Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: il Giornale
Tre ipotesi per il governo: ecco cosa succede adesso
Condividi                       

«Di scopo», «politico» o «istituzionale». Un governo senza aggettivi o apposizioni non pare possibile dopo la prima applicazione del Rosatellum. La matassa che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dovrà dipanare si sostanzia nella prevalenza di una delle tre opzioni sopra elencate.

Di qui a un mese potrebbe concretizzarsi un esecutivo a termine, magari una prosecuzione dello stesso Paolo Gentiloni, dopo un breve passaggio alle Camere, oppure con una figura ancor più «neutra» che porti a casa la legge di Bilancio e la nuova legge elettorale. L'alternativa sarebbe un governo di maggioranza, quella che però né i Cinque stelle né il centrodestra a trazione leghista sono riusciti a conquistare, e che presupporrebbe un travaso di voti del Pd. L'ultima ipotesi è quella del «governissimo» che coinvolga i «responsabili» una volta tagliate fuori le estreme. Ipotesi molto labile e che prefigurerebbe soprattutto un esecutivo eterodiretto da Bruxelles e un ulteriore rafforzamento del populismo alle prossime elezioni. Che, prima o poi, ci saranno.

Gentiloni resta in carica
L'ipotesi di una prosecuzione ad interim del governo Gentiloni è quella che, al momento, ha le maggiori probabilità di verificarsi, sebbene il rovescio subito dal Pd alle urne ne abbia minato le fondamenta a causa della bocciatura nei collegi uninominali di molti ministri (Minniti, Fedeli, Orlando e Pinotti in primis). Il presidente del Consiglio, però, non ha rassegnato le proprie dimissioni ed è in carica per il disbrigo degli affari correnti. Se l'elezione dei presidenti delle Camere evidenziasse già la difficoltà di composizione di un quadro politico «normale», sarebbe una naturale soluzione il prolungamento della vita del gabinetto Gentiloni in quanto subordinato alla riforma della legge elettorale. Basterebbe solo un passaggio per rinnovargli la fiducia o, quantomeno, la non sfiducia. In alternativa, si potrebbe individuare un profilo non sgradito alle parti in causa.

D'altronde, l'esecutivo in carica è già chiamato a un impegno preciso: varare entro il 10 aprile il Documento di economia e finanza e presentarlo successivamente alla Commissione Ue. L'Italia è, come al solito, sotto esame da parte degli euroburocrati in quanto sono state riscontrate deviazioni significative rispetto al percorso di riduzione del deficit. Ricordato che il governo Gentiloni può presentare (e presenterà) un Def «a politiche invariate», assieme alla legge elettorale, prima di un eventuale scioglimento delle Camere, bisognerebbe raffazzonare una manovra correttiva (3,5 miliardi), già richiesta da Bruxelles, e soprattutto una legge di Bilancio che rassicuri l'Europa.

Poiché stiamo parlando di uno scenario ipotetico, va detto che il «governo di scopo» allungherebbe la vita dell'attuale esecutivo Gentiloni di oltre 12 mesi. Il superamento del Rosatellum, infatti, non si preannuncia facile giacché un correttivo maggioritario presupporrebbe l'implosione di uno o più partiti, a cominciare dal Pd (circostanza che il Quirinale vorrebbe scongiurare), mentre la riproposizione di un doppio turno sarebbe chiaramente in chiave anti-centrodestra. La manovra deve essere varata entro il 15 ottobre e approvata entro fine 2018, perciò si dovrebbe votare a primavera.

Questo scenario terrebbe a bagnomaria i vincitori dell'ultima tornata (M5s e Lega), ma al momento non sembrano profilarsi alternative che abbiano la stessa forza. Tanto più che prolungare l'esperienza di Gentiloni non imporrebbe a nessuno schieramento di venire meno ai propri principi in quanto, non essendovi una maggioranza alternativa possibile, nessuno sarebbe costretto a un inciucio. Tutto starebbe nel trovare le giuste alchimie, soprattutto riguardo alla manovra finanziaria.

Esecutivo politico
Il governo di maggioranza è un'ipotesi poco probabile sebbene la più temuta tanto dall'establishment (nonostante le dichiarazioni concilianti di Confindustria e di Marchionne) quanto per gli stakeholder delle istituzioni, Quirinale in primis. Per un motivo molto semplice: la derivata prima di un governo politico è la morte di uno o più soggetti politici. E, anche in questo caso, il cadavere eccellente sarebbe quello del Partito democratico, molto caro al presidente della Repubblica che, secondo i rumor, potrebbe via via convincersi a un accoppiamento Politiche-Europee nel 2019 in modo tale da conservare lo status quo. Una circostanza impossibile se uno o più pezzi delle attuali formazioni corressero in soccorso del vincitore.

L'«aiuto esterno» sarebbe infatti imprescindibile ove non si formasse un «governo populista» Lega-M5s che, sulla carta, avrebbe la maggioranza tanto alla Camera quanto al Senato ma che è stato esplicitamente escluso sia da Di Maio che da Salvini. Un governo politico di centrodestra avrebbe bisogno di oltre 50 parlamentari a Montecitorio e di circa 25 senatori a Palazzo Madama che i «cespugli» del centrosinistra (sei al Senato e una decina alla Camera) non sarebbero in grado di garantire. Carenze ancor più significative per una maggioranza pentastellata perché con 229 deputati e 112 senatori occorrerebbe il decisivo apporto di un Partito democratico già provato dalla crisi scatenata dalle dimissioni di Matteo Renzi.

Posto che i democratici hanno ribadito l'intenzione di non sostenere nessuno dei due schieramenti, le chance di arrivare a un governo politico sono ridottissime. Così come è poco probabile un «appoggio esterno» del centrodestra a un governo grillino. Poiché mancano due settimane alla prima riunione delle nuove Camere, però, molte cose possono accadere tenuto conto che l'ennesima scissione piddina è nel novero delle possibilità in simili frangenti.

Va da sé che sostenere un governo necessariamente costretto ad aumentare la pressione fiscale per tener fede alla promessa del reddito di cittadinanza potrebbe non essere una buona scommessa. Così come potrebbero non piacere al Quirinale due leadership come quella di Di Maio e di Salvini in perenne polemica con le istituzioni di Bruxelles. Per quanto il programma del centrodestra sia in sé più sostenibile di quello grillino, la sua realizzazione comporterebbe una forte scomposizione del quadro politico.

Gabinetto istituzionale
Se Giorgio Napolitano fosse ancora l'inquilino del Quirinale, l'ipotesi che ci accingiamo a delineare sarebbe già incisa con caratteri di piombo nel destino della legislatura. Sergio Mattarella è molto diverso dal predecessore e, dunque, i suoi desiderata non necessariamente comportano una forzatura del quadro politico. A oggi il «governissimo» o «governo istituzionale» non è accreditabile che di un 5% di possibilità, ma è utile ricordare come potrebbe svilupparsi una simile eventualità.

Si tratterebbe di trovare una figura di alto profilo internazionale sul «modello Mario Monti» per costruire un'esperienza di governo in grado di durare almeno un paio d'anni con la promessa di realizzare un piano di riforme, inclusa quella della legge elettorale. Sarebbe il governo preferito da Bruxelles e dalle cancellerie, soprattutto quella di Berlino.

È chiaro che un simile esecutivo tradurrebbe in atto i suggerimenti della Commissione Ue all'Italia: scatto delle clausole di salvaguardia su Iva e accise con relativo incremento delle aliquote (15 miliardi di maggiori entrate), riforma fiscale con spostamento del prelievo dal lavoro ai beni (patrimoniale in cambio di un taglio del cuneo fiscale) e ulteriore deregulation nell'ambito dei contratti di lavoro con sempre maggiore prevalenza del livello aziendale. Infine, giungerebbe la gestione «teleguidata» dello smaltimento delle sofferenze bancarie approvando nuovi provvedimenti che accelerino il recupero dei crediti da parte degli istituti.

Come mettere il programma di +Europa nero su bianco? Nel «libro dei sogni» dei tifosi di un simile esecutivo c'è la grande alleanza Pd-Forza Italia che però, «cespugli» compresi, si fermano a quota 120 al Senato e sotto quota 240 alla Camera. L'«ircocervo» per poter nascere e crescere avrebbe bisogno dell'apporto esterno di circa 120 parlamentari «volenterosi» o «responsabili» da scovare tra esponenti «moderati» di Lega e Fratelli d'Italia oltreché tra grillini desiderosi di prolungare la durata della legislatura nel timore di non essere rieletti o rieleggibili (in M5s vige il limite di due mandati).

Il governo istituzionale sarebbe un «ricostituente» soprattutto per il Partito democratico che, in un arco di tempo più lungo, avrebbe modo di riorganizzarsi. Allo stesso modo (ma siamo sempre nel campo delle ipotesi), Forza Italia potrebbe riproporsi come polo attrattivo del centrodestra e, quindi, il disegno sottostante sarebbe la cristallizzazione di un sistema bipolare tra moderati e progressisti. Tali soluzioni (insegna la storia recente) favoriscono, però, la radicalizzazione dell'elettorato fallendo l'obiettivo.
9 Marzo 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Costruzioni Lego
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra