Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
“Nessuno ha un’idea di futuro. La politica mi delude, non voto”
Condividi                       

Paolo Cognetti è una montagna, è un quartiere della periferia di Milano, un canyon di cemento lungo le vie di New York. L’ultimo vincitore del premio Strega è uno degli scrittori che meglio racconta e più si identifica con i luoghi che attraversa. Una simbiosi che lo porta a viverli con una sensibilità speciale e dunque a saperli vedere con quell’occhio che solo la letteratura riesce ad adoperare.

Ora che abita per lunghi mesi nella sua baita è diventato anche il promotore di battaglie chiave sull’ambiente e sulla natura. Nell’anno nero del cambiamento climatico, dove i segnali di un tempo impazzito sono entrati nelle nostre vite in maniera prepotente e non più negabile, è l’interlocutore perfetto per raccontare quello che accade e aiutarci a capire quale percezione c’è in Italia e in chi ci governerà.

Perché nonostante tutti i campanelli di allarme i pericoli che vengono dal cambiamento climatico sono assenti dalla tribuna politica?
«Purtroppo non portano voti. Siamo un Paese urbano e questi temi ci sembrano distanti, assenti dal quotidiano. Non vediamo  questi  inverni  caldissimi, l’emergenza acqua, le estati ormai tropicali come un vero problema. La politica nazionale oggi parla solo di due cose: soldi e immigrati (come pericolo)».

Cosa significa oggi occuparsi di natura?
«Ci sono due aspetti. Innanzi tutto il lavoro, allevamento e agricoltura: chi sta a contatto con la terra si accorge benissimo di quello che sta accadendo. L’economia che ruota attorno a questo mondo deve essere preservata: penso, per esempio agli alpeggi, che se vengono spopolati muoiono».

Il secondo aspetto?
«I parchi, decidere come occuparsi dei boschi: abbiamo un patrimonio meraviglioso del quale nessuno si cura e rischiamo di distruggerlo. Nemmeno le amministrazioni locali lavorano come dovrebbero: prendiamo il caso dei torrenti, li intubano e nessuno dice niente, nessuno intuisce il rischio dietro queste scelte».

Di recente ha aperto una polemica sulla costruzione di impianti da sci nella tua valle. Cosa l’ha spinta?
«Quel modello di sfruttamento della montagna non è più sostenibile, andiamo verso un altro clima e lo sci non può più essere l’unica via attorno alla quale far ruotare questi ecosistemi, che adesso sono delicatissimi e in pericolo».

Cosa servirebbe per cambiare prospettiva?
«Una piccola rivoluzione culturale, far capire alla gente che parlare di natura non è retrogrado, non è un tema vecchio. Una volta quando Mario Rigoni Stern iniziò ad occuparsi di questi temi sembrava bizzarro, adesso giustamente è un autore di culto e i suoi libri, le sue argomentazioni sono modernissime».

Le grandi potenze, penso agli Stati Uniti, stanno tradendo gli accordi di Parigi, e non sono i soli: riesce comunque ad essere ottimista per il futuro?
«Vorrei esserlo, anche se è complicato. Ma non mi arrendo, raccontare è un primo passo, siamo sempre di più a scrivere di montagna e di ambiente con una prospettiva diversa e le nuove generazioni sono più sensibili di chi ci governa a questi temi».

Lei ha vissuto un’esperienza politica di base a Milano. Che ricordo ha?
«Mi sono impegnato in un circolo culturale. Quando ho dovuto scegliere dove vivere ho preso casa alla Bovisa in periferia, io vengo dalla piccola borghesia ma mi piaceva l’idea di provare a costruire qualcosa di nuovo dal basso. Dare una mano, impegnarmi in prima persona. Ma adesso sono deluso».

Perché?
«Non ho perso la passione, ma è subentrata una sorta di stanchezza. Tu provi a lavorare per un progetto comune e le istituzioni ti boicottano o nella migliore delle ipotesi ti ignorano. Alla Bovisa tutto quello che c’era di bello è ormai chiuso o sta chiudendo. È molto triste».

Oltre all’ambiente cosa chiederebbe a chi ci governerà?
«Mi piacerebbe che ci fosse qualcuno con un progetto forte sull’immigrazione, un’idea di futuro. Io amo molto New York, la considero il capolavoro del Novecento, e vorrei vivere in una società aperta, tollerante, multietnica. Invece di sentire “fermiamoli” o “aiutiamoli a casa loro” vorrei che la politica immaginasse come vivremo insieme nel prossimo secolo, perché è questo che succederà. Secondo me è il vero dovere dei nostri tempi e la politica non lo sta facendo. Esattamente come con il cambiamento climatico. Per questo motivo non voto».
11 Febbraio 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Statue di Sabbia
Cucina
Risottu chi mulinciani
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra