Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Giallo su Haftar, rischio caos in Libia
Condividi                       

È giallo sulla sorte di Khalifa Haftar, 75 anni, la divisa e la guerra come ragione di vita.

«Sono un combattente e mi batterò fino alla fine per il mio Paese» aveva detto qualche anno fa in un'intervista a Il Giornale e ieri nel pomeriggio è arrivata la notizia che fosse spirato nel letto d'un ospedale di Parigi, abbattuto da un infarto. Nel corso della serata l'emittente Al Arabiya ha però smentito il decesso; e più tardi un tweet dell'Unsmil, la missione Onu in Libia, ha aumentato il mistero: «L'inviato Onu in Libia, Ghassan Salamé e il feldmaresciallo Khalifa Haftar hanno parlato oggi per telefono ed hanno discusso della situazione generale e gli ultimi sviluppi politici». Insomma, nel Paese a caos si aggiunge caos.

Haftar è una figura decisiva nella Libia post Gheddafi: aveva combattuto per lui in Ciad, e poi contro di lui quando - prigioniero nelle mani dai ciadiani - venne rinnegato dal Colonnello che addossò a quel Capo di stato maggiore in catene le colpe della disfatta. Liberato grazie alla Cia non esitò a mettersi al servizio di Langley nel tentativo, sempre fallito, di disarcionare quel rais con cui era stato protagonista della Rivoluzione Verde. Nel 2011 tornò in patria e si presentò a Bengasi per guidare la cosiddetta «rivoluzione», ma venne messo subito in disparte per ordine dei capi islamisti. Da quel momento ha dedicato tutte le sue forze e per il suo impegno combattere i Fratelli Musulmani, l'Isis e le altre milizie jihadiste padrone di Bengasi e della Cirenaica.

Il generale Khalifa Haftar insomma, discusso Capo di stato maggiore dell'esercito di Tobruk, era convinto in cuor suo di esser l'unico vero successore del Colonnello. La Francia di Emmanuel Macron sfruttando la sua immensa ambizione, non aveva esitato a usarlo contro l'Italia nel tentativo di sminuire il nostro ruolo nell'ex-colonia e mettere le mani su petrolio ed affari. Successe la scorsa estate.

Fino ad allora la comunità internazionale e Parigi avevano rispettato gli accordi raggiunti con l'Italia che riconoscevano l'esclusiva legittimità del governo di Tripoli, ma facendo leva sulle ambizioni presidenziali di Haftar Macron convocò i due contendenti a Parigi per convincerli a firmare un patto garantito dalla Francia per tagliare fuori il nostro Paese. E del resto Haftar non ci ha mai amato.

Disconosciuto dal nostro governo ha più volte minacciato di bombardare le nostre navi nel caso di un intervento della nostra Marina per bloccare i barconi dei migranti. E lo scorso settembre d'intesa con la Francia non ha esitato ad attaccare le milizie di Sabratha pagate dai nostri servizi di sicurezza per bloccare le partenze dei migranti. Ma Haftar, oltre ad essere l'uomo di Macron, è anche la pedina su cui puntavano la Russia di Vladimir Putin, gli Emirati Arabi e l'Egitto del presidente Sisi.

Tutti e tre quei padrini avevano contribuito ad armarlo e finanziarlo perché vedevano in lui l'antidoto migliore al contagio islamista. Haftar non li aveva delusi strappando alle milizie islamiste Bengasi e molte altre località della Cirenaica. Con la sua scompare si riaprirebbero le incognite per tutte le zone orientali minacciate dall'Isis e dalle fazioni armate legate ad Al Qaida. Con un vuoto di potere che metterebbe a rischio la tanto rivendicata indipendenza della Cirenaica.

Di certo invece tirerebbe un sospiro di sollievo il debole governo di Tripoli e addirittura potrebbero riaprirsi i giochi per Saif Gheddafi, il figlio ormai libero e riabilitato che papà Muhammar aveva già designato come suo legittimo erede.
14 Aprile 2018



Siria, dura reazione del Cremlino: Onu prenda provvedimenti contro Usa

14 Aprile 2018- A seguito del bombardamento in Siria, la reazione di condanna da parte del Cremlino non ha tardato ad arrivare. Putin lascia a Tass il compito di esprimere tutto il suo disappunto per l'accaduto, e chiede una immediata convocazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell'accaduto. "L'attuale escalation della situazione in tutta la Siria ...continua
Assad: "I raid dimostrano il fallimento dell'Occidente"

14 Aprile 2018- Bashar al Assad sembra tutt'altro che preoccupato dai raid lanciati nella notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Questa mattina ha diffuso sull'account Telegram della presidenza siriana un video in cui andava al lavoro. Poi, nel corso di un colloquio con Hassan Rohani, presidente dell'Iran, ha risposto agli attacchi sostenendo che il popolo siriano non si lascia ...continua
“L’attacco ci ha rafforzati I nostri 70 minuti sotto il fuoco Usa”

14 Aprile 2018- “Questo attacco ci ha reso più forti. Era solo una dimostrazione di forza. Crediamo che gli americani si fermeranno e che non ci attaccheranno nuovamente”. Così fonti di Damasco commentano i raid statunitensi, francesi e britannici di questa notte. In effetti, il raid di questa notte, che doveva essere devastante (almeno a sentire il presidente americano Donald Trump) è ...continua
Salvini: "Grilletto facile aiuta terroristi", Berlusconi: "Ora serve un governo"

14 Aprile 2018- A poche ore dai raid lanciati da Usa, Gran Bretagna e Francia in Siria, arriva la ferma condanna da parte di Matteo Salvini. "Stanno ancora cercando le 'armi chimiche' di Saddam, stiamo ancora pagando per la folle guerra in Libia, e qualcuno con il grilletto facile insiste 'coi missili intelligenti', aiutando peraltro i terroristi islamici quasi ...continua
Attacco in Siria, la Russia è stata avvertita

14 Aprile 2018- La Russia è stata avvertita in anticipo degli attacchi militari congiunti di Usa, Regno Unito e Francia contro la Siria» ha dichiarato la ministra della Difesa francese, Florence Parly. L'Eliseo quindi conferma la strategia di "deconflicting" dietro l'attacco di questa notte: missili su obiettivi mirati e piena collaborazione con i russi per evitare l'incidente imprevisto che possa portare a ...continua
Usa, Gran Bretagna e Francia attaccano la Siria

14 Aprile 2018- Alla fine, quello che si temeva è avvenuto. Le forze di Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno attaccato la Siria questa notte. Secondo quanto riportano le agenzia locali, i bombardamenti hanno colpito diversi luoghi in Siria. "Poco fa, ho ordinato alle forze armate statunitensi di lanciare attacchi di precisione contro obiettivi relativi alle capacità della Siria di fabbricare ...continua
Attacco a Damasco: ecco i siti colpiti dai missili Usa

14 Aprile 2018- Il quotidiano russo "Kommersant" ha pubblicato una mappa con tutti i siti colpiti durante l'attacco missilistico occorso nella notte italiana a Damasco. Questi gli obiettivi colpiti nella notte dai missili della coalizione occidentale Secondo le fonti militari siriane consultate dal quotidiano, questi sarebbero stati gli obiettivi coinvolti nell'attacco: Nella mappa sono ...continua
Attacco in Siria, l'Ue con gli alleati. L'Onu chiede moderazione

14 Aprile 2018- È partito nella notte l'attacco alla Siria che si attendeva da giorni, coordinato dalle forze armate di Stati Uniti, Francia e Gram Bretagna e scattato dopo giorni di contatti con la Russia, per evitare una escalation della violenza che nessuna desidera, nonostante le prime dichiarazioni arrivate dopo i raid notturni possano far pensare diversamente. "L’attacco di Stati ...continua
Trump schiera le navi da guerra: una pioggia di mille missili dal Mediterraneo

13 Aprile 2018- Entro la prossima settimana gli Stati Uniti avranno nel Mar Mediterraneo una capacità missilistica di oltre mille missili Tomahawk che potrebbero potenzialmente essere lanciati contro la Siria. E’ una capacità offensiva notevole considerando che nei possibili piani d’attacco contro la triade difensiva della Corea del Nord (il paragone è prettamente ...continua
Il cretino assoluto

13 Aprile 2018- di Alessandro Sallusti Il disoccupato Alessandro Di Battista, leader in esilio dei Cinquestelle, ha detto nelle scorse ore che il suo partito non può allearsi con Silvio Berlusconi «perché lui e Forza Italia sono il male assoluto». Contro un «cretino assoluto» qual è Di Battista non c'è difesa, ma sull'argomento sarebbe interessante interpellare i tanti che in vita hanno incrociato il presunto mostro e non solo ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
22° Jamboree mondiale 2011 a Rinkaby(Svezia)
Cucina
'U Maccu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra