Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.
Condividi                       

di Pierfranco Pellizzetti

Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del tappetino; tutelando almeno formalmente la propria dignità di partner dell’Unione indisponibile a scendere al livello di uno Tsipras qualunque, che sbraita e fa il fenomeno a casa propria e poi – in trasferta – si trasforma in uno yes-man sottomesso a ogni prepotenza.

Posizione “verticale” – la nostra – in cui vigeva non solo calcolo elettorale ma anche legittima fierezza. E pure molto bluff teatralizzato, indubbiamente. Ma la politica ha una sua eminente dimensione simbolica che non deve mai essere sottovalutata. Cui possiamo aggiungere l’inaspettato soccorso della dea bendata: la fortunosa e inaspettata accensione dello stellone d’Italia, sotto forma di riacutizzarsi del pasticcio Brexit e di crollo improvviso della grandeur macroniana sotto schiaffo dei gilets jaunes, che ha dirottato altrove l’attenzione primaria di Bruxelles. Ennesima conferma che la fortuna aiuta gli audaci (o magari gli incoscienti).

Per il resto – dato al nostro governo quello che è del governo – la sostanza dell’intera vicenda è stata di una pochezza disarmante in quanto a contenuti.

Intanto siamo tornati ai dibattiti parlamentari silenziati a colpi di fiducia; con un effetto silenziamento che non riesce a nascondere la mancanza di progetto politico, che non sia quello di blandire i rispettivi elettorati dei due azionisti di governo. Difatti solo Luigi Di Maio (o a suo tempo Matteo Renzi) può pensare che distribuire mance a pioggia evochi una Mano Invisibile che innesca sviluppo. Tema che non tocca minimamente Matteo Salvini, intento a coccolarsi gli energumeni del tifo ultras, che potranno venire bene a partire dalle votazioni del prossimo maggio. Per le abbinate elezioni europee e amministrative. Sempre che il Capitano dal tweet facile non pensi di incassare in politiche anticipate il tesoretto virtuale di consensi accreditatigli dai sondaggi.

Perché l’intermediario tra i due effettivi capi di governo Giovanni Conte ha un bel dire che la compagine non deve e non può essere sciolta, può ingegnarsi a scaricare le tensioni interne promettendo rimpasti che gli vengono immediatamente smentiti. Il fatto è che il boss leghista è animale dalle antenne troppo sensibili per non rendersi conto che quando gli effetti della manovra economica di fine anno entreranno in funzione saranno dolori. Altro che “finanziaria del popolo”, il varo del vagheggiato nuovo corso di risanamento nazionale.

Difatti se Luigi Di Maio sguaina in permanenza il suo ormai cronico sorriso incosciente, il faccione salviniano rivela una crescente cupezza per i segnali che gli giungono dalle sue storiche enclave a Nord-Est; siano le associazioni industriali, sia il governatore veneto Zaia, che percepiscono aggravamenti sociali ed economici in arrivo. Sotto forma di ulteriore caduta libera del sistema produttivo, dopo le tante chiacchiere sulle imprese 4.0 e le meraviglie competitive inesistenti del nostro export, ma anche come risentimento montante quando sarà percepito appieno l’effetto di aggravamento della pressione fiscale determinato dai pasticci governativi.

La previsione che qui si fa è che anche per il tandem Salvini-Di Maio la luna di miele con il Paese tenda all’esaurimento. Ma il primo si è costruito un marchingegno che a breve lo mette in sicurezza nei confronti della crescente natura ondivaga del corpo elettorale. Per il secondo, dopo aver dilapidato tra Puglia e Val di Susa buona parte del capitale di consensi che aveva portato 5S a essere il primo partito nazionale, potrebbe prefigurarsi un destino analogo a quello dell’Italia dei Valori e del suo guru Antonio Di Pietro. Del resto esperienze che trovano il proprio trait d’union nel comune patrocinio della Casaleggio Associati.

Mentre continua a essere incomprensibile cosa le opposizioni ci stiano a fare.
30 Dicembre 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra