Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
“Nessuno ha un’idea di futuro. La politica mi delude, non voto”
Condividi                       

Paolo Cognetti è una montagna, è un quartiere della periferia di Milano, un canyon di cemento lungo le vie di New York. L’ultimo vincitore del premio Strega è uno degli scrittori che meglio racconta e più si identifica con i luoghi che attraversa. Una simbiosi che lo porta a viverli con una sensibilità speciale e dunque a saperli vedere con quell’occhio che solo la letteratura riesce ad adoperare.

Ora che abita per lunghi mesi nella sua baita è diventato anche il promotore di battaglie chiave sull’ambiente e sulla natura. Nell’anno nero del cambiamento climatico, dove i segnali di un tempo impazzito sono entrati nelle nostre vite in maniera prepotente e non più negabile, è l’interlocutore perfetto per raccontare quello che accade e aiutarci a capire quale percezione c’è in Italia e in chi ci governerà.

Perché nonostante tutti i campanelli di allarme i pericoli che vengono dal cambiamento climatico sono assenti dalla tribuna politica?
«Purtroppo non portano voti. Siamo un Paese urbano e questi temi ci sembrano distanti, assenti dal quotidiano. Non vediamo  questi  inverni  caldissimi, l’emergenza acqua, le estati ormai tropicali come un vero problema. La politica nazionale oggi parla solo di due cose: soldi e immigrati (come pericolo)».

Cosa significa oggi occuparsi di natura?
«Ci sono due aspetti. Innanzi tutto il lavoro, allevamento e agricoltura: chi sta a contatto con la terra si accorge benissimo di quello che sta accadendo. L’economia che ruota attorno a questo mondo deve essere preservata: penso, per esempio agli alpeggi, che se vengono spopolati muoiono».

Il secondo aspetto?
«I parchi, decidere come occuparsi dei boschi: abbiamo un patrimonio meraviglioso del quale nessuno si cura e rischiamo di distruggerlo. Nemmeno le amministrazioni locali lavorano come dovrebbero: prendiamo il caso dei torrenti, li intubano e nessuno dice niente, nessuno intuisce il rischio dietro queste scelte».

Di recente ha aperto una polemica sulla costruzione di impianti da sci nella tua valle. Cosa l’ha spinta?
«Quel modello di sfruttamento della montagna non è più sostenibile, andiamo verso un altro clima e lo sci non può più essere l’unica via attorno alla quale far ruotare questi ecosistemi, che adesso sono delicatissimi e in pericolo».

Cosa servirebbe per cambiare prospettiva?
«Una piccola rivoluzione culturale, far capire alla gente che parlare di natura non è retrogrado, non è un tema vecchio. Una volta quando Mario Rigoni Stern iniziò ad occuparsi di questi temi sembrava bizzarro, adesso giustamente è un autore di culto e i suoi libri, le sue argomentazioni sono modernissime».

Le grandi potenze, penso agli Stati Uniti, stanno tradendo gli accordi di Parigi, e non sono i soli: riesce comunque ad essere ottimista per il futuro?
«Vorrei esserlo, anche se è complicato. Ma non mi arrendo, raccontare è un primo passo, siamo sempre di più a scrivere di montagna e di ambiente con una prospettiva diversa e le nuove generazioni sono più sensibili di chi ci governa a questi temi».

Lei ha vissuto un’esperienza politica di base a Milano. Che ricordo ha?
«Mi sono impegnato in un circolo culturale. Quando ho dovuto scegliere dove vivere ho preso casa alla Bovisa in periferia, io vengo dalla piccola borghesia ma mi piaceva l’idea di provare a costruire qualcosa di nuovo dal basso. Dare una mano, impegnarmi in prima persona. Ma adesso sono deluso».

Perché?
«Non ho perso la passione, ma è subentrata una sorta di stanchezza. Tu provi a lavorare per un progetto comune e le istituzioni ti boicottano o nella migliore delle ipotesi ti ignorano. Alla Bovisa tutto quello che c’era di bello è ormai chiuso o sta chiudendo. È molto triste».

Oltre all’ambiente cosa chiederebbe a chi ci governerà?
«Mi piacerebbe che ci fosse qualcuno con un progetto forte sull’immigrazione, un’idea di futuro. Io amo molto New York, la considero il capolavoro del Novecento, e vorrei vivere in una società aperta, tollerante, multietnica. Invece di sentire “fermiamoli” o “aiutiamoli a casa loro” vorrei che la politica immaginasse come vivremo insieme nel prossimo secolo, perché è questo che succederà. Secondo me è il vero dovere dei nostri tempi e la politica non lo sta facendo. Esattamente come con il cambiamento climatico. Per questo motivo non voto».
11 Febbraio 2018



Family Day, cattolici contro Renzi: “Che faccia tosta a chiederci il voto"

19 Febbraio 2018- A due settimane dal voto del 4 marzo, l’appello di Matteo Renzi al mondo cattolico sembra non convincere i diretti interessati. Del resto, ieri, dal palco dell’auditorium dell’Istituto Massimo, all’Eur, era stato lo stesso leader del Pd a mettere le mani avanti. "Abbiamo avuto punti di discussione con una parte importante del mondo cattolico”, ricorda Renzi. A ...continua
Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud.

18 Febbraio 2018- Il Nord dominato dal centrodestra con sempre meno eccezioni. Le cosiddette Regioni rosse ridotte a un ultimo, valoroso, fortino di resistenza del Partito democratico. Il Sud, infine, un enorme campo di battaglia in cui ogni voto strappato dalle destre ai Cinquestelle e dai Cinquestelle alle destre può essere decisivo per accendere il jackpot completo o al ...continua
Algeria, torna la paura terrorismo nonostante le operazioni anti jihad

18 Febbraio 2018- Nel contesto nordafricano, l’Algeria sembra essere quasi sparita dal circuito mediatico: negli ultimi otto anni, in questa parte del globo così vicina a casa nostra sono accaduti alcuni degli eventi più importanti della storia recente, dalle primavere arabe agli attentati terroristi tra Tunisia ed Egitto, passando poi per il conflitto in Libia; di Algeria, in tutto ...continua
"La mia Castel Volturno preda della mafia nera Lo Stato non esiste più"

18 Febbraio 2018- Dimitri Russo, 47 anni, sindaco di Castel Volturno (Caserta), ha la faccia simpatica di un dj. La sua «musica» però ha il ritmo della passione politica, quella disinteressata dell'impegno sociale. Merce rara, soprattutto in un territorio dove lo Stato sembra aver deposto non solo le armi, ma anche la bandiera bianca con cui pare essersi arreso al dominio della ...continua
Casini: un Dc tra i comunisti

18 Febbraio 2018- Grande è l'animazione, nelle aree cimiteriali di Bologna e non solo. Tutto un rigirarsi, un ribaltarsi cui da settimane non si trova rimedio. Guardate la foto qui in basso, scattata in una delle sedi sopravvissute di quel che fu Pci, Pds, Ds e infine Pd, nella sua principale roccaforte. Si noteranno, in alto, i ritratti di due dei fondatori del '21, Togliatti e Gramsci. In basso, il fondatore della Cgil, ...continua
Marò, moglie di Girone: "Sono trascorsi 6 anni, ma siamo ancora fermi"

16 Febbraio 2018- "Sono trascorsi 6 anni, con dignità, dolore e libertà personale limitata e vincolata da una grande ingiustizia...". Inizia così il post pubblicato da Vania Ardito, moglie del marò Salvatore Girone, sul proprio profilo Facebook. La donna torna così sul caso marò e spiega che nonostante il tempo trascorso, "noi restiamo fermi ancora al 15 febbraio 2012, quando ...continua
Un flop dai costi folli. Così il Pd insabbia i dati sull'accoglienza

16 Febbraio 2018- «La maggioranza a guida Pd ha deciso di insabbiare quanto prodotto e scoperto per nascondere agli occhi dei cittadini italiani, in periodo di campagna elettorale, le malefatte di Renzi e i disastri di Minniti di questi ultimi anni». È scontro aperto in commissione parlamentare di inchiesta sui migranti, con Forza Italia e Lega che accusano i democratici di voler ...continua
Sesso, droga e armi: nove città ostaggio dei nigeriani

16 Febbraio 2018- La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di equivoci, la facciamo comunque: quando parliamo di «mafia nigeriana» in Italia, ci riferiamo ai nigeriani dediti al crimine, non certo ai loro connazionali estranei alla delinquenza. Detto ciò, per comprendere il contesto «socio-antropologico» in cui si muovevano i tre presunti killer nigeriani che hanno ...continua
Bologna, blitz antifascista vuole impedire comizio di Forza Nuova

16 Febbraio 2018- Riesplode la tensione a Bologna, dove un comizio di Forza Nuova, in programma in serata, ha fatto esplodere la rabbia dei centri sociali riuniti nella cosiddetta "rete antifascista". Dalla pagina Facebook di Làbas La giornata, davvero molto tesa per Bologna, è iniziata con un blitz in Consiglio comunale, a Palazzo d’Accursio, messo in atto da un gruppetto di attivisti ...continua
Sicilia, aumentano le assunzioni all’Ars. Ai gruppi 4 milioni in più per pagare collaboratori

15 Febbraio 2018- Non bastano 177 dipendenti, non bastano 70 lavoratori ‘quasi stabilizzati’, che da anni, legislatura dopo legislatura, lavorano nei gruppi parlamentari. Non bastano neanche i portaborse, i collaboratori personali dei consiglieri regionali siciliani, che però sull’isola si chiamano deputati, come a Roma. Nossignore. I tre milioni di euro ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Aerei Supersonici
Cucina
Pancakes con la zucca
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra