Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L’assedio di Parigi è solo l’inizio Ecco cosa vogliono i gilet gialli
Condividi                       

L’assedio di Parigi da parte dei gilet gialli continua. E la violenza che si è scatenata ieri nella capitale francese, soprattutto a causa del coinvolgimento dei casseurs, ha colpito non solo il governo ma tutto il Paese. La guerriglia urbana si è estesa dal centro della città fino alle periferie. E mentre Parigi veniva messa a ferro e fuoco dalla violenza dei manifestanti e dei teppisti, anche Emmanuel Macron si è dovuto rendere conto che la situazione del Paese inizia a diventare insostenibile.

Il governo ha detto che sono stati 136mila i manifestanti che sabato hanno partecipato alla terza mobilitazione nazionale in tutta la Francia. Il bilancio fornito dall’esecutivo è eloquente: 263 persone ferite, tra cui 23 agenti della polizia, 412 fermi, 378 persone in custodia. Un manifestante è ancora ricoverato in gravi condizioni, e lotta fra la vita e la morte. Ad aggravare il quadro della situazione, si è aggiunto il terzo morto legato alle proteste. Ad Arles, un automobilista è morto per un incidente provocato da un blocco stradale da parte dei gilet gialli.

I numeri sono allarmanti. Ma quello che deve mettere ancora di più in guardia Macron e il suo governo, non è solo la violenza incredibile che è esplosa a Parigi, ma anche che queste manifestazioni non sono che l’esplosione più superficiale di un malcontento radicato e diffuso in tutto il Paese. E le rivendicazioni dei gilet gialli non sembrano destinate a interrompersi con una semplice marcia indietro sul caro-carburanti da parte dell’Eliseo. Un’ipotesi che tra l’altro sembra essere stata esclusa dal presidente Macron, che anzi ha confermato recentemente di voler tirare dritto sulla cosiddetta “transizione ecologica”.

Nei giorni scorsi, i media francesi hanno ricevuto una lista di rivendicazioni da parte del comitato organizzativo dei gilet gialli. Si tratta di una lista di richieste ai parlamentari e al governo che, per rimanere in Francia, ricorda l’idea dei cahiers de doléances di epoca rivoluzionaria. Leggendo questa lista, fra l’altro ripresa anche da La France Insoumise di Jean-Luc Mélelnchon, quello che si comprende è che non si tratta di una protesta destinata a finire nel breve termine.

Quello che è in corso è un processo di ribellione non contro il singolo governo, ma contro un certo tipo di politica, di scelte economiche, di gestione dello Stato. Ed è per questo che sia la destra che la sinistra radicale hanno raccolto il grido dei gilet gialli: perché le loro richieste sono in molti casi sovrapponibili a quelle dei partiti esclusi dal governo francese.

Nella lista delle rivendicazioni c’è l’eliminazione del fenomeno dei senzatetto, il diritto a un salario minimo a 1300 euro e pensioni a 1200, proibire le delocalizzazioni per proteggere l’industria francese, promozione delle piccole imprese e stop alle grandi aree commerciali, lotta all’austerità, la lotta all’immigrazione di massa, dare mezzi adeguati alle forze dell’ordine, referendum popolare in Costituzione e nazionalizzazione dell’industria energetica.

C’è un mix di rivendicazioni che non rappresentano una semplice sfida all’attuale esecutivo, ma è una lotta di sistema contro un governo che rappresenta probabilmente il punto più elevato di questo sistema. Quel Macron apprezzato dalle élite e che ha messo in atto riforme che vanno in direzione completamente opposta a quanto richiesto dai gilet gialli.

Ma il problema è che i gilet gialli non rappresentano una piccola parte della Francia. Le loro richieste sono quelle di tutti coloro che non si sentono in linea con questo esecutivo e con il presidente francese. Ed è proprio per questo che non possono essere racchiusi in una semplice protesta figlia del caro-benzina. Ed è anche per questo che non possono essere catalogati come fenomeno definito a livello temporale e che è destinato a concludersi nel breve termine.

Forse potranno interrompersi le violenze (e la manifestazione organizzata l’8 dicembre potrebbe essere il banco di prova definitivo), ma ciò che chiede la Francia profonda è qualcosa che tornerà a cadenza regolare. E che potrebbe ad esempio caratterizzare le stesse elezioni europee del 2019, test in cui sarà valutato non solo Macron, ma anche l’ascesa dei partiti che si sono uniti alle protesta: Rassemblement National di Marine Le Pen e La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon.

L’assedio di Parigi è stata l’esplosione di un sentimento di malcontento che è dimostrato da questa lista di rivendicazioni. Non c’è solo ideologia: ci sono richieste concrete e allo stesso tempo vaghe, idee sovraniste e altre dichiaratamente di sinistra. È una miscela esplosiva di domande che nessun governo di centro, socialdemocratico o di centrodestra può disinnescare. E la riunione d’emergenza di Macron all’Eliseo non dovrebbe essere sull’ordine pubblico, ma politica: come si può fermare non la violenza, ma l’onda di protesta che monta inesorabile.
2 Dicembre 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra