Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.
Condividi                       

di Pierfranco Pellizzetti

Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del tappetino; tutelando almeno formalmente la propria dignità di partner dell’Unione indisponibile a scendere al livello di uno Tsipras qualunque, che sbraita e fa il fenomeno a casa propria e poi – in trasferta – si trasforma in uno yes-man sottomesso a ogni prepotenza.

Posizione “verticale” – la nostra – in cui vigeva non solo calcolo elettorale ma anche legittima fierezza. E pure molto bluff teatralizzato, indubbiamente. Ma la politica ha una sua eminente dimensione simbolica che non deve mai essere sottovalutata. Cui possiamo aggiungere l’inaspettato soccorso della dea bendata: la fortunosa e inaspettata accensione dello stellone d’Italia, sotto forma di riacutizzarsi del pasticcio Brexit e di crollo improvviso della grandeur macroniana sotto schiaffo dei gilets jaunes, che ha dirottato altrove l’attenzione primaria di Bruxelles. Ennesima conferma che la fortuna aiuta gli audaci (o magari gli incoscienti).

Per il resto – dato al nostro governo quello che è del governo – la sostanza dell’intera vicenda è stata di una pochezza disarmante in quanto a contenuti.

Intanto siamo tornati ai dibattiti parlamentari silenziati a colpi di fiducia; con un effetto silenziamento che non riesce a nascondere la mancanza di progetto politico, che non sia quello di blandire i rispettivi elettorati dei due azionisti di governo. Difatti solo Luigi Di Maio (o a suo tempo Matteo Renzi) può pensare che distribuire mance a pioggia evochi una Mano Invisibile che innesca sviluppo. Tema che non tocca minimamente Matteo Salvini, intento a coccolarsi gli energumeni del tifo ultras, che potranno venire bene a partire dalle votazioni del prossimo maggio. Per le abbinate elezioni europee e amministrative. Sempre che il Capitano dal tweet facile non pensi di incassare in politiche anticipate il tesoretto virtuale di consensi accreditatigli dai sondaggi.

Perché l’intermediario tra i due effettivi capi di governo Giovanni Conte ha un bel dire che la compagine non deve e non può essere sciolta, può ingegnarsi a scaricare le tensioni interne promettendo rimpasti che gli vengono immediatamente smentiti. Il fatto è che il boss leghista è animale dalle antenne troppo sensibili per non rendersi conto che quando gli effetti della manovra economica di fine anno entreranno in funzione saranno dolori. Altro che “finanziaria del popolo”, il varo del vagheggiato nuovo corso di risanamento nazionale.

Difatti se Luigi Di Maio sguaina in permanenza il suo ormai cronico sorriso incosciente, il faccione salviniano rivela una crescente cupezza per i segnali che gli giungono dalle sue storiche enclave a Nord-Est; siano le associazioni industriali, sia il governatore veneto Zaia, che percepiscono aggravamenti sociali ed economici in arrivo. Sotto forma di ulteriore caduta libera del sistema produttivo, dopo le tante chiacchiere sulle imprese 4.0 e le meraviglie competitive inesistenti del nostro export, ma anche come risentimento montante quando sarà percepito appieno l’effetto di aggravamento della pressione fiscale determinato dai pasticci governativi.

La previsione che qui si fa è che anche per il tandem Salvini-Di Maio la luna di miele con il Paese tenda all’esaurimento. Ma il primo si è costruito un marchingegno che a breve lo mette in sicurezza nei confronti della crescente natura ondivaga del corpo elettorale. Per il secondo, dopo aver dilapidato tra Puglia e Val di Susa buona parte del capitale di consensi che aveva portato 5S a essere il primo partito nazionale, potrebbe prefigurarsi un destino analogo a quello dell’Italia dei Valori e del suo guru Antonio Di Pietro. Del resto esperienze che trovano il proprio trait d’union nel comune patrocinio della Casaleggio Associati.

Mentre continua a essere incomprensibile cosa le opposizioni ci stiano a fare.
30 Dicembre 2018



Pensione d'oro per punire il pm

6 Luglio 2019- di Giannino Della Frattina Da una parte la condanna del sindaco di Milano Giuseppe Sala a sei mesi per un vizio di forma, dall'altra l'accompagnamento soft a una pensione più che d'oro dopo un brutto fatto di intercettazioni del procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio. Non c'è niente da fare, in tutte le fattorie gli animali sono uguali, ma ci sono animali più uguali degli altri. Ed è ...continua
La pressione fiscale è salita al 48%

6 Luglio 2019- di Sandra Riccio I contribuenti italiani che versano fino all’ultimo centesimo tutte le tasse, le imposte e i contributi previdenziali chiesti dall’Amministrazione pubblica, subiscono una pressione fiscale reale del 48 per cento: si tratta di quasi 6 punti in più rispetto al dato ufficiale, che nel 2018 si è attestato al 42,1 per cento. E’ quanto denuncia l’analisi di oggi della CGIA. Come è ...continua
Due navi in cerca di porto. Sfida a Salvini da Sea-Eye: "Andiamo verso Lampedusa"

6 Luglio 2019- Dopo l’ennesima notte trascorsa in mare, la nave Alan Kurdi della Sea Eye tedesca sfida Matteo Salvini che a sua volta ha aperto un caso diplomatico con Germania: “Con 65 persone soccorse a bordo ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Non siamo intimiditi da un ministro dell’Interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del ...continua
Le navi delle Ong sfidano Salvini: vige la legge del mare

6 Luglio 2019- Oramai, sui migranti, è braccio di ferro tra le Ong e il governo Salvini. "Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo". Dopo il precedente della Sea Watch, anche la nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea-Eye ora sfida il governo, che venerdì attraverso le parole di Matteo Salvini aveva vietato l'accesso all'imbarcazione nei ...continua
Festa Unità di Reggio, 2 milioni di debiti e Pd pronto a passo indietro

6 Luglio 2019- Il 18 settembre 1983 due milioni di persone si radunavano al Campovolo di Reggio Emilia: a chiudere la Festa nazionale dell’Unità era arrivato il segretario del Partito comunista, Enrico Berlinguer. Nel 1997, su quel palco, si esibivano gli U2: ad assistere al concerto 147mila fan, record assoluto per una band fino ad allora. Due istantanee entrate nell’immaginario ...continua
Lettera di Renzi alla Repubblica: "Ecco le colpe del Pd”

6 Luglio 2019- M atteo Renzi affonda il colpo mortale contro il Pd. Carlo Calenda e Luca Lotti preparano la scissione. Si riapre la resa dei conti tra i dem. L'ex segretario si affida a Repubblica, giornale d'area, per affondare il coltello nella piaga del Pd targato Zingaretti. Anticipando una rottura ormai inevitabile. Nella lettera consegnata al quotidiano, Renzi spara contro l'ex ministro ...continua
L'Italia va sempre più a fondo

6 Luglio 2019- di Antonino Signorini C'è un'Italia che arranca, quella dell'economia, delle famiglie e delle imprese. Ma c'è n'è anche una che procede a gonfie vele e inanella una serie di record: è l'Italia delle entrate fiscali, in particolare sui giochi. La panoramica poco lusinghiera di un Paese frenato, che ha più fiducia nelle lotterie che nell'economia e preferisce scommettere (letteralmente) che produrre, è ...continua
La nuova Europa dei “falliti”

6 Luglio 2019- di Lorenzo Vita La nuova Europa non nasce certo sotto i migliori auspici. Altro che uomini di rottura, altro che spirito europeo, altro che comprensione del nuovo vento che spira sugli Stati dell’Unione europea. Quella nuova Europa nata dai tavoli delle trattative del Consiglio europeo, dell’asse franco-tedesco e delle segrete stanze dei partiti è un’istituzione che nasce già zoppa. E che simboleggia già ...continua
Concorso presidi, è così difficile organizzare una selezione ?

5 Luglio 2019- di Marina Boscaino Tre giorni fa la clamorosa notizia dell’annullamento da parte del Tar del concorso per dirigente scolastico, in fase di conclusione, a causa dell’incompatibilità di alcuni commissari. Oggi, forse domani, la sospensiva del Consiglio di Stato rispetto alla pronuncia del Tar. Il “gioco delle parti” continua, sulla pelle di tanti aspiranti dirigenti; e si ...continua
Caos Csm, tre procuratori denunciano Fuzio per le conversazioni con Palamara

5 Luglio 2019- Il procuratore generale di Cassazione, Riccardo Fuzio, è indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo l’ipotesi di reato al vaglio dei magistrati umbri, il magistrato – che giovedì aveva comunicato il suo pensionamento anticipato – avrebbe raccontato al pm Luca Palamara alcuni dettagli sulla comunicazione giunta al Csm ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Costruzioni Lego
Cucina
Turbanti 'i risu e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra