Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Nella crisi fra Russia e Ucraina l’Italia avrà un ruolo fondamentale
Condividi                       

L’Italia può giocare un ruolo chiave nella crisi fra Russia e Ucraina. E il governo di Giuseppe Conte, apparso distante rispetto agli altri Stati europei nei riguardi dell’escalation fra Kiev e Mosca, va considerato in realtà un attore quasi essenziale nella de-escalation fra i due Paesi.

La presidenza Osce
Il motivo è di natura formale, ma anche sostanziale: l’Italia ha la presidenza dell’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Ed è questa organizzazione a essere l’unica in grado di far dialogare Russia e Ucraina nella guerra iniziata nel 2014 e che con le tensioni nel Mar d’Azov non sembra destinata a chiudersi nel breve termine.

Il 6 e il 7 dicembre, a Milano, si terrà il consiglio dei ministri dell’Organizzazione. Un momento particolarmente importante, visto che si riuniranno i delegati di tutti gli Stati membri, comprese quelle coinvolte nella crisi del Mar d’Azov: non solo Russia e Ucraina, ma anche potenze europee e Stati Uniti. E vista la prossimità temporale con quanto sta avvenendo sulle rive del Mar Nero, è chiaro che lo scontro fra Kiev e Mosca sarà un tema centrale nel vertice milanese.

In questo senso, l’Italia ha un ruolo essenziale. Non solo perché è presidente dell’Osce, ma anche perché è uno dei Paesi che in sede Osce e all’interno dell’Unione europea ha dimostrato più aperture nei confronti della Russia, pur non rinunciando mai alla sua appartenenza al blocco occidentale e atlantico. Una forma di equilibrismo che ha permesso al governo Conte di non auto-escludersi dalla cooperazione con Mosca nonostante la polarizzazione del mondo. E che adesso, grazie anche al ruolo formale di presidente dell’organizzazione, concede all’Italia una chance estremamente importante per giocare un ruolo di primissimo piano nella crisi del Mar d’Azov.

L’alleato che non ti aspetti: la Germania
Chance importante in cui l’Italia ha come miglior alleato un Paese che storicamente non ha rapporti positivi con Roma, specialmente in questi ultimi mesi: la Germania. Angela Merkel è l’unico leader europeo a poter essere effettivamente un mediatore fra Russia e Ucraina. Ha relazioni consolidate e fondamentali con la Russia, in particolare sul fronte del gas, ma ha anche ottime relazioni con l’Ucraina di Petro Poroshenko.

Ieri, il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, è stato molto netto a dire che il Cremlino non ha bisogno di alcuna mediazione nello scontro con Kiev. Ma nell’ambito Osce, la situazione potrebbe essere diversa. Ed è proprio per questo che la cancelliera tedesca ha fornito un assist molto importante all’Italia dicendo che la Germania punta fortemente sulla mediazione dell’Organizzazione. E non va sottovalutato lo stesso endorsement di Vladimir Putin che ha auspicato che “Berlino possa influenzare le autorità ucraine per impedirne ulteriori passi sconsiderati”, sebbene abbia anche ribadito di non volere intermediari. Un’apertura che dimostra come Mosca cerchi sponde in Europa per isolare il governo ucraino e il suo dinamismo nel Mar Nero.

Roma e Berlino si trovano quindi a giocare una partita difficile. Ma per una volta unite dallo stesso interesse: evitare che questa crisi porti a uno scontro con la Russia. Per motivi diversi, e soprattutto per interesse nazionale, Germania e Italia non vogliono che l’Europa e l’Occidente aumentino la pressione su Mosca. Soprattutto perché le sanzioni implicano pesanti ricadute sulle rispettive economie. E in questo senso, per Putin potrebbe essere una situazione estremamente positiva. Visto che si trova i suoi due migliori alleati europei uniti nella stessa direzione.

Prime aperture a Mosca
E infatti, da Italia e Germania sono arrivate parole non particolarmente dure nei confronti del Cremlino. In controtendenza rispetto a molte altre dichiarazioni europee che hanno quasi sempre dato ampio risalto soltanto alle colpe russe. Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha detto osservato che “quelle tra Ucraina e Russia sono situazioni complesse” chiedendo a entrambi i Paesi di risolvere la crisi “in modo pacifico con gli strumenti delle norme internazionali” e di “non entrare in un’escalation militare”.

E anche un altro partner dell’Europa centrale, l’Austria, ha avuto modo di dimostrare la sua apertura nei confronti di Mosca, soprattutto sul fronte delle sanzioni. Karin Kneissel, ministro degli Esteri austriaco, ha dichiarato: “Tutto dipende dal comportamento dei due belligeranti. Ma dovrà essere allo studio”.

L’idea è che questa volta Kiev abbia commesso un errore. L’Unione europea ha sempre dato ragione all’Ucraina nello scontro con la Federazione russa. Ma i dubbi sulle operazioni della marina ucraina e l’ammissione della presenza di agenti del controspionaggio sulle motovedette sequestrate, non depone a favore delle tesi ucraine. E l’imposizione della legge marziale da parte di Poroshenko è stata una scelta che l’Unione europea, che si proclama alfiere della democrazia, non può certo dire di accogliere benevolmente.
1 Dicembre 2018



La supercazzola di Di Maio: il "Navigator" del lavoro

9 Dicembre 2018- di Francesco MariaDel Vigo Navigator. Mettetevi bene in testa questa parola e memorizzatela. Perché Navigator sarà la parola dell'anno. Non quello che sta finendo, ma quello che sta per iniziare, s'intende. Anzi il «mestiere» dell'anno. Riavvolgiamo il nastro: martedì sera Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e vicepremier, è ospite di Bruno Vespa a Porta a ...continua
Lecce, pm arrestato per corruzione: sesso anche per pilotare l’esame da avvocato

8 Dicembre 2018- L’aiuto durante l’esame da avvocato presumibilmente a fronte della richiesta di rapporti sessuali. Il pm della Procura di Lecce, Emilio Arnesano, da giovedì 6 dicembre nel carcere di Potenza, stava “di recente programmando di interferire sullo svolgimento delle prove scritte”, fissate per la prossima settimana, dall’11 al 13 dicembre. È questo che ha ...continua
Karrenbauer è la nuova leader della Cdu: eletta l’erede della Merkel.

8 Dicembre 2018- Dopo 18 anni finisce l’era di Angela Merkel alla guida dell’Unione cristiano democratica. Ma il suo partito ha scelto per la continuità, eleggendo a presidente la segretaria generale e delfina della cancelliera Annegret Kramp-Karrenbauer. Akk, così come viene soprannominata, ha battuto Friedrich Merz, il 62enne uomo d’affari e pupillo dell’attuale presidente del ...continua
Censis: “Italiani popolo incattivito e rancoroso, il 63% è ostile verso gli immigrati

8 Dicembre 2018- Italiani sempre più cattivi. Frustrati dallo sfiorire della ripresa e da un cambiamento che non è arrivato, hanno deciso di compiere “un salto rischioso e dall’esito incerto”, un “funambolico camminare sul ciglio di un fossato che mai prima d’ora si era visto così da vicino”. Così vede l’Italia e i suoi cittadini l’Istituto Censis, che oggi a Roma ha ...continua
Così la polizia arresta i liceali: ​quel video che inguaia Macron

8 Dicembre 2018- La crisi dei gilet gialli, ormai presentata in Francia come una situazione "pre insurrezionale", sta infliggendo il colpo di grazia a Emmanuel Macron che ha ormai raggiunto il livello più basso di popolarità dal suo insediamento. E anche oggi si è trovato a dover affrontare un'altra guerriglia in quello che è il quarto atto della protesta. Così, mentre il premier ...continua
“L’Italia al centro dell’Eurotragedia”

8 Dicembre 2018- Ashoka Mody è docente di politica economica internazionale all’Università di Princeton e, in passato, è stato vice direttore del Dipartimento europeo per il Fondo monetario internazionale e rappresentante per l’Irlanda durante le negoziazioni per il bailout con la Troika. Autore del libro Eurotragedy, A Drama in Nine Acts (Eurotragedia, un dramma in nove atti), Mody è un critico della gestione ...continua
Ricatti e incapacità sulla nostra pelle

8 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Il governo getta la maschera e mostra il suo volto feroce. Non solo hanno annunciato di voler mettere una nuova tassa, con la scusa dell'ecologia, sull'acquisto di auto - soprattutto le utilitarie - ma è di ieri sera la notizia che taglieranno le pensioni della classe media fino al quaranta per cento. Di fatto, quella che è in corso è una rapina di Stato e questo, se ...continua
L’assedio di Parigi è solo l’inizio Ecco cosa vogliono i gilet gialli

2 Dicembre 2018- L’assedio di Parigi da parte dei gilet gialli continua. E la violenza che si è scatenata ieri nella capitale francese, soprattutto a causa del coinvolgimento dei casseurs, ha colpito non solo il governo ma tutto il Paese. La guerriglia urbana si è estesa dal centro della città fino alle periferie. E mentre Parigi veniva messa a ferro e fuoco dalla violenza dei ...continua
Sabato di protesta per i gilet gialli a Parigi, scontri e fermi

1 Dicembre 2018- Nuova giornata di proteste per i Gilet gialli che portano la loro rabbia nel centro di Parigi: scontri agli Champs-Elysees tra manifestanti e polizia, dopo un tentativo di forzare il blocco. Gli agenti hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla mentre dei dimostranti tentavano di impadronirsi delle barriere mobili per fare una barricata; alcuni poliziotti sono ...continua
Istat, governo bocciato: a ottobre sale la disoccupazione e cala la stima del pil

1 Dicembre 2018- Il tasso di occupazione rimane stabile, ma la disoccupazione aumenta. I dati Istat relativi al mese di ottobre presentano una fotografia in chiaroscuro. Dopo il calo di settembre, resta stabile la percentuale degli occupati: 58,7%. Ma aumenta il tasso di disoccupazione, che passa dal 10,4 al 10,6%. E non è l'unico dato negativo certificato ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Ghiotta 'i pisci spata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra