Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: L'Inkiesta
Rassegnatevi: arriverà un governo di larghe intese (e dovrà piacervi per forza)
Condividi                       

Ancora tre settimane di campagna elettorale, prevedibilmente tre settimane di nulla. Non giriamoci intorno, tutte le più fosche previsioni, in vista del 4 marzo, si stanno avverando. Insulti, contrapposizione feroce, promesse mirabolanti, liti in seno agli stessi schieramenti. Un senso generale di confusione, approssimazione e sostanziale inutilità. E’ il frutto - anche - di una legge elettorale sciaguratamente proporzionale, nata per rinviare il più possibile le decisioni da prendere.

Dunque, non solo, come con molte ragioni denunciano i 5 Stelle, per depotenziare qualcuno (cioè loro), ma soprattutto per lasciare mani libere a ciascuno. Prendete tutti i roboanti ‘NO’ di questi giorni, a qualsiasi ipotesi di Grande Coalizione alla tedesca, alleanze, convergenze parallele e asimmetriche, tutto quello che vi pare e buttateli via.

Non può sfuggire, anche distratti e angosciati dal caso Meta-Moro, che a urlare di più contro qualsiasi ipotesi di coalizione siano coloro che saranno presumibilmente chiamati a provarci, Berlusconi e Renzi. Ovvio, scontato e persino giusto

Sono il nulla, cortine fumogene, davanti alla spietata realtà dei numeri. Vero, il Centrodestra può farcela, ma il 40% resta difficilissimo da superare, anche per i sondaggisti più ottimisti e ‘arcoriani’. Sulla tenuta, poi, dell’eventuale Governo non ci esprimiamo, perché basta tendere l’orecchio a 10 minuti di un qualsiasi giorno di campagna elettorale, per sentire Berlusconi e Salvini d’accordo solo su una cosa, non essere d’accordo con l’altro. Il resto è noia, con i 5 Stelle che ripetono il mantra del primo partito, del tutto inutile con il Rosatellum.

Anzi, persino beffardo. Quanto al Centrosinistra, si assiste a qualche timido segnale di risveglio, ma il distacco dal Centrodestra viaggia sui 10 punti e l’unico obiettivo realistico, ad oggi, appare superare Di Maio, per la seconda piazza. Dunque, se le parole di queste ore avessero un valore, dovremmo tornare a votare a Giugno. Alzi la mano chi ci crede.

Non può sfuggire, anche distratti e angosciati dal caso Meta-Moro, che a urlare di più contro qualsiasi ipotesi di coalizione siano coloro che saranno presumibilmente chiamati a provarci, Berlusconi e Renzi. Ovvio, scontato e persino giusto. Oggi. L’elettorato più schierato non gradisce, i pasdaran si scaldano e vanno quietati, dunque su le barricate. Il punto è che l’enorme fetta degli indecisi, coloro che decreteranno il risultato del 4 marzo, farà tradizionalmente la sua scelta nelle ultime 48 ore. Ad oggi, pertanto, nessuno ha particolare interesse ad aprire spiragli. Non servono. Per essere più precisi, non servono ancora.

Quando Mattarella chiamerà - e FARÀ DI TUTTO per formare un Governo - l’enorme area moderata di questo Paese, compresi tutti i ‘decisi’ delle ultime 48 ore, diranno di Si alla Coalizione. Magari non basteranno i numeri di Berlusconi e del Centrosinistra, ma il discorso si aprirà per forza di cose.

Dite che questo film ’abbiamo già visto? Certo. Anche certe canzoni le abbiamo già sentite, ma restano in gara.
11 Febbraio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
Air France non è Alitalia

14 Maggio 2018- di Dario Balotta Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da ...continua
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

14 Maggio 2018- di Antonio Padellaro Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Spaghetti chi cozzi chini
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra