Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Governo neutrale, Pd e M5s si sono scambiati i ruoli
Condividi                       

di Giulio Scarantino

Dov’è finito il Movimento 5 stelle che sfidava gli altri partiti proponendo Stefano Rodotà in Parlamento per l’elezione del presidente della Repubblica? Dove sono finiti quei nomi come la Milena Gabanelli , Nino Di Matteo o Gino Strada ? Persone chiamate in causa durante il periodo di opposizione del Movimento, ma che facevano ben sperare in ottica futura. Speranza che si è sciolta – per ossimoro – con la bozza del contratto che, se firmato, vincolerà il M5S al patto con la Lega di Matteo Salvini e l’astensione benevola di B..

La trasformazione da partito intransigente e indipendente a partito di governo, per il quale tutto è giustificabile pur di arrivare a Palazzo Chigi: anche digerire il boccone amaro di Maria Elisabetta Alberti Casellati come seconda carica dello Stato. A dimostrazione che solo all’opposizione si può sognare.

Nello scambio dei ruoli, da governo ad opposizione, anche il Pd sembra aver cambiato pelle: da partito responsabile quale era, al punto da mettere in discussione (si veda l’alleanza con Alfano e Verdini, il patto del Nazareno etc.) l’asserita dicotomia tra centrodestra e centrosinistra, a stacanovista della coerenza. Il rifiuto ai Cinque stelle sembra essere il primo atto inflessibile. Peccato che arrivi proprio adesso, agevolando così l’intesa tra Luigi Di Maio e Salvini: i fautori del populismo più volte definito pericoloso per il Paese.

Tanto flessibili quanto inamovibili, invece, le dinamiche interne ai due partiti. Da un lato, infatti, la piena fiducia dei suoi (quasi invisibili) per Luigi Di Maio e dall’altro la supremazia di Renzi che, sebbene abbia perso tutto il possibile, detta ancora la linea del Pd. In questo i due leader sembrano aver trovato la chiave giusta: nessun dissenso trapela tra gli eletti a Cinque stelle per l’operato di questi giorni (niente più interviste fuori luogo o espulsioni) e scomparsi anche i 101 che in poco tempo abbandonarono sul selciato l’allora segretario del Pd , Pierluigi Bersani (reo di aver portato il Pd al 25%, con Matteo Renzi al 18%).

Eppure segnali esterni sembravano essere arrivati: ad esempio la collaborazione tra M5S e Nicola Zingaretti del Pd (unico superstite al naufragio del Pd, confermato presidente della Regione Lazio il 4 Marzo.) ma anche dall’operato del sindaco Chiara Appendino di Torino, della sue decisione storica sui diritti civili per i bambini nati da coppie omosessuali .

Segnali verso un elettorato progressista, che senza dubbio forma parte del corpo elettorale di entrambe le forze politiche, spazzati via dall’atteggiamento dei due leader: da un lato il gioco di sponda di Luigi Di Maio, dall’altro l’aventino di Renzi e dei suoi . Uomini sbagliati al momento giusto? Questo solo il tempo potrà dirlo. Se è vero che non può giudicarsi un film prima di vederlo, o un libro dalla copertina, i presupposti fanno pensare che quando tutto sarà concluso e il paese ritornerà nelle mani dei conservatori, lascerà spazio al rammarico per l’occasione persa.

I motivi di questi presupposti sono stati già districati da diversi opinionisti: dal ruolo incerto di B. al conservativismo della Lega (ricordo Salvini concludere con il rosario in mano la campagna elettorale). Inutile quindi stare qui a ripeterli.

In questo balletto di ruoli, chi invece è inamovibile nella sua posizione è il leader di Fi: manovratore silenzioso durante la scorsa legislatura, continua a essere il burattinaio degli eventi. Con l’ultima trovata dell’astensione benevola, concede la sua resa. A breve vedremo le condizioni.

Ieri però il tribunale di sorveglianza di Milano ha riabilitato Berlusconi, che potrà quindi candidarsi: soltanto il suo narcisismo potrà superare la strategia. In un attimo, da manovratore silenzioso, salire sul predellino e tornare con buona pace di tutti l’unico nemico
14 Maggio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
Air France non è Alitalia

14 Maggio 2018- di Dario Balotta Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da ...continua
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

14 Maggio 2018- di Antonio Padellaro Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Turbanti 'i risu e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra