Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Orlando: “Il Pd non esiste più in gran parte del Paese.
Condividi                       

Il Partito Democratico? “Non esiste più in gran parte del Paese, dobbiamo ricostruirlo”. E in quelle zone dove ancora c’è? “Sarebbe meglio non esistesse, soprattutto in molte realtà del Mezzogiorno“. E fino a quando non ci sarà il partito “dobbiamo farlo noi, il partito”.

L’ex ministro della Giustizia e leader della minoranza, Andrea Orlando, certifica lo stato comatoso del partito dopo le elezioni del 4 marzo e dà un giudizio tranchant sulla salute dei dem. Mentre nel partito la compattezza appare lontana con litigi social di Carlo Calenda che accusa Francesco Boccia di avere “disturbi della personalità” e Anna Ascani che se le suona di santa ragione con Francesco Nicodemo tra accuse di “incoerenza” e “dillo agli amici tuoi”.

“Dobbiamo rompere gli indugi, avere meno carattere ideologico e prendere l’iniziativa. Abbiamo bisogno di quadri politici che vanno a ricostruire pezzi di società – ha detto Orlando – Non risolveremo la crisi del Partito democratico con patti sindacali ma solo se siamo in grado noi di porre l’iniziativa politica”. Per questo, spiega l’ex ministro, “abbiamo l’esigenza di aprire una fase radicalmente nuova e dobbiamo dire cambiamo le regole e andiamo subito a congresso, perché non possiamo stare in una posizione di limbo dove non si capisce chi detta la linea. Rischiamo di perdere ancora più voti”.

Parole che più tardi il leader della minoranza ha precisato spiegando che se “estrapolate dal contesto possono apparire fuorvianti e offensive per la comunità del Pd”, che è “una forza fondamentale per la democrazia italiana, ma purtroppo in alcune realtà è molto al di sotto delle aspettative“. Alcune distorsioni che “vanno rapidamente superate – ha aggiunto – impediscono al nostro partito di svolgere questo compito che da subito deve essere di guida dell’opposizione a livello nazionale e di forza di governo locale in tutte le realtà in cui è impegnato nelle prossime elezioni amministrative”.

Quando gli è stato chiesto se il Pd di Renzi non esiste più, Orlando ha risposto che “quella di Renzi è stata una stagione politica della quale abbiamo fatto tutti parte, che però a mio avviso è sopravvissuta oltre il quadro generale – ha concluso – È la terza via di Blair, che nel nostro Paese è arrivata tardi quando non aveva più senso”.

Ora, quindi, ha spiegato è necessario capire “come far partecipare i cittadini e la nostra base a una discussione politica e come si arriva a un cambio di classe dirigente e di leadership”. Poi una postilla sul ruolo dei vari Prodi e Veltroni, che prima e dopo il voto hanno più volte parlato dello stato dei dem: “Bene gli appelli dei padri nobili ma non facciamo di loro i riferimenti per il futuro – ha concluso – Quando diciamo di aprire una nuova fase non vuol dire tornare ad una fase precedente”.

Mentre Orlando parla da Milano, sui social volano gli stracci tra big del partito. Calenda – che da settimane litiga con Boccia sull’Ilva – poche ore fa ha twittato: “Disturbi della personalità di Boccia che vuole confronto con me su Ilva. Francesco sei del PD! Devi chiederlo a Di Maio il confronto! Alle brutte Salvini. Falla finita. Di buffoni in giro ce ne sono già troppi. E Ilva è questione troppo seria per vostre battaglie interne al Pd”. Immediata la risposta del deputato barese: “Trasparenza, si chiama trasparenza e non fare il bullo con me perché non attacca.

Luigi Di Maio dovrà tenere aperta Ilva perché è giusto così. Ma nel Pd dobbiamo ripartire da una posizione unica e tu devi chiarire molte cose tra Taranto, Piombino e Bxl. A presto”. Ma l’ex ministro dello Sviluppo Economico vuole l’ultima parola: “Basta! mi sono stancato di polemiche pubbliche interne al PD. Questa è l’ultima risposta che ti do. Su Ilva ho chiarito tutto fino all’esaurimento in ogni sede. Se vuoi altre risposte chiamami. Confronti li faccio con gli avversari. Quando finalmente ti iscriverai ai 5S ripassa”.

Il botta e risposta tra i due arriva a poche ore da un’altra polemica social, quella tra l’ex consigliere di Palazzo Chigi e responsabile della Comunicazione Pd, Francesco Nicodemo, e la deputata Anna Ascani, nata attorno a un tweet del primo: “Mi chiedo, e spiegatelo come se avessi 6 anni, perché il principale partito di opposizione che fino a una settimana fa esprimeva il premier – scriveva venerdì su Twitter – rilancia la polemica sull’aereo di Stato preso da Conte? Grazie anticipate”.

La Ascani – che era stata tra le prime ad alzare il polverone – non ci sta: “Io invece mi chiedo perché Tu con un ministro dell’Interno che minaccia leggi speciali contro i rom e che dice “è finita la pacchia” rivolto a gente che vive in baracche di fortuna quando non è morta in mare, stai ancora, tutti i giorni che Dio manda in terra, a criticare il Pd“. Da quel momento, piovono anche inviti a “fare meno” e “dillo agli amici tuoi” e accuse di “tradimento” respinte: “Ti ho solo dato dell’incoerente”, dice la Ascani che poi si è scusata per la rissa virtuale.
10 Giugno 2018



"Rischio di chiudere, per il governo non esistiamo"

3 Febbraio 2019- di Carmelo Caruso Ogni sera penso di chiudere e ogni mattina mi ripeto che non devo. In questo paese sono ormai più gli incentivi per chi non lavora che quelli per chi a lavorare invece continua». Dal 1956 la panetteria di Francesco Rizzo è tra le più celebrate di Castelvetrano, paese in provincia di Trapani. Qui è speciale la cottura, («cotto con le foglie di ulivo») e per ...continua
Tasse, cavilli e ritardi: così muore un artigiano ucciso dallo Stato esoso

3 Febbraio 2019- di Antonio Signorini Fisco, burocrazia, credito e leggi che impediscono di investire, rapporti con la pubblica amministrazione complicati. Ostacoli che complicano la vita alle imprese che rappresentano il meglio del made in Italy. Spesso costrette a chiudere i battenti, poco importa che facciano bene il loro mestiere. Gli artigiani italiani pagano anni ...continua
La strage delle botteghe: perse 165mila in dieci anni

3 Febbraio 2019- di Francesca Angeli L'arrotino, il materassaio, la ricamatrice, il guantaio: figure che stanno per diventare o sono già diventate un lontano ricordo. Gli artigiani purtroppo sono una specie in via di estinzione: erano considerati la spina dorsale dell'economia italiana ma ora stanno scomparendo. A confermarlo purtroppo gli ultimi dati della Cgia. In un settore già duramente ...continua
Spartizione di potere.

3 Febbraio 2019- di Augusto Minzolini A volte lo scontro rasenta il ridicolo, come sulla Tav: Giggino Di Maio dice «mai» perché non è stato fatto neppure un «buco», mentre Matteo Salvini promette il «sì» mentre visita una galleria di sette chilometri, parte integrante dell'opera invisa ai grillini. In altre occasioni il braccio di ferro se ne infischia del «dramma», come nel caso del Venezuela: in un Paese pieno di oriundi ...continua
Ecco cosa c’è davvero dietro il colpo di Stato in Venezuela

27 Gennaio 2019- La crisi venezuelana ha diverse chiavi di lettura, ma la più importante resta il petrolio, sul quale galleggia. Fattore decisivo dell’impegno Usa, che dura tempo, di rovesciare il governo chavista. Il mondo libero accusa Nicolas Maduro di aver compresso la libertà. Vero, il caudillo non è un campione di democrazia, come non lo era Gheddafi né Saddam. Resta che certe ...continua
Nordio contro i trafficanti del mare: "Giocano sulla nostra emotività"

27 Gennaio 2019- Abano Terme (Pd) Silenzio. Parla Nordio. Grandi applausi venerdì sera all'hotel Mioni Pezzato di Abano Terme dove oggi si conclude la nona edizione della settimana dei Lettori del Giornale. Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio, ospite de "L'intervista" Una serata viva e densa di approfondimenti moderata dall'inviato speciale del nostro quotidiano, ...continua
Nasce l'asse Ungheria-Salvini: "Così fermiamo l'immigrazione"

27 Gennaio 2019- L'Ungheria fa da sponda alla linea politica del Viminale. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto in un'intervista a La Stampa dichiara tutta la vicinanza del governo di Budapest al ministro degli Interni italiano sancendo di fatto un asse tra Roma e l'Ungheria. "Noi e Salvini siamo dei pionieri, entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere ...continua
Il nemico dell’asse franco-tedesco: gli Stati Uniti di Donald Trump

27 Gennaio 2019- L’accordo siglato fra Emmanuel Macron e Angela Merkel ad Aquisgrana segna un ulteriore passo in avanti verso il rafforzamento dell’asse franco-tedesco. Berlino e Parigi hanno deciso di rafforzare le loro relazioni bilaterali di fatto mettendo da parte la stessa idea di Unione europea basata sulla comunità di tutti gli Stati membri. C’è un’alleanza che supera la stessa ...continua
I parlamentari sulla Sea Watch. Salvini: "Leggi non rispettate"

27 Gennaio 2019- Il caso Sea Watch non accenna a chiudersi. La nave è ancora ancorata a largo di Siracusa. A bordo ci sono 47 migranti. Come è noto la ong tedesca ha chiesto di far sbarcare i migranti ma dal Viminale è arrivato un secco "no". Il ministro degli Interni ha ribadito che i porti italiani restano chiusi e che nessuno metterà piede sul nostro territorio nazionale. Salvini ha ...continua
Berlusconi: "Salvini è nostro alleato FI-Lega unite alle elezioni"

27 Gennaio 2019- Silvio Berlusconi ai microfoni del Gr1 ribadisce la linea di Forza Italia in vista delle Regionali. Il Cavaliere di fatto rinsalda l'alleanza con la Lega nel centrdoestra: "Salvini è il numero uno della Lega - afferma - con cui ci stiamo presentando qui, in Abruzzo, per le prossime elezioni regionali, con cui abbiamo vinto tutte le elezioni regionali e amministrative ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Risu Niru
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra