Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Manovra, al Senato è il caos: ​passa la fiducia tra urla e risse
Condividi                       

Risse, urla, pianti e scontri durissimi. Alla fine di una maratona notturna, che sembrava non aver più fine, l'Aula del Senato ha dato il via libera con 163 voti favorevoli, 68 contrari e due astenuti alla manovra economica che ora dovrà tornare alla Camera dei Deputati per l'approvazione definitiva.

Il testo di 270 pagine stravolge totalmente la legge di Bilancio, inserendo i dettagli scaturiti dall'accordo con la Commissione europea e le misure su cui la Lega e il Movimento 5 Stelle si sono accordati all'ultimo. Le opposizioni, Forza Italia e Partito democratico in testa, attaccano non solo il merito ma anche il metodo, con il maxi emendamento arrivato in zona Cesarini, per poi essere ancora limato direttamente nella commissione Bilancio a Palazzo Madama, senza alcun voto, ma solo una sostanziale ratifica, quasi alla cieca.

Lo scontro in commissione Bilancio
Quella di ieri è stata l'ennesima giornata al cardiopalma. Il governo incassa sì la fiducia sul maxi emendamento che recepisce l'intesa con Bruxelles, ma strappa con le opposizioni che denunciano, senza troppi giri di parole, un comportamento incostituzionale da parte della maggioranza. Tanto che, dopo aver abbandonato la commissione Bilancio e aver manifestato il proprio dissenso in Aula, si è arrivati a parlare di ricorso alla Corte costituzionale.

Ai senatori delle opposizioni, infatti, non è stato consentito di procedere a un solo voto sul testo. L'ultimo miglio è stato anche il più lungo. L'avvio della discussione generale, prevista per le 14, è slittato alle 20,30. La tensione è salita in commissione Bilancio quando il governo ha annunciato la necessità di modificare il testo presentato per correggere degli errori formali e per stralciare alcune norme per motivi di copertura.

Una decisione che ha scatenato l'ira dell'opposizione. Forza Italia ha lasciato la commissione prima del voto sulla modifica del testo, il Partito democratico ha chiesto le dimissioni del presidente della commissione, Daniele Pesco, e Fratelli d'Italia non hanno partecipato al voto. Più tardi, quando dopo l'ennesima capigruppo il testo è finalmente giunto in Aula, si è sfiorata la rissa quando i senatori dem si sono avvicinati ai banchi del governo (guarda il video). Sono volate alcune copie del maxiemendamento e la piddì Simona Malpezzi ha accusato la senatrice questore Laura Bottici (M5s) di averle "messo le mani addosso". Per calmare gli animi il presidente Maria Elisabetta Casellati ha sospeso per alcuni minuti la seduta.

Durante la discussione in Aula, le opposizioni hanno dato del filo da torcere alla maggioranza gialloverde. Il Partito democratico ha denunciato la violazione del regolamento di Palazzo Madama e quindi dell'articolo 72 della Costituzione. Tanto che solleverà un ricorso diretto alla Consulta. "Affinché - come hanno spiegato i dem - si pronunci sulla enormità che si sono compiute, sotto i nostri occhi e sotto quelli del Paese, da parte di questo governo violento che se ne frega dei diritti del Parlamento". Anche l'ex premier Matteo Renzi li ha attaccati a testa bassa dicendoche la legge di Bilancio ridimensiona le misure annunciate dal governo giallo-verde: "È la retromarcia dei populisti... alla fine la realtà ti presenta sempre il conto".

Poi, chitando Abramo Lincoln, ha chiosato: "Potete ingannare tutti per qualche tempo, e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre". Durissima anche la protesta di Forza Italia che ha esposto i cartelli "Più povertà per tutti: fatto" (guarda il video). Anna Maria Bernini, poi, ha ironizzato sulla "manovra del popolo" da votare "alle 2 di notte", quando "si aggira solo la Befana". "Avete paura di mostrare le opposizioni? Dateci voce!", ha attaccato la presidente dei senatori azzurri, per poi sbeffeggiare i pentastellati, che promettevano di aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. "Ma vi è scappato il tonno - ha tuonato - e anziché una scatoletta aperta, volete farci approvare una manovra a scatola chiusa".

Tra i cambiamenti last minute c'è lo stralcio di due novità. Una tocca alcune graduatorie della Pubblica amministrazione, prorogate ma con alcuni paletti. L'altra, più sostanziale, toglie la misura che imponeva una stretta agli autisti con conducente, gli Ncc. L'esecutivo prima parla di "una valutazione tecnica" delle nuove linee guida che "potrebbero comportare una scopertura", quindi decide di far rientrare la norma sotto forma di decreto.

Il ministro per i Trasporti Danilo Toninelli cerca di rassicurare i tassisti che a Roma hanno subito inscenato nuovi blocchi accusando i concorrenti Ncc di essere favoriti dalla mancanza di regolamentazione. Di fronte ad altri rilievi secondo cui erano diminuiti gli investimenti a bilancio, fonti di Palazzo Chigi hanno invece sottolineato che "le risorse destinate nel prossimo triennio restano invariate, per un valore complessivo di circa 15 miliardi". Certo, a seguito dell'interlocuzione con l'Unione europea è stato ridotto di 2,1 miliardi l'ammontare trienniale a carico del bilancio dello Stato.

"Ma - spiegano le fonti all'agenzia LaPresse - tali risorse saranno pienamente compensate con i fondi strutturali". Per il caos e gli slittamenti, la maggioranza respinge l'idea di un suk con trattative estenuanti tra Lega e M5S. C'è, invece, chi incolpa di tutto il ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, già finito sotto accusa da parte dei pentastellati nelle settimane passate. "È comunque vicino alla scadenza...", sussurrano i gialloverdi all'agenzia Adnkronos.

Nel frattempo, però, c'è da portare a casa la manovra che non vedrà il via libera definitivo la prossima settimana. La commissione della Camera per la terza lettura è stata convocata il 27 dicembre, l'Aula il 28 e 29. Il tutto a poche ore dall'incubo dell'esercizio provvisorio.
23 Dicembre 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra