Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’
Condividi                       

di Antonio Padellaro

Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” (Bonafede), né di qua né di là, né sopra né sotto, insomma né carne né pesce, l’estensore di queste righe non sta più nella pelle.

In preda alla stessa eccitazione di un cercatore di diamanti del Transvaal che, stremato, disilluso e sul punto di arrendersi s’imbatta in un abbagliante giacimento. Felicemente sbalordito come deve essersi sentito Allegri davanti alla prima e poi alla seconda papera del portiere del Milan (“Donnarumma uno di noi”). Poiché, come c’insegna il film di Sorrentino, Loro, la finzione può anche tradursi in un capolavoro, che difficilmente però raggiungerà la realtà sovrastante.

Per acconciarsi degnamente a codesta chimerica figura governativa il diario si è dunque messo a scartabellare tra le antiche reminiscenze affastellando riferimenti banalmente scolastici. Mitologici (l’ircocervo, metà capro metà cervo). Beffardi (“Al re Travicello piovuto ai ranocchi mi levo il cappello e piego i ginocchi”). Goldoniani (Arlecchino servo di due padroni). Commedia leggera (Georges Feydau, e la batteria di mariti adulteri, mogli cornute, amanti negli armadi). Citazioni insoddisfacenti che hanno convinto chi scrive a fare da sé, a misurarsi direttamente con l’imprevedibile natura umana. Poiché solo un sadismo compulsivo potrebbe affidare la guida del Paese a un qualunque galantuomo imponendogli il tormento di un Giano bifronte (ecco il rimando che mancava) costretto non a guardare il passato e il futuro, ma Luigi Di Maio e Matteo Salvini, contemporaneamente.

Pensate all’inferno del pover’uomo in quel di Palazzo Chigi, vessato dai due spocchiosi leader che gli entrano e gli escono dalla stanza e non fanno altro che strillare ordini contraddittori. Subito la flat tax. No, prima il reddito di cittadinanza. Cosa si aspetta a imbarcare i 600mila irregolari che abbiamo promesso agli elettori di rispedire al paesello? Lo ha promesso lui non certo noi, il conflitto d’interessi del Delinquente ha la precedenza. Qui comando io. Figurarsi, senza i nostri voti quello torna a fare lo steward allo stadio. E così via senza tregua. Nella tragedia che declina in farsa e in opera buffa, il nostro non potrà cantare “questa e quella per me pari sono” perché nel Rigoletto il duca di Mantova è un libertino padrone delle sue dissolutezze. Mentre nel Salvimaio (orchestrato su libretto di Sergio Mattarella) è il Terzo Uomo che soggiace alle altrui voglie. Fuor di metafora e provando a tornare seri, pur non tifando per la bizzarra coalizione giallo-verde, questo diario si permette un consiglio.

Si abbia il coraggio di scegliere una figura politica perché il governo del Paese non è l’Isola dei Famosi da cui estrarre, con tutto il rispetto, il diplomatico navigato, la giurista sui codici assisa o il manager per tutte le stagioni. La politica non s’improvvisa perché è la geometria che trasforma il quadrato in un cerchio. Esperta in lingue (biforcute) e l’arte di tradurre le parole in cose da fare. La politica è fatica, pazienza, il pugno nel guanto di velluto e la carezza capace di graffiare. L’arte della sintesi non s’improvvisa e se diventa talent chissà poi come finisce. Infatti al primo destinato a essere il Terzo rivolgeremo riverenti ma rassegnati lo stesso augurio (questo è l’ultimo sfoggio, giuro) di Teofilatto dei Leonzi quando sfida Brancaleone da Norcia: “Ti vedo e ti piango”.
14 Maggio 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Ciuppin
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra