Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
PD: tutti contro tutti
Condividi                       

Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi.

Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ingiuste, non le ho condivise.

Basta dividersi così tra noi, io voglio un Pd diverso". E ancora: "Va attaccata la destra pericolosa ora al governo, non chi di noi ha servito bene il Paese". Renzi però nega le accuse: "Da noi nessuna polemica, solo politica: basta ascoltare", scrive su Twitter, postando il video dell’intervento all’assemblea del Pd. "Immigrazione, economia, Europa e molto altro. Se qualcuno vuole confrontarsi su tutto (anche vitalizi o voucher) ci siamo", scrive l’ex premier.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è l'unico che ha già preannunciato di volersi candidare per la guida del partito. "Il Pd si muove - scrive su Fb -. Con fatica, ma finalmente si muove. Al bando ora ogni conservatorismo o nostalgia del passato con ricette che hanno fallito. Dobbiamo guardare avanti. Quando ci riusciamo il Pd vince, insieme a tanti altri, anche ora.

Bene dunque la proposta di Martina per svolgere il congresso nei tempi politici giusti, prima delle decisive elezioni amministrative ed europee. Non possiamo andare avanti con analisi e ricette superate, occorre riaccendere speranze, passioni, partecipazione e fiducia nel futuro in una ricerca nuova. Ci attendono mesi di lotta politica contro la destra e di grande sforzo intellettuale e culturale per invertire la nostra rotta. Costruiamo in tutto il paese in maniera aperta 'comitati per l'alternativa' per chiamare a raccolta chi vuole cambiare - conclude Zingaretti- e ridare agli italiani un futuro".

"Mi è sembrato un tono inutilmente polemico quello di Renzi ieri", ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. A chi gli ha chiesto se il neo senatore ed ex segretario del Pd possa essere ancora la guida del partito, ha risposto: "Non penso in questo momento, stando anche a quello che aveva detto, che avrebbe fatto un passo indietro. Non credo debba essere il candidato per la prossima segreteria.

Ma non credo nemmeno francamente che lui lo voglia fare. Su questo non ho dubbi. Probabilmente non si tirerà indietro, ma non credo si voglia candidare in maniera diretta". Per Sala "non sarebbe un bene per il Pd" perchè "si tornerebbe al problema dell'uomo o della donna sola al comando, che è il modello più sbagliato in questo momento perchè non c'è una candidatura così forte da poter andare avanti da sola. Quindi è molto meglio collegialità".

A criticare Renzi è anche Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro nel secondo governo Prodi. "Ottima la scelta di Martina segretario. Adesso ci aspettiamo segnali di discontinuità nella conduzione politica e sui contenuti. L'intervento di Renzi di ieri è stato divisivo e obsoleto: una minestra riscaldata di luoghi comuni che l'ex segretario ci propina da ormai lungo tempo e che ci ha condotti alle sconfitte elettorali.

Assurdo e rancoroso l'attacco a Gentiloni". "Quello che però è più preoccupante - aggiunge - è il suo posizionamento politico: sui temi del lavoro e dello Stato sociale Renzi non si discosta dalle tesi liberiste. La difesa del Jobs Act è anacronistica: aver reso facili e poco costosi i licenziamenti, andando ben oltre le stesse politiche della destra, è stato un grave errore strategico che abbiamo pagato alle elezioni"

Per l'ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, "l'assemblea del Pd è riassumibile in questo modo. Siamo fermi al "chi ha sbagliato". Renzi dice Gentiloni, la minoranza dice Renzi, si congela tutto per sette mesi mentre il paese vive una stagione politica e di Governo drammatica. Così non si va da nessuna parte. È un partito in crisi puberale dal 5 marzo.

Ci aspettano almeno sei mesi di discussioni cogressuali totalmente concentrate sull'ombelico di una classe dirigente in scontro perenne. Bisogna andare oltre. Preparando la rifondazione di un fronte progressista ampio e articolato, capace di proporre soluzioni e mobilitare energie civiche. Le elezioni potrebbero essere molto più vicine del previsto e i tempi del Pd non corrispondono a quelli del paese".
9 Luglio 2018



Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

17 Novembre 2018- di Luigi De Gregorio La privazione di lavoro per i dipendenti di un’azienda è una grave perdita economica. Ma non solo. Le conseguenze sono anche di ordine psicologico, famigliare, sociale. Non raro perfino il suicidio. Ultimo caso specifico di licenziamento in massa è quello della Pernigotti: 200 dipendenti. A fronte della tragedia dei lavoratori c’è ...continua
l’Europa sarà pure cattiva ma lo Stato fa peggio. Ecco i numeri

17 Novembre 2018- di Peter Gomez Raccontiamola così: da trent’anni a questa parte, a ogni legge finanziaria, tutti dicono che per far ripartire l’Italia ci vogliono gli investimenti. Decine e decine di miliardi da spendere in opere piccole e grandi che diano lavoro a centinaia di migliaia di persone. È il famoso volano per la crescita che secondo gli economisti è riassumibile in una ...continua
Inceneritori: scontro Salvini-Di Maio

17 Novembre 2018- Non solo non si è trovato un accordo, ma nessuno intende modificare le proprie posizioni: sugli inceneritori il governo è e rimane spaccato. Da una parte Matteo Salvini, che solo ieri ha annunciato che intende costruirne uno per ogni provincia per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania; dall’altra Luigi Di Maio che invece si è appellato al contratto di governo, dove non è previsto un intervento ...continua
L’Area Schengen ormai è fallita L’Europa del Nord chiude i confini

17 Novembre 2018- Schengen è stata per anni uno dei pilastri dell’Unione europea. La libertà di movimento dei cittadini europei fra uno Stato membro e l’altro è considerata una delle basi di questa Europa. E l’assenza di confini, sognata da no-borders ma anche dai paladini dell’europeismo, giace ormai nel dimenticatoio, travolta dagli eventi che hanno colpito ormai definitivamente la ...continua
È il cambiamento. Ma in peggio

17 Novembre 2018- Venghino, signori venghino al Lunapark Italia. Dal 4 marzo vivere nel nostro Paese è come salire sull'ottovolante o provare il gusto del rischio sulle montagne russe. Un festival di parole, proclami e minacce che bruciano miliardi e posti di lavoro. Al primo sentimento della fiduciosa attesa, si è sostituito quello dell'angosciosa ansia. Tutto all'insegna del cambiamento fine a se stesso, dimenticando ...continua
Il piano di Macron e Merkel per togliere fondi Ue all'Italia

17 Novembre 2018- L'Italia non rispetta il patto di stabilità e le regole europee sui conti pubblici? Allora non avrà diritto ai fondi dell'Unione europea. È il ricatto che Emmanuel Macron e Angela Merkel stanno preparando. Lunedì prossimo, infatti, Francia e Germania presenterà all'Eurogruppo straordinario in programma a Bruxelles un piano congiunto per creare un bilancio unico ...continua
Le banche aumentano i costi. È stangata sui conti correnti

5 Novembre 2018- Di costi un conto corrente ne nasconde molti. E spesso gli italiani neppure si ricordano di pagarli. Ma quando a inizio anno le famiglie riceveranno una documentazione dettagliata sui rendiconti di spese e costi, allora avranno di fronte il dettaglio dei costi del conto in banca. Si tratta di circa 20 voci di spesa, che vanno dal classico canone annuo ai prelievi fino ...continua
Gli Stati Ue processano l'Italia:"Mette a rischio anche l'euro"

5 Novembre 2018- L'appuntamento dell'Eurogruppo di oggi a Bruxelles segna un passagio cruciale nel dibattito sulla manovra italiana. Di fatto dopo la bocciatura da parte dell'Unione Europea con la lettera di qualche giorno fa, adesso è scontro aperto tra Roma e la Commissione. E così a puntare il dito contro il goevrno italiano e contro la manovra varata dall'esecutivo, sono anche gli ...continua
Si è arreso sequestratore

5 Novembre 2018- È uscito dall’ufficio postale di Pieve Modolena alle 16.45, scortato dagli uomini dell’Arma mentre una ventina di persona tra cui i suoi familiari lo applaudivano, dopo un sequestro durato quasi otto ore. Francesco Amato si è arreso ai carabinieri e i suoi quattro ostaggi, tutti dipendenti dell’ufficio, sono stati liberati e sono incolumi. Intorno alle ore 9 di questa mattina, armato di un coltello da cucina ...continua
Col mese di novembre c'è la stangata fiscale. Ecco chi rischia di più

5 Novembre 2018- Le imprese sono sempre più nella morsa del Fisco. La fotografia che emerge dalla analisi della Cgia di Mestre è abbastanza inquietante: il settore imprenditoriale è di fatto schiacciato dalle tasse. E il mese di novembre è proprio una vera mannaia per chi ha una azienda e per chi ha un lavoro da dipendente. Si tratta di una stangata da 57miliardi di euro. Come ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Costruzioni Lego
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra