Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Nella crisi fra Russia e Ucraina l’Italia avrà un ruolo fondamentale
Condividi                       

L’Italia può giocare un ruolo chiave nella crisi fra Russia e Ucraina. E il governo di Giuseppe Conte, apparso distante rispetto agli altri Stati europei nei riguardi dell’escalation fra Kiev e Mosca, va considerato in realtà un attore quasi essenziale nella de-escalation fra i due Paesi.

La presidenza Osce
Il motivo è di natura formale, ma anche sostanziale: l’Italia ha la presidenza dell’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Ed è questa organizzazione a essere l’unica in grado di far dialogare Russia e Ucraina nella guerra iniziata nel 2014 e che con le tensioni nel Mar d’Azov non sembra destinata a chiudersi nel breve termine.

Il 6 e il 7 dicembre, a Milano, si terrà il consiglio dei ministri dell’Organizzazione. Un momento particolarmente importante, visto che si riuniranno i delegati di tutti gli Stati membri, comprese quelle coinvolte nella crisi del Mar d’Azov: non solo Russia e Ucraina, ma anche potenze europee e Stati Uniti. E vista la prossimità temporale con quanto sta avvenendo sulle rive del Mar Nero, è chiaro che lo scontro fra Kiev e Mosca sarà un tema centrale nel vertice milanese.

In questo senso, l’Italia ha un ruolo essenziale. Non solo perché è presidente dell’Osce, ma anche perché è uno dei Paesi che in sede Osce e all’interno dell’Unione europea ha dimostrato più aperture nei confronti della Russia, pur non rinunciando mai alla sua appartenenza al blocco occidentale e atlantico. Una forma di equilibrismo che ha permesso al governo Conte di non auto-escludersi dalla cooperazione con Mosca nonostante la polarizzazione del mondo. E che adesso, grazie anche al ruolo formale di presidente dell’organizzazione, concede all’Italia una chance estremamente importante per giocare un ruolo di primissimo piano nella crisi del Mar d’Azov.

L’alleato che non ti aspetti: la Germania
Chance importante in cui l’Italia ha come miglior alleato un Paese che storicamente non ha rapporti positivi con Roma, specialmente in questi ultimi mesi: la Germania. Angela Merkel è l’unico leader europeo a poter essere effettivamente un mediatore fra Russia e Ucraina. Ha relazioni consolidate e fondamentali con la Russia, in particolare sul fronte del gas, ma ha anche ottime relazioni con l’Ucraina di Petro Poroshenko.

Ieri, il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, è stato molto netto a dire che il Cremlino non ha bisogno di alcuna mediazione nello scontro con Kiev. Ma nell’ambito Osce, la situazione potrebbe essere diversa. Ed è proprio per questo che la cancelliera tedesca ha fornito un assist molto importante all’Italia dicendo che la Germania punta fortemente sulla mediazione dell’Organizzazione. E non va sottovalutato lo stesso endorsement di Vladimir Putin che ha auspicato che “Berlino possa influenzare le autorità ucraine per impedirne ulteriori passi sconsiderati”, sebbene abbia anche ribadito di non volere intermediari. Un’apertura che dimostra come Mosca cerchi sponde in Europa per isolare il governo ucraino e il suo dinamismo nel Mar Nero.

Roma e Berlino si trovano quindi a giocare una partita difficile. Ma per una volta unite dallo stesso interesse: evitare che questa crisi porti a uno scontro con la Russia. Per motivi diversi, e soprattutto per interesse nazionale, Germania e Italia non vogliono che l’Europa e l’Occidente aumentino la pressione su Mosca. Soprattutto perché le sanzioni implicano pesanti ricadute sulle rispettive economie. E in questo senso, per Putin potrebbe essere una situazione estremamente positiva. Visto che si trova i suoi due migliori alleati europei uniti nella stessa direzione.

Prime aperture a Mosca
E infatti, da Italia e Germania sono arrivate parole non particolarmente dure nei confronti del Cremlino. In controtendenza rispetto a molte altre dichiarazioni europee che hanno quasi sempre dato ampio risalto soltanto alle colpe russe. Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha detto osservato che “quelle tra Ucraina e Russia sono situazioni complesse” chiedendo a entrambi i Paesi di risolvere la crisi “in modo pacifico con gli strumenti delle norme internazionali” e di “non entrare in un’escalation militare”.

E anche un altro partner dell’Europa centrale, l’Austria, ha avuto modo di dimostrare la sua apertura nei confronti di Mosca, soprattutto sul fronte delle sanzioni. Karin Kneissel, ministro degli Esteri austriaco, ha dichiarato: “Tutto dipende dal comportamento dei due belligeranti. Ma dovrà essere allo studio”.

L’idea è che questa volta Kiev abbia commesso un errore. L’Unione europea ha sempre dato ragione all’Ucraina nello scontro con la Federazione russa. Ma i dubbi sulle operazioni della marina ucraina e l’ammissione della presenza di agenti del controspionaggio sulle motovedette sequestrate, non depone a favore delle tesi ucraine. E l’imposizione della legge marziale da parte di Poroshenko è stata una scelta che l’Unione europea, che si proclama alfiere della democrazia, non può certo dire di accogliere benevolmente.
1 Dicembre 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Pipi chini 'i risu e prosciuttu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra