Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile
Condividi                       

di Giorgio Meletti

L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio propagandistico chiamato “decreto Dignità” che, al di là delle condivisibili intenzioni, non servirà a niente. Non creerà nuova disoccupazione, come strombazzano gli industriali e i loro amici politici. Però gli uomini nuovi – epigoni di una politica analfabeta che vorrebbe governare a colpi di slogan e tweet – come molti predecessori non praticano la disciplina mentale che fa convertire i buoni propositi in un testo normativo efficace.

Ci ha pensato un loro simpatizzante tecnicamente evoluto come Giulio Tremonti a metterli in guardia con paterna ironia sui pericoli di una norma scritta come un post di Facebook: “Che cos’è un investimento produttivo? Che cos’è l’attività economica interessata ovvero l’attività analoga? Che cos’è la conclusione dell’attività agevolata? È il collaudo del macchinario, la messa in funzione, il taglio del nastro, o il rinfresco per i festeggiamenti?”.

Mentre il Paese affronta così il dramma dei milioni di posti di lavoro che mancano e la frenata dell’economia getta luci fosche sull’autunno, il Gruppo Marcegaglia esce dalla Confindustria. Il punto non è l’ingratitudine di Antonio Marcegaglia, che dieci anni fa patteggiò una pena per corruzione (tangenti a un dirigente Eni in cambio di appalti) ma non fu cacciato dalla Confindustria perché la presidente (sua sorella Emma) era sollecitata dall’amico Antonello Montante a espellere chi pagava il pizzo alla mafia e non chi allungava le stecche all’Eni. Non conta che il Gruppo Marcegaglia sia anche di Emma, oggi presidente dell’Eni, una delle maggiori associate di Confindustria. E neppure che se ne va la ex presidente e attuale presidente della Luiss, l’università della casa.

Il punto è proprio nei motivi dell’uscita. Sostiene l’azienda di Mantova che nella discussione sui dazi l’associazione di categoria Federacciai (quella che viene tecnicamente abbandonata) si è schierata dalla parte dei produttori di acciaio contro i trasformatori come Marcegaglia, provocandogli “particolare amarezza e un profondo senso di isolamento”. Ogni amarezza ha la sua dignità, penserà magnanimo il padre di famiglia in cerca di lavoro che da anni sente lo stesso senso di isolamento ogni volta che gli dicono no.

Ma restiamo al fatto che i siderurgici sono divisi, talmente divisi da divorziare, manco fossero il Pd. Del resto l’esempio lo dette Sergio Marchionne il 3 ottobre 2011 annunciando l’uscita della Fiat dalla Confindustria perché l’accordo sindacale del 21 settembre smentiva quello del 28 giugno, e quindi rischiava di “limitare fortemente la flessibilità gestionale”. La presidente della Confindustria, Emma Marcegaglia amabilmente gli rispose: “Motivazioni che non stanno in piedi”. Marchionne, cocciuto, se ne andò lo stesso.

La morale della storia è spietata. Questi industriali pieni di sé e del ruolo autoassegnato di salvatori della Patria, mostrano di non avere la minima idea di che cosa sia l’interesse generale con cui amano sciacquarsi la bocca. Fronteggiano le difficoltà presenti pensando solo a se stessi, qualcuno cercando la soluzione pagando tangenti, qualcun altro impegnandosi in liti da ballatoio per piegare ai propri interessi la forza lobbistica della Confindustria. Talmente accecati dal loro infantile egoismo da non accorgersi che quella forza non esiste più.
10 Luglio 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Agnello cacio e uova
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra