Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Orban da liberale dissidente a icona della destra
Condividi                       

L'«uomo nero» dell'Ungheria, Viktor Orban, punta ad ipotecare il terzo mandato consecutivo come primo ministro. Nella tornata elettorale di ieri quasi 8 milioni di ungheresi avevano diritto al voto.

I seggi si sono chiusi alle 19 con un'affluenza record del 68,1% che avrebbero potuto riservare sorprese a favore dell'opposizione. Invece no. La formazione di destra Fidesz del premier, dopo il 64% delle schede scrutinate, era avanti con un ottimo 49,15%. I sondaggi avevano predetto il risultato. Quasi impossibile che l'opposizione riesca a ribaltare il risultato, ma bisognerà vedere quale sarà il margine di vittoria dell'uomo forte magiaro.

In campagna elettorale Orban ha continuato a sbandierare il cavallo di battaglia della lotta all'immigrazione senza regole. «Dieci milioni di migranti musulmani sono pronti a invadere l'Europa dall'Africa e dal Medio Oriente» ha sostenuto il premier ungherese che governa da 8 anni. Nel 2015 l'Ungheria ha cominciato a costruire un «muro» al confine sud per fermare il flusso di 1 milione di migranti piombato in Europa attraverso la rotta balcanica.

Davanti al seggio dove ha votato Orban negava di essere nemico dell'Unione europea, ma di volerla riformare seriamente. «L'Ue non è a Bruxelles, è a Berlino, a Budapest, Varsavia, Bucarest. L'Ue non significa Bruxelles, significa le capitali unite assieme», ha affermato. Adesso lo accusano di essere filo Putin ed euroscettico, ma si dimentica che è stato proprio Orban a battersi per fare entrare l'Ungheria nell'Unione europea e nella Nato.

In molti lo dipingono come l'«uomo nero» dell'Est Europa modello per i populisti del vecchio continente tacciato addirittura di autoritarismo, ma il premier ungherese ha un passato da liberale doc e fiero anticomunista.

Nel 1989 divenne famoso quando chiese il ritiro dell'Armata rossa dall'Ungheria davanti alla risepoltura di Imre Nagy e altri martiri magiari della rivolta del 1956 soffocata nel sangue dai sovietici. L'anno prima aveva difeso un dissidente dalla furia della polizia del regime comunista sull'orlo del crollo. Il suo nemico odierno numero 1, il discusso filantropo George Soros, aiutò il giovane Orban con una borsa di studio ad Oxford. Il movimento Fidesz dalla conquista del primo governo negli anni novanta si è spostato sempre più a destra, ma continua a far parte del Partito popolare europeo che raggruppa le formazioni politiche moderate del continente, come Forza Italia. Orban argina forze ancora più estremiste come lo Jobbik, che i sondaggi davano come suo principale inseguitore nella sfida elettorale.

Alla vigilia del voto il francese Joseph Daul, presidente del Ppe, ha auspicato che «Viktor Orbán continui a portare stabilità e prosperità ai cittadini ungheresi».

Più che un mezzo tiranno Orban ha intercettato gli umori della popolazione magiara. Il giro di vite che ridimensiona i poteri della Corte costituzionale ed il controllo quasi totale sui media preoccupa di più i politicamente corretti del mondo esterno, che la maggioranza degli ungheresi. Nonostante la crescente corruzione ed i servizi pubblici in crisi, Orban è riuscito a fare impennare l'economia con una crescita del 4% nel 2017.

Ed il livello di disoccupazione è sceso a livelli minimi. La cosiddetta Orbanomics ha funzionato grazie alle nazionalizzazioni delle grandi aziende di servizi dalla telefonia, all'energia fino alle banche. Ed i 50 miliardi di euro ricevuti dalle casse Ue, dove l'Ungheria ne ha versati solo 11, hanno fatto il resto.

Nel 1996 Orban si era risposato in chiesa con la sua compagna di sempre Aniko Levai e nel tempo si è sempre più avvicinato alle profonde tradizioni cristiane del popolo magiaro.

Orban ripete da tempo che la politica sta entrando in una nuova era post ideologica, secondo i detrattori di «democrazia illiberale». Le spinte nazionaliste e populiste, però, potrebbero venire clamorosamente premiate dagli elettori ungheresi.
9 Aprile 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Turbanti 'i risu e mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra