Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile
Condividi                       

di Giorgio Meletti

L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio propagandistico chiamato “decreto Dignità” che, al di là delle condivisibili intenzioni, non servirà a niente. Non creerà nuova disoccupazione, come strombazzano gli industriali e i loro amici politici. Però gli uomini nuovi – epigoni di una politica analfabeta che vorrebbe governare a colpi di slogan e tweet – come molti predecessori non praticano la disciplina mentale che fa convertire i buoni propositi in un testo normativo efficace.

Ci ha pensato un loro simpatizzante tecnicamente evoluto come Giulio Tremonti a metterli in guardia con paterna ironia sui pericoli di una norma scritta come un post di Facebook: “Che cos’è un investimento produttivo? Che cos’è l’attività economica interessata ovvero l’attività analoga? Che cos’è la conclusione dell’attività agevolata? È il collaudo del macchinario, la messa in funzione, il taglio del nastro, o il rinfresco per i festeggiamenti?”.

Mentre il Paese affronta così il dramma dei milioni di posti di lavoro che mancano e la frenata dell’economia getta luci fosche sull’autunno, il Gruppo Marcegaglia esce dalla Confindustria. Il punto non è l’ingratitudine di Antonio Marcegaglia, che dieci anni fa patteggiò una pena per corruzione (tangenti a un dirigente Eni in cambio di appalti) ma non fu cacciato dalla Confindustria perché la presidente (sua sorella Emma) era sollecitata dall’amico Antonello Montante a espellere chi pagava il pizzo alla mafia e non chi allungava le stecche all’Eni. Non conta che il Gruppo Marcegaglia sia anche di Emma, oggi presidente dell’Eni, una delle maggiori associate di Confindustria. E neppure che se ne va la ex presidente e attuale presidente della Luiss, l’università della casa.

Il punto è proprio nei motivi dell’uscita. Sostiene l’azienda di Mantova che nella discussione sui dazi l’associazione di categoria Federacciai (quella che viene tecnicamente abbandonata) si è schierata dalla parte dei produttori di acciaio contro i trasformatori come Marcegaglia, provocandogli “particolare amarezza e un profondo senso di isolamento”. Ogni amarezza ha la sua dignità, penserà magnanimo il padre di famiglia in cerca di lavoro che da anni sente lo stesso senso di isolamento ogni volta che gli dicono no.

Ma restiamo al fatto che i siderurgici sono divisi, talmente divisi da divorziare, manco fossero il Pd. Del resto l’esempio lo dette Sergio Marchionne il 3 ottobre 2011 annunciando l’uscita della Fiat dalla Confindustria perché l’accordo sindacale del 21 settembre smentiva quello del 28 giugno, e quindi rischiava di “limitare fortemente la flessibilità gestionale”. La presidente della Confindustria, Emma Marcegaglia amabilmente gli rispose: “Motivazioni che non stanno in piedi”. Marchionne, cocciuto, se ne andò lo stesso.

La morale della storia è spietata. Questi industriali pieni di sé e del ruolo autoassegnato di salvatori della Patria, mostrano di non avere la minima idea di che cosa sia l’interesse generale con cui amano sciacquarsi la bocca. Fronteggiano le difficoltà presenti pensando solo a se stessi, qualcuno cercando la soluzione pagando tangenti, qualcun altro impegnandosi in liti da ballatoio per piegare ai propri interessi la forza lobbistica della Confindustria. Talmente accecati dal loro infantile egoismo da non accorgersi che quella forza non esiste più.
10 Luglio 2018



Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

17 Novembre 2018- di Luigi De Gregorio La privazione di lavoro per i dipendenti di un’azienda è una grave perdita economica. Ma non solo. Le conseguenze sono anche di ordine psicologico, famigliare, sociale. Non raro perfino il suicidio. Ultimo caso specifico di licenziamento in massa è quello della Pernigotti: 200 dipendenti. A fronte della tragedia dei lavoratori c’è ...continua
l’Europa sarà pure cattiva ma lo Stato fa peggio. Ecco i numeri

17 Novembre 2018- di Peter Gomez Raccontiamola così: da trent’anni a questa parte, a ogni legge finanziaria, tutti dicono che per far ripartire l’Italia ci vogliono gli investimenti. Decine e decine di miliardi da spendere in opere piccole e grandi che diano lavoro a centinaia di migliaia di persone. È il famoso volano per la crescita che secondo gli economisti è riassumibile in una ...continua
Inceneritori: scontro Salvini-Di Maio

17 Novembre 2018- Non solo non si è trovato un accordo, ma nessuno intende modificare le proprie posizioni: sugli inceneritori il governo è e rimane spaccato. Da una parte Matteo Salvini, che solo ieri ha annunciato che intende costruirne uno per ogni provincia per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania; dall’altra Luigi Di Maio che invece si è appellato al contratto di governo, dove non è previsto un intervento ...continua
L’Area Schengen ormai è fallita L’Europa del Nord chiude i confini

17 Novembre 2018- Schengen è stata per anni uno dei pilastri dell’Unione europea. La libertà di movimento dei cittadini europei fra uno Stato membro e l’altro è considerata una delle basi di questa Europa. E l’assenza di confini, sognata da no-borders ma anche dai paladini dell’europeismo, giace ormai nel dimenticatoio, travolta dagli eventi che hanno colpito ormai definitivamente la ...continua
È il cambiamento. Ma in peggio

17 Novembre 2018- Venghino, signori venghino al Lunapark Italia. Dal 4 marzo vivere nel nostro Paese è come salire sull'ottovolante o provare il gusto del rischio sulle montagne russe. Un festival di parole, proclami e minacce che bruciano miliardi e posti di lavoro. Al primo sentimento della fiduciosa attesa, si è sostituito quello dell'angosciosa ansia. Tutto all'insegna del cambiamento fine a se stesso, dimenticando ...continua
Il piano di Macron e Merkel per togliere fondi Ue all'Italia

17 Novembre 2018- L'Italia non rispetta il patto di stabilità e le regole europee sui conti pubblici? Allora non avrà diritto ai fondi dell'Unione europea. È il ricatto che Emmanuel Macron e Angela Merkel stanno preparando. Lunedì prossimo, infatti, Francia e Germania presenterà all'Eurogruppo straordinario in programma a Bruxelles un piano congiunto per creare un bilancio unico ...continua
Le banche aumentano i costi. È stangata sui conti correnti

5 Novembre 2018- Di costi un conto corrente ne nasconde molti. E spesso gli italiani neppure si ricordano di pagarli. Ma quando a inizio anno le famiglie riceveranno una documentazione dettagliata sui rendiconti di spese e costi, allora avranno di fronte il dettaglio dei costi del conto in banca. Si tratta di circa 20 voci di spesa, che vanno dal classico canone annuo ai prelievi fino ...continua
Gli Stati Ue processano l'Italia:"Mette a rischio anche l'euro"

5 Novembre 2018- L'appuntamento dell'Eurogruppo di oggi a Bruxelles segna un passagio cruciale nel dibattito sulla manovra italiana. Di fatto dopo la bocciatura da parte dell'Unione Europea con la lettera di qualche giorno fa, adesso è scontro aperto tra Roma e la Commissione. E così a puntare il dito contro il goevrno italiano e contro la manovra varata dall'esecutivo, sono anche gli ...continua
Si è arreso sequestratore

5 Novembre 2018- È uscito dall’ufficio postale di Pieve Modolena alle 16.45, scortato dagli uomini dell’Arma mentre una ventina di persona tra cui i suoi familiari lo applaudivano, dopo un sequestro durato quasi otto ore. Francesco Amato si è arreso ai carabinieri e i suoi quattro ostaggi, tutti dipendenti dell’ufficio, sono stati liberati e sono incolumi. Intorno alle ore 9 di questa mattina, armato di un coltello da cucina ...continua
Col mese di novembre c'è la stangata fiscale. Ecco chi rischia di più

5 Novembre 2018- Le imprese sono sempre più nella morsa del Fisco. La fotografia che emerge dalla analisi della Cgia di Mestre è abbastanza inquietante: il settore imprenditoriale è di fatto schiacciato dalle tasse. E il mese di novembre è proprio una vera mannaia per chi ha una azienda e per chi ha un lavoro da dipendente. Si tratta di una stangata da 57miliardi di euro. Come ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra