Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il Giornale
Renzi molla e non si ricandida: ora pensa a un suo partito
Condividi                       

Ancora non è chiaro cosa succederà esattamente nella Direzione di lunedì, figurarsi nelle trattative su eventuali governi.

Eppure nel Pd c'è già chi lavora per dare al partito un nuovo segretario, capace di chiudere l'era Renzi senza alienarsi troppo la base renziana. Una figura che sia fuori dalla solita foto di gruppo del «caminetto» degli eterni capicorrente, che coniughi l'anima più liberal con quella più moderata con una spruzzata di sinistra. Un papa straniero, come si diceva una volta.

Così, nei conciliaboli che si susseguono tra i big del Partito democratico continua a rimbalzare il nome di Carlo Calenda, dinamico ministro con grande visibilità mediatica e presenza di successo sui social, impegnato a difendere i lavoratori e l'italianità delle aziende in crisi, che si è appena iscritto al Pd, nel momento più difficile, con un gesto che ha suscitato applausi nella nomenklatura e gratitudine nel popolo dem. Un gesto che non è nato però dall'impulso di un momento, ma che è stato discusso e condiviso con una serie di interlocutori di peso, a cominciare dal premier Gentiloni.

Ma sul nome di Calenda ci sarebbe già il via libera di personaggi che contano parecchio: da Walter Veltroni a Romano Prodi, fino all'appena rieletto governatore del Lazio Nicola Zingaretti. E anche il capo della minoranza di sinistra Andrea Orlando lancia un segnale di apertura: «È una personalità che può dare un contributo importante al Pd, ha idee diverse dalle mie ma il partito deve essere plurale: è un carattere che dobbiamo recuperare, perché il partito non può essere il luogo della dittatura della maggioranza, dove chi non è d'accordo non ha alcuna possibilità di incidere». Quindi, «se si vuole candidare alle primarie, è suo diritto farlo».

Lunedì Calenda debutterà alla Direzione del Pd, di cui da ministro del partito entra a far parte di diritto: «Non parlerò, però, visto che è la prima volta», dice. Ma la sua presenza sarà un segnale significativo, che lo fa entrare a pieno titolo nel vertice dem, e che prepara il terreno a un'eventuale discesa in campo.

Va fissata l'Assemblea nazionale, che potrà eleggere il nuovo segretario che durerebbe fino al 2021 (ossia la data alla quale sarebbe scaduto il mandato di Renzi) o indire un vero e proprio percorso congressuale, con relative primarie, per un mandato nuovo. Anche se c'è già chi fa notare che «con questo sistema elettorale proporzionale, che senso hanno le primarie per un leader candidato premier?».

Dell'operazione Calenda è ovviamente al corrente anche Matteo Renzi: e forse non è un caso se ieri il capogruppo uscente del Pd, Ettore Rosato, ha tenuto a dire che «Renzi ha già detto che non si ricandida alle primarie, non vuole fare il segretario: ha fatto la sua parte». Come dire che una stagione è chiusa. Così come non è un caso che Luca Lotti, braccio destro del segretario dimissionario, abbia lanciato un attacco durissimo a una serie di big (da Orlando a Franceschini ad Emiliano), chiedendo un «dibattito nel Pd» sul risultato elettorale: «Almeno avremo modo di parlare di chi ha perso nel collegio di residenza ma si è salvato col paracadute, di chi non ha proprio voluto correre e di chi invece ha vinto correndo senza paracadute».

Una bordata a largo raggio per dire che Renzi non ci sta a fare il capro espiatorio della «disfatta» che gli imputa Orlando. E, anche se il segretario uscente smentisce, continua a circolare l'ipotesi che i renziani diano vita a una propria «associazione». I parlamentari che fanno riferimento a lui sono - sulla carta - la maggioranza, e nessuno esclude che di qui alle prossime settimane, quando arriverà il momento delle scelte sugli assetti e il governo, si consumi una
9 Marzo 2018



Merkel a Conte: “Collaboriamo con l’Italia. Rafforzare le frontiere esterne”

19 Giugno 2018- Dopo la Francia, sul fronte migranti Conte incassa anche l’appoggio della Germania: la priorità numero uno è potenziare Frontex, tutelare le frontiere esterne e collaborare con l’Italia. Anche allestendo centri di prima identificazione nei Paesi africani tra cui la Libia. Angela Merkel lo dice davanti ai giornalisti, nel corso di una breve conferenza stampa ...continua
Casamonica avvertono Salvini: "Cacciarci? Con noi riga dritto"

19 Giugno 2018- Dopo l'annuncio di Salvini su un nuovo censimento dei rom per mandare via gli irregolari e tenere invece quelli con cittadinanza italiana, arriva la durissima reazione di Angela Casamonica. Lei, italiana e di origine rom, fa parte di una delle famiglie rom più note della Capitale. Intervistata dall'Agenzia Dire, la Casamonica attacca il ministro degli Interni: "Salvini ...continua
Non versava Iva, assolto: "Lo Stato non lo pagava"

17 Giugno 2018- Non avrebbe pagato l'Iva, ma è stato assolto dalla corte d'appello. È accaduto a Bari. Si tratta di Rocco Lombardi, un imprenditore nel settore dei rifiuti. I Comuni per i quali gestiva il servizio di raccolta di immondizia non gli hanno pagato le fatture e la Corte di Appello di Bari lo ha, quindi, assolto "perché il fatto non costituisce reato". Si tratta dell'amministratore ...continua
Roma, boom di furti e rapine, i negozianti: "Ora vogliamo armarci"

17 Giugno 2018- “Di aggressioni ne abbiamo subite diverse, mi difendo con le mani e a mali estremi ho sempre una spranga di ferro dietro al bancone”. Questo tabaccaio del quartiere Talenti non è il solo a pensare di ricorrere alla difesa fai-da-te dopo la serie di furti e rapine che sta sconvolgendo il quadrante nord-est della Capitale. Due colpi eccellenti messi a segno in meno di ...continua
Salvini blocca il riso asiatico: "Non faremo più gli zerbini"

17 Giugno 2018- Non solo immigrazione: adesso Matteo Salvini dice basta anche al cibo importato dall'estero che imita il made in Italy, come riso e formaggi. "La verità è che abbiamo finito di fare gli zerbini", ha detto il ministro dell'Interno al Corriere della sera, "Dopo le navi delle Ong, potremmo fermare anche quelle che arrivano nei nostri porti cariche di riso cambogiano. Io sono ...continua
Salvini chiude i porti. Toninelli: “L’Olanda richiami le sue navi”

17 Giugno 2018- I migranti dell’Aquarius stanno per sbarcare in Spagna e così il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo una settimana può cambiare obiettivo. Questa volta sono due ong tedesche che operano davanti alla costa della Libia con navi con bandiera olandese, Lifeline (“La linea della vita”, in inglese) e Seefuchs (“Volpe del mare”, in tedesco). Torna l’hashtag ...continua
Flat tax, governo accelera: "Per imprese e partite Iva ​può già scattare ad agosto"

17 Giugno 2018- Il vice ministro all'Economia, Massimo Garavaglia, intervistato a l'intervista di Maria Latella su Sky Tg24 prova ad accelerare sul fronte flat tax. Il vice di Tria di fatto annuncia che molto probabilmente la rivoluzione fiscale pianificata dall'esecutivo potrebbe già scattare dal mese di agosto per le Pmi e per le partite Iva: "La flat tax ...continua
Come la Francia prova a strappare la Libia all'Italia

17 Giugno 2018- Intervenire congiuntamente ovunque negli scenari afrcani, al fine di alleviare la pressione del radicalismo islamico e dell’emergenza immigrazione, tranne che in Libia: ecco cosa emerge dal vertice italo – francese tenuto a Parigi nella giornata di venerdì. La Francia non ha fatto mistero dunque di voler gestire la Libia come un propria affare personale, a cui l’Italia ...continua
L’italiana dell’Isis confessa: “Jihadisti sono già in Europa”

17 Giugno 2018- Da Camp Roj (Siria) “Voglio tornare in Italia, anche se dovrò andare in carcere”, dice convinta Meriem. Subito dopo aggiunge: “Almeno riabbraccio la mamma, che mi manca tanto…”. E scoppia a piangere. Meriem Rehaily, 22 anni, jihadista della provincia di Padova di origini marocchine, è stata condannata il 12 dicembre a quattro anni per aver aderito allo Stato ...continua
I Cinque "Stalle" ballano sul Titanic

16 Giugno 2018- di Alessandro Sallusti C'erano una volta i Cinquestelle che urlavano nelle piazze e in Parlamento «onestà, onestà». Dicevano di essere stati mandati dal messia Beppe Grillo (e dallo spirito santo Casaleggio) a purificare l'Italia corrotta e incapace. Poi i primi scivoloni giudiziari: ogni sindaco che hanno conquistato in virtù della presunta diversità etica è finito a processo per reati che ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pituni
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra