Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia
Condividi                       

È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita.

«Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però smentito il decesso; e più tardi un tweet dell'Unsmil, la missione Onu in Libia, ha aumentato il mistero: «L'inviato Onu in Libia, Ghassan Salamé e il feldmaresciallo Khalifa Haftar hanno parlato oggi per telefono ed hanno discusso della situazione generale e gli ultimi sviluppi politici». Insomma, nel Paese a caos si aggiunge caos.

Haftar è una figura decisiva nella Libia post Gheddafi: aveva combattuto per lui in Ciad, e poi contro di lui quando - prigioniero nelle mani dai ciadiani - venne rinnegato dal Colonnello che addossò a quel Capo di stato maggiore in catene le colpe della disfatta. Liberato grazie alla Cia non esitò a mettersi al servizio di Langley nel tentativo, sempre fallito, di disarcionare quel rais con cui era stato protagonista della Rivoluzione Verde. Nel 2011 tornò in patria e si presentò a Bengasi per guidare la cosiddetta «rivoluzione», ma venne messo subito in disparte per ordine dei capi islamisti. Da quel momento ha dedicato tutte le sue forze e per il suo impegno combattere i Fratelli Musulmani, l'Isis e le altre milizie jihadiste padrone di Bengasi e della Cirenaica.

Il generale Khalifa Haftar insomma, discusso Capo di stato maggiore dell'esercito di Tobruk, era convinto in cuor suo di esser l'unico vero successore del Colonnello. La Francia di Emmanuel Macron sfruttando la sua immensa ambizione, non aveva esitato a usarlo contro l'Italia nel tentativo di sminuire il nostro ruolo nell'ex-colonia e mettere le mani su petrolio ed affari. Successe la scorsa estate.

Fino ad allora la comunità internazionale e Parigi avevano rispettato gli accordi raggiunti con l'Italia che riconoscevano l'esclusiva legittimità del governo di Tripoli, ma facendo leva sulle ambizioni presidenziali di Haftar Macron convocò i due contendenti a Parigi per convincerli a firmare un patto garantito dalla Francia per tagliare fuori il nostro Paese. E del resto Haftar non ci ha mai amato.

Disconosciuto dal nostro governo ha più volte minacciato di bombardare le nostre navi nel caso di un intervento della nostra Marina per bloccare i barconi dei migranti. E lo scorso settembre d'intesa con la Francia non ha esitato ad attaccare le milizie di Sabratha pagate dai nostri servizi di sicurezza per bloccare le partenze dei migranti. Ma Haftar, oltre ad essere l'uomo di Macron, è anche la pedina su cui puntavano la Russia di Vladimir Putin, gli Emirati Arabi e l'Egitto del presidente Sisi.

Tutti e tre quei padrini avevano contribuito ad armarlo e finanziarlo perché vedevano in lui l'antidoto migliore al contagio islamista. Haftar non li aveva delusi strappando alle milizie islamiste Bengasi e molte altre località della Cirenaica. Con la sua scompare si riaprirebbero le incognite per tutte le zone orientali minacciate dall'Isis e dalle fazioni armate legate ad Al Qaida. Con un vuoto di potere che metterebbe a rischio la tanto rivendicata indipendenza della Cirenaica.

Di certo invece tirerebbe un sospiro di sollievo il debole governo di Tripoli e addirittura potrebbero riaprirsi i giochi per Saif Gheddafi, il figlio ormai libero e riabilitato che papà Muhammar aveva già designato come suo legittimo erede.
14 Aprile 2018



La supercazzola di Di Maio: il "Navigator" del lavoro

9 Dicembre 2018- di Francesco MariaDel Vigo Navigator. Mettetevi bene in testa questa parola e memorizzatela. Perché Navigator sarà la parola dell'anno. Non quello che sta finendo, ma quello che sta per iniziare, s'intende. Anzi il «mestiere» dell'anno. Riavvolgiamo il nastro: martedì sera Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e vicepremier, è ospite di Bruno Vespa a Porta a ...continua
Lecce, pm arrestato per corruzione: sesso anche per pilotare l’esame da avvocato

8 Dicembre 2018- L’aiuto durante l’esame da avvocato presumibilmente a fronte della richiesta di rapporti sessuali. Il pm della Procura di Lecce, Emilio Arnesano, da giovedì 6 dicembre nel carcere di Potenza, stava “di recente programmando di interferire sullo svolgimento delle prove scritte”, fissate per la prossima settimana, dall’11 al 13 dicembre. È questo che ha ...continua
Karrenbauer è la nuova leader della Cdu: eletta l’erede della Merkel.

8 Dicembre 2018- Dopo 18 anni finisce l’era di Angela Merkel alla guida dell’Unione cristiano democratica. Ma il suo partito ha scelto per la continuità, eleggendo a presidente la segretaria generale e delfina della cancelliera Annegret Kramp-Karrenbauer. Akk, così come viene soprannominata, ha battuto Friedrich Merz, il 62enne uomo d’affari e pupillo dell’attuale presidente del ...continua
Censis: “Italiani popolo incattivito e rancoroso, il 63% è ostile verso gli immigrati

8 Dicembre 2018- Italiani sempre più cattivi. Frustrati dallo sfiorire della ripresa e da un cambiamento che non è arrivato, hanno deciso di compiere “un salto rischioso e dall’esito incerto”, un “funambolico camminare sul ciglio di un fossato che mai prima d’ora si era visto così da vicino”. Così vede l’Italia e i suoi cittadini l’Istituto Censis, che oggi a Roma ha ...continua
Così la polizia arresta i liceali: ​quel video che inguaia Macron

8 Dicembre 2018- La crisi dei gilet gialli, ormai presentata in Francia come una situazione "pre insurrezionale", sta infliggendo il colpo di grazia a Emmanuel Macron che ha ormai raggiunto il livello più basso di popolarità dal suo insediamento. E anche oggi si è trovato a dover affrontare un'altra guerriglia in quello che è il quarto atto della protesta. Così, mentre il premier ...continua
“L’Italia al centro dell’Eurotragedia”

8 Dicembre 2018- Ashoka Mody è docente di politica economica internazionale all’Università di Princeton e, in passato, è stato vice direttore del Dipartimento europeo per il Fondo monetario internazionale e rappresentante per l’Irlanda durante le negoziazioni per il bailout con la Troika. Autore del libro Eurotragedy, A Drama in Nine Acts (Eurotragedia, un dramma in nove atti), Mody è un critico della gestione ...continua
Ricatti e incapacità sulla nostra pelle

8 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Il governo getta la maschera e mostra il suo volto feroce. Non solo hanno annunciato di voler mettere una nuova tassa, con la scusa dell'ecologia, sull'acquisto di auto - soprattutto le utilitarie - ma è di ieri sera la notizia che taglieranno le pensioni della classe media fino al quaranta per cento. Di fatto, quella che è in corso è una rapina di Stato e questo, se ...continua
L’assedio di Parigi è solo l’inizio Ecco cosa vogliono i gilet gialli

2 Dicembre 2018- L’assedio di Parigi da parte dei gilet gialli continua. E la violenza che si è scatenata ieri nella capitale francese, soprattutto a causa del coinvolgimento dei casseurs, ha colpito non solo il governo ma tutto il Paese. La guerriglia urbana si è estesa dal centro della città fino alle periferie. E mentre Parigi veniva messa a ferro e fuoco dalla violenza dei ...continua
Sabato di protesta per i gilet gialli a Parigi, scontri e fermi

1 Dicembre 2018- Nuova giornata di proteste per i Gilet gialli che portano la loro rabbia nel centro di Parigi: scontri agli Champs-Elysees tra manifestanti e polizia, dopo un tentativo di forzare il blocco. Gli agenti hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla mentre dei dimostranti tentavano di impadronirsi delle barriere mobili per fare una barricata; alcuni poliziotti sono ...continua
Istat, governo bocciato: a ottobre sale la disoccupazione e cala la stima del pil

1 Dicembre 2018- Il tasso di occupazione rimane stabile, ma la disoccupazione aumenta. I dati Istat relativi al mese di ottobre presentano una fotografia in chiaroscuro. Dopo il calo di settembre, resta stabile la percentuale degli occupati: 58,7%. Ma aumenta il tasso di disoccupazione, che passa dal 10,4 al 10,6%. E non è l'unico dato negativo certificato ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Spiagge
Cucina
Agnello cacio e uova
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra