Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il fatto quotidiano
Governo neutrale, Pd e M5s si sono scambiati i ruoli
Condividi                       

di Giulio Scarantino

Dov’è finito il Movimento 5 stelle che sfidava gli altri partiti proponendo Stefano Rodotà in Parlamento per l’elezione del presidente della Repubblica? Dove sono finiti quei nomi come la Milena Gabanelli , Nino Di Matteo o Gino Strada ? Persone chiamate in causa durante il periodo di opposizione del Movimento, ma che facevano ben sperare in ottica futura. Speranza che si è sciolta – per ossimoro – con la bozza del contratto che, se firmato, vincolerà il M5S al patto con la Lega di Matteo Salvini e l’astensione benevola di B..

La trasformazione da partito intransigente e indipendente a partito di governo, per il quale tutto è giustificabile pur di arrivare a Palazzo Chigi: anche digerire il boccone amaro di Maria Elisabetta Alberti Casellati come seconda carica dello Stato. A dimostrazione che solo all’opposizione si può sognare.

Nello scambio dei ruoli, da governo ad opposizione, anche il Pd sembra aver cambiato pelle: da partito responsabile quale era, al punto da mettere in discussione (si veda l’alleanza con Alfano e Verdini, il patto del Nazareno etc.) l’asserita dicotomia tra centrodestra e centrosinistra, a stacanovista della coerenza. Il rifiuto ai Cinque stelle sembra essere il primo atto inflessibile. Peccato che arrivi proprio adesso, agevolando così l’intesa tra Luigi Di Maio e Salvini: i fautori del populismo più volte definito pericoloso per il Paese.

Tanto flessibili quanto inamovibili, invece, le dinamiche interne ai due partiti. Da un lato, infatti, la piena fiducia dei suoi (quasi invisibili) per Luigi Di Maio e dall’altro la supremazia di Renzi che, sebbene abbia perso tutto il possibile, detta ancora la linea del Pd. In questo i due leader sembrano aver trovato la chiave giusta: nessun dissenso trapela tra gli eletti a Cinque stelle per l’operato di questi giorni (niente più interviste fuori luogo o espulsioni) e scomparsi anche i 101 che in poco tempo abbandonarono sul selciato l’allora segretario del Pd , Pierluigi Bersani (reo di aver portato il Pd al 25%, con Matteo Renzi al 18%).

Eppure segnali esterni sembravano essere arrivati: ad esempio la collaborazione tra M5S e Nicola Zingaretti del Pd (unico superstite al naufragio del Pd, confermato presidente della Regione Lazio il 4 Marzo.) ma anche dall’operato del sindaco Chiara Appendino di Torino, della sue decisione storica sui diritti civili per i bambini nati da coppie omosessuali .

Segnali verso un elettorato progressista, che senza dubbio forma parte del corpo elettorale di entrambe le forze politiche, spazzati via dall’atteggiamento dei due leader: da un lato il gioco di sponda di Luigi Di Maio, dall’altro l’aventino di Renzi e dei suoi . Uomini sbagliati al momento giusto? Questo solo il tempo potrà dirlo. Se è vero che non può giudicarsi un film prima di vederlo, o un libro dalla copertina, i presupposti fanno pensare che quando tutto sarà concluso e il paese ritornerà nelle mani dei conservatori, lascerà spazio al rammarico per l’occasione persa.

I motivi di questi presupposti sono stati già districati da diversi opinionisti: dal ruolo incerto di B. al conservativismo della Lega (ricordo Salvini concludere con il rosario in mano la campagna elettorale). Inutile quindi stare qui a ripeterli.

In questo balletto di ruoli, chi invece è inamovibile nella sua posizione è il leader di Fi: manovratore silenzioso durante la scorsa legislatura, continua a essere il burattinaio degli eventi. Con l’ultima trovata dell’astensione benevola, concede la sua resa. A breve vedremo le condizioni.

Ieri però il tribunale di sorveglianza di Milano ha riabilitato Berlusconi, che potrà quindi candidarsi: soltanto il suo narcisismo potrà superare la strategia. In un attimo, da manovratore silenzioso, salire sul predellino e tornare con buona pace di tutti l’unico nemico
14 Maggio 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra