Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
“L’Italia al centro dell’Eurotragedia”
Condividi                       

Ashoka Mody è docente di politica economica internazionale all’Università di Princeton e, in passato, è stato vice direttore del Dipartimento europeo per il Fondo monetario internazionale e rappresentante per l’Irlanda durante le negoziazioni per il bailout con la Troika. Autore del libro Eurotragedy, A Drama in Nine Acts (Eurotragedia, un dramma in nove atti), Mody è un critico della gestione dell’eurozona e simpatizza con la manovra del nuovo governo italiano.

Professor Mody, su Bloomberg ha detto che l’Italia ha bisogno di uno uno stimolo fiscale, aumentando lo spesa per evitare una “crisi inimmaginabile”. Che aspetto avrebbe questa crisi?

L’ultima retrocessione dell’economia italiana è iniziata a gennaio, quindi prima che ci fosse il nuovo governo. Già all’epoca, l’economia mondiale aveva iniziato a rallentare, così come quella italiana. La recessione economica aumenterà la differenza tra il Gdp e il debito pubblico, a prescindere da quello che farà il governo. Il tasso di interesse che pagherà il governo, quindi, aumenterà, causando quello che in economia si chiama “doom loop”, un termine che si usa per descrivere un aumento del tasso di interesse del governo che crea perdite su quanto tengono le banche sul debito del governo.

Per intenderci, una recessione in Italia è probabile indipendentemente da quello che succederà a Bruxelles o a Roma, semplicemente perché l’economia mondiale sta rallentando. Sarebbe, dunque, un errore seguire l’accordo originale tra la Commissione europea e quella del governo precedente, perché richiederebbe ulteriore austerity. Oggi, l’austerity non ha alcun senso perché se venisse attuata peggiorerebbe ancora di più la recessione, e si entrerebbe in un circolo vizioso. L’Italia ha bisogno di uno stimolo moderato all’economia per sopravvivere questa recessione inevitabile.

A proposito di recessione, quanto è stato efficace, secondo lei, Mario Draghi con il suo quantative easing?

È molto difficile rispondere rispondere a questa domanda. Innanzitutto sono tutti concordi nel sottolineare il fatto che il quantative easing è arrivato troppo tardi. La posticipazione di questa politica ha permesso che ci fosse un abbassamento dell’’inflazione. La Bce sembrava senza speranza. Prevedeva sin dal 2014 che l’inflazione aumentasse al 2%, ma non si sono registrati i segnali di questo aumento.

La Bce, inoltre, non è riuscita ad usare il quantative easing, come fanno altre banche centrali, per svalutare l’euro, il che aiuterebbe ad aumentare l’inflazione e portare alla crescita economica. La Bce non è mai sembrata veramente impegnata nel quantitative easing e ha fatto sapere di volerlo modificare già nel 2017. Quindi, l’euro rimane troppo forte per i Paesi più deboli (come l’Italia), e rimane relativamente debole per i Paesi più forti (come la Germania). Questo è il difetto originale dell’Eurozona.

In parole povere, economie diverse hanno necessità diverse e, in questo caso, i Paesi più deboli devono avere a che fare con una politica monetaria che funziona solo per i Paesi più forti. Inoltre, non vedo segnali che il quantative easing della Bce abbia aumentato la crescita economica nell’Eurozona. Nel 2015 e nel 2016, i primi due anni dopo l’introduzione del quantative easing, la crescita dell’Eurozona è rimasta bassa perché il commercio mondiale era basso. Nel 2017, l’economia mondiale ha iniziato a riprendersi, e quindi la crescita dell’eurozona è aumentata. La Bce si è presa il merito di questa crescita, ma la realtà è un’altra.

L’economia di tutto il mondo è infatti cresciuta nel 2017. Adesso la crescita sta rallentando (la Bce dice che è un evento temporaneo, ma è solo un modo per negare i problemi). La verità è che il rallentamento dell’economia non è dovuto a un evento temporaneo (probabilmente infatti continuerà), e nei prossimi mesi diventerà più evidente. Quindi perché la Bce non fa di più? Perché ha un problema fondamentale: gli interessi politici tra i Paesi del consiglio della Bce che limitano le sue azioni.

E quali sono gli interessi politici che limitano la Bce dal risolvere questo problema che, come ha detto lei, danneggia soprattutto i paesi più fragili dell’Eurozona?

I paesi che dominano il consiglio della Bce rappresentano i loro interessi nazionali. Risolvere queste differenze raggiungendo un compresso rallenta il processo per prendere delle decisioni. Spesso, la Germania e gli interessi nordici hanno chiaramente dominato, per esempio tra il 2013 e il 2015. Era per via dei tedeschi che il quantative easing, necessario per aiutare i paesi più deboli, era stato rallentato in questo periodo.

Lei pensa che l’Italia dovrebbe accontentare Bruxelles abbassando la differenza tra il suo Pil e il deficit dal 2.4% attuale, anche marginalmente fino al 2%, o pensa che dovrebbe chiedere all’Unione europea che accetti il suo programma, anche se si rischia delle sanzioni dalla procedura di infrazione?

Prima di tutto, non ci saranno mai delle sanzioni. La cancelliera Angela Merkel una volta le aveva definite “idiote”. I leader europei non aggiungeranno delle sanzioni economiche per aggravare un problema che già esiste. Poi, di fatto, la differenza tra 2.4% a delle qualche zero-virgola-qualcosa per cento in meno non cambia nulla. Non siamo in un laboratorio chimico, misurando le particelle sub-atomiche. In economia, questa precisione è ridicola. Il governo italiano dovrebbe concentrarsi sulle stime di crescita, che sono fin troppo ottimiste. Visto che la crescita economica sarà più lenta, le entrate saranno minori, e dunque il deficit sarà più alto del 2.4%.

Il governo italiano attuale dovrebbe diminuire le sue ambizioni di spesa, non perché lo richiede la Commissione europea, ma perché la crescita economica, che sarà più bassa di quella stimata, creerebbe un deficit troppo alto. Detto questo, uno stimolo è necessario. Sono, di principio, simpatizzante con la proposta di questo governo, perché so che più austerity sarebbe un disastro. Lo stimolo è necessario per compensare alla crescita del commercio mondiale più bassa, ma lo stimolo deve essere fatto in base a una crescita economica realistica.
8 Dicembre 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Ghiotta 'i pisci spata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra