Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno
Condividi                       

La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti

«È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 stelle ad aver mosso nelle ultime ore i primi passi concreti, definendo i contorni del piano. Un’accelerazione necessaria per non rimanere in coda al treno salviniano, certo, ma dettata anche dal fatto che i destinatari della proposta coincidono con quella fascia di elettorato cara al partito di Luigi Di Maio: professionisti, start up, piccole e medie imprese.

L’obiettivo è quello di allargare la platea delle partite Iva che godono di un regime forfettario. Il vantaggio del forfait è costituito da una tassazione sostitutiva al 15 per cento (che tiene dentro Irpef e Irap); gli adempimenti burocratici, poi, sono molto più snelli, senza spesometro né fattura elettronica obbligatoria tra privati. Per poter rientrare nel regime forfettario, però, sono stati posti dei limiti di guadagno annui.

Attualmente, la soglia per la categoria di «commercianti all’ingrosso e al dettaglio» e per la più vasta categoria delle «attività professionistiche, scientifiche, sanitarie e tecniche» è fissata a 50mila euro annui. Se superata, si abbandona il regime agevolato e si rientra in quello ordinario. E qui arriva la proposta del Movimento, che vuole alzare l’asticella a 80mila euro, permettendo a chi guadagna di più di poter comunque rientrare nel regime forfettario. La cifra individuata non è casuale. La flat tax leghista, infatti, fissa un’aliquota del 15 per cento per i redditi familiari fino a 80mila euro.

Armonizzare il sistema portando tutte le categorie professionali del regime forfettario ad un’unica soglia di 80 mila euro annui, è un obiettivo che si scontra con la dura realtà delle coperture finanziarie. Per questo, l’allargamento delle maglie sarà graduale e, per ora, ristretto alle categorie dei professionisti e dei commercianti. Una misura ridotta che si preannuncia comunque pesante per le casse dello Stato. La cifra che circola tra le commissioni parlamentari e le stanze ministeriali sfiora il miliardo di euro, ma si scommette, per alleggerire in prospettiva il peso dell’operazione, sul rientro cospicuo di gettito proveniente dall’evasione fiscale. Non è una novità, in effetti, che per non sforare le soglie del regime forfettario spesso si finisca per omettere alcuni compensi, scivolando nel “nero”. Ma il recupero di risorse dall’evasione - è altrettanto noto - non offre certezze.

Ulteriori complicazioni si nascondono nelle normative europee. Bruxelles ha posto a 65mila euro l’asticella dei compensi per i regimi speciali. Mancano quindi 15mila euro per arrivare alla cifra prevista dal M5S. Ai tavoli comunitari, però, la richiesta italiana di alzare il tetto massimo non sarebbe isolata. Altri paesi hanno già chiesto a Bruxelles di rivedere le soglie e la speranza del governo, a questo punto, è di riuscire a fare fronte comune per ottenere il via libera.

Nel piano pentastellato sulle partite Iva, infine, si vorrebbero inserire misure ad hoc per chi innova. La strada passa dall’inserimento di una categoria riservata alle start-up che puntano sulle nuove tecnologie. A queste verrebbe destinata un’aliquota al 5 per cento per cinque anni. Non una priorità, però, perché se i margini di manovra nella prossima legge di bilancio non saranno sufficienti, verrà rinviata.

Tagliare le tasse e gli adempimenti burocratici a una platea di professionisti, start up e pmi, è il sogno dorato di Luigi Di Maio, nessuno nel Movimento lo nasconde. L’impressione, però, è che sia già partita l’ennesima gara con gli alleati leghisti. E un secondo posto,questa volta, rischierebbe di lasciare qualcosa di più di una semplice delusione.
7 Luglio 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Canederli di speck al burro fuso
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra