Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
“Nessuno ha un’idea di futuro. La politica mi delude, non voto”
Condividi                       

Paolo Cognetti è una montagna, è un quartiere della periferia di Milano, un canyon di cemento lungo le vie di New York. L’ultimo vincitore del premio Strega è uno degli scrittori che meglio racconta e più si identifica con i luoghi che attraversa. Una simbiosi che lo porta a viverli con una sensibilità speciale e dunque a saperli vedere con quell’occhio che solo la letteratura riesce ad adoperare.

Ora che abita per lunghi mesi nella sua baita è diventato anche il promotore di battaglie chiave sull’ambiente e sulla natura. Nell’anno nero del cambiamento climatico, dove i segnali di un tempo impazzito sono entrati nelle nostre vite in maniera prepotente e non più negabile, è l’interlocutore perfetto per raccontare quello che accade e aiutarci a capire quale percezione c’è in Italia e in chi ci governerà.

Perché nonostante tutti i campanelli di allarme i pericoli che vengono dal cambiamento climatico sono assenti dalla tribuna politica?
«Purtroppo non portano voti. Siamo un Paese urbano e questi temi ci sembrano distanti, assenti dal quotidiano. Non vediamo  questi  inverni  caldissimi, l’emergenza acqua, le estati ormai tropicali come un vero problema. La politica nazionale oggi parla solo di due cose: soldi e immigrati (come pericolo)».

Cosa significa oggi occuparsi di natura?
«Ci sono due aspetti. Innanzi tutto il lavoro, allevamento e agricoltura: chi sta a contatto con la terra si accorge benissimo di quello che sta accadendo. L’economia che ruota attorno a questo mondo deve essere preservata: penso, per esempio agli alpeggi, che se vengono spopolati muoiono».

Il secondo aspetto?
«I parchi, decidere come occuparsi dei boschi: abbiamo un patrimonio meraviglioso del quale nessuno si cura e rischiamo di distruggerlo. Nemmeno le amministrazioni locali lavorano come dovrebbero: prendiamo il caso dei torrenti, li intubano e nessuno dice niente, nessuno intuisce il rischio dietro queste scelte».

Di recente ha aperto una polemica sulla costruzione di impianti da sci nella tua valle. Cosa l’ha spinta?
«Quel modello di sfruttamento della montagna non è più sostenibile, andiamo verso un altro clima e lo sci non può più essere l’unica via attorno alla quale far ruotare questi ecosistemi, che adesso sono delicatissimi e in pericolo».

Cosa servirebbe per cambiare prospettiva?
«Una piccola rivoluzione culturale, far capire alla gente che parlare di natura non è retrogrado, non è un tema vecchio. Una volta quando Mario Rigoni Stern iniziò ad occuparsi di questi temi sembrava bizzarro, adesso giustamente è un autore di culto e i suoi libri, le sue argomentazioni sono modernissime».

Le grandi potenze, penso agli Stati Uniti, stanno tradendo gli accordi di Parigi, e non sono i soli: riesce comunque ad essere ottimista per il futuro?
«Vorrei esserlo, anche se è complicato. Ma non mi arrendo, raccontare è un primo passo, siamo sempre di più a scrivere di montagna e di ambiente con una prospettiva diversa e le nuove generazioni sono più sensibili di chi ci governa a questi temi».

Lei ha vissuto un’esperienza politica di base a Milano. Che ricordo ha?
«Mi sono impegnato in un circolo culturale. Quando ho dovuto scegliere dove vivere ho preso casa alla Bovisa in periferia, io vengo dalla piccola borghesia ma mi piaceva l’idea di provare a costruire qualcosa di nuovo dal basso. Dare una mano, impegnarmi in prima persona. Ma adesso sono deluso».

Perché?
«Non ho perso la passione, ma è subentrata una sorta di stanchezza. Tu provi a lavorare per un progetto comune e le istituzioni ti boicottano o nella migliore delle ipotesi ti ignorano. Alla Bovisa tutto quello che c’era di bello è ormai chiuso o sta chiudendo. È molto triste».

Oltre all’ambiente cosa chiederebbe a chi ci governerà?
«Mi piacerebbe che ci fosse qualcuno con un progetto forte sull’immigrazione, un’idea di futuro. Io amo molto New York, la considero il capolavoro del Novecento, e vorrei vivere in una società aperta, tollerante, multietnica. Invece di sentire “fermiamoli” o “aiutiamoli a casa loro” vorrei che la politica immaginasse come vivremo insieme nel prossimo secolo, perché è questo che succederà. Secondo me è il vero dovere dei nostri tempi e la politica non lo sta facendo. Esattamente come con il cambiamento climatico. Per questo motivo non voto».
11 Febbraio 2018



Confindustria ciao, anche Marcegaglia scopre che è inutile

10 Luglio 2018- di Giorgio Meletti L’uscita del gruppo siderurgico Marcegaglia dalla Confindustria andrà custodita dall’Unesco e dalla memoria nazionale come monumento della crisi italiana, dominata dal disfacimento culturale ed etico della classe dirigente. Lo strappo in casa degli industriali avviene mentre il governo giallo-verde affronta il problema del lavoro con un balbettio ...continua
Lo stato è scappato con la cassa

10 Luglio 2018- di Nicola Porro Un nostro lettore, ex finanziere, mi scrive questa bella lettera, che in realtà è un favoloso commento contro la retorica della lotta all’evasione. Che tutti i governi vogliono combattere. Dovrebbe in realtà combattere contro se stessi: sono delle bestie che si alimentano delle nostre risorse, e ne vogliono sempre di più. A loro non basta mai. Ecco i numeri. Lettera di Marco G. ...continua
Savona avverte l'Italia: "Sia pronta al 'cigno nero'"

10 Luglio 2018- l ministro avverte: "Altri potrebbero decidere la nostra uscita dall'euro". E nei prossimi giorni incontrerà Mario Draghi Claudio Cartaldo - Mar, 10/07/2018 - 15:58 commenta "Dobbiamo essere pronti a ogni evento. In Banca d'Italia ho imparato che non ci si deve preparare a gestire la normalità, ma l'arrivo del cigno nero, lo shock". Paolo Savona torna al centro ...continua
PD: tutti contro tutti

9 Luglio 2018- Altro che tregua armata, nel Pd il giorno dopo l'assemblea nazionale è già tutti contro tutti. A scatenare il polverone è stato l'intervento di Matteo Renzi. Non solo per le sue durissime critiche alla minoranza dem, ma anche per le stoccate, per certi versi inaspettate, al governo Gentiloni. Il segretario neo eletto, Maurizio Martina, non l'ha presa bene. "Le critiche di Renzi a Gentiloni sono sbagliate e ...continua
Nave irlandese: Sbarcati 106 migranti a Messina . Salvini: “Porti chiusi” con migranti

8 Luglio 2018- La nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è approdata sabato sera nel molo Norimberga del porto di Messina. Ad aspettarla centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all’iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell’accoglienza. Non un’imbarcazione ong, ma un pattugliatore ...continua
Il decreto Dignità è solo una pezza. Per il lavoro serve una modifica strutturale

8 Luglio 2018- di Nicola Sorgi Il decreto Dignità, sbandierato come un “colpo mortale al Jobs Act”, in realtà delude le aspettative proprio sul tema cruciale, quello del precariato. E non perché le misure proposte non siano giuste: il problema è la modalità con cui si è deciso di agire sul mercato del lavoro. Invece di cancellare veramente il Jobs Act, per proporre ...continua
Pd, partito paralizzato: il congresso slitta al 2019. Renzi: “Non vado via”.

8 Luglio 2018- Un partito che non decide e rimane in balia di Matteo Renzi. Il leader che ha perso tutto e che un giorno sì e un altro pure fa sapere che potrebbe anche andarsene. Il Partito democratico esce dall’Assemblea nazionale come ne era entrato: in preda alla confusione. A onor di cronaca un nuovo segretario è stato eletto e si chiama Maurizio Martina. Ovvero lo ...continua
Manca il lavoro o i lavoratori?

8 Luglio 2018- di Alessandro Sallusti La mancanza di lavoro è certamente un dramma di non facile soluzione, soprattutto se il governo - come sta facendo Di Maio - fa di tutto per complicare la vita a chi dovrebbe offrirlo, cioè agli imprenditori grandi e piccoli. Ma non facciamo gli ipocriti: nessuna riforma può creare un nuovo posto di lavoro, al massimo può ostacolarlo o agevolarlo. Il lavoro nasce da un libero ...continua
L’Unione europea sta fallendo Ma la verità è che non è mai esistita

8 Luglio 2018- L’Unione europea si sta disintegrando. Lentamente, ma gradualmente. E con la questione dei migranti a fare da picconata finale sotto la cui sferza crollano le già poche certezze di Bruxelles. Ma chi crede che sia questo tema, e cioè la gestione dei flussi, il vero grande nodo di questa Europa, probabilmente guarda il dito ma evita di guardare la Luna. Alcuni lo fanno ...continua
Partite Iva, Di Maio: il tetto del forfait può passare da 50 a 80 mila euro l’anno

7 Luglio 2018- La proposta M5S per andare incontro a una fetta importante del loro elettorato. Col nuovo regime agevolato tasse al 15% per un maggior numero di professionisti «È necessaria una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità». L’idea circolava da tempo tra i banchi leghisti, ma sono gli uomini del Movimento 5 ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Purpitteddi cu zugu d'aranciu
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra