Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il fatto quotidiano
E' nelle periferie che Salvini ha vinto: la sinistra operaia è diventata destra leghista
Condividi                       

di Carlo Stasolla

Rileggendo a freddo i risultati elettorali, si scopre quanto un peso rilevante della partita si sia giocato nelle periferie delle grandi città dove ha spopolato il voto del Movimento 5 Stelle e della Lega. Emblematico è il caso di Matteo Salvini che nella periferia di Torino ha superato il 17% e in quella romana dove, raggiungendo la doppia cifra, ha quintuplicato i risultati delle ultime tornate elettorali. Anche per quanto riguarda Milano, nelle mappe utilizzate dagli analisti, il “rosso“ del centro cittadino risulta circondato dal verde della Lega.

Il forte travaso del voto del ceto popolare dalla sinistra operaia verso la destra leghista rappresenta indubbiamente un risultato straordinario rivendicato dal leader del Carroccio. “Sono e resto orgogliosamente populista” ha dichiarato nelle ore immediatamente successive ai dati ufficiali.

L’ha detto e ripetuto il 6 febbraio alle porte del campo rom di via Germagnano a Torino e tre settimane dopo a Tor Bella Monaca, la periferia simbolo della Capitale. Due tappe fondamentali della sua campagna elettorale volta a rappresentare il disagio degli abitanti delle perifierie urbane e a catturare il loro voto. Nell’insediamento torinese vivono da una decina d’anni circa 600 rom tra degrado e fumi che prima ancora di intossicare i residenti, avvelenano i rapporti ormai drammaticamente deteriorati con il quartiere vicino. Tor Bella Monaca, invece, è un agglomerato di palazzi dell’estrema periferia orientale della Capitale, ricordato dalla cronaca solo per eventi criminosi e legati alla marginalità sociale. Due spaccati di periferia che dalla loro nascita vivono la dimenticanza delle istituzioni con i residenti che nutrono la percezione di respirare ossigeno quando qualche leader politico si mostra minimamente interessato alla loro esistenza.

E’ proprio questo il problema degli spazi urbani lontani dal centro: l’abbandono. Un abbandono sentito e percepito ma terribilmente reale, che finisce per ghettizzare e autoghettizzare, per scavare fossati tra uno Stato che cura, sostiene, accompagna e un non Stato dove l’unica legge è quella dell’arrangiarsi vivendo alla giornata. E’ nelle periferie che la politica ha fallito e dove la protesta, incarnata dal voto grillino e leghista, ha monopolizzato il voto.

Tutto ha una sua origine. A partire dagli anni Ottanta, quando nelle metropoli italiane la stretta di mano tra costruttori e amministratori ha consentito la costruzione di un concentrato di quartieri di edilizia residenziale pubblica, dove gettare lo “scarto umano” e lasciarlo lì, senza risposte e vie di uscita. Poi negli anni successivi l’afflusso di famiglie immigrate e la politica dei “campi nomadi” hanno fatto il resto, inaugurando la nascita di ghetti dentro i ghetti e di una nuova povertà, sino ad allora sconosciuta, che non parla solo il linguaggio della privazione economica ma della fine dei rapporti sociali. La città ha relegato nei suoi margini la nuova povertà che al suo interno andava crescendo, nascondendola. Povertà urbana che ha assunto un suo volto che cambia ogni volta il suo aspetto, da Milano a Palermo.

Dal 2008 al 2016 in Italia il numero di persone a rischio di povertà ed esclusione è cresciuto del 4,4%, pari a tre milioni di nostri connazionali. Solo la Grecia ha saputo fare peggio. E le politiche di contrasto si sono rivelate tardive, deboli e inefficaci. Le passeggiate elettorali di Salvini ed i tour in camper di Alessandro Di Battista prima ancora di riempire le piazze hanno riempito un vuoto nell’animo di comunità che non hanno più nulla da perdere, sprofondate nella precarietà economica e nel totale isolamento relazionale, rassegnate in una frustrante guerra tra poveri che strappa spazi di visibilità nelle prime serate di Rete 4 e che ogni volta, davanti a un’urna elettorale, continueranno a mettere la croce su chi meglio saprà rappresentare la propria rabbia inespressa.

E’ da qui che bisognerà ripartire, prima che sia troppo tardi. Per questo, nel periodo del post voto, una trentina di esperti promuoveranno a Roma una Convention sulla povertà urbana che sarà organizzata nel cuore della periferia della Capitale con convegni, dibattiti, gruppi di lavoro. Si proverà a ripartire dalla periferia, per cercare di ascoltare in profondità le domande e di trovare insieme risposte vere, senza passeggiate e slogan.

Mettere i confini al centro. Sarà questa la sfida urgente di chi sarà chiamato ad amministrare il Paese, prima che questo imploda nel tonfo dello scontro sociale. Che il voto di protesta non potrà più contenere, con il rischio di precipitare nelle barricate delle banlieue parigine o nella rabbiosa violenza dei giovani di Molembeek.
9 Marzo 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Penne aromatiche allo spada
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra