Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L'Ue scalpita per punire Roma I Paesi del Nord: no agli aiuti
Condividi                       

L'Italia dovrà salvarsi da sola. Se non riuscirà a pagare il debito e dovrà ricorrere al «salva stati», il conto dovranno pagarlo in primo luogo gli italiani.

Sono settimane che dalla Commissione europea arriva questo messaggio. Il Belpaese è troppo grande per essere salvato dall'organismo Esm, confidava un mese fa un esponente dell'esecutivo europeo. I paesi del nord non hanno molta voglia di farsi carico di un eventuale scenario greco applicato alla terza economia dell'Eurozona. Ieri questa idea è uscita dai corridoi delle istituzioni di Bruxelles per diventare la posizione ufficiale della Lega Anseatica, che non è un'istituzione ma l'associazione informale di dieci paesi del nord.

Ieri hanno chiesto di cambiare il fondo Esm rafforzando una regola già in vigore, quella secondo la quale si deve ricorrere agli investitori privati quando il debito pubblico è giudicato insostenibile. «L'attuale trattato Esm riconosce già la possibilità di coinvolgimento del settore privato in circostanze eccezionali» ora «dovrebbe essere usato un emendamento per riaffermare questo principio», si legge in un documento della Lega.

In sostanza, gli investitori che detengono titoli di stato italiani dovrebbero subire perdite prima di ottenere aiuti finanziari dal fondo Esm. Un po' come il bail in delle banche, ma applicato agli investitori che hanno titoli del debito dei paesi da salvare.

Altra richiesta dell'associazione composta da Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Svezia, Olanda, Slovacchia e Repubblica ceca, dare più poteri all'Esm in caso di salvataggio.

Messaggi arrivati non a caso alla vigilia dell'Eurogruppo di lunedì. Primo banco di prova del governo dopo il no della Commissione e del Consiglio europeo alla manovra italiana. I primi passi della procedura di infrazione sono già avviati. Un ulteriore sostegno alle tesi di Bruxelles arriveranno dai dati macroeconomici. Ieri l'indice sul manifatturiero di Markit è sceso sotto quota 50. Segno che presto l'Italia potrebbe andare in recessione. Giovedì sarà la Commissione a diramare le previsioni economiche d'autunno. E la crescita del Pil ufficiale dell'Ue non sarà quella del governo italiano né per il 2018, ne per il 2019.

Tra dieci giorni scade il termine entro il quale il governo dovrebbe mandare un nuovo Documento pubblico di bilancio, con una deficit diverso dal 2,4%. I leader della maggioranza Salvini e Di Maio non hanno intenzione di cambiare.

I ministri finanziari dell'area euro non faranno sconti all'Italia. Chiederanno una correzione compatibile con l'obiettivo di medio termine, quindi una riduzione del disavanzo che porti al pareggio di bilancio.

Contesteranno alla radice le previsioni di crescita del governo Conte, ma respingeranno anche il merito delle misure approvate con la legge di Bilancio. In particolare reddito di cittadinanza e riforma delle pensioni. La decisione, a questo punto scontata, di avviare una procedura di infrazione arriverà il 21 novembre. La forma sarà la riapertura di una procedura per debito eccessivo nel 2017.
3 Novembre 2018



Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

17 Novembre 2018- di Luigi De Gregorio La privazione di lavoro per i dipendenti di un’azienda è una grave perdita economica. Ma non solo. Le conseguenze sono anche di ordine psicologico, famigliare, sociale. Non raro perfino il suicidio. Ultimo caso specifico di licenziamento in massa è quello della Pernigotti: 200 dipendenti. A fronte della tragedia dei lavoratori c’è ...continua
l’Europa sarà pure cattiva ma lo Stato fa peggio. Ecco i numeri

17 Novembre 2018- di Peter Gomez Raccontiamola così: da trent’anni a questa parte, a ogni legge finanziaria, tutti dicono che per far ripartire l’Italia ci vogliono gli investimenti. Decine e decine di miliardi da spendere in opere piccole e grandi che diano lavoro a centinaia di migliaia di persone. È il famoso volano per la crescita che secondo gli economisti è riassumibile in una ...continua
Inceneritori: scontro Salvini-Di Maio

17 Novembre 2018- Non solo non si è trovato un accordo, ma nessuno intende modificare le proprie posizioni: sugli inceneritori il governo è e rimane spaccato. Da una parte Matteo Salvini, che solo ieri ha annunciato che intende costruirne uno per ogni provincia per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania; dall’altra Luigi Di Maio che invece si è appellato al contratto di governo, dove non è previsto un intervento ...continua
L’Area Schengen ormai è fallita L’Europa del Nord chiude i confini

17 Novembre 2018- Schengen è stata per anni uno dei pilastri dell’Unione europea. La libertà di movimento dei cittadini europei fra uno Stato membro e l’altro è considerata una delle basi di questa Europa. E l’assenza di confini, sognata da no-borders ma anche dai paladini dell’europeismo, giace ormai nel dimenticatoio, travolta dagli eventi che hanno colpito ormai definitivamente la ...continua
È il cambiamento. Ma in peggio

17 Novembre 2018- Venghino, signori venghino al Lunapark Italia. Dal 4 marzo vivere nel nostro Paese è come salire sull'ottovolante o provare il gusto del rischio sulle montagne russe. Un festival di parole, proclami e minacce che bruciano miliardi e posti di lavoro. Al primo sentimento della fiduciosa attesa, si è sostituito quello dell'angosciosa ansia. Tutto all'insegna del cambiamento fine a se stesso, dimenticando ...continua
Il piano di Macron e Merkel per togliere fondi Ue all'Italia

17 Novembre 2018- L'Italia non rispetta il patto di stabilità e le regole europee sui conti pubblici? Allora non avrà diritto ai fondi dell'Unione europea. È il ricatto che Emmanuel Macron e Angela Merkel stanno preparando. Lunedì prossimo, infatti, Francia e Germania presenterà all'Eurogruppo straordinario in programma a Bruxelles un piano congiunto per creare un bilancio unico ...continua
Le banche aumentano i costi. È stangata sui conti correnti

5 Novembre 2018- Di costi un conto corrente ne nasconde molti. E spesso gli italiani neppure si ricordano di pagarli. Ma quando a inizio anno le famiglie riceveranno una documentazione dettagliata sui rendiconti di spese e costi, allora avranno di fronte il dettaglio dei costi del conto in banca. Si tratta di circa 20 voci di spesa, che vanno dal classico canone annuo ai prelievi fino ...continua
Gli Stati Ue processano l'Italia:"Mette a rischio anche l'euro"

5 Novembre 2018- L'appuntamento dell'Eurogruppo di oggi a Bruxelles segna un passagio cruciale nel dibattito sulla manovra italiana. Di fatto dopo la bocciatura da parte dell'Unione Europea con la lettera di qualche giorno fa, adesso è scontro aperto tra Roma e la Commissione. E così a puntare il dito contro il goevrno italiano e contro la manovra varata dall'esecutivo, sono anche gli ...continua
Si è arreso sequestratore

5 Novembre 2018- È uscito dall’ufficio postale di Pieve Modolena alle 16.45, scortato dagli uomini dell’Arma mentre una ventina di persona tra cui i suoi familiari lo applaudivano, dopo un sequestro durato quasi otto ore. Francesco Amato si è arreso ai carabinieri e i suoi quattro ostaggi, tutti dipendenti dell’ufficio, sono stati liberati e sono incolumi. Intorno alle ore 9 di questa mattina, armato di un coltello da cucina ...continua
Col mese di novembre c'è la stangata fiscale. Ecco chi rischia di più

5 Novembre 2018- Le imprese sono sempre più nella morsa del Fisco. La fotografia che emerge dalla analisi della Cgia di Mestre è abbastanza inquietante: il settore imprenditoriale è di fatto schiacciato dalle tasse. E il mese di novembre è proprio una vera mannaia per chi ha una azienda e per chi ha un lavoro da dipendente. Si tratta di una stangata da 57miliardi di euro. Come ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Penne aromatiche allo spada
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra