Lebow. Si tratta cioè di giocatori che si scambiano cose senza produrne sempre di nuove, riparano quelle che si rompono, autoproducono i beni alimentari di prima necessità (o addirittura l’energia), fanno vacanze a piedi e in posti vicini, vivono insieme (magari lontano dalle città) per evitare la schiavitù dai pezzi-di-carta-veri. Sono giocatori che, in una parola, si accontentano. Ora, la domanda è: come farà, il regolamento, a eliminarli?
30 Dicembre 2018



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
'U Maccu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra