Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno
Condividi                       

La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti

«È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 stelle ad aver mosso nelle ultime ore i primi passi concreti, definendo i contorni del piano. Un’accelerazione necessaria per non rimanere in coda al treno salviniano, certo, ma dettata anche dal fatto che i destinatari della proposta coincidono con quella fascia di elettorato cara al partito di Luigi Di Maio: professionisti, start up, piccole e medie imprese.

L’obiettivo è quello di allargare la platea delle partite Iva che godono di un regime forfettario. Il vantaggio del forfait è costituito da una tassazione sostitutiva al 15 per cento (che tiene dentro Irpef e Irap); gli adempimenti burocratici, poi, sono molto più snelli, senza spesometro né fattura elettronica obbligatoria tra privati. Per poter rientrare nel regime forfettario, però, sono stati posti dei limiti di guadagno annui.

Attualmente, la soglia per la categoria di «commercianti all’ingrosso e al dettaglio» e per la più vasta categoria delle «attività professionistiche, scientifiche, sanitarie e tecniche» è fissata a 50mila euro annui. Se superata, si abbandona il regime agevolato e si rientra in quello ordinario. E qui arriva la proposta del Movimento, che vuole alzare l’asticella a 80mila euro, permettendo a chi guadagna di più di poter comunque rientrare nel regime forfettario. La cifra individuata non è casuale. La flat tax leghista, infatti, fissa un’aliquota del 15 per cento per i redditi familiari fino a 80mila euro.

Armonizzare il sistema portando tutte le categorie professionali del regime forfettario ad un’unica soglia di 80 mila euro annui, è un obiettivo che si scontra con la dura realtà delle coperture finanziarie. Per questo, l’allargamento delle maglie sarà graduale e, per ora, ristretto alle categorie dei professionisti e dei commercianti. Una misura ridotta che si preannuncia comunque pesante per le casse dello Stato. La cifra che circola tra le commissioni parlamentari e le stanze ministeriali sfiora il miliardo di euro, ma si scommette, per alleggerire in prospettiva il peso dell’operazione, sul rientro cospicuo di gettito proveniente dall’evasione fiscale. Non è una novità, in effetti, che per non sforare le soglie del regime forfettario spesso si finisca per omettere alcuni compensi, scivolando nel “nero”. Ma il recupero di risorse dall’evasione - è altrettanto noto - non offre certezze.

Ulteriori complicazioni si nascondono nelle normative europee. Bruxelles ha posto a 65mila euro l’asticella dei compensi per i regimi speciali. Mancano quindi 15mila euro per arrivare alla cifra prevista dal M5S. Ai tavoli comunitari, però, la richiesta italiana di alzare il tetto massimo non sarebbe isolata. Altri paesi hanno già chiesto a Bruxelles di rivedere le soglie e la speranza del governo, a questo punto, è di riuscire a fare fronte comune per ottenere il via libera.

Nel piano pentastellato sulle partite Iva, infine, si vorrebbero inserire misure ad hoc per chi innova. La strada passa dall’inserimento di una categoria riservata alle start-up che puntano sulle nuove tecnologie. A queste verrebbe destinata un’aliquota al 5 per cento per cinque anni. Non una priorità, però, perché se i margini di manovra nella prossima legge di bilancio non saranno sufficienti, verrà rinviata.

Tagliare le tasse e gli adempimenti burocratici a una platea di professionisti, start up e pmi, è il sogno dorato di Luigi Di Maio, nessuno nel Movimento lo nasconde. L’impressione, però, è che sia già partita l’ennesima gara con gli alleati leghisti. E un secondo posto,questa volta, rischierebbe di lasciare qualcosa di più di una semplice delusione.
7 Luglio 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Nomine e concorsi nella sanità: arrestato il governatore Pittella

7 Luglio 2018- Terremoto giudiziario alla Regione Basilicata. Il governatore Marcello Pittella, esponente del Partito democratico in carica dal 2013, è finito agli arresti domiciliari. È, infatti, tra le persone coinvolte nella maxi inchiesta condott dalla procura di Matera per questioni connesse a concorsi e nomine nella sanità lucana anche il direttore generale e la direttrice ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra