Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita
Condividi                       

L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno per miopia. Altri, per pura e semplice mancanza di volontà di comprendere i motivi di questa crisi.

Unione di interessi nazionali, non europei
Non sono i migranti il motivo della crisi. Ma sono loro ad aver palesato tutti i problemi di questo sistema. L’Unione europea sta fallendo non perché non sa gestire i flussi di migranti. Sarebbe assurdo credere che una tale questione ponga in crisi un sistema pluridecennale. Ma la crisi dei migranti ha manifestato, finalmente, un dato. Che questa Unione è un’unione di egoismi e non di scopi. Non è un’alleanza che ha un interesse comune. È stata per anni un insieme di interessi nazionali che si controbilanciavano, ma in cui era preponderante l’interesse tedesco e, al limite, franco-tedesco.

L’assenza di una strategia che facesse star bene tutti, ma un interesse nazionale (tedesco o francese) declinato su scala europea ha dimostrato, negli anni, di essere fallimentare. E nel momento di maggiore debolezza dello Stato che ha rappresentato il nucleo dell’Ue, cioè la Germania di Angela Merkel, ecco che sono riaffiorati tutti i problemi. Perché gli interessi nazionali, a questo punto, hanno cominciato ad avere la meglio. Un po’ perché il sovranismo ha preso vigore,un po’ perché si è indebolita la leadership tedesca anche per motivi fisiologici.

La crisi della struttura europea nasce quindi da un equivoco. Non è mai stata, realmente, un’Unione, ma un insieme di Stati che si univano per gestire al meglio un continente, ma in cui ognuno aveva interesse a far prevalere la propria agenda. Una volta evaporato il tacito accordo per cui Berlino era la capitale finanziaria e politica dell’Ue, ecco che l’Unione europea si è ritrovata del tutto priva di capacità di controllo.

Nasceranno nuove Unioni?
L’ascesa degli interessi nazionali significa anche la nascita di nuovi tipi di alleanze. Se l’Unione europea ha ancora senso come Kerneuropa, cioè quel nucleo duro di Stati che ruotano intorno alla Germania, allora potrebbero nascere anche nuove Europe, nuove Unioni, che abbiano degli interessi diversi. E la Germania potrebbe esserne anche una complice.

E in effetti, queste alleanze già esistono, seppure non formalmente. Il cosiddetto Gruppo di Visegrad in fondo non è altro che questo: un blocco di Stati che hanno interessi nazionali comuni e in contrapposizione a quelli di Bruxelles/Berlino. Ma anche la stessa Germania, nella teorizzazione dell’Europa a due o più velocità non ha fatto altro che ipotizzare questo scenario: stare tutti insieme non è più nei suoi interessi.

Il grande assente, in questo frangente, è l’Europa mediterranea. La questione migratoria, anche in questo caso, rappresenta un esempio di come Paesi fondamentalmente sullo stesso lato del fronte come Spagna, Italia e Grecia non abbiano mai preso seriamente l’ipotesi di unirsi per contrastare le logiche dell’Europa centrale, perché desiderose di scaricare i problemi invece che di risolverli. La debolezza della Grecia e l’egoismo di Madrid hanno lasciato l’Italia sola di fronte al blocco franco-tedesco. E la Spagna tenta di diventare la terza gamba di quell’asse.

Il lavoro degli Usa e delle altre superpotenze
In questa disgregazione, o indebolimento, di un’Unione mai stata tale, anche le superpotenze esterne hanno avuto un ruolo determinante. L’Unione europea è sempre stata monitorata da altri forze che ne hanno permesso la crescita, in particolare da Washington. Ma nel momento in cui questa Ue è diventata un pericolo strategico, sono iniziati i colpi alla sua struttura. Soprattutto perché stava diventando una sorta di impero tedesco con la Francia a volere la leadership militare.

Per anni ci è stato detto che la Russia di Vladimir Putin avesse un interesse prioritario nella fine dell’Ue per i legami con i partiti sovranisti o euroscettici. Ma attenzione a dare patenti a Mosca di euro-scetticismo. Perché Oltreoceano, soprattutto con Donald Trump, la situazione sembra essere molto assimilabile. Il sostegno evidente di Trump alla Brexit, ma anche ai governi meno filo-europei, è una dimostrazione eloquente di quanto stia avendo peso la forza degli Stati Uniti.

Visegrad è un sistema filo-atlantico, non filo-russo. E la contemporanea guerra dei dazi che sta indebolendo l’economia tedesca è una mossa a tenaglia nei confronti dell’Unione europea a trazione germanica.

Anche la Cina sta lavorando, sottotraccia, per penetrare in Europa. Come scritto su questa testata, il gruppo del 16+1 è un esempio eloquente. La Cina incontra non l’Unione europea, ma prima i Paesi dell’Europa orientale e centrale a Sofia, poi la Germania e infine l’Unione europea. Il fatto che esistano due format, uno per l’Est e il Centro dell’Europa e uno per tutta l’Ue, dimostra che gli interessi non siano perfettamente coincidenti.
8 Luglio 2018



Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

17 Novembre 2018- di Luigi De Gregorio La privazione di lavoro per i dipendenti di un’azienda è una grave perdita economica. Ma non solo. Le conseguenze sono anche di ordine psicologico, famigliare, sociale. Non raro perfino il suicidio. Ultimo caso specifico di licenziamento in massa è quello della Pernigotti: 200 dipendenti. A fronte della tragedia dei lavoratori c’è ...continua
l’Europa sarà pure cattiva ma lo Stato fa peggio. Ecco i numeri

17 Novembre 2018- di Peter Gomez Raccontiamola così: da trent’anni a questa parte, a ogni legge finanziaria, tutti dicono che per far ripartire l’Italia ci vogliono gli investimenti. Decine e decine di miliardi da spendere in opere piccole e grandi che diano lavoro a centinaia di migliaia di persone. È il famoso volano per la crescita che secondo gli economisti è riassumibile in una ...continua
Inceneritori: scontro Salvini-Di Maio

17 Novembre 2018- Non solo non si è trovato un accordo, ma nessuno intende modificare le proprie posizioni: sugli inceneritori il governo è e rimane spaccato. Da una parte Matteo Salvini, che solo ieri ha annunciato che intende costruirne uno per ogni provincia per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania; dall’altra Luigi Di Maio che invece si è appellato al contratto di governo, dove non è previsto un intervento ...continua
L’Area Schengen ormai è fallita L’Europa del Nord chiude i confini

17 Novembre 2018- Schengen è stata per anni uno dei pilastri dell’Unione europea. La libertà di movimento dei cittadini europei fra uno Stato membro e l’altro è considerata una delle basi di questa Europa. E l’assenza di confini, sognata da no-borders ma anche dai paladini dell’europeismo, giace ormai nel dimenticatoio, travolta dagli eventi che hanno colpito ormai definitivamente la ...continua
È il cambiamento. Ma in peggio

17 Novembre 2018- Venghino, signori venghino al Lunapark Italia. Dal 4 marzo vivere nel nostro Paese è come salire sull'ottovolante o provare il gusto del rischio sulle montagne russe. Un festival di parole, proclami e minacce che bruciano miliardi e posti di lavoro. Al primo sentimento della fiduciosa attesa, si è sostituito quello dell'angosciosa ansia. Tutto all'insegna del cambiamento fine a se stesso, dimenticando ...continua
Il piano di Macron e Merkel per togliere fondi Ue all'Italia

17 Novembre 2018- L'Italia non rispetta il patto di stabilità e le regole europee sui conti pubblici? Allora non avrà diritto ai fondi dell'Unione europea. È il ricatto che Emmanuel Macron e Angela Merkel stanno preparando. Lunedì prossimo, infatti, Francia e Germania presenterà all'Eurogruppo straordinario in programma a Bruxelles un piano congiunto per creare un bilancio unico ...continua
Le banche aumentano i costi. È stangata sui conti correnti

5 Novembre 2018- Di costi un conto corrente ne nasconde molti. E spesso gli italiani neppure si ricordano di pagarli. Ma quando a inizio anno le famiglie riceveranno una documentazione dettagliata sui rendiconti di spese e costi, allora avranno di fronte il dettaglio dei costi del conto in banca. Si tratta di circa 20 voci di spesa, che vanno dal classico canone annuo ai prelievi fino ...continua
Gli Stati Ue processano l'Italia:"Mette a rischio anche l'euro"

5 Novembre 2018- L'appuntamento dell'Eurogruppo di oggi a Bruxelles segna un passagio cruciale nel dibattito sulla manovra italiana. Di fatto dopo la bocciatura da parte dell'Unione Europea con la lettera di qualche giorno fa, adesso è scontro aperto tra Roma e la Commissione. E così a puntare il dito contro il goevrno italiano e contro la manovra varata dall'esecutivo, sono anche gli ...continua
Si è arreso sequestratore

5 Novembre 2018- È uscito dall’ufficio postale di Pieve Modolena alle 16.45, scortato dagli uomini dell’Arma mentre una ventina di persona tra cui i suoi familiari lo applaudivano, dopo un sequestro durato quasi otto ore. Francesco Amato si è arreso ai carabinieri e i suoi quattro ostaggi, tutti dipendenti dell’ufficio, sono stati liberati e sono incolumi. Intorno alle ore 9 di questa mattina, armato di un coltello da cucina ...continua
Col mese di novembre c'è la stangata fiscale. Ecco chi rischia di più

5 Novembre 2018- Le imprese sono sempre più nella morsa del Fisco. La fotografia che emerge dalla analisi della Cgia di Mestre è abbastanza inquietante: il settore imprenditoriale è di fatto schiacciato dalle tasse. E il mese di novembre è proprio una vera mannaia per chi ha una azienda e per chi ha un lavoro da dipendente. Si tratta di una stangata da 57miliardi di euro. Come ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra