Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita
Condividi                       

L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno per miopia. Altri, per pura e semplice mancanza di volontà di comprendere i motivi di questa crisi.

Unione di interessi nazionali, non europei
Non sono i migranti il motivo della crisi. Ma sono loro ad aver palesato tutti i problemi di questo sistema. L’Unione europea sta fallendo non perché non sa gestire i flussi di migranti. Sarebbe assurdo credere che una tale questione ponga in crisi un sistema pluridecennale. Ma la crisi dei migranti ha manifestato, finalmente, un dato. Che questa Unione è un’unione di egoismi e non di scopi. Non è un’alleanza che ha un interesse comune. È stata per anni un insieme di interessi nazionali che si controbilanciavano, ma in cui era preponderante l’interesse tedesco e, al limite, franco-tedesco.

L’assenza di una strategia che facesse star bene tutti, ma un interesse nazionale (tedesco o francese) declinato su scala europea ha dimostrato, negli anni, di essere fallimentare. E nel momento di maggiore debolezza dello Stato che ha rappresentato il nucleo dell’Ue, cioè la Germania di Angela Merkel, ecco che sono riaffiorati tutti i problemi. Perché gli interessi nazionali, a questo punto, hanno cominciato ad avere la meglio. Un po’ perché il sovranismo ha preso vigore,un po’ perché si è indebolita la leadership tedesca anche per motivi fisiologici.

La crisi della struttura europea nasce quindi da un equivoco. Non è mai stata, realmente, un’Unione, ma un insieme di Stati che si univano per gestire al meglio un continente, ma in cui ognuno aveva interesse a far prevalere la propria agenda. Una volta evaporato il tacito accordo per cui Berlino era la capitale finanziaria e politica dell’Ue, ecco che l’Unione europea si è ritrovata del tutto priva di capacità di controllo.

Nasceranno nuove Unioni?
L’ascesa degli interessi nazionali significa anche la nascita di nuovi tipi di alleanze. Se l’Unione europea ha ancora senso come Kerneuropa, cioè quel nucleo duro di Stati che ruotano intorno alla Germania, allora potrebbero nascere anche nuove Europe, nuove Unioni, che abbiano degli interessi diversi. E la Germania potrebbe esserne anche una complice.

E in effetti, queste alleanze già esistono, seppure non formalmente. Il cosiddetto Gruppo di Visegrad in fondo non è altro che questo: un blocco di Stati che hanno interessi nazionali comuni e in contrapposizione a quelli di Bruxelles/Berlino. Ma anche la stessa Germania, nella teorizzazione dell’Europa a due o più velocità non ha fatto altro che ipotizzare questo scenario: stare tutti insieme non è più nei suoi interessi.

Il grande assente, in questo frangente, è l’Europa mediterranea. La questione migratoria, anche in questo caso, rappresenta un esempio di come Paesi fondamentalmente sullo stesso lato del fronte come Spagna, Italia e Grecia non abbiano mai preso seriamente l’ipotesi di unirsi per contrastare le logiche dell’Europa centrale, perché desiderose di scaricare i problemi invece che di risolverli. La debolezza della Grecia e l’egoismo di Madrid hanno lasciato l’Italia sola di fronte al blocco franco-tedesco. E la Spagna tenta di diventare la terza gamba di quell’asse.

Il lavoro degli Usa e delle altre superpotenze
In questa disgregazione, o indebolimento, di un’Unione mai stata tale, anche le superpotenze esterne hanno avuto un ruolo determinante. L’Unione europea è sempre stata monitorata da altri forze che ne hanno permesso la crescita, in particolare da Washington. Ma nel momento in cui questa Ue è diventata un pericolo strategico, sono iniziati i colpi alla sua struttura. Soprattutto perché stava diventando una sorta di impero tedesco con la Francia a volere la leadership militare.

Per anni ci è stato detto che la Russia di Vladimir Putin avesse un interesse prioritario nella fine dell’Ue per i legami con i partiti sovranisti o euroscettici. Ma attenzione a dare patenti a Mosca di euro-scetticismo. Perché Oltreoceano, soprattutto con Donald Trump, la situazione sembra essere molto assimilabile. Il sostegno evidente di Trump alla Brexit, ma anche ai governi meno filo-europei, è una dimostrazione eloquente di quanto stia avendo peso la forza degli Stati Uniti.

Visegrad è un sistema filo-atlantico, non filo-russo. E la contemporanea guerra dei dazi che sta indebolendo l’economia tedesca è una mossa a tenaglia nei confronti dell’Unione europea a trazione germanica.

Anche la Cina sta lavorando, sottotraccia, per penetrare in Europa. Come scritto su questa testata, il gruppo del 16+1 è un esempio eloquente. La Cina incontra non l’Unione europea, ma prima i Paesi dell’Europa orientale e centrale a Sofia, poi la Germania e infine l’Unione europea. Il fatto che esistano due format, uno per l’Est e il Centro dell’Europa e uno per tutta l’Ue, dimostra che gli interessi non siano perfettamente coincidenti.
8 Luglio 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
Nomine e concorsi nella sanità: arrestato il governatore Pittella

7 Luglio 2018- Terremoto giudiziario alla Regione Basilicata. Il governatore Marcello Pittella, esponente del Partito democratico in carica dal 2013, è finito agli arresti domiciliari. È, infatti, tra le persone coinvolte nella maxi inchiesta condott dalla procura di Matera per questioni connesse a concorsi e nomine nella sanità lucana anche il direttore generale e la direttrice ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra