Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
E' nelle periferie che Salvini ha vinto: la sinistra operaia è diventata destra leghista
Condividi                       

di Carlo Stasolla

Rileggendo a freddo i risultati elettorali, si scopre quanto un peso rilevante della partita si sia giocato nelle periferie delle grandi città dove ha spopolato il voto del Movimento 5 Stelle e della Lega. Emblematico è il caso di Matteo Salvini che nella periferia di Torino ha superato il 17% e in quella romana dove, raggiungendo la doppia cifra, ha quintuplicato i risultati delle ultime tornate elettorali. Anche per quanto riguarda Milano, nelle mappe utilizzate dagli analisti, il “rosso“ del centro cittadino risulta circondato dal verde della Lega.

Il forte travaso del voto del ceto popolare dalla sinistra operaia verso la destra leghista rappresenta indubbiamente un risultato straordinario rivendicato dal leader del Carroccio. “Sono e resto orgogliosamente populista” ha dichiarato nelle ore immediatamente successive ai dati ufficiali.

L’ha detto e ripetuto il 6 febbraio alle porte del campo rom di via Germagnano a Torino e tre settimane dopo a Tor Bella Monaca, la periferia simbolo della Capitale. Due tappe fondamentali della sua campagna elettorale volta a rappresentare il disagio degli abitanti delle perifierie urbane e a catturare il loro voto. Nell’insediamento torinese vivono da una decina d’anni circa 600 rom tra degrado e fumi che prima ancora di intossicare i residenti, avvelenano i rapporti ormai drammaticamente deteriorati con il quartiere vicino. Tor Bella Monaca, invece, è un agglomerato di palazzi dell’estrema periferia orientale della Capitale, ricordato dalla cronaca solo per eventi criminosi e legati alla marginalità sociale. Due spaccati di periferia che dalla loro nascita vivono la dimenticanza delle istituzioni con i residenti che nutrono la percezione di respirare ossigeno quando qualche leader politico si mostra minimamente interessato alla loro esistenza.

E’ proprio questo il problema degli spazi urbani lontani dal centro: l’abbandono. Un abbandono sentito e percepito ma terribilmente reale, che finisce per ghettizzare e autoghettizzare, per scavare fossati tra uno Stato che cura, sostiene, accompagna e un non Stato dove l’unica legge è quella dell’arrangiarsi vivendo alla giornata. E’ nelle periferie che la politica ha fallito e dove la protesta, incarnata dal voto grillino e leghista, ha monopolizzato il voto.

Tutto ha una sua origine. A partire dagli anni Ottanta, quando nelle metropoli italiane la stretta di mano tra costruttori e amministratori ha consentito la costruzione di un concentrato di quartieri di edilizia residenziale pubblica, dove gettare lo “scarto umano” e lasciarlo lì, senza risposte e vie di uscita. Poi negli anni successivi l’afflusso di famiglie immigrate e la politica dei “campi nomadi” hanno fatto il resto, inaugurando la nascita di ghetti dentro i ghetti e di una nuova povertà, sino ad allora sconosciuta, che non parla solo il linguaggio della privazione economica ma della fine dei rapporti sociali. La città ha relegato nei suoi margini la nuova povertà che al suo interno andava crescendo, nascondendola. Povertà urbana che ha assunto un suo volto che cambia ogni volta il suo aspetto, da Milano a Palermo.

Dal 2008 al 2016 in Italia il numero di persone a rischio di povertà ed esclusione è cresciuto del 4,4%, pari a tre milioni di nostri connazionali. Solo la Grecia ha saputo fare peggio. E le politiche di contrasto si sono rivelate tardive, deboli e inefficaci. Le passeggiate elettorali di Salvini ed i tour in camper di Alessandro Di Battista prima ancora di riempire le piazze hanno riempito un vuoto nell’animo di comunità che non hanno più nulla da perdere, sprofondate nella precarietà economica e nel totale isolamento relazionale, rassegnate in una frustrante guerra tra poveri che strappa spazi di visibilità nelle prime serate di Rete 4 e che ogni volta, davanti a un’urna elettorale, continueranno a mettere la croce su chi meglio saprà rappresentare la propria rabbia inespressa.

E’ da qui che bisognerà ripartire, prima che sia troppo tardi. Per questo, nel periodo del post voto, una trentina di esperti promuoveranno a Roma una Convention sulla povertà urbana che sarà organizzata nel cuore della periferia della Capitale con convegni, dibattiti, gruppi di lavoro. Si proverà a ripartire dalla periferia, per cercare di ascoltare in profondità le domande e di trovare insieme risposte vere, senza passeggiate e slogan.

Mettere i confini al centro. Sarà questa la sfida urgente di chi sarà chiamato ad amministrare il Paese, prima che questo imploda nel tonfo dello scontro sociale. Che il voto di protesta non potrà più contenere, con il rischio di precipitare nelle barricate delle banlieue parigine o nella rabbiosa violenza dei giovani di Molembeek.
9 Marzo 2018



Merkel a Conte: “Collaboriamo con l’Italia. Rafforzare le frontiere esterne”

19 Giugno 2018- Dopo la Francia, sul fronte migranti Conte incassa anche l’appoggio della Germania: la priorità numero uno è potenziare Frontex, tutelare le frontiere esterne e collaborare con l’Italia. Anche allestendo centri di prima identificazione nei Paesi africani tra cui la Libia. Angela Merkel lo dice davanti ai giornalisti, nel corso di una breve conferenza stampa ...continua
Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

19 Giugno 2018- Dopo l'annuncio di Salvini su un nuovo censimento dei rom per mandare via gli irregolari e tenere invece quelli con cittadinanza italiana, arriva la durissima reazione di Angela Casamonica. Lei, italiana e di origine rom, fa parte di una delle famiglie rom più note della Capitale. Intervistata dall'Agenzia Dire, la Casamonica attacca il ministro degli Interni: "Salvini ...continua
Non versava Iva, assolto: "Lo Stato non lo pagava"

17 Giugno 2018- Non avrebbe pagato l'Iva, ma è stato assolto dalla corte d'appello. È accaduto a Bari. Si tratta di Rocco Lombardi, un imprenditore nel settore dei rifiuti. I Comuni per i quali gestiva il servizio di raccolta di immondizia non gli hanno pagato le fatture e la Corte di Appello di Bari lo ha, quindi, assolto "perché il fatto non costituisce reato". Si tratta dell'amministratore ...continua
Roma, boom di furti e rapine, i negozianti: "Ora vogliamo armarci"

17 Giugno 2018- “Di aggressioni ne abbiamo subite diverse, mi difendo con le mani e a mali estremi ho sempre una spranga di ferro dietro al bancone”. Questo tabaccaio del quartiere Talenti non è il solo a pensare di ricorrere alla difesa fai-da-te dopo la serie di furti e rapine che sta sconvolgendo il quadrante nord-est della Capitale. Due colpi eccellenti messi a segno in meno di ...continua
Salvini blocca il riso asiatico: "Non faremo più gli zerbini"

17 Giugno 2018- Non solo immigrazione: adesso Matteo Salvini dice basta anche al cibo importato dall'estero che imita il made in Italy, come riso e formaggi. "La verità è che abbiamo finito di fare gli zerbini", ha detto il ministro dell'Interno al Corriere della sera, "Dopo le navi delle Ong, potremmo fermare anche quelle che arrivano nei nostri porti cariche di riso cambogiano. Io sono ...continua
Salvini chiude i porti. Toninelli: “L’Olanda richiami le sue navi”

17 Giugno 2018- I migranti dell’Aquarius stanno per sbarcare in Spagna e così il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo una settimana può cambiare obiettivo. Questa volta sono due ong tedesche che operano davanti alla costa della Libia con navi con bandiera olandese, Lifeline (“La linea della vita”, in inglese) e Seefuchs (“Volpe del mare”, in tedesco). Torna l’hashtag ...continua
Flat tax, governo accelera: "Per imprese e partite Iva ​può già scattare ad agosto"

17 Giugno 2018- Il vice ministro all'Economia, Massimo Garavaglia, intervistato a l'intervista di Maria Latella su Sky Tg24 prova ad accelerare sul fronte flat tax. Il vice di Tria di fatto annuncia che molto probabilmente la rivoluzione fiscale pianificata dall'esecutivo potrebbe già scattare dal mese di agosto per le Pmi e per le partite Iva: "La flat tax ...continua
Come la Francia prova a strappare la Libia all'Italia

17 Giugno 2018- Intervenire congiuntamente ovunque negli scenari afrcani, al fine di alleviare la pressione del radicalismo islamico e dell’emergenza immigrazione, tranne che in Libia: ecco cosa emerge dal vertice italo – francese tenuto a Parigi nella giornata di venerdì. La Francia non ha fatto mistero dunque di voler gestire la Libia come un propria affare personale, a cui l’Italia ...continua
L’italiana dell’Isis confessa: “Jihadisti sono già in Europa”

17 Giugno 2018- Da Camp Roj (Siria) “Voglio tornare in Italia, anche se dovrò andare in carcere”, dice convinta Meriem. Subito dopo aggiunge: “Almeno riabbraccio la mamma, che mi manca tanto…”. E scoppia a piangere. Meriem Rehaily, 22 anni, jihadista della provincia di Padova di origini marocchine, è stata condannata il 12 dicembre a quattro anni per aver aderito allo Stato ...continua
I Cinque "Stalle" ballano sul Titanic

16 Giugno 2018- di Alessandro Sallusti C'erano una volta i Cinquestelle che urlavano nelle piazze e in Parlamento «onestà, onestà». Dicevano di essere stati mandati dal messia Beppe Grillo (e dallo spirito santo Casaleggio) a purificare l'Italia corrotta e incapace. Poi i primi scivoloni giudiziari: ogni sindaco che hanno conquistato in virtù della presunta diversità etica è finito a processo per reati che ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra