Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
Governo M5s-Lega, la sfida ‘anti-sistema’ contro la deriva neoliberista
Condividi                       

di Lidia Undiemi

Altro che governo populista, è sufficiente leggere l’accordo di programma per rendersi conto che sui temi cruciali di economia, finanza e lavoro il M5s e la Lega stanno proponendo un cambio di rotta contro la deriva neoliberista che sta mettendo in ginocchio l’Europa.

Il tema del programma di governo Lega-M5s va affrontato ponendo l’attenzione su due grandi temi: quello della democrazia degli Stati rispetto alle decisioni calate dall’alto, in particolare dall’Ue ovvero dalla Troika e quello dei temi effettivamente affrontati da Lega e M5s.

Sta emergendo in modo chiaro – anche per il cittadino meno attento – come chi detiene il timone dell’Europa (Francia e Germania) pretende di continuare a imporre l’austerità (più tasse e meno diritti) indipendentemente dalle scelte alternative espresse dai cittadini votando partiti che in modo più o meno marcato si pongono in contrasto con questa visione povera, in tutti i sensi, di Europa. In buona sostanza, ci voglio far digerire che il nostro voto non conta nulla.

Piaccia o no, il governo targato Lega-M5s deve essere messo nelle condizioni di potere attuare il proprio programma in alternativa all’austerità imposta dall’Europa e se ciò non accade il problema è di tutti, significa che non contiamo più nulla.

Su questo grande tema – e qui si entra nel merito del contratto di governo – entrambe le forze politiche propongono una rottura importante contro questa deriva antidemocratica europea, affermando ciò che dovrebbe essere ovvio, ossia che l’assetto fondamentale della nostra Costituzione deve prevalere sulle decisioni imposte dall’Europa.

Dalla difesa della democrazia degli stati nei rapporti con l’Europa, al tema del lavoro con la messa in discussione del Jobs Act a quello del sistema fiscale, passando per il tema del debito e deficit, emerge un progetto politico che esprime la volontà di rompere con l’austerità e con la precarietà, attraverso un mix di temi in parte riconducibili alla tradizione politica di destra e in parte riconducibili alla tradizione politica di sinistra.

In tal senso, il programma di governo esprime in linea di principio una rottura con il progetto europeo neoliberista che si fonda sull’austerità, sulla precarietà, sull’aumento dell’imposizione fiscale e sulla distruzione dei diritti sociali. Certo, non è tutto oro quello che luccica e alcuni argomenti vengono trattati in modo vago, ma nel complesso si tratta di un cambio di paradigma tutt’altro che trascurabile, che risulta evidente quando viene affrontata la questione tema del debito, nella parte in cui si dichiara che la sua riduzione deve avvenire per mezzo della crescita e non dell’austerità.

Essendo tuttavia un esperimento inedito e senza storia, l’alleanza non è chiaramente facilmente decifrabile e dunque è impossibile trarre delle conclusioni. È certo, comunque, che se proveranno a dare concreta attuazione al programma verranno duramente attaccati da coloro che hanno già lanciato messaggi pericolosi contro la nostra democrazia.
Prima di continuare

3 Giugno 2018



Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

17 Novembre 2018- di Luigi De Gregorio La privazione di lavoro per i dipendenti di un’azienda è una grave perdita economica. Ma non solo. Le conseguenze sono anche di ordine psicologico, famigliare, sociale. Non raro perfino il suicidio. Ultimo caso specifico di licenziamento in massa è quello della Pernigotti: 200 dipendenti. A fronte della tragedia dei lavoratori c’è ...continua
l’Europa sarà pure cattiva ma lo Stato fa peggio. Ecco i numeri

17 Novembre 2018- di Peter Gomez Raccontiamola così: da trent’anni a questa parte, a ogni legge finanziaria, tutti dicono che per far ripartire l’Italia ci vogliono gli investimenti. Decine e decine di miliardi da spendere in opere piccole e grandi che diano lavoro a centinaia di migliaia di persone. È il famoso volano per la crescita che secondo gli economisti è riassumibile in una ...continua
Inceneritori: scontro Salvini-Di Maio

17 Novembre 2018- Non solo non si è trovato un accordo, ma nessuno intende modificare le proprie posizioni: sugli inceneritori il governo è e rimane spaccato. Da una parte Matteo Salvini, che solo ieri ha annunciato che intende costruirne uno per ogni provincia per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania; dall’altra Luigi Di Maio che invece si è appellato al contratto di governo, dove non è previsto un intervento ...continua
L’Area Schengen ormai è fallita L’Europa del Nord chiude i confini

17 Novembre 2018- Schengen è stata per anni uno dei pilastri dell’Unione europea. La libertà di movimento dei cittadini europei fra uno Stato membro e l’altro è considerata una delle basi di questa Europa. E l’assenza di confini, sognata da no-borders ma anche dai paladini dell’europeismo, giace ormai nel dimenticatoio, travolta dagli eventi che hanno colpito ormai definitivamente la ...continua
È il cambiamento. Ma in peggio

17 Novembre 2018- Venghino, signori venghino al Lunapark Italia. Dal 4 marzo vivere nel nostro Paese è come salire sull'ottovolante o provare il gusto del rischio sulle montagne russe. Un festival di parole, proclami e minacce che bruciano miliardi e posti di lavoro. Al primo sentimento della fiduciosa attesa, si è sostituito quello dell'angosciosa ansia. Tutto all'insegna del cambiamento fine a se stesso, dimenticando ...continua
Il piano di Macron e Merkel per togliere fondi Ue all'Italia

17 Novembre 2018- L'Italia non rispetta il patto di stabilità e le regole europee sui conti pubblici? Allora non avrà diritto ai fondi dell'Unione europea. È il ricatto che Emmanuel Macron e Angela Merkel stanno preparando. Lunedì prossimo, infatti, Francia e Germania presenterà all'Eurogruppo straordinario in programma a Bruxelles un piano congiunto per creare un bilancio unico ...continua
Le banche aumentano i costi. È stangata sui conti correnti

5 Novembre 2018- Di costi un conto corrente ne nasconde molti. E spesso gli italiani neppure si ricordano di pagarli. Ma quando a inizio anno le famiglie riceveranno una documentazione dettagliata sui rendiconti di spese e costi, allora avranno di fronte il dettaglio dei costi del conto in banca. Si tratta di circa 20 voci di spesa, che vanno dal classico canone annuo ai prelievi fino ...continua
Gli Stati Ue processano l'Italia:"Mette a rischio anche l'euro"

5 Novembre 2018- L'appuntamento dell'Eurogruppo di oggi a Bruxelles segna un passagio cruciale nel dibattito sulla manovra italiana. Di fatto dopo la bocciatura da parte dell'Unione Europea con la lettera di qualche giorno fa, adesso è scontro aperto tra Roma e la Commissione. E così a puntare il dito contro il goevrno italiano e contro la manovra varata dall'esecutivo, sono anche gli ...continua
Si è arreso sequestratore

5 Novembre 2018- È uscito dall’ufficio postale di Pieve Modolena alle 16.45, scortato dagli uomini dell’Arma mentre una ventina di persona tra cui i suoi familiari lo applaudivano, dopo un sequestro durato quasi otto ore. Francesco Amato si è arreso ai carabinieri e i suoi quattro ostaggi, tutti dipendenti dell’ufficio, sono stati liberati e sono incolumi. Intorno alle ore 9 di questa mattina, armato di un coltello da cucina ...continua
Col mese di novembre c'è la stangata fiscale. Ecco chi rischia di più

5 Novembre 2018- Le imprese sono sempre più nella morsa del Fisco. La fotografia che emerge dalla analisi della Cgia di Mestre è abbastanza inquietante: il settore imprenditoriale è di fatto schiacciato dalle tasse. E il mese di novembre è proprio una vera mannaia per chi ha una azienda e per chi ha un lavoro da dipendente. Si tratta di una stangata da 57miliardi di euro. Come ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Bracioli di custardeddi
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra