Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Trump schiera le navi da guerra: una pioggia di mille missili dal Mediterraneo
Condividi                       

Entro la prossima settimana gli Stati Uniti avranno nel Mar Mediterraneo una capacità missilistica di oltre mille missili Tomahawk che potrebbero potenzialmente essere lanciati contro la Siria.

E’ una capacità offensiva notevole considerando che nei possibili piani d’attacco contro la triade difensiva della Corea del Nord (il paragone è prettamente numerico e non tattico), la US Navy stimava il lancio di 600 missili Tomahawk.

Il Gruppo da Battaglia della portaerei classe Nimitz USS Harry S. Truman è in navigazione: entro la metà della prossima settimana sarà nel Mar Mediterraneo. La Truman trasporta nove squadroni del Carrier Air Wing One. Il vettore è scortato dall’incrociatore lanciamissili classe Ticonderoga USS Normandy (CG-60) e dalle cacciatorpediniere USS Bulkeley (DDG 84), USS Forrest Sherman (DDG-98) e USS Farragut (DDG-99) della classe Arleigh Burke. Del Gruppo da Battaglia anche la capofila della classe USS Arleigh Burke (DDG-51). Le cacciatorpediniere classe Arleigh Burke spostano 9800 tonnellate e sono armate in via primaria con 96 celle VLS. La classe Ticonderoga con dislocamento da 9600 tonnellate è armata con 122 celle VLS.

La portaerei USS Harry S. Truman è scortata da uno o due sottomarini d’attacco a propulsione nucleare classe Los Angeles, ognuno armato con dodici celle VLS. La capacità Tomahawk complessiva della flotta di superficie del Gruppo da Battaglia della Truman è di 506 missili.

Il sottomarino a propulsione nucleare classe Ohio SSGN USS Georgia (SSGN 729) è in navigazione nel Mar Mediterraneo. E’ equipaggiato con sette lanciatori verticali per missili da crociera convenzionali con una capacità massima di 154 Tomahawk. Un sottomarino a propulsione nucleare classe Ohio SSGN potrebbe lanciare in immersione tutti i suoi 154 missili Tomahawk in soli sei minuti.

Il sottomarino d’attacco a propulsione nucleare classe Virginia Block III USS John Warner (SSN-785) è in navigazione nel Mar Mediterraneo. Rispetto ai precedenti Virginia, i Block III presentano migliorie sotto il profilo tecnologico ed idrodinamico con il 40% della prua ridisegnata. I sottomarini Block III introducono nuovi tubi di lancio progettati per ridurre i costi ed aumentare la capacità di fuoco. I primi dieci sottomarini classe Virginia del Block I/II dispongono di 12 tubi di lancio verticali (Vertical Launch System) del diametro di 21 pollici. I sottomarini Block III implementano due nuovi grandi tubi di lancio chiamati Virginia Payload Tubes del diametro di 87 pollici ed in grado di ospitare sei Tomahawk ciascuno.

La Sesta Flotta ha richiamato nel Mediterraneo il Destroyer Squadron 60. Le cacciatorpediniere classe Arleigh Burke USS Donald Cook (DDG-75), USS Nitze (DDG-94), USS Carney (DDG-64) e USS Porter (DDG-78) sono in navigazione nel Mar Mediterraneo. Le quattro unità hanno una capacità complessiva di 384 missili Tomahawk.

Il numero dei sottomarini d'attacco dell'US Navy schierati permanentemente nel Mediterraneo è ignoto.

Il cacciatorpediniere classe Arleigh Burke USS Laboon (DDG-58) si trova nel Mar Rosso in attesa di ordini. Potrebbe ricongiungersi con l’Iwo Jima Amphibious Ready Group ed il 26th Marine Expeditionary Unit che si trova al largo della Repubblica di Gibuti. L’ARG è composto dalla nave d’assalto anfibia classe Wasp USS Iwo Jima (LHD 7) e dalle unità da trasporto classe San Antonio USS New York (LPD-21) e USS Oak Hill (LSD-51) della classe Harpers Ferry.
Il missile Tomahawk

Il missile da crociera Tomahawk, attualmente nella versione Block IV, è la colonna portante dei sistemi d’arma di proiezione degli Stati Uniti fin dalla guerra del Golfo nel 1991. Durante le prime fasi di Operazione Odissey Dawn nel 2011, gli obiettivi strategici libici furono colpiti da 110 missili Tomahawk lanciati dalle navi da guerra alleate nel Mediterraneo e da 45 JDAM sganciate dai bombardieri stealth B-2. Nel 2014, la USS Philippine Sea dal Golfo Persico e la USS Arleigh Burke dal Mar Rosso, lanciarono missili 47 Tomahawk contro le posizioni del Gruppo Khorasan legato ad al Qaeda.

Lo scorso anno, le cacciatorpediniere classe Arleigh Burke USS Ross (DDG-71) e USS Porter (DDG-78) lanciarono 59 missili Tomahawk (TLAM) contro obiettivi militari in Siria siti nella Shayrat Air Base, 25 miglia a sud di Homs. L’obiettivo era la base aerea ritenuta responsabile dell'attacco chimico contro i civili sulla città di Khan Sheikhoun. I danni furono minimi. Il raid statunitense avrebbe distrutto sei MiG-23 in riparazione, un deposito, una struttura di formazione, una mensa ed una stazione radar. La pista e le vie di rullaggio rimasero integre. Soltanto 23 missili avrebbero realmente colpito la base aerea siriana. Il destino degli altri 36 missili da crociera lanciati rimane sconosciuto.
13 Aprile 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Varie di Marina Repetto
Cucina
Pipi chini 'i risu e prosciuttu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra