Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il Giornale
Campioni e popolo: una piazza d'amore per il saluto ad Astori
Condividi                       

Una piazza invasa da amore, tristezza, dolore e segnali che non sono passati inosservati.

La morte di Davide Astori ha rappresentato, tra i tanti risvolti, anche l'attimo in cui una rivalità calcistica storicamente ruvida ha imboccato una strada diversa. Alle 10,26 la delegazione della Juventus guidata da Max Allegri e composta da Chiellini, Buffon, Barzagli, Landucci e Pjanic, è salita sul sagrato della basilica di Santa Croce: la piazza era colma di anime viola, strette in un silenzio assordante, interrotto a quel punto da un applauso intenso, lungo, commovente.

Gigi Buffon si è voltato verso la gente e con un timido gesto della mano ha risposto. Quando mai era accaduta una cosa simile in riva all'Arno? Potere di Davide l'uomo nato per unire e che anche da morto continua a fare questi miracoli. Questa è la scena che fotografa una mattina ad altissima intensità emotiva. I funerali di Astori hanno portato migliaia e migliaia di persone in uno dei luoghi più belli al mondo. I fiorentini già due ore prima si sono incamminati in silenzio all'addio di Davide. Esequie officiate dal vescovo di Firenze Giuseppe Betori e seguite dall'esterno da molte troupe televisive e tantissimi giornalisti.

È stata una rassegna dignitosa di volti conosciuti del nostro calcio. Uno dei primi a giungere sul sagrato è stato Marco Van Basten. Sono scattati gli applausi che si sarebbero riprodotti per tutti. La Fiorentina ha portato nella basilica tutte le squadre, settore giovanile e femminile. Il sindaco Nardella è arrivato presto anche per accogliere i familiari di Davide, la compagna Francesca e agli altri amici del capitano.

Quindi Pasqual, Toldo, la Roma con Totti e De Rossi. Quest'ultimo particolarmente provato: lui e Chiellini hanno pianto a lungo. Il Milan con Antonelli, Baresi e Filippo Galli. Poi Bernardeschi, Pepito Rossi, Avramov e Florenzi. Il feretro è arrivato dopo aver sostenuto una breve sosta davanti al Franchi, laddove in questi giorni i tifosi hanno lasciato ricordi di vario genere. Poi il presidente del Cagliari Giulini, De Maio; il Napoli con Edoardo De Laurentiis, il diesse Giuntoli e Maggio; l'Inter con Luciano Spalletti e Javier Zanetti in testa, dietro Borja Valero e Vecino, ex viola. L'Atalanta presente con l'ex viola Ilicic e il presidente Percassi. Le istituzioni dello sport con Malagò, quindi Di Biagio, Damiano Tommasi, l'ex ct Ventura e il ministro dello Sport uscente Luca Lotti.

Anche volti noti della tv come Carlo Conti. La Samp ha portato il diesse Pradè e il portiere Viviano, gran tifoso viola. Presenti anche Andrea Pirlo e Perrotta. Il Torino col dirigente Comi. La rappresentanza del Sassuolo col diesse Carnevali. Diego Della Valle («Davide resterà per noi un modello di comportamento»), applauditissimo dai tifosi, è arrivato in compagnia dell'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi. La Santa Messa è iniziata con un po' di ritardo a causa di un lieve malore che ha colpito un parente di Francesca Fioretti, la compagna di Davide. Poi la cerimonia e, alla fine, un applauso commosso. E un urlo: «Addio Davide, non ti dimenticheremo mai».
9 Marzo 2018



La supercazzola di Di Maio: il "Navigator" del lavoro

9 Dicembre 2018- di Francesco MariaDel Vigo Navigator. Mettetevi bene in testa questa parola e memorizzatela. Perché Navigator sarà la parola dell'anno. Non quello che sta finendo, ma quello che sta per iniziare, s'intende. Anzi il «mestiere» dell'anno. Riavvolgiamo il nastro: martedì sera Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e vicepremier, è ospite di Bruno Vespa a Porta a ...continua
Lecce, pm arrestato per corruzione: sesso anche per pilotare l’esame da avvocato

8 Dicembre 2018- L’aiuto durante l’esame da avvocato presumibilmente a fronte della richiesta di rapporti sessuali. Il pm della Procura di Lecce, Emilio Arnesano, da giovedì 6 dicembre nel carcere di Potenza, stava “di recente programmando di interferire sullo svolgimento delle prove scritte”, fissate per la prossima settimana, dall’11 al 13 dicembre. È questo che ha ...continua
Karrenbauer è la nuova leader della Cdu: eletta l’erede della Merkel.

8 Dicembre 2018- Dopo 18 anni finisce l’era di Angela Merkel alla guida dell’Unione cristiano democratica. Ma il suo partito ha scelto per la continuità, eleggendo a presidente la segretaria generale e delfina della cancelliera Annegret Kramp-Karrenbauer. Akk, così come viene soprannominata, ha battuto Friedrich Merz, il 62enne uomo d’affari e pupillo dell’attuale presidente del ...continua
Censis: “Italiani popolo incattivito e rancoroso, il 63% è ostile verso gli immigrati

8 Dicembre 2018- Italiani sempre più cattivi. Frustrati dallo sfiorire della ripresa e da un cambiamento che non è arrivato, hanno deciso di compiere “un salto rischioso e dall’esito incerto”, un “funambolico camminare sul ciglio di un fossato che mai prima d’ora si era visto così da vicino”. Così vede l’Italia e i suoi cittadini l’Istituto Censis, che oggi a Roma ha ...continua
Così la polizia arresta i liceali: ​quel video che inguaia Macron

8 Dicembre 2018- La crisi dei gilet gialli, ormai presentata in Francia come una situazione "pre insurrezionale", sta infliggendo il colpo di grazia a Emmanuel Macron che ha ormai raggiunto il livello più basso di popolarità dal suo insediamento. E anche oggi si è trovato a dover affrontare un'altra guerriglia in quello che è il quarto atto della protesta. Così, mentre il premier ...continua
“L’Italia al centro dell’Eurotragedia”

8 Dicembre 2018- Ashoka Mody è docente di politica economica internazionale all’Università di Princeton e, in passato, è stato vice direttore del Dipartimento europeo per il Fondo monetario internazionale e rappresentante per l’Irlanda durante le negoziazioni per il bailout con la Troika. Autore del libro Eurotragedy, A Drama in Nine Acts (Eurotragedia, un dramma in nove atti), Mody è un critico della gestione ...continua
Ricatti e incapacità sulla nostra pelle

8 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Il governo getta la maschera e mostra il suo volto feroce. Non solo hanno annunciato di voler mettere una nuova tassa, con la scusa dell'ecologia, sull'acquisto di auto - soprattutto le utilitarie - ma è di ieri sera la notizia che taglieranno le pensioni della classe media fino al quaranta per cento. Di fatto, quella che è in corso è una rapina di Stato e questo, se ...continua
L’assedio di Parigi è solo l’inizio Ecco cosa vogliono i gilet gialli

2 Dicembre 2018- L’assedio di Parigi da parte dei gilet gialli continua. E la violenza che si è scatenata ieri nella capitale francese, soprattutto a causa del coinvolgimento dei casseurs, ha colpito non solo il governo ma tutto il Paese. La guerriglia urbana si è estesa dal centro della città fino alle periferie. E mentre Parigi veniva messa a ferro e fuoco dalla violenza dei ...continua
Sabato di protesta per i gilet gialli a Parigi, scontri e fermi

1 Dicembre 2018- Nuova giornata di proteste per i Gilet gialli che portano la loro rabbia nel centro di Parigi: scontri agli Champs-Elysees tra manifestanti e polizia, dopo un tentativo di forzare il blocco. Gli agenti hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla mentre dei dimostranti tentavano di impadronirsi delle barriere mobili per fare una barricata; alcuni poliziotti sono ...continua
Istat, governo bocciato: a ottobre sale la disoccupazione e cala la stima del pil

1 Dicembre 2018- Il tasso di occupazione rimane stabile, ma la disoccupazione aumenta. I dati Istat relativi al mese di ottobre presentano una fotografia in chiaroscuro. Dopo il calo di settembre, resta stabile la percentuale degli occupati: 58,7%. Ma aumenta il tasso di disoccupazione, che passa dal 10,4 al 10,6%. E non è l'unico dato negativo certificato ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Bresaola con caprino
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra