Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Orlando: “Il Pd non esiste più in gran parte del Paese.
Condividi                       

Il Partito Democratico? “Non esiste più in gran parte del Paese, dobbiamo ricostruirlo”. E in quelle zone dove ancora c’è? “Sarebbe meglio non esistesse, soprattutto in molte realtà del Mezzogiorno“. E fino a quando non ci sarà il partito “dobbiamo farlo noi, il partito”.

L’ex ministro della Giustizia e leader della minoranza, Andrea Orlando, certifica lo stato comatoso del partito dopo le elezioni del 4 marzo e dà un giudizio tranchant sulla salute dei dem. Mentre nel partito la compattezza appare lontana con litigi social di Carlo Calenda che accusa Francesco Boccia di avere “disturbi della personalità” e Anna Ascani che se le suona di santa ragione con Francesco Nicodemo tra accuse di “incoerenza” e “dillo agli amici tuoi”.

“Dobbiamo rompere gli indugi, avere meno carattere ideologico e prendere l’iniziativa. Abbiamo bisogno di quadri politici che vanno a ricostruire pezzi di società – ha detto Orlando – Non risolveremo la crisi del Partito democratico con patti sindacali ma solo se siamo in grado noi di porre l’iniziativa politica”. Per questo, spiega l’ex ministro, “abbiamo l’esigenza di aprire una fase radicalmente nuova e dobbiamo dire cambiamo le regole e andiamo subito a congresso, perché non possiamo stare in una posizione di limbo dove non si capisce chi detta la linea. Rischiamo di perdere ancora più voti”.

Parole che più tardi il leader della minoranza ha precisato spiegando che se “estrapolate dal contesto possono apparire fuorvianti e offensive per la comunità del Pd”, che è “una forza fondamentale per la democrazia italiana, ma purtroppo in alcune realtà è molto al di sotto delle aspettative“. Alcune distorsioni che “vanno rapidamente superate – ha aggiunto – impediscono al nostro partito di svolgere questo compito che da subito deve essere di guida dell’opposizione a livello nazionale e di forza di governo locale in tutte le realtà in cui è impegnato nelle prossime elezioni amministrative”.

Quando gli è stato chiesto se il Pd di Renzi non esiste più, Orlando ha risposto che “quella di Renzi è stata una stagione politica della quale abbiamo fatto tutti parte, che però a mio avviso è sopravvissuta oltre il quadro generale – ha concluso – È la terza via di Blair, che nel nostro Paese è arrivata tardi quando non aveva più senso”.

Ora, quindi, ha spiegato è necessario capire “come far partecipare i cittadini e la nostra base a una discussione politica e come si arriva a un cambio di classe dirigente e di leadership”. Poi una postilla sul ruolo dei vari Prodi e Veltroni, che prima e dopo il voto hanno più volte parlato dello stato dei dem: “Bene gli appelli dei padri nobili ma non facciamo di loro i riferimenti per il futuro – ha concluso – Quando diciamo di aprire una nuova fase non vuol dire tornare ad una fase precedente”.

Mentre Orlando parla da Milano, sui social volano gli stracci tra big del partito. Calenda – che da settimane litiga con Boccia sull’Ilva – poche ore fa ha twittato: “Disturbi della personalità di Boccia che vuole confronto con me su Ilva. Francesco sei del PD! Devi chiederlo a Di Maio il confronto! Alle brutte Salvini. Falla finita. Di buffoni in giro ce ne sono già troppi. E Ilva è questione troppo seria per vostre battaglie interne al Pd”. Immediata la risposta del deputato barese: “Trasparenza, si chiama trasparenza e non fare il bullo con me perché non attacca.

Luigi Di Maio dovrà tenere aperta Ilva perché è giusto così. Ma nel Pd dobbiamo ripartire da una posizione unica e tu devi chiarire molte cose tra Taranto, Piombino e Bxl. A presto”. Ma l’ex ministro dello Sviluppo Economico vuole l’ultima parola: “Basta! mi sono stancato di polemiche pubbliche interne al PD. Questa è l’ultima risposta che ti do. Su Ilva ho chiarito tutto fino all’esaurimento in ogni sede. Se vuoi altre risposte chiamami. Confronti li faccio con gli avversari. Quando finalmente ti iscriverai ai 5S ripassa”.

Il botta e risposta tra i due arriva a poche ore da un’altra polemica social, quella tra l’ex consigliere di Palazzo Chigi e responsabile della Comunicazione Pd, Francesco Nicodemo, e la deputata Anna Ascani, nata attorno a un tweet del primo: “Mi chiedo, e spiegatelo come se avessi 6 anni, perché il principale partito di opposizione che fino a una settimana fa esprimeva il premier – scriveva venerdì su Twitter – rilancia la polemica sull’aereo di Stato preso da Conte? Grazie anticipate”.

La Ascani – che era stata tra le prime ad alzare il polverone – non ci sta: “Io invece mi chiedo perché Tu con un ministro dell’Interno che minaccia leggi speciali contro i rom e che dice “è finita la pacchia” rivolto a gente che vive in baracche di fortuna quando non è morta in mare, stai ancora, tutti i giorni che Dio manda in terra, a criticare il Pd“. Da quel momento, piovono anche inviti a “fare meno” e “dillo agli amici tuoi” e accuse di “tradimento” respinte: “Ti ho solo dato dell’incoerente”, dice la Ascani che poi si è scusata per la rissa virtuale.
10 Giugno 2018



Merkel a Conte: “Collaboriamo con l’Italia. Rafforzare le frontiere esterne”

19 Giugno 2018- Dopo la Francia, sul fronte migranti Conte incassa anche l’appoggio della Germania: la priorità numero uno è potenziare Frontex, tutelare le frontiere esterne e collaborare con l’Italia. Anche allestendo centri di prima identificazione nei Paesi africani tra cui la Libia. Angela Merkel lo dice davanti ai giornalisti, nel corso di una breve conferenza stampa ...continua
Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

19 Giugno 2018- Dopo l'annuncio di Salvini su un nuovo censimento dei rom per mandare via gli irregolari e tenere invece quelli con cittadinanza italiana, arriva la durissima reazione di Angela Casamonica. Lei, italiana e di origine rom, fa parte di una delle famiglie rom più note della Capitale. Intervistata dall'Agenzia Dire, la Casamonica attacca il ministro degli Interni: "Salvini ...continua
Non versava Iva, assolto: "Lo Stato non lo pagava"

17 Giugno 2018- Non avrebbe pagato l'Iva, ma è stato assolto dalla corte d'appello. È accaduto a Bari. Si tratta di Rocco Lombardi, un imprenditore nel settore dei rifiuti. I Comuni per i quali gestiva il servizio di raccolta di immondizia non gli hanno pagato le fatture e la Corte di Appello di Bari lo ha, quindi, assolto "perché il fatto non costituisce reato". Si tratta dell'amministratore ...continua
Roma, boom di furti e rapine, i negozianti: "Ora vogliamo armarci"

17 Giugno 2018- “Di aggressioni ne abbiamo subite diverse, mi difendo con le mani e a mali estremi ho sempre una spranga di ferro dietro al bancone”. Questo tabaccaio del quartiere Talenti non è il solo a pensare di ricorrere alla difesa fai-da-te dopo la serie di furti e rapine che sta sconvolgendo il quadrante nord-est della Capitale. Due colpi eccellenti messi a segno in meno di ...continua
Salvini blocca il riso asiatico: "Non faremo più gli zerbini"

17 Giugno 2018- Non solo immigrazione: adesso Matteo Salvini dice basta anche al cibo importato dall'estero che imita il made in Italy, come riso e formaggi. "La verità è che abbiamo finito di fare gli zerbini", ha detto il ministro dell'Interno al Corriere della sera, "Dopo le navi delle Ong, potremmo fermare anche quelle che arrivano nei nostri porti cariche di riso cambogiano. Io sono ...continua
Salvini chiude i porti. Toninelli: “L’Olanda richiami le sue navi”

17 Giugno 2018- I migranti dell’Aquarius stanno per sbarcare in Spagna e così il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo una settimana può cambiare obiettivo. Questa volta sono due ong tedesche che operano davanti alla costa della Libia con navi con bandiera olandese, Lifeline (“La linea della vita”, in inglese) e Seefuchs (“Volpe del mare”, in tedesco). Torna l’hashtag ...continua
Flat tax, governo accelera: "Per imprese e partite Iva ​può già scattare ad agosto"

17 Giugno 2018- Il vice ministro all'Economia, Massimo Garavaglia, intervistato a l'intervista di Maria Latella su Sky Tg24 prova ad accelerare sul fronte flat tax. Il vice di Tria di fatto annuncia che molto probabilmente la rivoluzione fiscale pianificata dall'esecutivo potrebbe già scattare dal mese di agosto per le Pmi e per le partite Iva: "La flat tax ...continua
Come la Francia prova a strappare la Libia all'Italia

17 Giugno 2018- Intervenire congiuntamente ovunque negli scenari afrcani, al fine di alleviare la pressione del radicalismo islamico e dell’emergenza immigrazione, tranne che in Libia: ecco cosa emerge dal vertice italo – francese tenuto a Parigi nella giornata di venerdì. La Francia non ha fatto mistero dunque di voler gestire la Libia come un propria affare personale, a cui l’Italia ...continua
L’italiana dell’Isis confessa: “Jihadisti sono già in Europa”

17 Giugno 2018- Da Camp Roj (Siria) “Voglio tornare in Italia, anche se dovrò andare in carcere”, dice convinta Meriem. Subito dopo aggiunge: “Almeno riabbraccio la mamma, che mi manca tanto…”. E scoppia a piangere. Meriem Rehaily, 22 anni, jihadista della provincia di Padova di origini marocchine, è stata condannata il 12 dicembre a quattro anni per aver aderito allo Stato ...continua
I Cinque "Stalle" ballano sul Titanic

16 Giugno 2018- di Alessandro Sallusti C'erano una volta i Cinquestelle che urlavano nelle piazze e in Parlamento «onestà, onestà». Dicevano di essere stati mandati dal messia Beppe Grillo (e dallo spirito santo Casaleggio) a purificare l'Italia corrotta e incapace. Poi i primi scivoloni giudiziari: ogni sindaco che hanno conquistato in virtù della presunta diversità etica è finito a processo per reati che ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra