Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Manovra, al Senato è il caos: ​passa la fiducia tra urla e risse
Condividi                       

Risse, urla, pianti e scontri durissimi. Alla fine di una maratona notturna, che sembrava non aver più fine, l'Aula del Senato ha dato il via libera con 163 voti favorevoli, 68 contrari e due astenuti alla manovra economica che ora dovrà tornare alla Camera dei Deputati per l'approvazione definitiva.

Il testo di 270 pagine stravolge totalmente la legge di Bilancio, inserendo i dettagli scaturiti dall'accordo con la Commissione europea e le misure su cui la Lega e il Movimento 5 Stelle si sono accordati all'ultimo. Le opposizioni, Forza Italia e Partito democratico in testa, attaccano non solo il merito ma anche il metodo, con il maxi emendamento arrivato in zona Cesarini, per poi essere ancora limato direttamente nella commissione Bilancio a Palazzo Madama, senza alcun voto, ma solo una sostanziale ratifica, quasi alla cieca.

Lo scontro in commissione Bilancio
Quella di ieri è stata l'ennesima giornata al cardiopalma. Il governo incassa sì la fiducia sul maxi emendamento che recepisce l'intesa con Bruxelles, ma strappa con le opposizioni che denunciano, senza troppi giri di parole, un comportamento incostituzionale da parte della maggioranza. Tanto che, dopo aver abbandonato la commissione Bilancio e aver manifestato il proprio dissenso in Aula, si è arrivati a parlare di ricorso alla Corte costituzionale.

Ai senatori delle opposizioni, infatti, non è stato consentito di procedere a un solo voto sul testo. L'ultimo miglio è stato anche il più lungo. L'avvio della discussione generale, prevista per le 14, è slittato alle 20,30. La tensione è salita in commissione Bilancio quando il governo ha annunciato la necessità di modificare il testo presentato per correggere degli errori formali e per stralciare alcune norme per motivi di copertura.

Una decisione che ha scatenato l'ira dell'opposizione. Forza Italia ha lasciato la commissione prima del voto sulla modifica del testo, il Partito democratico ha chiesto le dimissioni del presidente della commissione, Daniele Pesco, e Fratelli d'Italia non hanno partecipato al voto. Più tardi, quando dopo l'ennesima capigruppo il testo è finalmente giunto in Aula, si è sfiorata la rissa quando i senatori dem si sono avvicinati ai banchi del governo (guarda il video). Sono volate alcune copie del maxiemendamento e la piddì Simona Malpezzi ha accusato la senatrice questore Laura Bottici (M5s) di averle "messo le mani addosso". Per calmare gli animi il presidente Maria Elisabetta Casellati ha sospeso per alcuni minuti la seduta.

Durante la discussione in Aula, le opposizioni hanno dato del filo da torcere alla maggioranza gialloverde. Il Partito democratico ha denunciato la violazione del regolamento di Palazzo Madama e quindi dell'articolo 72 della Costituzione. Tanto che solleverà un ricorso diretto alla Consulta. "Affinché - come hanno spiegato i dem - si pronunci sulla enormità che si sono compiute, sotto i nostri occhi e sotto quelli del Paese, da parte di questo governo violento che se ne frega dei diritti del Parlamento". Anche l'ex premier Matteo Renzi li ha attaccati a testa bassa dicendoche la legge di Bilancio ridimensiona le misure annunciate dal governo giallo-verde: "È la retromarcia dei populisti... alla fine la realtà ti presenta sempre il conto".

Poi, chitando Abramo Lincoln, ha chiosato: "Potete ingannare tutti per qualche tempo, e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre". Durissima anche la protesta di Forza Italia che ha esposto i cartelli "Più povertà per tutti: fatto" (guarda il video). Anna Maria Bernini, poi, ha ironizzato sulla "manovra del popolo" da votare "alle 2 di notte", quando "si aggira solo la Befana". "Avete paura di mostrare le opposizioni? Dateci voce!", ha attaccato la presidente dei senatori azzurri, per poi sbeffeggiare i pentastellati, che promettevano di aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. "Ma vi è scappato il tonno - ha tuonato - e anziché una scatoletta aperta, volete farci approvare una manovra a scatola chiusa".

Tra i cambiamenti last minute c'è lo stralcio di due novità. Una tocca alcune graduatorie della Pubblica amministrazione, prorogate ma con alcuni paletti. L'altra, più sostanziale, toglie la misura che imponeva una stretta agli autisti con conducente, gli Ncc. L'esecutivo prima parla di "una valutazione tecnica" delle nuove linee guida che "potrebbero comportare una scopertura", quindi decide di far rientrare la norma sotto forma di decreto.

Il ministro per i Trasporti Danilo Toninelli cerca di rassicurare i tassisti che a Roma hanno subito inscenato nuovi blocchi accusando i concorrenti Ncc di essere favoriti dalla mancanza di regolamentazione. Di fronte ad altri rilievi secondo cui erano diminuiti gli investimenti a bilancio, fonti di Palazzo Chigi hanno invece sottolineato che "le risorse destinate nel prossimo triennio restano invariate, per un valore complessivo di circa 15 miliardi". Certo, a seguito dell'interlocuzione con l'Unione europea è stato ridotto di 2,1 miliardi l'ammontare trienniale a carico del bilancio dello Stato.

"Ma - spiegano le fonti all'agenzia LaPresse - tali risorse saranno pienamente compensate con i fondi strutturali". Per il caos e gli slittamenti, la maggioranza respinge l'idea di un suk con trattative estenuanti tra Lega e M5S. C'è, invece, chi incolpa di tutto il ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, già finito sotto accusa da parte dei pentastellati nelle settimane passate. "È comunque vicino alla scadenza...", sussurrano i gialloverdi all'agenzia Adnkronos.

Nel frattempo, però, c'è da portare a casa la manovra che non vedrà il via libera definitivo la prossima settimana. La commissione della Camera per la terza lettura è stata convocata il 27 dicembre, l'Aula il 28 e 29. Il tutto a poche ore dall'incubo dell'esercizio provvisorio.
23 Dicembre 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Ciuppin
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra