Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’
Condividi                       

di Antonio Padellaro

Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” (Bonafede), né di qua né di là, né sopra né sotto, insomma né carne né pesce, l’estensore di queste righe non sta più nella pelle.

In preda alla stessa eccitazione di un cercatore di diamanti del Transvaal che, stremato, disilluso e sul punto di arrendersi s’imbatta in un abbagliante giacimento. Felicemente sbalordito come deve essersi sentito Allegri davanti alla prima e poi alla seconda papera del portiere del Milan (“Donnarumma uno di noi”). Poiché, come c’insegna il film di Sorrentino, Loro, la finzione può anche tradursi in un capolavoro, che difficilmente però raggiungerà la realtà sovrastante.

Per acconciarsi degnamente a codesta chimerica figura governativa il diario si è dunque messo a scartabellare tra le antiche reminiscenze affastellando riferimenti banalmente scolastici. Mitologici (l’ircocervo, metà capro metà cervo). Beffardi (“Al re Travicello piovuto ai ranocchi mi levo il cappello e piego i ginocchi”). Goldoniani (Arlecchino servo di due padroni). Commedia leggera (Georges Feydau, e la batteria di mariti adulteri, mogli cornute, amanti negli armadi). Citazioni insoddisfacenti che hanno convinto chi scrive a fare da sé, a misurarsi direttamente con l’imprevedibile natura umana. Poiché solo un sadismo compulsivo potrebbe affidare la guida del Paese a un qualunque galantuomo imponendogli il tormento di un Giano bifronte (ecco il rimando che mancava) costretto non a guardare il passato e il futuro, ma Luigi Di Maio e Matteo Salvini, contemporaneamente.

Pensate all’inferno del pover’uomo in quel di Palazzo Chigi, vessato dai due spocchiosi leader che gli entrano e gli escono dalla stanza e non fanno altro che strillare ordini contraddittori. Subito la flat tax. No, prima il reddito di cittadinanza. Cosa si aspetta a imbarcare i 600mila irregolari che abbiamo promesso agli elettori di rispedire al paesello? Lo ha promesso lui non certo noi, il conflitto d’interessi del Delinquente ha la precedenza. Qui comando io. Figurarsi, senza i nostri voti quello torna a fare lo steward allo stadio. E così via senza tregua. Nella tragedia che declina in farsa e in opera buffa, il nostro non potrà cantare “questa e quella per me pari sono” perché nel Rigoletto il duca di Mantova è un libertino padrone delle sue dissolutezze. Mentre nel Salvimaio (orchestrato su libretto di Sergio Mattarella) è il Terzo Uomo che soggiace alle altrui voglie. Fuor di metafora e provando a tornare seri, pur non tifando per la bizzarra coalizione giallo-verde, questo diario si permette un consiglio.

Si abbia il coraggio di scegliere una figura politica perché il governo del Paese non è l’Isola dei Famosi da cui estrarre, con tutto il rispetto, il diplomatico navigato, la giurista sui codici assisa o il manager per tutte le stagioni. La politica non s’improvvisa perché è la geometria che trasforma il quadrato in un cerchio. Esperta in lingue (biforcute) e l’arte di tradurre le parole in cose da fare. La politica è fatica, pazienza, il pugno nel guanto di velluto e la carezza capace di graffiare. L’arte della sintesi non s’improvvisa e se diventa talent chissà poi come finisce. Infatti al primo destinato a essere il Terzo rivolgeremo riverenti ma rassegnati lo stesso augurio (questo è l’ultimo sfoggio, giuro) di Teofilatto dei Leonzi quando sfida Brancaleone da Norcia: “Ti vedo e ti piango”.
14 Maggio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
Air France non è Alitalia

14 Maggio 2018- di Dario Balotta Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da ...continua
Depositi di risparmio, l’ennesima presa in giro della Bce

14 Maggio 2018- di VIncenzo Imperatore Diceva Agatha Christie: “Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. La prova è la consapevole e scarsa attenzione al processo di indebolimento del sistema bancario per consegnarlo (laddove già non fatto) al capitale straniero. Il terzo indizio è una scadenza molto importante e vicina. Entro il 2018 le banche ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Snowboard
Cucina
Pignulata
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra