Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L'Ucraina muove i carri armati: vuole strappare i porti a Putin
Condividi                       

Le immagini, a volte, valgono più delle azioni. E così il presidente ucraino Petro Poroshenko si è fatto fotografare in una base di addestramento di carristi a 150 chilometri da Kiev.

E lo ha fatto indossando l'uniforme militare, mostrandosi così "nel suo ruolo di capo supremo dell’esercito", come riporta il Corriere. Il messaggio è dunque chiaro: l'Ucraina è pronta a rispondere alle azioni di Mosca. Anche se non si sa ancora con chiarezza cosa è successo domenica scorsa nello stretto di Kerch, quando le navi russe hanno prima bloccato e poi sequestrato tre imbarcazioni militari ucraine, la tensione è ora alle stelle.

Gli scontri tra navi russe e ucraine
Pubblica sul tuo sito

A che punto è la guerra in Ucraina
Tutto è iniziato nel 2014, con i celebri fatti di piazza Maidan ed è continuato poi nella guerra nel Donbass che, in quattro anni, ha provocato oltre 10mila morti. E che ha fatto salire alle stelle la tensione internazionale, con minacce e sanzioni da una parte e dall'altra. Per Mosca l'Ucraina è fondamentale. Così come per gli Stati Uniti, tanto che Zbigniew Brzezinski, politico e analista americano, scriveva nel 1989: "Il Paese più importante resta l’Ucraina.

E, con la progressiva espansione dell’Unione europea e della Nato, essa dovrà scegliere infine se entrare a far parte di entrambe queste organizzazioni (…). Ma, anche se ciò richiederà del tempo, è bene che già fin d’ora, l’Occidente – mentre intensifica i suoi rapporti economici e la sua collaborazione con Kiev nel campo della sicurezza – cominci a prefigurare una progressiva integrazione dell’Ucraina, in tempi ragionevoli, tra il 2005 e il 2015, riducendo così il rischio che essa cominci a nutrire il timore che l’espansione dell’Europa, si arresti alla frontiera con la Polonia". Uno scenario molto simile a quello che poi è effettivamente successo.

Ucraina, Poroshenko partecipa a un'esercitazione militare
Ora Poroshenko ha imposto la legge marziale. Lo stesso presidente ieri ha detto: "La legge marziale è semplicemente concepita per organizzare in modo efficiente la nostra mobilitazione militare e le difese contro le mosse violente e minacciose di Mosca. In questo modo non perderemo neppure un minuto nel muovere le truppe, non ci saranno freni burocratici.

Certo, questo provvedimento d’emergenza non ha nulla a che vedere con la nostra democrazia interna, che non è affatto messa in dubbio". Già, perché i critici di Poroshenko sostengono che questa mossa sia una risposta alla sua crescente perdita di popolarità e un modo per blindare le prossime elezioni di marzo. Un'accusa che lo stesso presidente ucraino ha però respinto al mittente: "La legge marziale dovrebbe durare solo 30 giorni, dunque terminerà prima di Capodanno.

In verità l’unico a beneficiare dell’eventuale rinvio delle nostre elezioni sarebbe Putin, che potrebbe accusarmi di non rispettare le nostre regole democratiche e confermare le sue menzogne. Ma per me la data del voto resta assolutamente immutata".

Lo scontro tra Russia e Ucraina
La domanda che a Kiev si pongono in questi giorni è molto semplice: siamo in grado oppure no di sostenere una guerra navale contro Mosca nel Mar d'Azov? Come ha scritto Davide Bartoccini su Gli Occhi della Guerra, la risposta è no. A meno che non ci sia un intervento della Nato. L'Institute of Strategic Black Sea Studies di Kiev ha inoltre realizzato uno studio sulla guerra silenziosa che in questi anni si sta combattendo nel Mar d'Azov.

Solamente dallo scorso aprile, sono state fermate oltre 730 navi ucraine: "Si tratta di azioni assolutamente arbitrarie condotte dagli agenti dello Fsb (il servizio segreto russo). Alcune navi sono state rallentate più volte nello stesso viaggio. Ciò causa un grave danno alla nostra economia. Dai nostri porti sul Mare d’Azov transita il 40 per cento del nostro export, soprattutto grano e acciaio. In più c’è stata la costruzione del ponte russo che collega la penisola di Crimea alla Russia continentale attraverso lo stretto di Kerch.

Un’opera lunga 18 chilometri e alta solo 35 metri, sotto la quale non possono transitare le grandi navi da carico. Metà della nostra flotta non può più passare in quelle acque". Per questo uno dei principali obiettivi di Kiev è quello di riprendersi i porti.

Salta l'incontro tra Trump e Putin?
Quanto avvenuto nello stretto di Kerch la scorsa domenica ha rischiato di far saltare l'incontro tra Donald Trump e Vladimir Putin a margine del G20 di Buenos Aires. Il presidente Usa, poco dopo l'accaduto, ha infatti detto: "Non mi piace questa aggressione". La controparte russa, invece, non ha mai smesso di lavorare al bilaterale, come hanno fatto sapere dal Cremlino: "I preparativi proseguono. L'incontro è concordato. Non abbiamo informazioni diverse dai colleghi americani.

L'incontro è ugualmente necessario a entrambe le parti ed è importante per lo sviluppo della situazione generale nel mondo". Il fatto che il bilaterale non sia saltato certifica che qualcosa è cambiato nei rapporti tra Stati Uniti e Russia. E che i tempi di Obama sono ormai un ricordo lontano.
29 Novembre 2018



Sicilia in agonia, il Sud si svuota

11 Agosto 2019- Il Sud sta morendo. Non è un'esagerazione. C'è un pezzo d'Italia che sta sprofondando nella recessione, dove non si trova un lavoro, dove i giovani scappano via, dove la popolazione diminuisce e invecchia. Un pezzo d'Italia senza futuro. Un pezzo d'Italia dove vivono, male, più di venti milioni di persone. Nel giorno in cui lo Svimez ha pubblicato il suo rapporto annuale sul Mezzogiorno, ...continua
Salvini: “Niente inciuci”. Di Maio detta 3 punti. Calenda: “L’idea di Renzi? Folle”

11 Agosto 2019- Poteva essere una tranquilla domenica di metà agosto, ma la crisi di governo ha stravolto i giochi. E così eccoci a raccontare una giornata che si scalda fin dalle prime ore della mattina. Il primo a intervenire è Matteo Salvini che su Twitter ribadisce la sua contrarietà a un esecutivo di transizione. "Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ...continua
Grillo: “Salvare l’Italia dai nuovi barbari. Cambiamenti? Subito, altro che elezioni”

11 Agosto 2019- Un post di trenta righe che parla di biodegradabilità, lavatrici buttate nei fiumi e plastica nei mari. Ma che nei fatti segna il ritorno in campo di Beppe Grillo, a tre anni e mezzo dal fatidico “passo di lato” dal Movimento 5 stelle. “La coerenza dello scarafaggio”, è l’intervento del fondatore che sembra condividere la proposta di Luigi Di Maio: ...continua
Il M5s cerca l'inciucio col Pd per non andare a elezioni

11 Agosto 2019- Ormai è guerra aperta tra la Lega e i Cinque Stelle. I due ex alleati hanno, infatti, visioni diametralmente opposte su come gestire la crisi di governo: Matteo Salvini vuole portare gli italiani al più presto alle elezioni, mentre i pentastellati studiano un inciucio per tirare in lungo la legislatura. Lo ha detto chiaro e tondo Beppe Grillo in un post che invita i suoi a ...continua
Il patto segreto sul voto

11 Agosto 2019- Matteo Salvini, che è un appassionato di divise e strategie militari, deve avere studiato nei minimi particolari la Blitzkrieg, la guerra lampo con cui Adolf Hitler conquistò la Polonia il primo settembre del 1939. Oggi come allora, le guerre lampo riescono se vengono attuate quando l'avversario meno se l'aspetta: i generali tedeschi scelsero il primo settembre; Salvini li ha superati, optando per il ...continua
Ora i 5 Stelle si giocano la carta Conte. Ma occhio a "Dibba"

11 Agosto 2019- Mettersi alle spalle l'alleanza con Matteo Salvini e guardare avanti. È l'obiettivo del Movimento 5 Stelle, chiamato a riorganizzarsi dopo lo choc dell'addio della Lega all'esecutivo giallo-verde. Gli scenari sono diversi e imprevedibili. Per questo motivo, venerdì pomeriggio Luigi Di Maio ha riunito a Palazzo Chigi i big del Movimento. Presenti tra gli altri Davide ...continua
Pisapia: "Serve un governo di transizione. Salvini? È autoritario"

11 Agosto 2019- "Un governo di transizione, anche un esecutivo di minoranza, che prepari le elezioni e si incarichi di raddrizzare la barra economica salvandoci dal baratro". A chiederlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è l'ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Oggi eurodeputato per il Pd, Pisapia pensa a un traghettatore, "qualcuno in grado di dialogare ma che sia ...continua
Egocentrismo - Il nuovo male del secolo. E come guarire.

5 Agosto 2019- di Mario Furlan Quando ero bambino sentivo parlare del “male del secolo”. Quella persona era morta del “male del secolo”: era il cancro. Ma c’era quasi paura a pronunciare quella parola, così si usava l’eufemismo “male del secolo”. Purtroppo questa brutta malattia, che colpisce mediamente una persona su quattro, non è ancora sconfitta. Però c’è una malattia, secondo me, ancora ...continua
I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco

5 Agosto 2019- di Angelo Scarano Come abbiamo ricordato in queste settimane, la Supernagrafe del Fisco ha una nuova arma: il Risparmiometro. L'Agenzia delle Entrate infatti sta già monitorando i conti correnti degli italiani per rilevare gli eventuali scostamenti tra quanto dichiarato e i risparmi. Una strategia che già a partire dai primi mesi del prossimo anno potrebbe portare a ...continua
"Disastroso", "Fannullone": botta e risposta Salvini-Renzi

5 Agosto 2019- di Gianni Carotenuto La polemica politica non va mai in ferie, neppure nella prima domenica agostana. Protagonisti del botta e risposta giornaliero Matteo Salvini e Matteo Renzi. Il segretario della Lega, su Twitter, ha dedicato un post al Pd criticandolo ironicamente per la doppia raccolta firme allestita da Renzi e Zingaretti per chiedere le sue dimissioni, al che l'ex ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Cicerchiata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra