Google
Sul Web Su dicearco.it
Fonte: Il Giornale
Chiese in difficoltà: un cattolico su tre va a messa e le vocazioni sono in calo
Condividi                       

Un lento, inesorabile rinsecchimento. Meno parrocchie: meno sacerdoti, meno Messe e meno pellegrini. Un Paese che scivola silenziosamente nell'indifferenza religiosa.

Le prove? Partiamo dai dati della Direzione centrale degli affari dei culti del Ministero dell'Interno, incaricato di concedere personalità giuridica agli enti religiosi, parrocchie comprese. Tra il 2012 e il 2016 è stata concessa personalità giuridica a 46 nuove parrocchie ed è stata tolta a 101. Risultato: in 5 anni in Italia sono sparite 55 parrocchie, quasi una al mese e quasi tutte concentrate nell'ultimo anno, il 2016, quando sono state soppresse ben 40 parrocchie. Sempre nel 2016 sono stati riconosciuti, però, 4 nuovi monasteri cattolici e ne è stato soppresso 1; sono state riconosciute 8 confraternite e soppresse 7.

Le parrocchie chiudono anche perché gli italiani che ci entrano sono sempre meno. I grafici in queste pagine, realizzati dal sito di data journalism Truenumbers.it, mostra l'andamento del numero degli italiani che dichiarano, all'Istat, di andare in Chiesa almeno una volta la settimana, tipicamente la domenica per partecipare alla Messa. Nel 2007 gli italiani che hanno risposto «sì» sono stati il 33,3% del totale, nel 2016 sono stati il 27,5% con un calo di 5,8 punti percentuali. Parallelamente quelli che dicevano che non andavano mai in Chiesa sono passati dal 18,2% del 2007 al 22,7% 10 anni dopo: più 4,5%.

Meno luoghi di culto, meno italiani che li frequentano e anche meno vocazioni. In questo caso i dati arrivano direttamente dal Vaticano e riguardano i seminaristi maggiori, cioè quelle persone che, dopo aver accertato la propria vocazione sacerdotale, decidono di frequentare studi di livello universitario nei seminari con lo scopo di diventare sacerdoti. Ebbene: il numero dei seminaristi maggiori in Europa è calato tra il 2011 e il 2014 del 17,5%, il maggior calo tra tutte le aree del pianeta (quelli americani sono calati della metà).

A compensare il calo delle vocazioni in Occidente sono i seminaristi di origine africana che in questi anni sono aumentati del 21%. È soprattutto grazie a loro se i candidati al sacerdozio nel pianeta non sono crollati: erano 114.439 del 2005 e sono diventati 116.939 nel 2014. Ci saranno più preti, insomma, che, almeno in Italia, troveranno però una Chiesa con meno Chiese e con meno fedeli dentro.

Così sono meno i pellegrini che si recano alle udienze papali. Nel grafico in queste pagine Truenumbers.it ha elaborato i dati ufficiali del Bollettino vaticano mettendo in relazione il numero delle udienze generali guidate dal Pontefice in carica con il numero di persone che vi partecipano. Da tener presente che il numero delle udienze generali è diverso di anno in anno e cambia da Papa a Papa.

Per esempio: nel 2003 e 2004 San Giovanni Paolo II ha stabilito il record del numero di udienze per anno, 48, scese a 36 nel 2005, anno della sua morte e dell'inizio, il 19 aprile, del papato di Benedetto XVI. La media delle persone che partecipano alle udienze è in calo. Dopo il boom del 2013, primo anno di pontificato di Francesco, con 40.751 persone per ogni udienza, si è scesi a 17.721 nel 2016 che è comunque quasi il doppio degli 8.888 del 2011 quando pontefice era Benedetto XVI.

Ultimo dato molto interessante riguarda le istanze di annullamento dei matrimoni. In questo caso sono stati presi in considerazione solo i numeri del Tribunale ecclesiastico regionale lombardo, uno dei pochissimi che rende disponibili regolarmente i dati ufficiali. Il dato è interessante soprattutto dopo la riforma introdotta da Papa Bergoglio nel 2015 che velocizza le pratiche. Gli effetti devono ancora dispiegarsi completamente perché nel 2016 le richieste di accesso al processo breve sono state solo 15 delle quali 4 ammesse.

Dalle 143 richieste di annullamento del 2015 si è passati alle 183 l'anno successivo: uno in più rispetto ai 182 del 2010. Sempre nel 2016 i matrimoni dichiarati nulli sono stati 134. I principali motivi per i quali, in primo grado, si è ritenuto di annullare il matrimonio sono, nell'ordine: incapacità psichica, esclusione dell'indissolubilità ed esclusione della prole, cioè della volontà di fare figli. Tout se tient.
11 Febbraio 2018



Il Sud fugge verso Nord.

6 Gennaio 2019- di Antonello Caporale In queste ore l’autostrada del Sole è il luogo perfetto per illustrare l’Italia divisa. Dal lato sud la carreggiata è intasata, una colonna di auto si reca al Nord, torna al lavoro, agli affari o agli studi e conclude il percorso che due settimane fa aveva iniziato: tornare al paese almeno per Natale, per ritrovare i genitori, o i nonni, se ancora in vita. Aprire casa, farla respirare ...continua
Gli industriali vedono la recessione

6 Gennaio 2019- di Giancarlo Mazzucca Non so voi, ma io, certe volte, mi sento anche un po' preso in giro. E' il caso del clima idilliaco, rose e fiori, che si è creato dopo il varo della manovra riveduta e corretta e che traspare in modo evidente dalle dichiarazioni di Conte & C. Per non parlare del petto in fuori di certi ministri gialloverdi che, dopo essere stati euroscettici in tutte le salse, si sono ...continua
CAOS TOTALE

6 Gennaio 2019- di Alessandro Sallusti Se non stessimo parlando di cose terribilmente serie ci sarebbe da ridere. È vero che questo governo nasce dall'intuizione di un comico, ma qui sembra di essere a Zelig, storico locale di cabaret milanese che ha ispirato il noto varietà televisivo. Superato lo scoglio della legge finanziaria, ci avevano detto, tutto avrebbe dovuto filare liscio per i prossimi cinque anni. Invece, dall'inizio ...continua
Le divise e le passerelle dei nuovi Cip e Ciop

30 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Si marcano a vista, dove si sposta uno subito arriva l'altro, pronti a darsi battaglia di selfie, di strette di mano, di comparsate nei tg e di «ti prego, salvami tu». C'è da chiedersi quando lavorino Di Maio e Salvini. Ovunque ci sia una tragedia o un lieto evento loro si precipitano come le api sul miele, a volte prima uno e poi l'altro, altre insieme, manco ...continua
Consumismo, il gioco di società più grande del mondo rende schiavo chi vi partecipa

30 Dicembre 2018- di Andrea Strozzi Sebbene non con la stessa intensità del Nord Europa, dove – forse anche per ragioni climatiche – hanno una diffusione assai più estesa, anche alle nostre latitudini si stanno rapidamente affermando i giochi di società da tavolo. Da qualche anno in particolare sta prendendo piede una variante di questi giochi che, soprattutto per i ...continua
Manovra, il 2019 non promette nulla di buono per il governo.

30 Dicembre 2018- di Pierfranco Pellizzetti Nell’interminabile travaglio, doloroso e grottesco, che ha accompagnato il parto della legge finanziaria 2019, tra tutti i contendenti il solo punto a favore è quello che può marcarsi il governo giallo-verde per aver tenuta botta – unico caso a memoria d’uomo – a fronte della Commissione europea: il merito del rifiuto di assumere la postura del ...continua
Banche, la morale non conta. L’importante è fregare il cliente

30 Dicembre 2018- di Vincenzo Imperatore Siamo in clima natalizio e può sembrare demagogico. Ma forse un appello alla sensibilità in questi giorni può avere un effetto diverso. Ci provo! Osservo i comportamenti di banchieri e bancari da oltre un quarto di secolo e, al netto di casi straordinari e che comunque rappresentano una minoranza, i banchieri e i bancari agiscono sulla base di ...continua
Tutti più poveri: fatto

23 Dicembre 2018- di Alessandro Sallusti Qualche giorno fa Luigi Di Maio ha diffuso un foglietto con scritti a mano i presunti successi del suo governo, ognuno seguito dalla dicitura «fatto» rafforzata dall'evidenziatore. Oggi che la sua manovra economica sta per ottenere il primo via libera del Senato, dopo una due giorni di rinvii, rivolte parlamentari e ritardi, proponiamo su questa prima pagina una nostra controlista per ...continua
Autostrade, ecotassa e multe. Rischio mannaia sulle auto

23 Dicembre 2018- Non poteva mancare nemmeno quest'anno la consueta "botta di Capodanno" sui pedaggi autostradali. Autostrade per l'Italia di fatto potrebbe ottenere l'aumento delle tariffe dello 0,81 per cento a fronte di una richiesta dello 0,86 richiesto. L'aumento sostanzialmente potrebbe essere inferiore rispetto a quello ottenuto nel 2018 che è stato pari all'1,5 per cento. Ma in questo ...continua
De Falco attacca: "Il governo non ha rispettato Costituzione e Parlamento"

23 Dicembre 2018- "I rapporti tra governo e Parlamento non sono stati ortodossi. In questo modo si dimostra la mancanza di rispetto nei confronti del Parlamento, non si dimostra la centralità delle Camere che si è sempre pretesa e rivendicata". Il grillino Gregorio De Falco, in tema di manovra economica, sembra avere le idee molto chiare, in primis sugli aspetti ...continua
CENACOLO
Diventa protagonista di questo spazio, scrivici agli appositi indirizzi che trovi all'interno delle sezioni.
Pubblicizza in questo spazio i tuoi eventi
Scatti
Cascate
Cucina
Baccalà Mantecato
Storia
Contribuisci a diffondere la storia della tua terra