Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia
Condividi                       

È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita.

«Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però smentito il decesso; e più tardi un tweet dell'Unsmil, la missione Onu in Libia, ha aumentato il mistero: «L'inviato Onu in Libia, Ghassan Salamé e il feldmaresciallo Khalifa Haftar hanno parlato oggi per telefono ed hanno discusso della situazione generale e gli ultimi sviluppi politici». Insomma, nel Paese a caos si aggiunge caos.

Haftar è una figura decisiva nella Libia post Gheddafi: aveva combattuto per lui in Ciad, e poi contro di lui quando - prigioniero nelle mani dai ciadiani - venne rinnegato dal Colonnello che addossò a quel Capo di stato maggiore in catene le colpe della disfatta. Liberato grazie alla Cia non esitò a mettersi al servizio di Langley nel tentativo, sempre fallito, di disarcionare quel rais con cui era stato protagonista della Rivoluzione Verde. Nel 2011 tornò in patria e si presentò a Bengasi per guidare la cosiddetta «rivoluzione», ma venne messo subito in disparte per ordine dei capi islamisti. Da quel momento ha dedicato tutte le sue forze e per il suo impegno combattere i Fratelli Musulmani, l'Isis e le altre milizie jihadiste padrone di Bengasi e della Cirenaica.

Il generale Khalifa Haftar insomma, discusso Capo di stato maggiore dell'esercito di Tobruk, era convinto in cuor suo di esser l'unico vero successore del Colonnello. La Francia di Emmanuel Macron sfruttando la sua immensa ambizione, non aveva esitato a usarlo contro l'Italia nel tentativo di sminuire il nostro ruolo nell'ex-colonia e mettere le mani su petrolio ed affari. Successe la scorsa estate.

Fino ad allora la comunità internazionale e Parigi avevano rispettato gli accordi raggiunti con l'Italia che riconoscevano l'esclusiva legittimità del governo di Tripoli, ma facendo leva sulle ambizioni presidenziali di Haftar Macron convocò i due contendenti a Parigi per convincerli a firmare un patto garantito dalla Francia per tagliare fuori il nostro Paese. E del resto Haftar non ci ha mai amato.

Disconosciuto dal nostro governo ha più volte minacciato di bombardare le nostre navi nel caso di un intervento della nostra Marina per bloccare i barconi dei migranti. E lo scorso settembre d'intesa con la Francia non ha esitato ad attaccare le milizie di Sabratha pagate dai nostri servizi di sicurezza per bloccare le partenze dei migranti. Ma Haftar, oltre ad essere l'uomo di Macron, è anche la pedina su cui puntavano la Russia di Vladimir Putin, gli Emirati Arabi e l'Egitto del presidente Sisi.

Tutti e tre quei padrini avevano contribuito ad armarlo e finanziarlo perché vedevano in lui l'antidoto migliore al contagio islamista. Haftar non li aveva delusi strappando alle milizie islamiste Bengasi e molte altre località della Cirenaica. Con la sua scompare si riaprirebbero le incognite per tutte le zone orientali minacciate dall'Isis e dalle fazioni armate legate ad Al Qaida. Con un vuoto di potere che metterebbe a rischio la tanto rivendicata indipendenza della Cirenaica.

Di certo invece tirerebbe un sospiro di sollievo il debole governo di Tripoli e addirittura potrebbero riaprirsi i giochi per Saif Gheddafi, il figlio ormai libero e riabilitato che papà Muhammar aveva già designato come suo legittimo erede.
14 Aprile 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra