Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Orlando: “Il Pd non esiste più in gran parte del Paese.
Condividi                       

Il Partito Democratico? “Non esiste più in gran parte del Paese, dobbiamo ricostruirlo”. E in quelle zone dove ancora c’è? “Sarebbe meglio non esistesse, soprattutto in molte realtà del Mezzogiorno“. E fino a quando non ci sarà il partito “dobbiamo farlo noi, il partito”.

L’ex ministro della Giustizia e leader della minoranza, Andrea Orlando, certifica lo stato comatoso del partito dopo le elezioni del 4 marzo e dà un giudizio tranchant sulla salute dei dem. Mentre nel partito la compattezza appare lontana con litigi social di Carlo Calenda che accusa Francesco Boccia di avere “disturbi della personalità” e Anna Ascani che se le suona di santa ragione con Francesco Nicodemo tra accuse di “incoerenza” e “dillo agli amici tuoi”.

“Dobbiamo rompere gli indugi, avere meno carattere ideologico e prendere l’iniziativa. Abbiamo bisogno di quadri politici che vanno a ricostruire pezzi di società – ha detto Orlando – Non risolveremo la crisi del Partito democratico con patti sindacali ma solo se siamo in grado noi di porre l’iniziativa politica”. Per questo, spiega l’ex ministro, “abbiamo l’esigenza di aprire una fase radicalmente nuova e dobbiamo dire cambiamo le regole e andiamo subito a congresso, perché non possiamo stare in una posizione di limbo dove non si capisce chi detta la linea. Rischiamo di perdere ancora più voti”.

Parole che più tardi il leader della minoranza ha precisato spiegando che se “estrapolate dal contesto possono apparire fuorvianti e offensive per la comunità del Pd”, che è “una forza fondamentale per la democrazia italiana, ma purtroppo in alcune realtà è molto al di sotto delle aspettative“. Alcune distorsioni che “vanno rapidamente superate – ha aggiunto – impediscono al nostro partito di svolgere questo compito che da subito deve essere di guida dell’opposizione a livello nazionale e di forza di governo locale in tutte le realtà in cui è impegnato nelle prossime elezioni amministrative”.

Quando gli è stato chiesto se il Pd di Renzi non esiste più, Orlando ha risposto che “quella di Renzi è stata una stagione politica della quale abbiamo fatto tutti parte, che però a mio avviso è sopravvissuta oltre il quadro generale – ha concluso – È la terza via di Blair, che nel nostro Paese è arrivata tardi quando non aveva più senso”.

Ora, quindi, ha spiegato è necessario capire “come far partecipare i cittadini e la nostra base a una discussione politica e come si arriva a un cambio di classe dirigente e di leadership”. Poi una postilla sul ruolo dei vari Prodi e Veltroni, che prima e dopo il voto hanno più volte parlato dello stato dei dem: “Bene gli appelli dei padri nobili ma non facciamo di loro i riferimenti per il futuro – ha concluso – Quando diciamo di aprire una nuova fase non vuol dire tornare ad una fase precedente”.

Mentre Orlando parla da Milano, sui social volano gli stracci tra big del partito. Calenda – che da settimane litiga con Boccia sull’Ilva – poche ore fa ha twittato: “Disturbi della personalità di Boccia che vuole confronto con me su Ilva. Francesco sei del PD! Devi chiederlo a Di Maio il confronto! Alle brutte Salvini. Falla finita. Di buffoni in giro ce ne sono già troppi. E Ilva è questione troppo seria per vostre battaglie interne al Pd”. Immediata la risposta del deputato barese: “Trasparenza, si chiama trasparenza e non fare il bullo con me perché non attacca.

Luigi Di Maio dovrà tenere aperta Ilva perché è giusto così. Ma nel Pd dobbiamo ripartire da una posizione unica e tu devi chiarire molte cose tra Taranto, Piombino e Bxl. A presto”. Ma l’ex ministro dello Sviluppo Economico vuole l’ultima parola: “Basta! mi sono stancato di polemiche pubbliche interne al PD. Questa è l’ultima risposta che ti do. Su Ilva ho chiarito tutto fino all’esaurimento in ogni sede. Se vuoi altre risposte chiamami. Confronti li faccio con gli avversari. Quando finalmente ti iscriverai ai 5S ripassa”.

Il botta e risposta tra i due arriva a poche ore da un’altra polemica social, quella tra l’ex consigliere di Palazzo Chigi e responsabile della Comunicazione Pd, Francesco Nicodemo, e la deputata Anna Ascani, nata attorno a un tweet del primo: “Mi chiedo, e spiegatelo come se avessi 6 anni, perché il principale partito di opposizione che fino a una settimana fa esprimeva il premier – scriveva venerdì su Twitter – rilancia la polemica sull’aereo di Stato preso da Conte? Grazie anticipate”.

La Ascani – che era stata tra le prime ad alzare il polverone – non ci sta: “Io invece mi chiedo perché Tu con un ministro dell’Interno che minaccia leggi speciali contro i rom e che dice “è finita la pacchia” rivolto a gente che vive in baracche di fortuna quando non è morta in mare, stai ancora, tutti i giorni che Dio manda in terra, a criticare il Pd“. Da quel momento, piovono anche inviti a “fare meno” e “dillo agli amici tuoi” e accuse di “tradimento” respinte: “Ti ho solo dato dell’incoerente”, dice la Ascani che poi si è scusata per la rissa virtuale.
10 Giugno 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra