Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: La Stampa
“Nessuno ha un’idea di futuro. La politica mi delude, non voto”
Condividi                       

Paolo Cognetti è una montagna, è un quartiere della periferia di Milano, un canyon di cemento lungo le vie di New York. L’ultimo vincitore del premio Strega è uno degli scrittori che meglio racconta e più si identifica con i luoghi che attraversa. Una simbiosi che lo porta a viverli con una sensibilità speciale e dunque a saperli vedere con quell’occhio che solo la letteratura riesce ad adoperare.

Ora che abita per lunghi mesi nella sua baita è diventato anche il promotore di battaglie chiave sull’ambiente e sulla natura. Nell’anno nero del cambiamento climatico, dove i segnali di un tempo impazzito sono entrati nelle nostre vite in maniera prepotente e non più negabile, è l’interlocutore perfetto per raccontare quello che accade e aiutarci a capire quale percezione c’è in Italia e in chi ci governerà.

Perché nonostante tutti i campanelli di allarme i pericoli che vengono dal cambiamento climatico sono assenti dalla tribuna politica?
«Purtroppo non portano voti. Siamo un Paese urbano e questi temi ci sembrano distanti, assenti dal quotidiano. Non vediamo  questi  inverni  caldissimi, l’emergenza acqua, le estati ormai tropicali come un vero problema. La politica nazionale oggi parla solo di due cose: soldi e immigrati (come pericolo)».

Cosa significa oggi occuparsi di natura?
«Ci sono due aspetti. Innanzi tutto il lavoro, allevamento e agricoltura: chi sta a contatto con la terra si accorge benissimo di quello che sta accadendo. L’economia che ruota attorno a questo mondo deve essere preservata: penso, per esempio agli alpeggi, che se vengono spopolati muoiono».

Il secondo aspetto?
«I parchi, decidere come occuparsi dei boschi: abbiamo un patrimonio meraviglioso del quale nessuno si cura e rischiamo di distruggerlo. Nemmeno le amministrazioni locali lavorano come dovrebbero: prendiamo il caso dei torrenti, li intubano e nessuno dice niente, nessuno intuisce il rischio dietro queste scelte».

Di recente ha aperto una polemica sulla costruzione di impianti da sci nella tua valle. Cosa l’ha spinta?
«Quel modello di sfruttamento della montagna non è più sostenibile, andiamo verso un altro clima e lo sci non può più essere l’unica via attorno alla quale far ruotare questi ecosistemi, che adesso sono delicatissimi e in pericolo».

Cosa servirebbe per cambiare prospettiva?
«Una piccola rivoluzione culturale, far capire alla gente che parlare di natura non è retrogrado, non è un tema vecchio. Una volta quando Mario Rigoni Stern iniziò ad occuparsi di questi temi sembrava bizzarro, adesso giustamente è un autore di culto e i suoi libri, le sue argomentazioni sono modernissime».

Le grandi potenze, penso agli Stati Uniti, stanno tradendo gli accordi di Parigi, e non sono i soli: riesce comunque ad essere ottimista per il futuro?
«Vorrei esserlo, anche se è complicato. Ma non mi arrendo, raccontare è un primo passo, siamo sempre di più a scrivere di montagna e di ambiente con una prospettiva diversa e le nuove generazioni sono più sensibili di chi ci governa a questi temi».

Lei ha vissuto un’esperienza politica di base a Milano. Che ricordo ha?
«Mi sono impegnato in un circolo culturale. Quando ho dovuto scegliere dove vivere ho preso casa alla Bovisa in periferia, io vengo dalla piccola borghesia ma mi piaceva l’idea di provare a costruire qualcosa di nuovo dal basso. Dare una mano, impegnarmi in prima persona. Ma adesso sono deluso».

Perché?
«Non ho perso la passione, ma è subentrata una sorta di stanchezza. Tu provi a lavorare per un progetto comune e le istituzioni ti boicottano o nella migliore delle ipotesi ti ignorano. Alla Bovisa tutto quello che c’era di bello è ormai chiuso o sta chiudendo. È molto triste».

Oltre all’ambiente cosa chiederebbe a chi ci governerà?
«Mi piacerebbe che ci fosse qualcuno con un progetto forte sull’immigrazione, un’idea di futuro. Io amo molto New York, la considero il capolavoro del Novecento, e vorrei vivere in una società aperta, tollerante, multietnica. Invece di sentire “fermiamoli” o “aiutiamoli a casa loro” vorrei che la politica immaginasse come vivremo insieme nel prossimo secolo, perché è questo che succederà. Secondo me è il vero dovere dei nostri tempi e la politica non lo sta facendo. Esattamente come con il cambiamento climatico. Per questo motivo non voto».
11 Febbraio 2018



M5s-Lega, Camusso: “Non hanno una visione sociale. Ma parlano al nostro mondo”

21 Maggio 2018- “Non c’è una visione sociale. Le disuguaglianze richiedono politiche diverse”. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha seguito con crescente preoccupazione i negoziati sul contratto di governo tra Lega e Cinque Stelle. Ed è rimasta stupita soprattutto dall’assenza di misure specifiche per il Mezzogiorno: “La Svimez dava già un giudizio duro sul ...continua
Venezuela sull’orlo della catastrofe: il Paese al voto tra crisi e proteste

21 Maggio 2018- “Non si può vivere in Venezuela. Mancano cibo e medicine”. “La situazione peggiora giorno dopo giorno. I prezzi continuano ad aumentano. Non c’è denaro e la gente muore di fame”. Sono le testimonianze da un Paese sull’orlo della catastrofe. Il Venezuela sta vivendo una grave crisi economica e politica che ha costretto milioni di cittadini a fuggire all’estero. ...continua
La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio"

21 Maggio 2018- Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, mette in guardia che la stabilità della zona euro sarà "messa a rischio" se il prossimo esecutivo italiano non rispetterà gli accordi. "Se il nuovo governo non rispetterà i suoi impegni sul debito, sul deficit, ma anche sul consolidamento delle banche, l'intera stabilità finanziaria della zona euro ...continua
L’Europa già pretende la manovra da 5 miliardi

21 Maggio 2018- «Niente sconti sulla riduzione del deficit» he la si chiami «manovrina» o «manovrona» il senso del messaggio che la Commissione Ue invierà all’Italia mercoledì prossimo sotto forma di raccomandazioni è comunque molto chiaro: la correzione del deficit è imprescindibile sia per il 2018 che per il 2019. Questo significa che nel documento si chiederà di effettuare un intervento per lo 0,3% ...continua
Cosa farà Berlusconi, cosa non faranno Salvini e Di Maio

14 Maggio 2018- Bentornato presidente Berlusconi. Per la verità il Cavaliere non se ne era mai andato dal palcoscenico della politica ma da ieri, per decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano, ha riacquistato anche il diritto a candidarsi che aveva perso cinque anni fa per effetto della legge Severino, quella sui politici condannati in via definitiva. Una riabilitazione piena quindi, ...continua
Quando il mondo cambia entrano in scena gli audaci

14 Maggio 2018- di Francesco Alberoni Chi avrebbe potuto immaginare dieci anni fa che avremmo aspettato un governo nato dall'accordo fra Di Maio e Salvini? Il nostro Paese da più di mezzo secolo era diviso fra una sinistra storica di origini marxiste e una destra di impianto liberale. Fuoco del dibattito Berlusconi e i suoi processi. Nessuno allora aveva notato che Casaleggio e Grillo stavano ...continua
Oggi Lega e M5s al Quirinale. Trovato l'accordo sul premier

14 Maggio 2018- Ancora poche ore e ci sarà un governo. Ovviamente se il capo dello Stato, Sergio Mattarella, darà il via libera. Matteo Salvini e Luigi Di Maio al tavolo tecnico per il programma L'appuntamento è per questo pomeriggio. Alle 16.30 il capo dello Stato vedrà i capigruppo grillini Danilo Toninelli e Giulia Grillo, che saranno accompagnati da Luigi Di Maio. Alle 18, poi, ...continua
Trump minaccia sanzioni europee: ecco i rischi per le aziende Ue

14 Maggio 2018- Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. La minccia arriva dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il 'superfalco' John Bolton. L'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare sconti ai Paesi che non seguiranno Washington nel ripudiare l'accordo sul programma nucleare dell'Iran. A tremare sono le aziende ...continua
Air France non è Alitalia

14 Maggio 2018- di Dario Balotta Che l’Italia fosse un Paese malato era noto da tempo. Nel caso avessimo avuto bisogno di una conferma, questa è arrivata martedì scorso con lo sciopero dei controllori di volo che ha causato la cancellazione di oltre 900 voli e disagi a più di centomila passeggeri. La protesta, organizzata dalla Filt-Cgil, Uil Trasporti e Unica, dalle 10 alle 18 si è intersecata con lo sciopero indetto da ...continua
M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

14 Maggio 2018- di Antonio Padellaro Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Eruzioni Vulcaniche
Cucina
Agnello coi piselli
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra