Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Karrenbauer è la nuova leader della Cdu: eletta l’erede della Merkel.
Condividi                       

Dopo 18 anni finisce l’era di Angela Merkel alla guida dell’Unione cristiano democratica. Ma il suo partito ha scelto per la continuità, eleggendo a presidente la segretaria generale e delfina della cancelliera Annegret Kramp-Karrenbauer. Akk, così come viene soprannominata, ha battuto Friedrich Merz, il 62enne uomo d’affari e pupillo dell’attuale presidente del Bundestag, Wolfgang Schäuble, che avrebbe invece rappresentato la vera rottura con il passato. La visione interna alla Cdu su quale debba essere il futuro del partito resta però incerta: i delegati hanno scelto la Karrenbauer con 517 voti, pari al 51,75%, contro i 482 andati al suo sfidante al ballottaggio. L’altro candidato, il ministro della sanità Jens Spahn, si è fermato invece al primo turno.

Proprio per questo il compito “più urgente” di Kramp-Karrenbauer, come scrive il quotidiano conservatore Faz nella sua versione online, sarà proprio la “fusione”: riuscire a tenere insieme le anime della Cdu rappresentate da Merz e Spahn, per superare quelle lacune che si sono aperte proprio nella fase finale dell’era Merkel. Anche per questo la dirigente e madre di tre figli ha cercato di discostarsi dalla figura ingombrante della cancelliera, rifiutando l’appellativo di “mini-Merkel” con cui era stata etichettata.

Ma è pur vero che i cristiano-democratici hanno dimostrato che il fascino della Mädchen diventata Mutti è ancora forte e presente tra i corridoi del numero 8 di Klingelhöferstraße. Lo ha dimostrato l'”arrivederci” che le è stato riservato dopo 18 anni di leadership, con i cartelli. i Danke e gli applausi. Ora a chi prende la sua eredità toccherà il compito di modernizzare quel potenziale e quelle ambizione ancora presenti nella Cdu.

Gli effetti sul governo di Berlino – A farlo sarà Kramp-Karrenbauer e la prima a tirare un sospiro di sollievo è proprio Frau Merkel che per la prima volta si ritroverà a governare la Germania senza avere contemporaneamente le redini del suo partito. Ora al fianco avrà però una fedelissima, ma soprattutto una figura digeribile anche per gli alleati socialdemocratici. Quella Spd già fragile contro cui invece Merz si è scagliato più volte nel corso della sua campagna, rimarcando differenze e distanze tra i due partiti alla guida della Grosse Koalition. Con un presidente della Cdu invadente e combattivo, i deboli equilibri interni al governo avrebbero rischiato di portare alla fine dell’esperienza Merkel anche a Berlino.

I rapporti con l’estrema destra e l’Ue – Ma la scelta della continuità ha delle conseguenze dirette anche sull’Unione europea. Non è un caso infatti che nel suo discorso davanti al congresso Cdu, Karrenbauer abbia rimarcato che “il nostro compito è vincere le elezioni europee con Manfred Weber“. Akk ha invitato il suo partito ad avere “coraggio” e quindi a “non inseguire i pittori neri“, con un chiaro riferimento all’Alternative fuer Deutschland. Una posizione completamente diversa da quella presa da Merz che sul palco ha voluto sottolineare come “i nostri avversari non sono i populisti di destra e di sinistra, ma i socialdemocratici, i verdi e l’Fdp”. “E anche se governiamo con loro, molto ci distingue da questi socialdemocratici”, ha detto ad Amburgo.

Chi è Kramp-Karrenbauer – In due dichiarazioni, le strade opposte che la Cdu avrebbe potuto imboccare, influenzando di conseguenza la politica tedesca e l’intera Unione europea. La Karrenbauer è diventata segretario generale della Cdu nel 2o18 proprio su iniziativa di Angela Merkel. È stata il braccio destro del Cancelliere, è a lei che Frau Merkel avrebbe voluto lasciare le chiavi del numero 8 di Klingelhöferstraße.

Le affinità sono molte: dallo stile sobrio e il profilo basso, alla vicinanza all’ala più moderata del partito. Per distinguersi dalla cancelliera, Akk ha puntato sulla questione migratoria, dicendo di voler invertire la rotta con regole più rigide che accontentino anche l’ala conservatrice del partito. Ma nel suo programma e nel suo discorso ha puntato soprattutto sullo sviluppo del digitale e su una maggiore attenzione alle tematiche ambientali.

Lo sfidante conservatore – La scelta di Merz, politico di vecchia guardia e con nove anni passati nel mondo delle banche e della finanza, avrebbe portato a un approccio più conservatore, meno moderato e aperto ai compromessi nei confronti della sinistra, con l’obiettivo di recuperare la voragine di voti persi a destra dal partito e che sono finiti all’estrema destra di Afd. “Nessuna sconfitta personale” e “nessuna delusione“, ha commentato Schaeuble, primo tifoso di Merz. “L’elezione di Annegrett Kramp Karrenbauer è l’esito di un processo democratico e il partito trae grande vantaggio da questo processo – ha detto il presidente del Bundestag – il fatto che si sia imposta su due candidati forti le dà buoni presupposti per guidare il partito”.
8 Dicembre 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra