Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Air France non è Alitalia
Condividi                       

di Dario Balotta

Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da Fit-Cisl e Ugl-Ta programmato dalle 13 alle 17: con questa organizzazione è sembrata più una prova di forza sulla rappresentatività tra i sindacati che non uno sciopero per il rinnovo del contratto nazionale scaduto da due anni (motivazione ufficiale).

Con un traffico di rotta in aumento del 4% nel 2017, un utile netto record di 101,5 milioni di euro e investimenti per 650 milioni nei prossimi 5 anni, è difficile pensare che non ci siano le risorse per il rinnovo contrattuale dell’azienda, quotata in borsa e controllata al 53% dal Ministero dell’Economia. Ed è difficile trovare motivazioni che non siano corporative, per uno sciopero in un’azienda ricca, monopolista, poco efficiente e poco responsabile, che proviene da una consolidata tradizione corporativa.

La paralisi del trasporto aereo si sarebbe potuta evitare se la voce dell’azionista di maggioranza, il MEF, si fosse fatta sentire sia con i manager dell’Anav che con i rappresentati dei lavoratori. E’ a tutti noto l’ottimo trattamento normativo-salariale di una delle categorie meglio retribuite del Paese, motivo per cui questo sciopero va ricondotto in un contesto di gestione politico-consociativa, che nulla ha a che fare con il mercato e l’interesse dei consumatori. Quest’atteggiamento ha finito per far passare come “angioletto” la Ryanair che, nella giornata protesta, ha incoraggiato i viaggiatori a firmare una petizione online proprio contro gli scioperi dei controllori di volo.

Si tratta della petizione ‘Keep Europe’s Skies Open’, lanciata da Airlines for Europe (A4E), associazione nata due anni fa che riunisce cinque tra le maggiori compagnie europee: Air France KLM, EasyJet, Iag, Lufthansa e Ryanair, e che spera, tramite la richiesta collettiva, di spingere le autorità europee a “impedire che i viaggiatori vengano bloccati dai sindacati dei controllori del traffico aereo”.

Insomma quella di martedì è stata una giornata da “non dimenticare” sicuramente, ma soprattutto da evitare in futuro. L’auspicio adesso è che quello che è successo dia luogo a una autocritica da parte del Ministero dell’Economia e di quello dei Trasporti. Dal 2010, i sindacati dei controllori del traffico aereo hanno causato oltre 200 giorni di stop causando cancellazioni e ritardi per milioni di passeggeri in giro per l’Europa. Come ciliegina sulla torta, mentre tutti, donne, anziani, bambini erano bloccati a terra, il Milan di Gennaro Gattuso è riuscito a partire in pieno sciopero da Malpensa per Fiumicino per la finale di Coppa Italia. Un fulgido esempio di corridoio umanitario.
14 Maggio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

14 Maggio 2018- di Antonio Padellaro Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” ...continua
Depositi di risparmio, l’ennesima presa in giro della Bce

14 Maggio 2018- di VIncenzo Imperatore Diceva Agatha Christie: “Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. La prova è la consapevole e scarsa attenzione al processo di indebolimento del sistema bancario per consegnarlo (laddove già non fatto) al capitale straniero. Il terzo indizio è una scadenza molto importante e vicina. Entro il 2018 le banche ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra